Indici del documento

  • AUTORE - Scannelli, Francesco, trattatista medico
  • autore - Scannelli, Francesco, trattatista medico
  • Rafaello da Urbino - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano da Cadoro - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Serenissimo Duca di Modana - d’Este, Francesco I, duca di Modena
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • maestro da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Cadoro - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • d’Urbino - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Cimabue - Cenni, di Pepe, detto Cimabue, pittore
  • Prencipe straordinario - d’Este, Francesco I, duca di Modena
  • scrittori13 - Plinio, trattatista
  • Apelle - Apelle, pittore
  • Protogene - Protogene, pittore
  • Zeusi - Zeusi, pittore
  • Aristide - Aristide, pittore
  • Alessandro - di Macedonia, Alessandro III, detto Magno, re
  • Fabi - Fabia, famiglia
  • cognominato pittore - Fabius Pictor, pittore
  • RAFAELLO - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • TIZIANO - Vecellio, Tiziano, pittore
  • ANTONIO DA CORREGGIO - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • pittore da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Giovanni Paolo Lumazzi - Lomazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Antonio Allegri da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Antonio Allegri - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Serenissimo Duca di Modana - d’Este, Francesco I, duca di Modena
  • gran Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • PAOLO DA VERONA - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • gran maestro - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Antonio Allegri da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • ARIOSTO - Ariosto, Ludovico, poeta
  • TASSONI - Tassoni, Alessandro, poeta scrittore
  • CAVALIER MARINI - Marino, Giovanni Battista, poeta scrittore
  • GIOVANNI PAOLO LUMAZZI - Lomazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Lodovico Ariosto - Ariosto, Ludovico, poeta
  • Leonardo - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Andrea Mantenga - Mantegna, Andrea, pittore incisore miniaturista
  • Gian Bellino - Bellini, Giovanni, pittore
  • Duo Dossi - Dossi, pittori
  • Michel, più che mortale, Angel divino - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Bastiano - Luciani, Sebastiano, detto Sebastiano del Piombo, pittore
  • Rafael - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tizian - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tassoni - Tassoni, Alessandro, poeta scrittore
  • Cavalier Marini - Marino, Giovanni Battista, poeta scrittore
  • Giovanni Paolo Lumazzi - Lomazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Giorgio Vasari - Vasari, Giorgio, pittore architetto storico
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Dedalo - Dedalo, architetto scultore inventore
  • Ariosto - Ariosto, Ludovico, poeta
  • Ariosto - Ariosto, Ludovico, poeta
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Ariosto - Ariosto, Ludovico, poeta
  • Lodovico Ariosto - Ariosto, Ludovico, poeta
  • Magnanimo Alfonso - d’Este, Alfonso, duca
  • Francesco d’Este - d’Este, Francesco I, duca di Modena
  • Casa - Famiglia Estense
  • Lodovico Ariosto - Ariosto, Ludovico, poeta
  • Tassoni - Tassoni, Alessandro, poeta scrittore
  • Tassoni39 - Tassoni, Alessandro, poeta scrittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Corregio, pittore
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Cavalier Marini - Marino, Giovanni Battista, poeta scrittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Sebastiano - Luciani, Sebastiano, detto Sebastiano del Piombo, pittore
  • Andrea Mantenga - Mantegna, Andrea, pittore incisore miniaturista
  • Giovanni Bellini - Bellini, Giovanni, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Gaudenzio - Ferrari, Gaudenzio, pittore scultore
  • Lumazzi - Lomazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Dossi - Dossi, pittori
  • Ariosto - Ariosto, Ludovico, poeta
  • Tassoni - Tassoni, Alessandro, poeta scrittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Parmegianino - Mazzola, Maria, Francesco, Girolamo, detto il Parmigianino, pittore
  • Cavalier Marini - Marino, Giovanni Battista, poeta scrittore
  • Giovanni Paolo Lumazzi - Lomazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Lumazzi - Lomazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Leonardo da Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Gaudenzio - Ferrari, Gaudenzio, pittore scultore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Leonardo - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Apelle - Apelle, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Gaudenzio - Ferrari, Gaudenzio, pittore scultore
  • Andrea Mantenga - Mantegna, Andrea, pittore incisore miniaturista
  • Polidoro - Caldara, Polidoro, detto Polidoro da Caravaggio, pittore
  • Corregio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Andrea Mantenga - Mantegna, Andrea, pittore incisore miniaturista
  • Gaudenzio - Ferrari, Gaudenzio, pittore scultore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Rafaello da Urbino - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano da Cadoro - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • VASARI - Vasari, Giorgio, pittore architetto storico dell'arte
  • RAFAELLO - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • MICHELANGELO - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • LEONARDO DA VINCI - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore architetto storico dell’arte
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore architetto storico dell’arte
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • dell’altro da Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Pietro detto da Perugia - Vannucci, di Cristoforo, Pietro, detto il Perugino, pittore
  • Fra’ Bartolomeo da S. Marco - Fra Bartolomeo, detto Baccio della Porta, pittore frate domenicano
  • Zenghi - Zenghi, pittori
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore scultore
  • Buonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore scultore
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Leonardo da Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • medesimo autore52 - Armenini, Giovanni Battista, pittore trattatista
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore architetto storico dell’arte
  • Raffaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Clemente Molli - Molli, Clemente, scultore
  • Lumazzi - Lomazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Michelangelo Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Lumazzi - Lomazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Rafaello</lemma> eseguiva assai meglio il precetto del dottissimo <persona norm="da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista">Leonardo da Vinci - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • MICHELANGELO BONAROTA - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • LEONARDO DA VINCI - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Leonardo da Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Cardani - Cardano, Gerolamo, medico scienziato
  • Cardani - Cardano, Gerolamo, medico scienziato
  • Leonardo da Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Cardani - Cardano, Gerolamo, medico scienziato
  • Leonardo da Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Cardani - Cardano, Gerolamo, medico scienziato
  • Leonardo - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Leonardo da Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Leonardo da Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Protogene - Protogene, pittore
  • Leonardo - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Lumazzo - Lomazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pitore architetto storico dell’arte
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Michelangelo Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Leonardo da Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • PARMEGIANINO - Mazzola, Girolamo Francesco Maria, detto il Parmigianino, pittore incisore
  • ANDREA DEL SARTO - D’Agnolo, Andrea, detto Andrea Del Sarto, pittore
  • GIORGIONE - Zorzi, Giorgio, detto Giorgione, pittore
  • GIOVANNI BATTISTA LICINIO DA PORDENONE - Licinio, Giovanni Battista, pittore
  • FRA’ SEBASTIANO VENEZIANO - Del Piombo, Sebastiano, pittore
  • POLIDORO - Caldara, Polidoro, detto Polidoro da Caravaggio, pittore
  • MICHELANGELO DA CARAVAGGIO - Merisi, Michelangelo, detto Caravaggio, pittore
  • TADDEO ZUCCARI - Zuccari, Taddeo, pittore
  • ALBERTO DURERO - Dürer, Albrecht, pittore incisore matematico trattatista
  • Francesco Manzuoli, detto communemente il Parmegianino - Manzuoli, Francesco, detto il Parmegianino, pittore
  • Andrea del Sarto - D’Agnolo, Andrea, detto Andrea del Sarto, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello68 - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Andrea - del Sarto, Andrea, pittore
  • Andrea Del Sarto - D’Agnolo, Andrea, detto Andrea Del Sarto, pittore
  • Francesco Albani - Albani, Francesco, pittore
  • Andrea - del Sarto, Andrea, pittore
  • Andrea Del Sarto - D’Agnolo, Andrea, detto Andrea Del Sarto, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Giorgione da Castel Franco - Zorzi, Giorgio, detto Giorgione da Castel Franco, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Giovanni Antonino Licinio da Pordenone - Licino, Giovanni Antonino, detto il Sacchiese, pittore
  • Giorgione - Zorzi, Giorgio, detto Giorgione da Castel Franco, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Fra’ Sebastiano dal Piombo - del Piombo, Sebastiano, pittore
  • Caravaggio - Merisi, Michelangelo, pittore
  • Polidoro - Caldara, Polidoro, pittore
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Polidoro - Caldara, Polidoro, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Taddeo Zuccari - Zuccari, Taddeo, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Caravaggio - Merisi, Michelangelo, pittore
  • madre natura - Madre Natura
  • madre natura - Madre Natura
  • Alberto Durero - Dürer, Albrecht, pittore incisore matematico trattatista
  • Alberto - Dürer, Albrecht, pittore incisore matematico trattatista
  • Alberto Durero - Dürer, Albrecht, pittore incisore matematico trattatista
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Francesco Albani - Albani, Francesco, pittore
  • Durero - Dürer, Albrecht, pittore incisore matematico trattatista
  • Leonardo da Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Guido Reni84 - Reni, Guido, pittore incisore
  • maestro - Reni, Guido, pittore incisore
  • maestro - Reni, Guido, pittore incisore
  • putto - putto
  • Prencipi - principi
  • Leonardo da Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Cavalier Del Pozzo - Del Pozzo, Andrea, pittore architetto decoratore teorico dell’arte
  • Leonardo - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Apelle - Apelle, pittore greco antico
  • Anfione - Anfione, figlio di Zeus e Antiope personaggio della mitologia greca
  • Protogene - Protogene, pittore greco antico
  • Esclipiodoro - Esclipiodoro, pittore greco antico
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano<persona> e l’idea, con la <lemma val="grazia">grazia</lemma>, unione e delicato dipingere d’<persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">Antonio da Correggio - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Giovanni Paolo Lumazzi</pesona>, mentre per compimento di <lemma val="bella pittura">bella pittura</lemma>, non stimando adeguata la particolar sufficienza de’ primi e più eccellenti maestri, vole che solo mediante l’unione delle megliori qualità si possa formare la <lemma val="bellissima pittura">bellissima pittura</lemma>; e soggionge le seguenti parole: <libro titolo="Idea del tempio della pittura">«Chi volesse formare quadri di perfezione come un <persona norm="Adamo, personaggio biblico">Adamo - Lamazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Adamo - Adamo, personaggio biblico
  • Michelangelo Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Adamo - Adamo, personaggio biblico
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Cavaliere primario - Cavaliere primario
  • Angelomichel Colonna - Colonna, Angelo Michele, pittore
  • Colonna - Colonna, Angelo Michele, pittore
  • Colonna - Colonna, Angelo Michele, pittore
  • Marcello Venusti - Venusti, Marcello, pittore
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • maestro Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore incisore
  • i Carracci - Carracci, famiglia, pittori
  • i Dossi - Dossi, Dosso, di Niccolò Luteri Giovanni Francesco, pittore, Dossi, Battista, pittore
  • [p. 74]</pagina> nelle <luogo norm="Accademie del Nudo">Academie dell’Ignudo</luogo> lo stesso modello, e anco nella medesima vista e positura, perché ciascheduno l’osserva con occhi, mente e gusto differente, parimenti non riuscire che molto vario il dissegnato. E per conoscere una tale difficoltà, il saggio <persona norm="Guercino, Barbieri, Giovanni Francesco Giovanni, pittore">Francesco Barbieri - Campi, Giulio, pittore, Campi, Antonio, pittore storico architetto, Campi, Vincenzo, pittore>i Campi</persona>e simili degni lombardi, e soggetti veramente straordinari, i quali avendo studiato unitamente come anco imparato l’uno dall’altro, ed in occorrenza sono stati in diversi tempi maestri, scolari, modelli, emoli e compagni. Dove all’incontro quando non vengano a concorrere simili le condizioni, si vede che molti, ancorché vengano unitamente ad osservare <pagina numero="74
  • santa - S. Anna
  • Padri - padri certosini
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore incisore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore incisore
  • Paolo Pino - Pino, Paolo, scrittore pittore
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • artefice - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Lumazzi - Lomazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Francesco Albani - Albani, Francesco, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Serenissimo Duca di Modana - D’Este, Francesco I, Duca di Modena
  • Conte Prati - Prati, conte
  • Giovanni Francesco Barbieri - Barbieri, Giovanni Francesco, detto il Guercino, pittore
  • maestro da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Lumazzi - Lomazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Luigi Scaramuzza - Scaramuccia, Luigi, pittore trattatista
  • Lumazzi - Lomazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Marchese di Caracena - de Benavides Carrillo, Luis, marchese di Caracena, Governatore del Ducato di Milano
  • Conte Pirro Visconti - Visconti Borromeo, Pirro I, conte
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto Il Correggio, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Antonio Allegri - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Lumazzi - Lomazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Giacomo Robusti, detto il "Tintoretto" 106 - Robusti, Jacopo, detto il Tintoretto, pittore
  • Cavaliere Rodolfi - Ridolfi, Carlo, pittore trattatista
  • Giulio Romano - Romano, Giulio, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Polidoro parimente da Caravaggio - Caldara, Polidoro, detto Polidoro da Caravaggio, pittore
  • Polidoro - Caldara, Polidoro, detto Polidoro da Caravaggio, pittore
  • Maturino - Maturino, detto Maturino da Firenze, pittore
  • Domenico Beccafumi - di Jacopo di Pace, Domenico, detto il Beccafumi, pittore
  • Baldessarra da Siena - Peruzzi, Baldassarre Tommaso, pittore architetto
  • Livio Agresti da Forlì - Agresti, Livio, detto il Ricciutello, pittore
  • Giacomo - Bassano, Giacomo, pittore
  • Francesco da Bassano - Bassano, Francesco, pittore
  • Sebastiano Serlio Bolognese - Serlio, Sebastiano, architetto
  • Andrea Mantenga da Mantua - Mantegna, Andrea, pittore
  • Melozzo da Forlì - di Giuliano degli Ambrosi, Melozzo, detto Melozzo da Forlì, pittore
  • Giovanni - Alberti, Giovanni, detto Giovanni dal Borgo, pittore incisore
  • Cherubino dal Borgo - Alberti, Cherubino, detto Cherubino dal Borgo, pittore incisore
  • Cristoforo - Sandrini, Cristoforo, pittore
  • Stefano - Sandrini, Stefano, pittore
  • Tomaso Sandrini - Sandrini, Tommaso, pittore
  • Domenico Bruni - Bruni, Domenico, pittore
  • Giacomo Pedrelli - Pedrelli, Giacomo, pittore
  • Girolamo Curti - Curti, Girolamo, pittore
  • Angelomichel Colonna - Colonna, Angelo Michele, detto Michelangelo Colonna, pittore
  • Agostino Metelli - Metelli, Agostino, pittore incisore
  • Antonio Tempesta - Tempesta, Antonio, detto il Tempestino, pittore
  • Calotta - Callot, Jacques, detti il Calotta, incisore
  • Stefano della Bella - Della Bella, Stefano, incisore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Cristoforo Alori - Allori, Cristofano, pittore
  • lo Spagnoletto - de Ribera, Jusepe, detto lo Spagnoletto, pittore
  • Giovanni Francesco Barbieri - Barbieri, Giovanni Francesco, detto il Guercino, pittore
  • Francesco Albani - Albani, Francesco, pittore
  • Pietro Beretini da Cortona - Berrettini, Pietro, detto Pietro da Cortona, pittore
  • il Brugolo - Brueghel, Pieter, detto il Vecchio, pittore
  • il Civetta - met de Bles, Herri, detto il Civetta, pittore
  • Paolo Brillo - Bril, Paul, pittore incisore
  • Gioseffo Arcimboldo - Arcimboldo, Giuseppe, pittore
  • Giovanni da Udine - Nani, Giovanni, detto Giovanni da Udine, pittore
  • da Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto Correggio, pittore
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, pittore scultore
  • Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Paolo Veronese - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Parmegianino - Mazzola, Girolamo Francesco Maria Mazzola, detto il Parmigianino, pittore
  • Carracci - Carracci, famiglia, pittori
  • Antonio Allegri da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • maestro da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • ANTONIO DA CORREGGIO - Allegri, Antonio, detto Correggio, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Annibale Carracci - Carracci, Annibale, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Carracci - Carracci, Annibale, pittore
  • Carracci - Carracci, Annibale, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • mentoato Carracci - Carracci, Annibale, pittore
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto Correggio, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • ANTONIO DA CORREGGIO - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • CARRACCI - Carracci, famiglia, pittori
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Carracci - Carracci, famiglia, pittori
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Giovanni Francesco Barbieri - Barbieri, Giovanni Francesco, detto Guercino, pittore
  • Zampieri - Zampieri, Domenico, detto Domenichino, pittore
  • Carracci - Carracci, famiglia, pittori
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Girolamo da Cotignola - Marchesi, Girolamo, detto Cotignola, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Francesco Minzochi da Forlì - Menzocchi, Francesco, detto il vecchio di S. Bernardo, pittore
  • Giovanni Antonio Licinio da Pordenone - Sacchiense, Giovanni Antonio, detto il Pordenone, pittore
  • Francesco Manzuoli detto il Parmegianino - Mazzola, Girolamo Francesco Maria, detto il Parmigianino, pittore
  • scrittori - Vasari, Burghini, trattatisti
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • di lui maestro da Perugia - Vannucci, Pietro, detto il Perugino, pittore
  • grande da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Serenissimo Duca di Modana - D’Este, Francesco I, Duca di Modena
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Carracci - Carracci, famiglia, pittori
  • Carracci - Carracci, famiglia, pittori
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Don Ascanio dalla Cornia - dalla Cornia, Ascanio, cavaliere, pittore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Angelo degli Oddi - degli Oddi, Angelo, conte
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Carracci - Carracci, famiglia, pittori
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Pietro Paolo Rubens - Rubens, Pietro Paolo, pittore
  • Giovanni Francesco Barbieri - Barbieri, Giovanni Francesco, detto Guercino, pittore
  • Francesco Albani - Albani, Francesco, pittore
  • Pietro da Cortona - Berrettini, Pietro, detto Pietro da Cortona, pittore
  • pittore da Cento - Barbieri, Giovanni Francesco, detto Guercino, pittore
  • Francesco Albani - Albani, Francesco, pittore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Giovanni Francesco Barbieri - Barbieri, Giovanni Francesco, detto Guercino, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo, detto Veronese, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Girolamo Cardani - Cardano, Gerolamo, medico, scienziato
  • Leon Battista Alberti - Alberti, Leon Battista, trattatista architetto
  • Carracci - Carracci, famiglia, pittori
  • Carracci - Carracci, famiglia, pittori
  • Castiglione - Baldassarre, Baldassar o Baldesar Castiglione, umanista letterato
  • Melozzo da Forlì - Melozzo di Giuliano degli Ambrosi, detto Melozzo da Forlì, pittore architetto
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore architetto storico dell’arte
  • Melozzo - Melozzo di Giuliano degli Ambrosi, detto Melozzo da Forlì, pittore architetto
  • Benozzo - Benozzo Gozzoli, Benozzo di Lese di Sandro, pittore
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore architetto storico dell’arte
  • Melozzo - Melozzo di Giuliano degli Ambrosi, detto Melozzo da Forlì, pittore architetto
  • Benozzo - Benozzo Gozzoli, Benozzo di Lese di Sandro, pittore
  • Melozzo - Melozzo di Giuliano degli Ambrosi, detto Melozzo da Forlì, pittore architetto
  • Cavaliere Baglioni - Giovanni Baglione, pittore trattatista
  • Melozzo - Melozzo di Giuliano degli Ambrosi, detto Melozzo da Forlì, pittore architetto
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore architetto storico dell’arte
  • Cotignola - Girolamo Marchesi, detto il Cotignola, pittore
  • Melozzo - Melozzo di Giuliano degli Ambrosi, detto Melozzo da Forlì, pittore architetto
  • Zeusi - Zeusi, pittore greco antico
  • Apelle - Apelle, pittore greco antico
  • Zeusi - Zeusi,pittore greco antico
  • Parasio - Parasio, pittore greco antico
  • Apelle - Apelle, pittore greco antico
  • Apelle - Apelle, pittore greco antico
  • virtù</lemma>, ebbe a dire che «non si tralasci nissun giorno senza una <lemma cal="linea">linea</lemma>». Dove egli fra pittori singolarissimo parlando di <lemma val="linea">linea</lemma> non sarà che giusto il credere venisse ad intendere di quelle che si ritrovano spettanti, e maggiormente proprie alla professione, medianti le quali i diligenti studiosi vengono a formare a forza d’intelletto ed imitazione col buon<lemma val="disegno">dissegno</lemma> diversità di <lemma val="contorni">contorni</lemma>, come vari si rappresentano i <lemma val="naturali">naturali</lemma> e le loro moltiplicate e differenti specie all’interna immaginazione, e non altrimenti quella <lemma val="linea retta">linea retta</lemma>, che il volgo in tal caso s’è dato a credere, ma bensì di quelle che sogliono ordinariamente formarsi da’ professori, le quali unitamente concepite e formate in dotta mente, ne vengono poscia a derivare oggetti diversamente qualificati, conforme agli operanti più e meno prattici e sufficienti, ed alla temperie migliore dell’intelletto e più disposta, gli effetti similmente si dimostrano alle loro cause corrispondenti. Quindi è che in occasione de’ primi e più <lemma val="perfetti parti della natura">perfetti parti della natura</lemma>, i quali formarono<lemma val="linee">linee</lemma> per contrasegno di supremo valore, si potrà ragionevolmente argomentare che tali non fossero che mero <lemma val="disegno">dissegno</lemma> e puro contorno, che finalmente altro non si manifesta che<lemma val="semplice linea">semplice linea </lemma> tendente allo <lemma val="sferico">sferico</lemma>, e solo <lemma val="artificiosamente">artificiosamente</lemma> composta da professore con le <lemma val="regole di buona proporzione">regole di buona proporzione</lemma>; e però quando raccontano gli autori che <pagina numero="128">[p. 128]</pagina> veduta da <persona norm="Protogine, pittore greco antico">Protogine146 - Apelle, pittore greco antico" >Apelle</persona>, quando per riconoscere di necessaria convenienza il continuato studio in ordine all’acquisto di tanta <lemma val="virtù
  • Apelle - Apelle, pittore greco antico
  • Protogine - Protogine, pittore greco antico
  • Guido Reni - Guido Reni, pittore
  • Figino - Ambrogio Figino o Figini o Giovanni Ambrogio Figino, pittore manierista
  • Apelle - Apelle,pittore greco antico
  • Protogene - Protogine, pittore greco antico
  • Zeusi - Zeusi, pittore greco antico
  • Aristide - Aristide di Tebe,pittore greco antico
  • Apollodoro - Apollodoro, detto schiagrafo,pittore greco antico
  • M. Vitruvio - Marco Vitruvio Pollione, architetto e scrittore romano
  • Policle Atramiteno - Polycles, Policle, scultore greco antico
  • Nicomaco - Nicomaco di Tebe, pittore greco antico
  • Socrate - Socrate, filosofo greco antico
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Vitruvio - Marco Vitruvio Pollione, architetto e scrittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Cimabue - Di Pepo, Bencivieni, detto Cimabue, pittore
  • Giotto161 - Di Bondone, Giotto, pittore
  • augmento</lemma> assai considerabile, come palesano tuttavia gli effetti dell’operazioni, posciaché eglino ricercarono con ogni possibile <lemma val="industria">industria</lemma> l’espressione di buona <lemma val="naturalezza">naturalezza</lemma>, la quale per essere a quei giorni incognita, non restava che desiderarsi. Il primo espresse coll’<lemma val="invenzione">invenzione</lemma> anche laudabile la <lemma val="simetria">simetria</lemma>, e l’altro, dopo per ogni parte più eccellente, aggiunse alla <lemma val="proporzione">proporzione</lemma> così <lemma val="bella maniera">bella maniera</lemma>, <lemma val="delicata">delicata</lemma> e <lemma val="naturale">naturale</lemma>, che in ordine a tali particolarità pare che non sia superato da nissuno di prima scuola; e l’opere del <persona norm="Di Pepo, Bencivieni, detto Cimabue, pittore">primo - Bigordi, Domenico, detto il Ghirlandaio, pittore>Domenico Ghirlandaio</persona>, e di <persona norm="di Paolo, di Jacopo, Bartolomeo, detto Baccio della Porta, pittore frate domenicano>Fra’ Bartolomeo di S. Marco</persona> in particolare dimostrasse <lemma val="augmento
  • Frate in S. Marco - Bigordi, Domenico, detto il Ghirlandaio, pittore>Ghirlandai</persona>, e fra l’altre del <persona norm="Fra Bartolomeo di S. Marco
  • Serenissimo Gran Duca - de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze
  • Luca Signorelli da Cortona - d’Egidio di Ventura, Luca, detto Luca Signorelli, pittore
  • Girolamo - Genga, Girolamo, pittore
  • Timoteo Zenghi da Urbino - Viti, Timoteo, pittore
  • dell’uno - d’Egidio di Ventura, Luca, detto Luca Signorelli, pittore
  • degli altri - Genga, Girolamo, pittore" persona norm="Viti, Timoteo, pittore
  • Michelangelo Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Leonardo da Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • ’l Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Alberto Durero - Dürer, Albrecht, pittore incisore matematico trattatista
  • Luca d’Olanda - van Leyden, Lucas, pittore incisore
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Marcello Venusti - Venusti, Marcello, pittore
  • da Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Serenissimo Gran Duca - de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze
  • un tal maestro - di da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Serenissimo Duca di Modena - d’Este, Francesco I, duca di Modena
  • Leonardo - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • il dottissimo Alberto Durero - Dürer, Albrecht, pittore incisore matematico trattatista
  • Luca d’Olanda - van Leyden, Lucas, pittore incisore
  • Luca d’Olanda - van Leyden, Lucas, pittore incisore
  • Alberto - Dürer, Albrecht, pittore incisore matematico trattatista
  • Luca - van Leyden, Lucas, pittore incisore
  • Serenissimo Gran Duca - de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze
  • Alberto - Dürer, Albrecht, pittore, incisore matematico trattatista
  • Alberto - Dürer, Albrecht, pittore incisore matematico trattatista
  • RAFAELLO - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Pietro da Perugia - di Cristoforo Vannucci, Pietro, detto il Perugino, pittore
  • Pietro da Perugia - di Cristoforo Vannucci, Pietro, detto il Perugino, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • il Frate - Fra Bartolomeo, detto Baccio della Porta, pittore frate domenicano
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • tal soggetto - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Francesco Francia - Francia, Francesco, pittore
  • Francesco Francia - Francia, Francesco, pittore
  • Zeusi - Zeusi, pittore
  • Parasio165 - Parrasio, pittore
  • Zeusi - Zeusi, pittore
  • Francia - Francia, Francesco, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Francia - Francia, Francesco, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • RAFAELLO - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • straordinario maestro - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • il Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Ariosto - Ariosto, Ludovico, poeta
  • Tasso - Tasso, Torquato, poeta scrittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Giovanni da Udine - da Udine, Giovanni, pittore
  • Leone X - de Medici, Giovanni di Lorenzo, Leone X, papa
  • Giulio II - della Rovere, Giuliano, Giulio II, papa
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Giulio Romano - Pippi de’ Jannuzzi, Giulio, detto Giulio Romano, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Fattor buono - Penni, Giovanni Francesco, pittore
  • Tomaso Lauretti - Lureti, Tommaso, detto il Siciliano, pittore architetto
  • Giulio Romano - Pippi de’ Jannuzzi, Giulio, detto Giulio Romano, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • scrittore168 - Borghini, Raffaello, poeta trattatista
  • Caro - Caro, Annibale, poeta trattatista
  • Bembo - Bembo, Pietro, poeta trattatista
  • gran maestro - Borghini, Raffaello, poeta trattatista
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • eccellentissimo maestro - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Platone - Platone, filosofo scrittore
  • Socrate - Socrate, filosofo
  • Aristotile - Aristotele, filosofo scienziato
  • questo supremo maestro - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Aristotile - Aristotele, filosofo scienziato
  • Platone - Platone, filosofo scrittore
  • Euclide - Euclide, filosofo matematico
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • raro artefice - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore architetto storico d’arte
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • stesso autore - Vasari, Giorgio, pittore architetto storico d’arte
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Sebastiano Veneziano - Luciani, Sebastiano, detto Sebastiano del Piombo, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Fra’ Sebastiano - Luciani, Sebastiano, detto Sebastiano del Piombo, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Fra’ Sebastiano - Luciani, Sebastiano, detto Sebastiano del Piombo, pittore
  • divin Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Dante Aldigeri - Alighieri, Dante, poeta scrittore
  • divino Ariosto - Ariosto, Ludovico, poeta
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Ariosto - Ariosto, Ludovico, poeta
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Ariosto - Ariosto, Ludovico, poeta
  • RAFAELLO - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • de’ Farnesi - Farnese, famiglia
  • Giulio Romano - Pippi de’ Jannuzzi, Giulio, detto Giulio Romano, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • maestro - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Antonio Barberino - Barberini, Antonio, cardinale
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • il Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Rafaello da Urbino - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Andrea del Sarto - D’Agnolo, Andrea, detto Andrea Del Sarto, pittore
  • Giulio Romano - Pippi de’ Jannuzzi, Giulio, detto Giulio Romano, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano da Cadoro - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Montalto - Damasceni Peretti, Alessandro, cardinale
  • Serenissimo Gran Duca di Fiorenza - de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Serenissimo Duca di Parma - Farnese, Ranuccio II, duca
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • maestro superiore - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore architetto storico d’arte
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Pietro - Berrettini, Pietro, detto Pietro da Cortona, pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Annibale Carracci - Carracci, Annibale, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • RAFAELLO - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • FEDERICO ZUCCARO - Zuccari, Federico, pittore
  • LIVIO AGRESTI - Agresti, Livio, pittore
  • GIROLAMO MUZIANI - Muziano, Girolamo, pittore
  • FRANCESCO SALVIATI - De Rossi, Francesco, detto Il Salviati, pittore
  • Federico Zuccaro - Zuccari, Federico, pittore
  • Livio Agresti - Agresti, Livio, pittore
  • Girolamo Muziani - Muziano, Girolamo, pittore
  • Francesco Salviati - De Rossi, Francesco, detto Il Salviati, pittore
  • Giovanni - Alberti, Giovanni, pittore
  • Cherubino dal Borgo - Alberti, Cherubino, pittore
  • Antonio Tempesta - Tempesta, Antonio, pittore incisore
  • Taddeo - Zuccari, Taddeo, pittore
  • Federico - Zuccari, Federico, pittore
  • Mattei - Mattei, famiglia
  • Taddeo - Zuccari, Taddeo, pittore
  • Gregorio XIII - Boncompagni, Ugo, Gregorio XIII, papa
  • Cavaliere Gioseffo Cesari - Cesari, Giuseppe, detto Cavalier d’Arpino, pittore
  • Apelle - Apelle, pittore
  • Federico - Zuccari, Federico, pittore
  • Livio Agresti - Agresti, Livio, pittore
  • de’ Torelli - Torelli, famiglia
  • de’ Monsignani - Monsignani, famiglia
  • Agresti - Agresti, Livio, pittore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Eminentissimo Aldobrandino - Aldobrandini, Pietro, cardinale arcivescovo
  • dotto soggetto - Agresti, Livio, pittore
  • Livio - Agresti, Livio, pittore
  • Cardinale d’Augusta - Truchsess von Waldburg, Otto, cardinale vescovo
  • Girolamo Muziani - Muziano, Girolamo, pittore
  • questo degno soggetto - Muziano, Girolamo, pittore
  • Cavaliere - Gessi, Berlingero, cavaliere vescovo
  • Girolamo Muziani - Muziano, Girolamo, pittore
  • Cesare Nebbia - Nebbia, Cesare, pittore
  • Muziano - Muziano, Girolamo, pittore
  • d’esso maestro - Muziano, Girolamo, pittore
  • l’autore - Nebbia, Cesare, pittore
  • Francesco Salviati - De' Rossi, Francesco, detto Salviati, pittore
  • Fra’ Sebastiano dal Piombo - Luciani, Sebastiano, detto Sebastiano del Piombo, pittore
  • Salviati - De' Rossi, Francesco, detto Salviati, pittore
  • Serenissimo Gran Duca - De' Medici, Cosimo III, Granduca di Toscana
  • questo autore - De' Rossi, Francesco, detto Salviati, pittore
  • Girolamo Siciolante da Sermoneta - Siciolante, Girolamo, detto Siciolante da Sermoneta, pittore
  • Pirino del Vago - Di Giovanni Bonaccorsi, Piero, detto Perin del Vaga, pittore
  • Giulio Romano - Pippi dei Jannuzzi, Giulio, detto Giulio Romano, architetto pittore
  • Giovanni - Alberti, Giovanni, detto Giovanni dal Borgo, pittore
  • Cherubino dal Borgo - Alberti, Cherubino, detto Cherubino dal Borgo, pittore incisore
  • Antonio Tempesta - Tempesta, Antonio, pittore incisore
  • Tempesta - Tempesta, Antonio, pittore incisore
  • Tempesta - Tempesta, Antonio, pittore incisore
  • Giovanni Vecchi del Borgo S. Sepolcro - De Vecchi, Giovanni, detto Giovanni del Borgo, pittore
  • Cardinale Farnese - Farnese, Alessandro, Il Giovane, cardinale
  • Giovanni Battista della Marca - Lombardelli, Giovanni Battista, detto Giovanni Battista della Marca, pittore
  • Marco Marcucci da Faenza - Marcucci, Marco, detto Marco da Faenza, pittore
  • gran capo da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Federico Barocci - Barocci, Federico, pittore
  • Lodovico Civoli - Cardi, Lodovico, detto Il Cigoli, pittore scultore architetto
  • Francesco Vanni - Vanni, Francesco, pittore incisore
  • Michelangelo da Caravaggio - Merisi, Michelangelo, detto Caravaggio, pittore
  • Cristoforo Allori, detto il Bronzino - Allori, Cristofano, pittore
  • Spagnoletto - De Ribera, Jusepe, detto lo Spagnoletto
  • Bartolomei Manfredi - Manfredi, Bartolomeo, pittore
  • Federico Barocci - Barocci, Federico, pittore
  • Agostino Caracci - Carracci, Agostino, pittore incisore
  • Federico - Barocci, Federico, pittore
  • Federico Barocci - Barocci, Federico, pittore
  • Michelangelo da Caravaggio - Merisi, Michelangelo, detto Caravaggio, pittore
  • Michelangelo - Merisi, Michelangelo, detto Caravaggio, pittore
  • Cavaliere Gioseffo Cesare d’Arpino - Cesari, Giuseppe, detto Cavalier d'Arpino, pittore
  • Michelangelo - Merisi, Michelangelo, detto Caravaggio, pittore
  • d’Arpino - Cesari, Giuseppe, detto Cavalier d'Arpino, pittore
  • autore - Merisi, Michelangelo, detto Caravaggio, pittore
  • Annibale Carracci - Carracci, Annibale, pittore
  • l’Eminentissimo Antonio Barberini - Barberini, Antonio Marcello, cardinale vescovo
  • Eminentissimo Pio</oggetto> alcuni quadretti, ed in particolare una figura di <oggetto norm="Quadro, San Giovanni Battista, olio su tela">S. G. Battista ignudo, che non potria dimostrare più vera carne quando fosse vivo</oggetto></oggetto>, <oggetto norm="collezione Giustiniani">sicome <oggetto norm="Quadro, Amor Vincit Omnia, olio su tela">l’amoretto, che si ritrova appresso al <persona norm="Giustiniani, Vincenzo, collezionista d’arte banchiere marchese">prencipe Giustiniani - Pio di Savoia, Carlo, cardinale
  • Michelangelo da Caravaggio - Merisi, Michelangelo, detto Caravaggio, pittore
  • Serenissimo Gran Duca di Toscana - de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze
  • Serenissimo Duca di Modana - D’Este, Francesco I, Duca di Modena
  • Lodovico Civoli - Cardi, Lodovico, detto Il Cigoli, pittore scultore architetto
  • maestro - Cardi, Lodovico, detto Il Cigoli, pittore scultore architetto
  • serenessimo Gran Duca - De Medici, Ferdinando, cardinale granduca
  • Girolamo Mercuriali - Mercuriali, Girolamo, medico filosofo accademico
  • autore - Cardi, Lodovico, detto Il Cigoli, pittore scultore architetto
  • Francesco Vanni da Siena - Vanni, Francesco, pittore incisore
  • maestro - Vanni, Francesco, pittore incisore
  • Ventura Salimbeni - Salimbeni, Ventura di Arcangelo, detto Cavaliere Bevilacqua, pittore incisore
  • Vanni - Vanni, Francesco, pittore incisore
  • Alessandro Allori, detto il vecchio Bronzino - Allori, Alessandro, detto Il Bronzino, pittore
  • Cristoforo detto il Bronzino giovane - Allori, Cristofano, pittore
  • primo - Allori, Alessandro, detto Il Bronzino, pittore
  • Civoli - Cardi, Lodovico, detto Il Cigoli, pittore scultore architetto
  • maestro - Cardi, Lodovico, detto Il Cigoli, pittore scultore architetto
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Serenissimo Gran Duca - de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze
  • Santo di Tito - Di Tito, Santi, pittore architetto
  • Giovanni Battista Paggi - Paggi, Giovanni Battista, pittore
  • Andrea del Sarto - D’Agnolo, Andrea, detto Andrea Del Sarto, pittore
  • Giovanni da San Giovanni - Mannozzi, Giovanni, da San Giovanni, pittore
  • Cesare Dondini - Dondini, Cesare, pittore
  • Spagnoletto - De Ribera, Jusepe, detto lo Spagnoletto, pittore
  • Monsignor Campori - Campori, Pietro, cardinale vescovo
  • Michelangelo da Caravaggio - Merisi, Michelangelo, detto Caravaggio, pittore
  • Bartolomeo Manfredi Mantoano - Manfredi, Bartolomeo, pittore
  • Serenissimo Duca di Modana - D’Este, Francesco I, Duca di Modena
  • questo maestro - Manfredi, Bartolomeo, pittore
  • Muziano - Muziano, Girolamo, pittore
  • Agresti - Agresti, Livio, pittore
  • Zuccaro - Zuccari, Federico, pittore
  • Ferraù Fenzoni - Fenzoni, Ferraù, pittore
  • Pomeranci - Roncalli, Cristoforo, detto il Pomarancio, pittore
  • Passignano - Crespi, Domenico, detto il Passignano, pittore
  • Cavaliere Gioseffo Cesari - Cesari, Giuseppe, detto Cavalier d'Arpino, pittore
  • Pietro Paolo Rubens - Rubens, Pieter Paul, pittore
  • Ferraù Fenzoni da Faenza - Fenzoni, Ferraù, pittore
  • maestro - Fenzoni, Ferraù, pittore
  • Cristoforo - Roncalli, Cristoforo, detto il Pomarancio, pittore
  • maestro - Roncalli, Cristoforo, detto il Pomarancio, pittore
  • Nicolò dalle Pomerancie - Circignani, Niccolò, detto il Pomarancio, pittore
  • Matteo da Siena - Da Siena, Matteo, pittore
  • Antonio Pomerancio - Circignani, Antonio, detto il Pomerancio, pittore
  • Cavaliere Passignano - Crespi, Domenico, detto il Passignano, pittore
  • Cavaliere Gioseffo Cesare - Cesari, Giuseppe, detto Cavalier d'Arpino, pittore
  • maestro - Cesari, Giuseppe, detto Cavalier d'Arpino, pittore
  • Andrea Comodo - Comodi, Andrea, pittore
  • Prencipe Leopoldo de’ Medici - De' Medici, Leopoldo, cardinale
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Scipione Gaetano - Pulzone, Scipione, detto Scipione Gaetano, pittore
  • Orazio Gentileschi - Gentileschi, Orazio, pittore
  • Antiveduto <pagina numero="205">[p. 205]</pagina> Grammatica - Gramatica, Antiveduto, pittore
  • Orazio Borgiani - Borgianni, Orazio, pittore
  • Cavalier Celio - Celio, Gaspare, cavaliere pittore
  • Bernardo Castelli - Castello, Bernardo, pittore
  • Guidotti - Guidotti, Paolo, detto il Cavalier Borghese, pittore
  • Cavalier Baglione - Baglione, Giovanni, pittore trattatista
  • Baglione - Baglione, Giovanni, pittore trattatista
  • Pietro Paolo Rubens - Rubens, Pieter Paul, pittore
  • Paolo Brillo - Bril, Paul, pittore incisore
  • Brugolo - Brueghel, Pieter, detto il Vecchio, pittore
  • Civetta - met de Bles, Herri, detto il Civetta, pittore
  • Monsù Puosin - Poussin, Nicolas, pittore
  • Rubens - Rubens, Pieter Paul, pittore
  • Rubens - Rubens, Pieter Paul, pittore
  • Serenissimo di Modana - d’Este, Francesco I, duca di Modena
  • Rubens - Rubens, Pieter Paul, pittore
  • Paolo Brillo - Bril, Paul, pittore incisore
  • Brillo - Bril, Paul, pittore incisore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Annibale Carracci - Carracci, Annibale, pittore
  • Civetta - met de Bles, Herri, detto il Civetta, pittore
  • Brugolo - Brueghel, Pieter, detto il Vecchio, pittore
  • Muselli - Muselli, famiglia
  • Lorenzo Garbiero - Garbieri, Lorenzo, pittore
  • Monsù Nicolò Puosin - Poussin, Nicolas, pittore
  • Cavalier dal Pozzo - dal Pozzo, Cassiano, collezionista antiquario
  • Bamboccio - van Laer, Pieter, detto Il Bamboccio, pittore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Pietro Beretino da Cortona - Berrettini, Pietro, detto da Pietro Cortona, pittore
  • Serenissimo Gran Duca - de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze
  • Pietro - Berrettini, Pietro, detto Pietro da Cortona, pittore
  • Andrea Camaseo - Camassei, Andrea, pittore incisore
  • Pietro Andrea Sacchi - Sacchi, Andrea, pittore
  • questo maestro - Sacchi, Andrea, pittore
  • Giovanni Francesco da Bologna - Gessi, Giovan Francesco, pittore
  • Salvatore Rosa - Rosa, Salvator, pittore incisore
  • Michelangelo dalle Battaglie - Cerquozzi, Michelangelo, detto delle Michelangelo Battaglie, pittore
  • Pierfrancesco Mola - Mola, Pierfrancesco, detto Il Ticinese, pittore
  • Fabrizio Chiari - Chiari, Fabrizio, pittore incisore
  • Giacinto Brandi - Brandi, Giacinto, pittore
  • TIZIANO DA CADORO - Vecellio, Tiziano, pittore
  • erudito odierno scrittore - Ridolfi, Carlo, pittore trattatista
  • Tiziano da Cadoro - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Giovanni - Bellini, Giovanni, pittore
  • Gentile Bellini - Bellini, Gentile, pittore medaglista
  • Vittor Carpasio - Carpaccio, Vittore, pittore
  • Giorgione da Castelfranco - Zorzi, Giorgio, detto Giorgione, pittore
  • Bellini - Bellini, Jacopo
  • Giovanni - Bellini, Giovanni, pittore
  • Vittor Carpasio - Carpaccio, Vittore, pittore
  • Bellini - Bellini, Giovanni, pittore
  • Rondinelli da Ravenna - Rondinelli, Niccolò, pittore
  • Giorgione - Zorzi, Giorgio, detto Giorgione, pittore
  • Serenissimo di Parma - Farnese, Odoardo I, duca
  • Muselli - Muselli, collezionisti
  • Lodovisi - Ludovisi, famiglia principesca
  • TIZIANO - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Giovanni Bellini - Bellini, Giovanni, pittore
  • Giorgione - Carpasio, Vittore, pittore"Vittor Carpasio</persona>, ed anco avantaggiasse insieme coll’altro più eccellente <persona norm="Zorzi, Giorgio, detto Giorgione, pittore
  • Giorgione - Zorzi, Giorgio, detto Giorgione, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • maestro - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Giovanni Antonio da Pordenone - de’ Sacchis, Giovanni Antonio, detto il Pordenone, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • de’ Bellini - Bellini, Giovanni, Gentile, pittori
  • Giacomo Tintoretto - Robusti, Jacopo, detto il Tintoretto, pittore
  • Francesco Albani - Albani, Francesco, pittore
  • Agostino Carracci - Carracci, Agostino, pittore incisore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • TIZIANO - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Socrate - Socrate, filosofo
  • Platone - Platone, filosofo
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Borghesi - Borghese, famiglia
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Montalti - Damasceni Peretti, Alessandro, cardinale
  • dell’Eminentissimo Pio - Pio di Savoia, Carlo, cardinale
  • Serenissimo Gran Duca - de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Serenissimo Signor Duca - Farnese, Odoardo I, duca
  • Imperatore Carlo V - Carlo V, imperatore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Marchese Serra - Serra, Giovan Francesco, marchese
  • Muselli - Muselli, Giacomo, collezionista
  • Cortoni - Cortoni, famiglia collezionisti
  • Pona - Pona, Francesco, medico collezionista
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Serenissimo Duca Alfonso - d’Este, Alfonso III, duca
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Principessa Caterina Sforza - Sforza, Caterina, contessa
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Barbarighi detti dalla Terrazza - Barbarigo, famiglia patrizia
  • Eminentissimo Pio - Pio di Savoia, Carlo, cardinale
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • N. Pisani - Pisani, Niccolò, ammiraglio
  • Paolo - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Marchese Trotti - Trotti, Giacomo, marchese
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Paolo - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore achitetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Serenissimo di Modana - d’Este, Francesco I, duca di Modena
  • Barbarighi - Barbarigo, famiglia patrizia
  • Farnesi - Farnese, famiglia nobile
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Pietro da Perugia - di Cristoforo Vannucci, Pietro, detto il Perugino, pittore
  • Tintoretto - Robusti, Jacopo, detto il Tintoretto, pittore
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • il Bassano - da Ponte, Jacopo, detto Jacopo Bassano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Alberto Durero - Dürer, Albrecht, pittore incisore matematico trattatista
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Durero - Dürer, Albrecht, pittore medaglista matematico trattatista
  • Alberto Durero - Dürer. Albrecht, pittore medaglista matematico trattatista
  • TIZIANO - Vecellio, Tiziano, pittore
  • FRA’ SEBASTIANO DAL PIOMBO - Luciani, Sebastiano, detto Sebastiano Del Piombo, pittore
  • GIOVANNI ANTONIO DA PORDENONE - De Sacchis, Giovanni Antonio, detto il Pordenone, pittore
  • PALMA VECCHIO - de Lavalle, Nigretti, Jacomo, detto Palma il Vecchio, pittore
  • LORENZO LOTTI - Lotto, Lorenzo, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Fra’ Sebastiano - Luciani, Sebastiano, detto Sebastiano Del Piombo, pittore
  • Giovanni Antonio da Pordenone - De Sacchis, Giovanni Antonio, detto il Pordenone, pittore
  • ’l primo Palma communemente cognominato il Palma Vecchio - de Lavalle, Nigretti, Jacomo, detto Palma il Vecchio, pittore
  • Fra’ Sebastiano - Luciani, Sebastiano, detto Sebastiano Del Piombo, pittore
  • Ghisi - Chigi, Famiglia
  • Farnesi - Farnese, famiglia
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore, architetto
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Sebastiano - Luciani, Sebastiano, detto Sebastiano Del Piombo, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore, architetto
  • Lodovisi - Ludovisi, Famiglia
  • Montalto - Damasceni Peretti, Alessandro, cardinale
  • Serenissimo di Modana - d’Este, Francesco I, duca di Modena
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Giovanni Antonio da Pordenone - De Sacchis, Giovanni Antonio, detto il Pordenone, pittore
  • Tintoretto - Robusti, Jacopo, detto il Tintoretto, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Serenissimo d’Urbino - duca di Urbino
  • Carracci - Carracci, Agostino, pittore incisore
  • Serenissimo di <luogo città="Modena">Modana - d’Este, Francesco I, duca di Modena
  • Muselli - Muselli, collezionisti
  • Cortoni - Curtoni, collezionisti
  • Palma il Vecchio - de Lavalle, Nigretti, Jacomo, detto Palma il Vecchio, pittore
  • Giovanni Bellini - Bellini, Giovanni, pittore
  • Lorenzo Lotti - Lotto, Lorenzo, pittore
  • PAOLO DA VERONA - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • TIZIANO - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Paolo - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Leone Battista Alberto - Alberti, Leon Battista, architetto trattatista
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Paolo - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Spinoli - Spinola, famiglia
  • Serenissimo di Modana - d’Este, Francesco I, duca di Modena
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Raffaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Paolo Veronese - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Paolo - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Marchese Obizi - Obizzi, Pio Enea I, marchese
  • Pona - Pona, Francesco, medico letterato
  • Eminetissimo Cardinale Pio - Pio di Savoia, Carlo cardinale
  • Paolo - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • sopracitato Quaranta Gessi - Gessi, Quaranta, sentaore cavaliere
  • Paolo - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Pisani - Pisani, Francesco, cardinale vescovo
  • Contarini - Contarini, Jacopo, doge
  • Paolo - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Paolo - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Paolo Veronese - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Paolo - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • GIACOMO ROBUSTI DETTO IL TINTORETTO - Robusti, Jacopo, detto il Tintoretto, pittore
  • DEL VECCHIO BASSANO - Da Ponte, Jacopo, detto Jacopo Bassano, detto il Vecchio, pittore
  • TIZIANO - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Giacomo Robusti detto communemente il Tintoretto - Robusti, Jacopo, detto il Tintoretto, pittore
  • Bassani - Da Ponte, Jacopo, detto Jacopo Bassano, detto il Vecchio, pittore
  • Paolo - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Pio - Pio di Savoia, Carlo, cardinale
  • Montalti - Damasceni Peretti, Alessandro, cardinale
  • Monti - Monti, Cesare, cardinale
  • Giacomo Tintoretto - Robusti, Jacopo, detto il Tintoretto, pittore
  • Giacomo Tintoretto - Robusti, Jacopo, detto il Tintoretto, pittore
  • Federico Zuccari - Zuccari, Federico, pittore
  • Passignani - Crespi, Domenico, detto il Passignano, pittore
  • Paggi - Paggi, Giovan Battista, pittore
  • Fra’ Bartolomeo da San Marco - Di Jacopo, Bartolomeo, detto Fra Bartolomeo, detto Baccio della Porta, pittore
  • Tintoretto - Robusti, Jacopo, detto il Tintoretto, pittore
  • autore186 - Ridolfi, Carlo, pittore trattatista
  • Agostino Carracci - Carracci, Agostino, pittore incisore
  • Tintoretto - Robusti, Jacopo, detto il Tintoretto, pittore
  • Giacomo Tintoretto - Robusti, Jacopo, detto il Tintoretto, pittore
  • Paolo - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Giacomo da Ponte da Bassano, detto il Vecchio - Da Ponte, Jacopo, detto Jacopo Bassano, detto il Vecchio, pittore
  • Francesco - Dal Ponte, Francesco Giambattista, detto Francesco dal Ponte il Giovane, detto Francesco Bassano il Giovane, pittore
  • il vecchio Palma - de Lavalle, Nigretti, Jacomo, detto Palma il Vecchio, pittore
  • Francesco - Dal Ponte, Francesco Giambattista, detto Francesco dal Ponte il Giovane, detto Francesco Bassano il Giovane, pittore
  • Palma Vecchio - de Lavalle, Nigretti, Jacomo, detto Palma il Vecchio, pittore
  • Palma - de Lavalle, Nigretti, Jacomo, detto Palma il Vecchio, pittore
  • Bassano - Da Ponte, Jacopo, detto Jacopo Bassano, detto il Vecchio, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Vecchio Bassano - Da Ponte, Jacopo, detto Jacopo Bassano, detto il Vecchio, pittore
  • Bassano - Da Ponte, Jacopo, detto Jacopo Bassano, detto il Vecchio, pittore
  • padre - Da Ponte, Jacopo, detto Jacopo Bassano, detto il Vecchio, pittore
  • Francesco - Dal Ponte, Francesco Giambattista, detto Francesco dal Ponte il Giovane, detto Francesco Bassano il Giovane, pittore
  • Francesco il giovane - Dal Ponte, Francesco Giambattista, detto Francesco dal Ponte il Giovane, detto Francesco Bassano il Giovane, pittore
  • Pio - Pio di Savoia, Carlo, cardinale
  • Bassano - Da Ponte, Jacopo, detto Jacopo Bassano, detto il Vecchio, pittore
  • Montalti - Damasceni Peretti, Alessandro, cardinale
  • Antonio Barberini - Barberini, Antonio, cardinale
  • Bassani - Bassano, famiglia
  • Vecchio - Da Ponte, Jacopo, detto Jacopo Bassano, detto il Vecchio, pittore
  • Francesco - Dal Ponte, Francesco Giambattista, detto Francesco dal Ponte il Giovane, detto Francesco Bassano il Giovane, pittore
  • Bassani - Bassano, famiglia
  • Bassani - Bassani, famiglia
  • Serenissimo Gran Duca - de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze
  • Vecchio - Da Ponte, Jacopo, detto Jacopo Bassano, detto il Vecchio, pittore
  • Giovane - Dal Ponte, Francesco Giambattista, detto Francesco dal Ponte il Giovane, detto Francesco Bassano il Giovane, pittore
  • Serenissimo di Modana - D’Este, Francesco I, duca di Modena
  • Vecchio primo Bassano - Da Ponte, Jacopo, detto Jacopo Bassano, detto il Vecchio, pittore
  • Francesco il giovane - Dal Ponte, Francesco Giambattista, detto Francesco dal Ponte il Giovane, detto Francesco Bassano il Giovane, pittore
  • Bassano - Da Ponte, Jacopo, detto Jacopo Bassano, detto il Vecchio, pittore
  • TIZIANO - Vecellio, Tiziano, pittore
  • GIROLAMO TRAVISI - Da Treviso, Girolamo, detto Girolamo il Giovane, pittore scultore
  • D’ANDREA SCHIAVONE - Bordón, Paschalinus Pàris, detto Pàris Bordone, pittore>PARIS BORDONE</persona>, persona norm="Meldolla, Andrea, detto Andrea Schiavone, detto lo Schiavone, pittore
  • PALMA GIOVANE - Negretti, Jacopo, detto Palma il Giovane, pittore
  • D’ANDREA VICENTINO - Michielli, Andrea, pittore
  • Girolamo Travisi - Da Treviso, Girolamo, detto Girolamo il Giovane, pittore scultore
  • d’Andrea Udone - Odoni, Andrea, collezionista
  • Travisano - Da Treviso, Girolamo, detto Girolamo il Giovane, pittore scultore
  • Fra Saba - da Castiglione, Sabba, detto fra’ Sabba da Castiglione, detto Saba da Castiglione, religlioso letterato umanista
  • Francesco Menzochi - Menzocchi, Francesco, pittore
  • Paris Bordone - Bordón, Paschalinus Pàris, detto Pàris Bordone, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Leopoldo de’ Medici - De’ Medici, Leopoldo, cardinale
  • Paris Bordone - Bordón, Paschalinus Pàris, detto Pàris Bordone, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Andrea Schiavone - Meldolla, Andrea, detto Andrea Schiavone, detto lo Schiavone, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Paris Bordone - Bordón, Paschalinus Pàris, detto Pàris Bordone, pittore
  • Andrea Schiavone - Meldolla, Andrea, detto Andrea Schiavone, detto lo Schiavone, pittore
  • Palma - Negretti, Jacopo, detto Palma il Giovane, pittore
  • Andrea Vicentino - Michielli, Andrea, pittore
  • Federico Zuccaro - Zuccari, Federico, pittore
  • Palma - Negretti, Jacopo, detto Palma il Giovane, pittore
  • Paolo - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Paolo - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • d’Andrea Vicentino - Michielli, Andrea, pittore
  • Battista Veneziano - Franco, Battista, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • medesimo maestro - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Paolo Farinato - Farinati, Paolo, pittore incisore
  • l’Aliense - Vassilacchi, Antonio, detto Aliense, pittore
  • Battista scolaro di Tiziano - Zelotti, Giambattista, pittore
  • Benedetto fratello dello stupendo Paolo Cagliari - Caliari, Benedetto, pittore
  • Orazio il figliuolo del gran Tiziano - Vecellio, Orazio, pittore
  • Gioanni Contarini - Contarini, Giovanni, pittore
  • Domenico Rizzi, detto il Brusasorci - Riccio, Domenico, detto il Brusasorci o Brusasorzi, pittore
  • Alessandro Moretti - Bonvicino, Alessandro, detto il Moretto, pittore
  • Lattanzio Gambari - Gambara, Lattanzio, pittore
  • Girolamo, Romanino - da Romano, Girolamo, detto Girolamo il Romanino, pittore
  • Girolamo e <persona norm="Rosa, Stefano, pittore">Stefano fratelli bresciani - India, Bernardino, pittore>Bernardino detto l’India</persona>, <persona norm="Rosa, Cristoforo, pittore
  • Paolo Farinato - Farinati, Paolo, pittore incisore
  • Medico Fumanelli - Fumanelli, Antonio, medico
  • Dell’Aliense - Vassilacchi, Antonio, detto Aliense, pittore
  • Battista - Zelotti, Giambattista, pittore
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • questo maestro - Vassilacchi, Antonio, detto Aliense, pittore
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Benedetto fratello valoroso di Paolo da Verona - Caliari, Benedetto, pittore
  • Domenico Riccio - Riccio, Domenico, detto il Brusasorci o Brusasorzi, pittore
  • Paolo Veronese - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Paolo Farinato - Farinati, Paolo, pittore incisore
  • D’Alessandro Moretti - Bonvicino, Alessandro, detto il Moretto, pittore
  • buon maestro - Bonvicino, Alessandro, detto il Moretto, pittore
  • Lattanzio Gambari - Gambara, Lattanzio, pittore
  • Girolamo Romanino - da Romano, Girolamo, detto il Romanino, pittore
  • Giovanni Contarini - Contarini, Giovanni, pittore
  • Orazio figliuolo di Tiziano - Vecellio, Orazio, pittore
  • del primo - Contarini, Giovanni, pittore
  • dell’altro - Vecellio, Orazio, pittore
  • Cristoforo e <persona norm="Rosa, Stefano, pittore">Stefano fratelli bresciani - Rosa, Cristoforo, pittore
  • Tomaso Sandrini - Sandrini, Tommaso, pittore
  • Domenico Bruni - Bruni, Domenico, pittore
  • Giacomo Pedrelli - Pedrali, Giacomo, pittore
  • Giocondo - Monsignori, o Ognibene, Giovanni, detto fra Giocondo o fra Giovanni Giocondo da Verona, umanista architetto
  • Liberale - di Iacopo della Biava, Liberale, detto Liberale da Verona, pittore
  • Giovanni Francesco Caroto - Caroto, Giovan Francesco, pittore
  • Francesco Monsignori - Bonsignori, Francesco, pittore
  • Domenico Moroni - Morone, Domenico, pittore
  • Paolo Cavazzuola - Morando, Paolo, detto il Cavazzola, pittore
  • Aloisio Bonfato detto il Frisio - Benfatto, Luigi, detto Alvise dal Friso, pittore
  • Maffeo Verona - Verona, Maffeo, pittore
  • Polidoro Nadalino - da Lanciano, Polidoro, pittore, da Murano, Nadalino, pittore
  • Pietro Mal’ombra - Malombra, Pietro, pittore
  • Leonardo Corona - Corona, Leonardo, pittore
  • d’Alessandro Varotari detto il Padovanino - Varotari, Alessandro, detto il Padovanino, pittore
  • Santi Peranda - Peranda, Sante, pittore
  • Tiberio Tinelli - Tinelli, Giovanni Tiberio, pittore
  • Bernardo Strozza - Strozzi, Bernardo, detto il Cappuccino o il Prete Genovese, pittore
  • Strozza detto communemente il prete Genovese - Strozzi, Bernardo, detto il Cappuccino o il Prete Genovese, pittore
  • Doge Francesco Erizzi - Erizzi, Francesco, doge della Repubblica di Venezia
  • Giulio Strozzi - Strozzi, Giulio, poeta
  • mastro Fulgenzio Servita teologo della republica - Micanzio, Fulgenzio, teologo, erudito
  • Olbeno187 - Holbein, Hans, detto Hans Holbein il Giovane, pittore, incisore
  • Serenissimo Duca di Modana - D’Este, Francesco I, Duca di Modena
  • Monsignor Campori - Campori, Pietro, cardinale vescovo
  • Cortoni - Curtoni, collezionisti
  • Ermano Staifi - Stroiffi, Ermanno, pittore
  • prete Genovese - Strozzi, Bernardo, detto il Cappuccino o il Prete Genovese, pittore
  • Girolamo Forabosco - Forabosco, Girolamo, pittore
  • Matteo Ponzoni Dalmatino - Ponzone, Matteo, pittore
  • Sante Peranda - Peranda, Sante, pittore
  • Pietro Liberi - Liberi, Pietro, pittore
  • Francesco Ruschi - Ruschi, Francesco, pittore
  • Pietro Richi - Ricchi, Pietro, detto il Lucchese, pittore
  • Pietro Vecchia - Della Vecchia, Pietro, pittore
  • Pietro Boloto - Bellotto, Pietro, pittore
  • Bortolo Scaligeri - Scaligero, Bartolomeo, pittore architetto
  • il Carpione - Carpioni, Giulio, pittore
  • Gentile da Fabriano - di Niccolò di Giovanni di Massio, Gentile, detto da Fabriano, pittore
  • Viverini - Vivarini, Alvise, Antonio, Bartolomeo, pittori
  • Balini - Balini, pittori
  • Bellini - Bellini, Giovanni e Gentile, pittori
  • Carpaccio - Carpaccio, Vittore, pittore
  • Marco Boschini - Boschini, Marco, pittore trattatista
  • ANDREA MANTENGA - Mantegna, Andrea, pittore
  • ERCOLE DA FERRARA - de Roberti, Ercole, pittore
  • BRAMANTI MILANESE - di Angelo di Pascuccio, Donato, detto il Bramante, pittore architetto, Suardi, Bartolomeo, detto il Bramantino, pittore architetto
  • FRANCESCO FRANCIA DA BOLOGNA - Raibolini, Francesco, detto Francesco Francia, pittore
  • DIVINO CORREGGIO - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore trattatista
  • Andrea Mantenga - Mantegna, Andrea, pittore
  • Bramanti da<pagina numero="269">[p. 269]</pagina>Milano - di Angelo di Pascuccio, Donato, detto il Bramante, pittore architetto, Suardi, Bartolomeo, detto il Bramantino, pittore architetto
  • d’Ercole da Ferrara - de Roberti, Ercole, pittore
  • Francia da Bologna - Raibolini, Francesco, detto Francesco Francia, pittore
  • Antonio Allegri da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Parmeggiano - Mazzola, Francesco, detto il Parmigianino, pittore
  • Gaudenzio - Ferrari, Gaudenzio, pittore scultore
  • Luini - Luini, Bernardino, pittore
  • Dossi - Luteri, Battista, detto Battista Dossi e Luteri, Giovanni detto Dosso Dossi, pittori
  • Campi - Campi, famiglia
  • Pellegrino da Modana - Aretusi, Pellegrino, detto il Munari o Pellegrino da Modena, pittore
  • Pellegrino da Bologna - Tibaldi, Pellegrino, pittore
  • dell’Abbate Primaticcio - Primaticcio, Francesco, pittore scultore architetto
  • Nicolò di detto Abbate - dell’Abate, Nicolò, pittore
  • Girolamo Manzuoli - Bedoli, Girolamo, detto il Mazzola, pittore
  • Rafaellino da Reggio - Motta, Raffaele, detto Raffaellino da Reggio, pittore
  • Benvenuto da Garafolo - Tisi, Benvenuto, detto il Garofalo, pittore
  • Girolamo da Carpi - Sellari, Girolamo, detto Girolamo da Carpi, pittore
  • Procacini - Procaccini, famiglia
  • Facino - Faccini, Pietro, pittore
  • Somachino - Samacchini, Orazio, pittore
  • Scarsellini - Scarsellini, Ippolito e Sigismondo, pittori
  • Costa - Costa, pittori
  • Reni - Carracci, famiglia, pittori>Carracci</persona> e i loro seguaci i quali, per mezo del <persona norm="Reni, Guido, pittore
  • Zampieri - Zampieri, Domenico, detto il Domenichino, pittore
  • Barbieri - Barbieri, Giovanni Francesco, detto il Guercino, pittore
  • dell’Albani - Albani, Francesco, pittore
  • Lanfranchi - Lanfranco, Giovanni, pittore
  • genio</lemma>) prima non fossero stati più volte alla studiosa osservazione dell’opere supreme di questo vero capo della terza scuola, e di tutta la pittura, invano al certo il <persona norm="Cardi, Lodovico, detto il Cigoli, pittore architetto">Civoli - Carracci, famiglia, pittori>Carracci</persona>, anco gli stessi maggiormente commendati delle altre scuole, quando eglino (come persuasi dalla fama, ed incitati dal proprio connaturale <lemma val="genio
  • Barocci - Barocci, Federico, pittore
  • Vanni - Vanni, Francesco, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore trattatista
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore trattatista
  • Andrea <pagina numero="271">[p. 271]</pagina> Mantenga da Mantoa - Mantegna, Andrea, pittore
  • Bramanti da Milano - di Angelo di Pascuccio, Donato, detto il Bramante, pittore architetto, Suardi, Bartolomeo, detto il Bramantino, pittore architetto
  • Ercole da Ferrara - de Roberti, Ercole, pittore
  • Franci Bolognesi - Francia, famiglia
  • Andrea - Mantegna, Andrea, pittore
  • marchese Gonzaga - Gonzaga, Ludovico III, detto il Turco, marchese
  • Bramante è in <luogo norm="Milano">Milano</luogo> sua patria <oggetto norm="Affresco, Compianto su Cristo morto">sopra la porta della <luogo norm="Milano, chiesa di San Sepolcro">chiesa di S. Sepolcro</luogo> un Cristo morto</oggetto>, e le <oggetto norm>pitture che si ritrovano nell’Osteria del Rebechino</oggetto>, e una <oggetto norm>facciata d’una casa particolare nella strada detta di Brena</oggetto>. Fu similmente dopo <persona norm="Suardi, Bartolomeo, detto il Bramantino, pittore architetto">Bramantino - di Angelo di Pascuccio, Donato, detto il Bramante, pittore architetto
  • Bramante - di Angelo di Pascuccio, Donato, detto il Bramante, pittore architetto
  • Nolfo da Monza - de Medici, Troso, detto Troso da Monza o Troso di Giovanni Jacobi
  • Ercole da Ferrara - de Roberti, Ercole, pittore
  • Costa - del Cossa, Francesco, pittore
  • Costa - del Cossa, Francesco, pittore
  • scolaro - de Roberti, Ercole, pittore
  • Ercole - de Roberti, Ercole, pittore
  • maestro - del Cossa, Francesco, pittore
  • Serenissimo Duca di Modana - d’Este, Francesco I, duca di Modena
  • Ercole da Ferrara - de Roberti, Ercole, pittore
  • i Franci pittori Bolognesi - Francia, famiglia
  • Francesco - Raibolini, Francesco, detto il Francia
  • Franci - Francia, famiglia
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore trattatista
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • ANTONIO DA CORREGGIO - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Vasari191 - Vasari, Giorgio, pittore trattatista
  • il pittore da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Leonardo da Vinci - da Vinci, Leonardo, pittore architetto trattatista
  • Carpaccio - Carpaccio, Vittore, pittore
  • il Bellini - Bellini, Giovanni, pittore
  • Giorgione - da Castelfranco, Giorgio, detto Giorgione, pittore
  • Mantenga - Mantegna, Andrea, pittore
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore trattatista
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Mantenga - Mantegna, Andrea, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • conte Prati - Prati, conte
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Paolo Veronese - Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore
  • Antonio Allegri da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Antonio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Michelangelo da Caravaggio - Merisi, Michelangelo, detto Caravaggio, pittore
  • medesimo da Caravaggio - Merisi, Michelangelo, detto Caravaggio, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Caravaggio - Merisi, Michelangelo, detto Caravaggio, pittore
  • il divino da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore trattatista
  • Aristide Tebano - Tebano, Aristide, pittore scultore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore trattatista
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore trattatista
  • Buonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore trattatista
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore trattatista
  • Serenissimo Duca di Modana - d’Este, Francesco I, duca di Modena
  • Conte Prati - Prati, conte
  • gran maestro - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Conte Prati - Prati, conte
  • Giovanni Paolo Lumazzi - Lomazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Lentolo - Lentulo, Cosso Cornelio, politico militare
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Lentolo - Lentulo, Cosso Cornelio, politico militare
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Lumazzo - Lomazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Lumazzi - Lomazzo, Giovanni Paolo, pittore trattatista
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore trattatista
  • Rondinelli197 - Rondinelli, Nicolò, pittore
  • Marco Palmeggiano - Palmezzano, Marco, pittore architetto
  • Palmeggiani da Forlì - Palmezzano, Marco, pittore architetto
  • Bonarota - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Fra’ Sebastiano dal Piombo - Luciani, Sebastiano, detto Sebastiano del Piombo, pittore
  • Vecchio Palma - Negretti, Jacopo, detto Palma il Vecchio, pittore
  • Antonio da Correggio - Prati, conte>Conte Prati</persona> di mano d’<persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Michelangelo - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Apelle - Apelle, pittore
  • Apelle - Apelle, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Apelle - Apelle, pittore
  • Duca Salviati - Salviati, Jacopo, duca
  • medesimo da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Conte Prati - Prati, conte
  • Serenissimo Gran Duca - d’Este, Francesco I, duca di Modena
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • ANTONIO DA CORREGGIO - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • SERENISSIMO DUCA DI MODANA - D’Este, Francesco I, Duca di Modena
  • ESSO DA CORREGGIO - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • egregio maestro - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Serenissimo Duca di Modana - D’Este, Francesco I, duca di Modena
  • d’Antonio Allegri - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • medico - Lombardi, Giovanni Battista, medico
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • medico - Lombardi, Giovanni Battista, medico
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Demone Ateniese200 - Demone, Ateniese, ritrattista
  • d’Appione Grammatico - Appione, grammatico
  • Apelle - Plinio, trattatista>Plinio</persona>, quelli del glorioso <persona norm="Apelle, pittore
  • maestro da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • prodigioso da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Tiziano - Vecellio, Tiziano, pittore
  • divini maestri - Sanzio, Raffaello, Vecellio, Tiziano, pittori
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • mirabil pittore</lemma>, degna e qualificata al maggior segno che possa a’ nostri giorni dimostrare la professione della pittura, facendo conoscere fra gli altri dipinti di così <persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">gran maestro - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Antonio da Correggio</lemma> abbia mai dipinto, non avendo al certo la pittura a’ nostri giorni l’eguale in soggetto di tal sorte per dimostrare a’ gustosi della professione</oggetto>. <oggetto norm="Quadro, Madonna di San Giorgio"> Sta dalla parte destra del tutto ignudo legato ad un tronco S.Sebastiano, che dimostra pensiero ed attitudine di stravagante <lemma val="bellezza">bellezza</lemma>, composto con esattissimo studio di maniera oltramodo delicata, che si rappresenta per appunto nell’atto in ordine al patire maggiormente disposto, affinché in un tal modo figurato rivolto al tribunale della misericordia con primo ed impetuoso moto, benché riverente e modesto, con faccia iscorzante in alto, ripieno d’affettuoso spirito, possa più sicuramente ottenere pe’l mezo d’un tal contrasegno le bramate grazie del sommo Iddio in riguardo della <pagina numero="290" >[p. 290]</pagina> protezione de’ confratelli. E per contrapposto dello stante in piedi vi è alla sinistra il glorioso S. Rocco a sedere in sembianza di stanco e addolorato, in atto molto facile e <lemma val="naturale">naturale</lemma>, con la faccia pendente al basso, che si dimostra in estremo languido e di forze abbandonato, in riguardo dell’apparente malore, oggetto sufficiente per movere anco l’animo più spietato a’ sensi di compassione, ed attraere mediante la formazione di più vera e rara delicatezza la vista d’ogni professore e dilettevole della virtù. Nel mezo a questi, posta in atto vivacissimo, con un ginocchio in terra e l’altro levato, è la figura di S.Geminiano con pioviale ed altri decenti vestiti, che forma positura agli altri come del tutto differente, e dimostra in azione di primo moto additare col gesto della destra la Gloria suprema, e nello stesso punto incitare coll’altra i mortali alla gloriosa vista, accioché vengano a ricorrere ne’ loro bisogni all’umanato e vero Iddio della misericordia, ed alla sua Santissima Madre. Quivi appaiono le figure tra di loro molto ben compartite, ed espresse con ogni puntuale osservazione, non desiderandosi in tal occorrenza la <lemma val=" debita proporzione">debita proporzione</lemma>, la varietà dell’attitudini, diversità d’azioni ed ogni altra bella e ben osservata particolarità, colla più degna espressione de’ <lemma val="naturali">naturali</lemma> e propri affetti e singolar concordanza de’ colori, che rapporta immediatamente all’occhio un raro composto di ben ricercata, più <lemma val="bella">bella</lemma> e <lemma val="graziosa naturalezza">graziosa naturalezza</lemma>. E per compimento, e perfezione dell’opera si rimira co’ sensi ricolmi di <lemma val="maraviglia">maraviglia</lemma> il particolar dipinto di figura, che rassembra l’essere di donzelletta posta nel principio d’adolescenza, la quale per aver nelle mani l’epilogato ritratto della città di <luogo città="Modena">Modana</città> vien riconosciuta detta la <oggetto norm="Quadro, Madonna di San Giorgio">Modanina</oggetto> del <persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Demone - Demone, Ateniese, ritrattista
  • eccellente maestro - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • maestro celebratissimo - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • prodigioso maestro - Reni, Guido, pittore
  • Antonio da Correggio</lemma>, fu per appunto formata nel meriggio e maggiore auge della sua più rara esquisita operazione. Notte tanto più chiara del giorno, quanto si ritrova da maggiori <lemma val="lumi">lumi</lemma> illustrata, <lemma val="lumi">lumi</lemma> sempre più risplendenti, come sopranaturali e divinizzati. E se bene l’altre sopracitate operazioni si ritrovino ancor esse fabbricate dallo stesso gran <persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">pittore da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • maestro - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • maestro - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Apelle - Apelle, pittore greco
  • Antonio Allegri da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • D’ANTONIO DA CORREGGIO - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • stupendo da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • maestro - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Prencipe - D’Este, Francesco I, Duca di Modena
  • Sua Altezza Serenissima - D’Este, Francesco I, Duca di Modena>Prencipe</persona>, e perciò fra servitori di <persona norm="D’Este, Francesco I, Duca di Modena
  • segretario - Poggi, Geminiano, segretario del Duca intenditore di pittura
  • Prencipe - D’Este, Francesco I, Duca di Modena
  • Serenissimo Duca Padrone - D’Este, Francesco I, Duca di Modena
  • Prencipe - D’Este, Francesco I, Duca di Modena
  • filosofo205 - Aristotele, filosofo
  • pittore da Correggio</lemma> innalzare mole d’immensa <lemma val="virtù">virtù</lemma> per giungere col tempo al bramato Cielo dell’eternità, non debba poscia arrecar <lemma val="maraviglia">maraviglia</lemma> se riguardati in tal caso gli stessi principi venghino a ritrovarsi debili ed imperfetti. Avrà nondimeno occasione il discreto osservatore di scoprire a <lemma val="lume">lume</lemma> tanto della nascita, quanto dell’accrescimento e del meriggio di questo sole di pittura, l’eroica magnanimità della <luogo città=" Modena, Palazzo Ducale">Serenissima Casa d’Este</luogo>, ch’è di giovare, e in tal guisa egualmente dilettare a tutti, come quella che in ogni tempo lampeggia fra le più degne, già arrichita di merito supremo, ed ora posseditrice delle più rare e maggiori <lemma val="bellezze">bellezze</lemma> di questa <lemma val=" nobilissima virtù">nobilissima virtù</lemma>, si rende al mondo per ogni parte singolarizzata ed immortale. Ma perché lo studioso potria facilmente raccogliere sentimento differente dalla <libro titolo="Le vite dei più eccellenti architetti pittori et scultori da Cimabue insino a’ tempi nostri">lettura</libro> di <persona norm="Vasari, Giorgio, pittore trattatista">Giorgio Vasari - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • maestro da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • maestro da <luogo città="Correggio">Correggio</luogo> - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Antonio da <luogo città="Correggio">Correggio</luogo> - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Rafaello Sanzio da <luogo città="Urbino">Urbino</luogo> - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Andrea del Sarto - D’Agnolo, Andrea, detto Andrea Del Sarto, pittore
  • Antonio da <luogo città="Correggio">Correggio</luogo> - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Francesco Mazuoli Parmeggiano - Manzuoli, Francesco detto il Parmigianino, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Bonarota</lemma> e d’altri simili. Questi invaghiti di tali difficoltà si sforzano con ogni lor potere di farsi adorni con abito ad essi non poco disdicevole, il quale non serve in un tal tempo che a confondere, ed a maggiormente deformarli nell’operazione, come poscia palesano in fatti i propri suoi sconcertati dissegni e dipinti insieme, perché con il solito loro mal regolato studio procurano di primo tratto d’esprimere i più sensibili contorni e scoperti risalti, e per successiva concordanza e total compimento, come quelli che si ritrovano di corpo e mente stanchi, concordano il tutto con le parti in confuso senza ricercare i debiti mezi, e smozzare a sufficienza gli estremi, né tampoco l’eccedente vivezza de’ colori, non valendo in effetto col proprio giudicio per compire di vantaggio; non possono nemeno esprimere <pagina numero="305">[p. 305]</pagina> la diversità de’ siti, e altre debite parti con la scambievolezza de’ colori, che sono nelle opere de’ più esatti maestri realmente fra di loro diversificate, con vari refratti di meze tinte ed altri <lemma val="delicatissimi livori">delicatissimi livori</lemma>, ed intramezzati riflessi, colle quali parti il tutto unitamente viene a cospirare alla dimostrazione del più bel composto, col rilievo dell’apparente come vera <lemma val="naturalezza">naturalezza</lemma>: ma cotali principianti per sodisfazione dell’imperfetto lor conoscimento formano infine mediante lo sconcerto delle parti l’imperfetta e cruda operazione, la qual crudità, sicome da’ migliori <persona norm="Galileo, Ippocrate, fisici">fisici209 - Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto
  • Serenissimo Duca di Modana - D’este, Francesco I, Duca di Modena
  • divino da Correggio</lemma>, le <oggetto norm="Quadri, Nozze di Cana, Adorazione dei Magi, Storia del Samaritano">due grandi e più esquisite sopracitate <lemma val="istorie">istorie</lemma></oggetto> di <persona norm="Caliari, Paolo detto Paolo Veronese, pittore">Paolo da Verona - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Dossi - Luteri, pittori
  • Carracci - I Carracci, pittori
  • Carracci - I Carracci, pittori
  • Dossi</lemma>, una <oggetto norm="Tavola, Madonna con Bambino e due Santi">tavola</oggetto> del <persona norm="Manzuoli, Francesco, detto il Parmigianino, pittore">Parmeggianino</lemma>, <oggetto norm="Opere, Fanciulla con ventaglio, Cristo della moneta">opere</oggetto> del gran <persona norm="Vecellio, Tiziano, pittore">Tiziano - Luteri, pittori
  • Andrea del Sarto - D’Agnolo, Andrea, detto Andrea Del Sarto, pittore
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore trattatista
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore trattatista
  • Andrea del Sarto - D’Agnolo, Andrea, detto Andrea Del Sarto, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Paolo da Verona - Caliari, Paolo detto Paolo Veronese, pittore
  • Carracci - I Carracci, pittori
  • Andrea - D’Agnolo, Andrea detto del Sarto, pittore
  • Nicolò Simonelli - Simonelli, Nicolò, guardarobiere collezionista
  • Alessandro VII - Chigi, Fabio, Alessandro VII, papa
  • Simonelli - Simonelli, Nicolò, guardarobiere collezionista
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • ORAZIO SOMACHINI - Samacchini, Orazio, pittore
  • PIETRO FACINI - Faccini, Pietro, pittore
  • PROSPERO FONTANA - Fontana, Prospero, pittore
  • LORENZO SABADINI - Sabatini, Lorenzo detto Lorenzino da Bologna, pittore
  • PIERFRANCESCO MORANZONE - Mazzucchelli, Pierfrancesco detto il Morazzone, pittore
  • GIOVAN BATTISTA CERANO - Crespi, Giovan Battista, detto il Cerano, pittore
  • Il CAVALIER MALOSSO - Trotti, Giovan Battista, detto il Malosso, pittore
  • DANIELE CRESPI - Crespi, Daniele, pittore
  • Orazio Somachini - Samacchini, Orazio, pittore
  • Somachini - Samacchini, Orazio, pittore
  • Facino - Faccini, Pietro, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Annibale Carracci - Carracci, Annibale, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Carracci - Carracci, Annibale, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Bartolomeo Schedone - Schedoni, Bartolomeo, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Serenissimo Duca di Modana - D’Este, Francesco, duca
  • Prospero Fontana - Fontana, Prospero, pittore
  • Lorenzo Sabadini - Sabatini, Lorenzo, detto Lorenzino da Bologna, pittore
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore trattatista
  • Vasari - Vasari, Giorgio, pittore trattatista
  • abbate Primaticcio - Primaticcio, Francesco, detto il Bologna, pittore, architetto decoratore
  • Prospero - Fontana, Prospero, pittore
  • Lorenzo Sabadini - Sabatini Lorenzo, detto Lorenzino da Bologna, pittore
  • Passarotti - Passarotti, Bartolomeo, pittore
  • Lavinia Fontana - Fontana, Lavinia, pittrice
  • Pierfrancesco Moranzone - Mazzucchelli, Pier Francesco, detto il Morazzone, pittore
  • Giovanni Francesco Barbieri - Barbieri, Giovanni, Francesco, detto il Guercino, pittore
  • Moranzone - Mazzucchelli, Pier Francesco, detto il Morazzone, pittore
  • Giovan Battista Cerano - Crespi, Giovan Battista, detto il Cerano, pittore
  • il Cavaliere Malosso - Trotti, Giovan Battista, detto il Malosso, pittore
  • Serenissimo di Parma - Farnese, Odoardo I, duca
  • Danielle Crespi - Daniele Crespi, pittore
  • Ambrosio Ficini - Figino, Giovanni, Ambrogio, pittore
  • Gioanni - Lumazzi, Giovanni, Paolo, pittore
  • Giovanni Battista de’ Carloni - Carlone, Giovanni, Battista, pittore
  • Carracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino, Carracci, Ludovico, artisti
  • Carracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino, Carracci, Ludovico, artisti
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Agostino - Carracci, Agostino, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Procaccino - Procaccini, Giulio, Cesare, pittore
  • Procaccino - Procaccini, Giulio, Cesare, pittore
  • Lodovico Carracci - Carracci, Ludovico, pittore
  • Serenissimo di Parma - Farnese, Odoardo I, duca
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Agostino - Carracci, Agostino, pittore
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Carracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino, Carracci, Ludovico, artisti
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Agostino - Carracci, Agostino, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Lodovico Carracci - Carracci, Ludovico, pittore
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Agostino - Carracci, Agostino, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Francesco Albani - Albani, Francesco, pittore
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Agostino - Carracci, Agostino, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Agostino - Agostino Carracci, pittore
  • Lodovico - Ludovico Carracci, pittore
  • Carracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino, Carracci, Ludovico, artisti
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Lodovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Serenissimo Gran Duca - d’Este, Francesco I, duca di Modena
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Innocenzo Tacconi - Tacconi, Innocenzo, pittore
  • Zampieri - Zampieri, Domenico, pittore
  • Albani - Albani, Francesco, pittore
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Antonio - Carracci, Antonio, figlio di Agostino pittore
  • Antonio - Carracci, Antonio, pittore
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Carracci - Carracci, famiglia, pittori
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Monsignor degli Oddi - Oddi, Angelo, conte
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Carracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino, Carracci, Ludovico, artisti
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Domenico Zampieri - Zampieri, Domenico, pittore
  • Gioanni Lanfranchi - Lanfranco, Giovanni, pittore
  • Guido - Reni, Guido, pittore
  • Carracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino, Carracci, Ludovico, artisti
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Domenico Zampieri - Zampieri, Domenico, pittore
  • Gioanni Lanfranchi - Lanfranco, Giovanni, pittore
  • Guido - Reni, Guido, pittore
  • Carracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino, Carracci, Ludovico, artisti
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Domenico Zampieri - Zampieri, Domenico, pittore
  • Giovanni Lanfranco - Lanfranco, Giovanni, pittore
  • Guido - Reni, Guido, pittore
  • Carracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino, Carracci, Ludovico, artisti
  • Dionisio Fiamengo - Denijs, Calvaert, in Italia detto Dionisio Fiammingo, pittore
  • Dionisio - Denijs, Calvaert, in Italia detto Dionisio Fiammingo, pittore
  • Caracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino Carracci, Ludovico, artisti
  • Caracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino, Carracci, Ludovico, artisti
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Roma</luogo> potè col proprio gusto da questi, mediante la pratica e sufficienza dello studio, cavare un estratto, ed insieme formare a proporzione del proprio talento una particolare operazione, che per la buona simetria, studio del tutto, e parte con grazia singolare, e delicatezza straordinaria si ritrova veramente molto laudabile e qualificata, e l’opere che derivarono da così studioso maestro sono le più note, tre figure di femmine maggiori del vivo sopra la facciata del <luogo norm="Bologna, Palazzo d’ Accursio detto anche Palazzo Comunale">publico Palazzo della Piazza di Bologna</luogo> e un quadro in S. Bernardo sopra il muro alla sinistra dell’altare maggiore, le quali sopra l’altre, ch’avea prima dipinto, dimostrano maestria, grazia e straordinario talento; e al didentro del medesimo <luogo norm="Bologna, Palazzo d’Accursio detto anche Palazzo Comunale">Palazzo publico</luogo> si può vedere il bellissimo stendardo, che fece dipingere la città allo stesso <persona norm="Reni, Guido, pittore">Guido Reni - Sanzio, Raffaello, pittore' architetto'>Rafaello</persona> in <luogo città="Roma
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Ludovico - Carracci, Ludovico, pittore
  • Guido - Reni, Guido, pittore
  • Carracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino, Carracci, Ludovico, artisti
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Antonio da Correggio - Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Tanari - Tanari, marchese collezionista
  • Conte Ranucci - Ranucci, conte
  • Pepoli - Pepoli, Odoardo, conte
  • Bentivogli - Bentivoglio, famiglia
  • Serenissimi Prencipi Giovanni Carlo - de Medici, Giovan Carlo, cardinale
  • Leopoldo - de Medici, Leopoldo, cardinale
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Domenico Zampieri - Zampieri, Domenico, pittore
  • Annibale - Carracci, Annibale, pittore
  • Guido - Reni, Guido, pittore
  • Carracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino, Carracci, Ludovico, artisti
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Carracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino, Carracci, Ludovico, artisti
  • Zampieri - Zampieri, Domenico, pittore
  • Carracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino, Carracci, Ludovico, artisti
  • Urbano VIII - Urbano VIII
  • Rafaello - Sanzio, Raffaello, pittore architetto
  • Zampieri - Zampieri, Domenico, pittore
  • Carracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino, Carracci, Ludovico, artisti
  • Gioanni Lanfranchi - Lanfranco, Giovanni, pittore
  • Carracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino Carracci, Ludovico, artisti
  • Carracci - Carracci, Annibale, Carracci, Agostino, Carracci, Ludovico, artisti
  • Guido - Reni, Guido, pittore
  • Guido - Reni, Guido, pittore
  • Francesco Gesso - Gessi, Francesco, pittore
  • Giovanni Giacomo Semente - Semenza, Giovanni Giacomo o Sementi, pittore
  • Simone Cantarini da Pesaro - Cantarini, Simone, detto il Pesarese o Simone da Pesaro, pittore
  • Guido - Reni, Guido, pittore
  • Gregorio XIII - Boncompagni, Ugo, Gregorio XIII, papa
  • Francesco Gessi - Gessi, Francesco Gessi, pittore
  • Guido Reni - Reni, Guido, pittore
  • Simone Cantarini da Pesaro - Cantarini, Simone detto il Pesarese o Simone da Pesaro, pittore
  • Cantarini - Cantarini, Simone detto il Pesarese o Simone da Pesaro, pittore

  • Colosso di Rodi - Statua, Colosso di Rodi
  • Tempio della Salute - monumento, Tempio della Salus
  • tavola del <persona norm="d’Este, Francesco I, duca di Modena">Serenissimo Duca di Modana</persona>, che esprime stupendamente l’istoria della Natività di Cristo, e nello scoprire tra l’altre singularità d’<lemma val="artificioso">artificioso</lemma> componimento un raggio più puro di raffinato sapere che rende la notte chiara e l’ombre luminose, e con di<lemma val="divine">divine</lemma> vine rappresentazioni e celesti apparenze, come animati i medemi splendori, avrà occasione di riconoscere in chiaro il primario e più nobile sentimento della vista - quadro, adorazione dei pastori, la notte
  • Et in un tal luogo rimirando parimente la bellissima tavola, e varia detta di San Pietro Martire, e sopra non poche singolarità egregiamente espresse, nel riconoscere in questa tremenda operazione la carne al vivo palpitante, come animata da più veri <lemma val="spiriti">spiriti</lemma> muovere ad un punto l’immaginazione al desiderio del tatto, sarà verisimilmente creduta per lo real senso del tangibile, et in somigliante modo essaminate l’opere di questo supremo maestro, a proporzione <pagina numero="20">[p. 20]</pagina> scoprirà mai sempre da questa mirabil parte esser derivato il sommo della perfezione nella <lemma val="pittura">pittura</lemma>, avendo in fatti accresciuto supreme qualità, però meritamente dovrà prevalere come parte più nobile e principale intelligenza di così degno <lemma val="artificio">artificio</lemma> - quadro, Madonna di San Giorgio
  • Cristo - Dipinto parietale, Ultima cena
  • Coronazione di Spine - Quadro, Incoronazione di spine
  • il profeta - Affresco, Profeta Isaia
  • torso di Belvedere - Scultura, Torso del Belvedere
  • Ercole de’ Farnesi - Scultura, Ercole Farnse
  • l’opera del Giudicio - Affresco, Giudizio universale
  • Giudicio - Affresco, Giudizio universale
  • Torso di Belvedere - Scultura, Torso di Belvedere
  • Cenacolo - Dipinto parietale, Ultima cena
  • Cenacolo - Dipinto parietale, Ultima cena
  • Cenacolo - Dipinto parietale, Ultima cena
  • Cenacolo - Dipinto parietale, Ultima cena
  • Giudicio - Affresco, Giudizio Universale
  • Giudicio - Affresco, Giudizio Universale,
  • Ressurrezione di Cristo con alcuni soldati alla guardia - dipinto, Resurrezione di Cristo di Venusti
  • tavola - Quadro, Annuncio a S.Anna
  • dipinto con gran sufficienza S. Bruno loro fondatore, con la Beata Vergine che tiene il Cristo in braccio, angeli e paese - dipinto, La Vergine appare a San Bruno
  • alcune femmine ignude, che dimostrano diverse <lemma val="vedute">vedute</lemma> alquanto sopra l’occhio, col tutto che si ricerca alla più eccellente bellezza - affreschi
  • la molto <lemma val="delicata e graziosissima">delicata e graziosissima</lemma> Galatea, la quale coll’intervento di belli e ben intesi ignudi di varie meze figure insieme con alcuni <lemma val="putti">putti</lemma> palesa sopra un’intelligenza estrema un eccesso di <lemma val="spirito">spirito</lemma>, <lemma val="rilievo">rilievo</lemma> e <lemma val="delicata naturalezza">delicata naturalezza</lemma> - Affresco, Trionfo di Galatea
  • tavola di S. Pietro in Montorio fra l’altre figure di <lemma val="meravigliosa bellezza">maravigliosa bellezza</lemma>, che si considerano diversamente vestite, e in <lemma val="guisa">guisa</lemma> di persone viventi con lo <lemma val="spirito">spirito</lemma> e vari <lemma val="movimenti animati">movimenti animate</lemma>, vedrà un mezo nudo di figura così egregiamente studiata in ordine alla più fina perfezione, che al dicerto palesa un estratto della <lemma val="singolar naturalezza">singolar naturalezza</lemma> - Quadro, Trasfigurazione
  • tavola di S. Pietro Martire - Quadro, Martirio di San Pietro da Verona, olio su tavola
  • Adamo - Quadro, Adamo ed Eva nel Paradiso Terrestre, olio su tela
  • Giudicio Finale - Quadro, La Gloria, Trinità o Paradiso, olio su tela
  • Golia gigante - Quadro, Davide e Golia
  • storia del sacrificio d’Isaac - Quadro, Il Sacrificio di Abramo ed Isacco
  • Cain quando ammazzò Abello - Quadro, Caino e Abele
  • tavola detta di S. Pietro Martire - Quadro, Martirio di San Pietro da Verona, olio su tavola
  • tavola detta di S. Sebastiano - Quadro, Madonna di San Sebastiano, olio su tavola
  • tavola di S. Antonio di Parma - Quadro, Madonna di San Girolamo o Il Giorno, olio su tavola
  • S. Sebastiano - Quadro, Madonna di San Sebastiano, olio su tavola
  • S. Giorgio - Quadro, Madonna di San Giorgio, olio su tavola
  • Cristo morto - Quadro, Compianto sul Cristo morto, olio su tavola
  • S. Girolamo nella mentoata tavola di Parma - Quadro, Madonna di San Girolamo o Il Giorno, olio su tavola
  • Ecce Homo - Quadro, Ecce Homo, olio su tavola
  • Cristo nell’Orto - Quadro, Cristo nell’Orto
  • Cristo nell’Orto - Quadro, Cristo nell’Orto
  • Microcosmo - Trattato, Microcosmo della pittura
  • Vertunno - Quadro, Vertumno
  • Flora - Quadro, Flora
  • Microcosmo - Trattato, Microcosmo della pittura
  • tavola di <persona norm="Marchesi, Girolamo, detto Cotignola, pittore">Girolamo da Cotignola</persona>, nella quale scoprirà dalla parte di sopra la Beata Vergine sedente col Cristo bambino leggiadramente stante, figure poco meno di <lemma val="naturale">naturale</lemma>, rappresentate a proporzione alquanto sopra l’ordinaria veduta con tanto di sufficienza, grazia e delicatezza - Quadro, Madonna col Bambino e Santi
  • volto della capella maggiore, oltre gli altri dipinti <lemma val="a fresco">a fresco</lemma>, il rappresentato d’un Dio Padre sopra le nubi, attorniato da copia di putti, che in vari belli modi mostrano servirlo, figure <lemma val="al naturale">al naturale</lemma> espresse adequatissimamente alla propria vista del di sotto in su, dipinte da <persona norm="Menzocchi, Francesco, detto il vecchio di S. Bernardo, pittore">Francesco Minzochi da Forlì</persona> con tanto di sapere, e con tal <lemma val="al naturalezza">naturalezza</lemma>, forza e spirito, che di tal vista non credo si dovrà pentire il gustoso della professione <pagina numero="105">[p. 105]</pagina> d’aver speso qualche passo per sodisfare alla <lemma val="virtuosa">virtuosa</lemma> curiosità - Affreschi, Padre Eterno e Putti
  • citata tavola - Quadro, Madonna col Bambino e Santi
  • tavola de’ Baglioni - Pala d’altare, Pala Baglioni
  • il volto dell’altare maggiore - Affresco, Ascensione di Cristo
  • libri - libri
  • instrumenti musicali - strumenti musicali
  • ornamenti</ogetto> convenevoli <pagina numero="123">[p. 123]</pagina> all’invenzione e luogo, talmente adeguati che porgendo agli spettatori continuo l’inganno, si dimostravano piutosto rilevati e <lemma val="veri">veri</lemma> in sito retto e sfondato, che artificiati in luogo convesso: la qual cuppola per solita disgrazia del maestro e della patria insieme in occorrenza di nuova fabbrica, prevalendo l’uso e il commodo alla<lemma val= "virtù">virtù</lemma>, l’anno del 1651 fu miseramente atterrata dalla simplicità di quei buoni Padri, non senza cordoglio de’ <lemma val="virtuosi">virtuosi</lemma>. Ed opere di tal sorte quando non fossero contaminate ed infette dal <lemma val="vizio">vizio</lemma> dell’<lemma val="esecranda seccagine">esecranda seccaggine</lemma>, solito di quei tempi, avriano potuto come di straordinaria intelligenza altresì concorrere a grandi onori. Egli però, per non essere sopravissuto gran fatto, e bene spesso trasportato in diversi paesi dalla brama di approfittarsi, non lasciò al luogo natio che poche operazioni, a parte delle quali gli accidenti e il tempo hanno conspirato alla distruzione: ritrovasi nondimeno vivere alla vista <lemma val="virtuosa">virtuosa</lemma> per caparra del molto suo sapere la <oggetto norm="tavola">tavola - ornamenti
  • tavola degli Agrigentini - tavola
  • fulmini - fulmini
  • tavola - tavola
  • reliquie - reliquie
  • nelle mura del coro, dove si vedono diverse istorie della Beata Vergine - Cappella Tornabuoni, Affresco, Storie della Vergine
  • tre tavole, due all’incontro con diversità di figure al naturale - Quadri
  • tavola di S. Marco - Quadro, San Marco
  • appresso il <persona norm="de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze">Serenissimo Gran Duca</persona> - collezione Medici
  • anco nelle <luogo città="Firenze, Gallerie Medicee">Galerie dei Serenissimi Prencipi di Fiorenza</luogo> - collezione Medici
  • i Santi Pietro e Paolo - Quadro, Santi Pietro e Paolo
  • diverse operazioni - Quadri, Comunione degli Apostoli, Presepio, Concezione
  • tavola - Quadro, San Francesco riceve le stimmate
  • cappella assai grande con la tribuna, il tutto a fresco - Affreschi, Cappella Lombardini
  • l’altare maggiore - Quadro, Disputa sull’Immacolata Concezione
  • in quelle de’ <luogo città="Roma, Villa Borghese">Borghesi</luogo> <oggetto norm="Quadri, San Paolo, San Pietro">alcuni profeti - collezione Borghese
  • nel <luogo città="Roma, Palazzo Orsini">Palazzo degli Orsini a Monte Giordano</luogo> un <oggetto norm="Quadro, figura di ignudo con architettura, paese e altri bellissimi concetti">quadro con figura d’ignudo meno assai del vero - collezione Orsini
  • come una simile con architettura, paese e altri bellissimi concetti - collezione Barberini
  • altri quadri sono similmente nel <luogo città="Roma, Palazzo Farnese">Palazzo de’ Farnesi</luogo> - collezione Farnese
  • Giudicio Universale - Affresco, Giudizio Universale
  • l’istoria della crocifissione di S. Pietro - Affresco, Crocifissione di San Pietro
  • Conversione di S. Paolo - Affresco, Conversione di San Paolo
  • Microcosmo della Pittura - Libro, Microcosmo della pittura
  • Cenacolo - Dipinto parietale, Ultima Cena
  • Concezione della Beata Vergine - Quadro, Vergine delle Rocce
  • nella <luogo città="Firenze, Galleria degli Uffizi">Galeria del <persona norm="de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze">Serenissimo Gran Duca</persona> di Toscana</luogo> si vede un <oggetto norm="Quadro, caduta di Fetonte">quadro che rappresenta la caduta di Fetonte con figure picciole - collezione Medici
  • Nella singolar radunanza del <persona norm="d’Este, Francesco I, duca di Modena">Serenissimo Duca di Modena</persona> ritroverà il gustoso di questa <lemma val="virtù">virtù</lemma> fra molti e più rari dipinti una meza figura poco meno di naturale, che dimostra il <oggetto norm="Quadro, Santa Caterina">rappresentato di Santa Caterina, la quale con atto graziosissimo tiene una palma nella destra - collezione Estense
  • testa con alquanto di petto meno del naturale, che raffigura giovinetto armato con gran <lemma val="compitezza">compitezza</lemma>, e non poco <lemma val="grazioso">grazioso</lemma> - Quadro, giovinetto armato
  • si possono anche vedere in <luogo città="Roma, Villa Aldobrandini">Roma nella Galeria degli Aldobrandini nel Palazzo del Monte detto Magna Napoli</luogo>, ed oltre diverse teste, e altri quadri si riconoscerà in particolare il <oggetto norm="Quadro, Ritratto di Isabella de Requesens">ritratto della Regina Giovanna di Napoli al naturale - collezione Aldobrandini
  • Sono similmente nel <luogo città="Roma, Villa Borghese">Palazzo de’ Borghesi</luogo> alcuni quadri, che rappresentano la Beata Vergine al naturale col Cristo Bambino in meze figure circa al naturale, e altre teste, opere veramente di somma adeguatezza - collezione Borghese
  • un quadro il dipinto di Sant’Eustachio inginocchiato in aperto paese col Cavallo vicino, ed egli armato capricciosamente, e con ogni puntualità, che in ordine all’invenzione, buona simetria ed estrema diligenza del tutto, e d’ogni più minima parte riesce opera rara e sempre ammirabile - incisione, Sant’Eustachio
  • appresso i sudetti <luogo norm="Roma, Villa Borghese">Borghesi</luogo> sono piccioli dipinti d’<persona norm="Dürer, Albrecht, pittore incisore matematico trattatista">Alberto</persona>, ma di <persona norm="van Leyden, Lucas, pittore incisore">Luca</persona> una grande istoria in quadro assai capace, e molto ben conservata, nella quale con tutto che le figure non siano più longhe d’un braccio espresse con la solita maniera, si palesa però così bella ed abbondante l’invenzione, e le figure particolari tanto capricciose e ben osservate, che un quadro simile di questo autore al sicuro non si vede in altro luogo dell’Italia - collezione Borghese
  • radunanze - collezioni
  • in <luogo città="Firenze">Fiorenza</luogo> conserva il <persona norm="de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze">Serenissimo Gran Duca</persona> del sudetto <persona norm="Dürer, Albrecht, pittore, incisore matematico trattatista">Alberto</persona> alcuni quadretti con figure picciole, le quali sopra l’invenzione e buona simetria mostrano le parti così al minuto, e pare come impossibile che la pazienza del riguardante possa resistere per ritrovare coll’occhio quello che la diligenza estrema dell’artefice ha espresso col pennello, riescono però anco più lontane dell’altre dalla prefissa verità per essere maggiormente contaminate dalla viziosa <lemma val="seccaggine">seccaggine</lemma> - collezione Medici
  • nella stupenda <luogo città="Modena, Galleria Estense">Galeria di Modona</luogo>, oltre alcuni piccioli operati di minor momento, un quadro dello stesso <persona norm="Dürer, Albrecht, pittore incisore matematico trattatista">Alberto</persona>, che dimostra più di meza figura ignuda al naturale, la quale rappresenta un <oggetto norm="Quadro, San Girolamo nello studio">S. Girolamo, ed è tale che in riguardo della particolar maniera dimostra meno durezza, ed un vero assai confacevole al naturale, e di questo artefice non si vede forsi nell’Italia il simile - collezione Estense
  • un Cristo in alto sopra le nubi, e di sotto nel piano diversi monaci inginocchiati, i quali eccedendo non poco gli altri dipinti dello stesso maestro, per essere in effetto di miglior maniera, così ben studiati con grazia, proporzione e buona naturalezza, espressi con tanta intelligenza di prospettiva e di colori, che in fatti viene in questo caso a comparire all’occhio del riguardante quella debita distanza, che fra l’una e l’altra figura per l’ordinario si riconosce negli oggetti naturali ordinatamente disposti - Affresco, Trinità e Santi
  • tavola - Dipinto, Sposalizio della Vergine
  • una tavola dove sta dipinta la generazione di Cristo, facilmente la migliore d’ogni altra - Polittico, Polittico di Sant’Agostino
  • sopracitato ultimo dipinto - Affresco, Trinità e Santi
  • figura maggiore del vero espressa alquanto sopra l’ordinaria veduta, in parte denudata, con due putti del tutto ignudi, nella quale dimostrò apertamente supremo possesso di proporzione, prospettiva ed intelligenza dell’ignudo, e lo studio adeguatissimo de’ panni - Affresco, Profeta Isaia e due putti
  • tavola della Santa Cecilia posta nella <luogo città="Bologna, Chiesa di San Giovanni in Monte">Chiesa di S. Giovanni in Monte della Città di Bologna</luogo>, fu forzato a confessare con un silenzio eterno, perché in conformità di quello che si raccoglie dagli scrittori di pittura164, morì <persona norm="Francia, Francesco, pittore">Francesco Francia</persona> pittore di quei tempi laudabile nel vedere (come oggetto impensato) così stupenda operazione - Quadro, Estasi di Santa Cecilia
  • panno - Quadro
  • l’opera - Quadro, Estasi di Santa Cecilia
  • l’opera egregia della Santa Cecilia vada in <luogo città="Bologna">Bologna</luogo> a ritrovarla nella <luogo città="Bologna, Chiesa di San Giovanni in Monte">Chiesa de’ Padri Lateranensi detta di S. Giovanni in Monte</luogo>, che sta nell’ultima capella a mano manca nell’entrare dalla porta maggiore e per essere ordinariamente rinchiusa, e sotto le chiavi custodita, appare di quella conservazione come se al presente fosse stata dipinta, ed in riguardo d’ogni dovuto studio e più esatta sufficienza si riconosce a tutte l’opere sue, et ad ogni altro primo e più eccellente maestro suprema - Quadro, Estasi di santa Ceciclia
  • Santa Cecilia, la quale per la contemplazione delle cose celesti che dalla parte di sopra vengono a rappresentarsi, rapita dall’estasi dimostra con organo in mano rovesciato, ed in sconcerto insieme co’ gli altri instrumenti musicali che vi stanno a’ piedi di tutta verità, che non si può non disprezzare ogni cosa della terra quando l’anime sante giungono a fruire in qualche parte, con tutto che di riflesso, i godimenti incomparabili del Paradiso. - Quadro, Estasi di Santa Cecilia
  • l’ultima tavola del Coro, coll’espressione della Beata Vergine col Cristo Bambino in mezo, e dalle parti S. Barbara e S. Sisto similmente rara, con due putti nella parte più bassa di stupenda bellezza - Quadro, Madonna Sistina
  • tavola con santi diversi - Quadro, tavola con santi
  • la Beata Vergine col Cristo Bambino e diversi santi dalle parti - Quadro, Madonna di Foligno
  • quadro - Quadro
  • Santa Cicilia - Quadro, Estasi di Santa Cecilia
  • solo l’istorie grandi - Affreschi
  • Giudicio - Affresco, Giudizio Universale
  • Cenacolo - dipinto parietale, Ultima Cena
  • dipinti - affreschi, Loggia di Raffaello
  • cornice - cornice
  • camino - camino
  • Battesimo - Affresco, Battesimo di Costantino
  • cornice - cornice
  • l’istoria d’Eliodoro - Affresco, Cacciata di Eliodoro dal tempio
  • camino - camino
  • d’Attila col Papa - Affresco, Incontro di Leone Magno con Attila
  • carcere di S. Pietro - Affresco, Liberazione di San Pietro
  • l’istorie del Santissimo Sagramento - Affresco, Disputa del Sacramento
  • Scuola di Atene - Affresco, Scuola di Atene
  • Monte Parnaso - Affresco, Parnaso
  • il Papa e l’Imperatore danno le leggi - Affreschi, Triboniano consegna la Pandette a Giustiniano, Gregorio XI approva le Decretali
  • dell’Incendio di Borgo - Affresco, Incendio di Borgo
  • istoria del Santissimo Sagramento venga ad osservare fra l’altre la figura del S. Marco, che mostra l’addietro della persona, che più ordinata e meglio vestita, e posatura migliore non è possibile immaginare, sicome di quella del S. Giovanni, che posta in atto sfiancheggiante, che amendue riescono in fatti i veri modelli delle più graziose e rare posature dell’uomo in piedi - Affresco, Disputa del Sacramento
  • istoria della Scuola d’Atene vedrà fra l’altre la figura di uno coricato sopra le scale, che meglio in ordine alla positura <lemma val="naturale">naturale</lemma> non si può dimostrare, massime in riguardo all’azione del particolar soggetto, nemmeno conoscerà che si possa mai sedere più acconciatamente di quello si mostri la figura prima ad oggettarsi che appoggiata con la faccia sopra la manca mano sta coll’altra scrivendo con espresione <lemma val="meravigliosa">maravigliosa</lemma>; e per differenza di questi potrà vedere l’ingenocchiato, il quale <pagina numero="158">[p. 158]</pagina> si ritrova del tutto intento per osservare l’espressioni matematiche, che il maestro alquanto incurvato mostra co’ sesti in mano esprimere con ogni puntualità, e per opposto dell’azione che palesa la fermezza vedesi soggetto di tutta movenza, il quale mostra ascendere le scale con tanto di <lemma val="spirito">spirito</lemma>, <lemma val="grazia">grazia</lemma> e <lemma val="propria naturalezza">propria naturalezza</lemma>, che la verità stessa non può palesare simili azioni, che appaiono in questi stupendi istoriati, che per lo saggio di quel più bello che abbia saputo produrre la più <lemma val="perfetta natura">perfetta natura</lemma>. Ma non saria l’istoria, e figura compita ed animata di total <lemma val="perfezione">perfezione</lemma>, quando sopra la buona <lemma val="simmetria">simetria</lemma> del tutto e parte non concorressero l’espressioni de’ più veri e propri <lemma val="effetti">effetti</lemma>, essendo in fatti simili, come più eccellenti qualità quelle che in ogni tempo hanno reso famosi ed immortali i buoni <lemma val="artefici">artefici</lemma>, così testificano del pari l’antiche memorie, mentre vogliono che le qualità più riguardevoli di quei tempi fossero il dar a conoscere mediante <lemma val="artificio">l’artificio</lemma> de’ colori nelle figure delle loro mal pensate deità, sopra l’altre sufficienze, i più particolari e propri effetti non meno della tremenda maestà, tal volta benigna ed amorevole, e benespesso severa ed ultrice, che in altre il furore, lo sdegno, l’amore, la lascivia, con altri più convenevoli effetti corrispondenti alla propria essenza de’ soggetti169 - Affresco, Scuola di Atene
  • Santissimo Sagramento. Quivi vedrassi sopra le nubi nella parte di sopra, come oggetto più degno, la figura dell’umanato Cristo che, spirando <lemma val="grazia">grazia</lemma> amorosa, pare che vivo manifesti veri effetti della Divinità: appare alla destra genuflessa in atto di somma riverenza la figura della Beata Vergine, la quale acconciata con gran <lemma val="decoro">decoro</lemma>, con le mani al petto, e per ogni parte rivestita di panno azurro, che dimostra il puntuale studio di tutte le parti che formano un composto ripieno di spirito e divozione, il quale rivolto con modestissima grazia all’umanato Cristo, mostra <lemma val="vivezza">vivezza</lemma> indicibile per intercedere con efficacissime preghiere appresso il benedetto suo figliulo la salute de’ mortali. Dalla sinistra appare il precursore S. Giovanni Battista, che si dimostra in atto <lemma val="vivacissimo">vivacissimo</lemma>, riverente e divoto, additante la figura del vero Messia. <pagina numero="159">[p. 159]</pagina> E successivamente appaiono espressi con ordine mirabile gli antichi patriarchi, i quali co’ gesti ed effiggiati più convenevoli ed arie insolite e stravaganti, pare che le loro faccie spirino una viva e veneranda Maestà, e quelle de’ Santi Apostoli un intenso amore, ed una sincera carità; sicome i Santi Martiri e Vergini, una più pura semplicità e vera allegrezza di cuore, effetti che si conoscono derivare dalla viva fede, ed intenso amore, che conservano al vero Iddio. Vengono in oltre a dimostrarsi i Santi Dottori ed Evangelisti, diversamente applicati e debitamente intenti in ordine al proprio ufficio, che già esercitarono ad onore e gloria di Dio, et al profitto della Santa Chiesa, e perciò fra questi sono alcuni che si palesano per oggetti primi alla vista in attitudine più rara di speculare, altri di scrivere, vari di studiare ed insieme fare fra di loro dispute per rinvenire il certo di quello che mostrano egregiamente difficoltare, dove si scuoprono ancora di quelli, i quali per ispiegare al vivo una tal più intensa brama appaiono (quando fosse lecito il dirlo) più che veri, posciaché eglino, accomodati adeguatissimamente col tutto della persona alla propria azione, con gesti più particolari e maggiormente propri, formano atti più convenevoli col concerto ed unione de’ sentimenti, di maniera tale che tenendo gli occhi intenti, le ciglia inarcate, l’orecchie erette, la testa diversamente ritorta e la bocca ristretta e verso il naso inalzata, mostrano co’ gli <lemma val="effetti">effetti</lemma> di più fina verità di stupire alcuni di loro per intendere alti misteri, e divenire accertati in un tal punto di quelle cose, che per l’avanti non poco difficoltavano, e queste diverse positure, gesti ed espressioni con ogni parte concertata e propria fanno del continuo conoscere un’estrema <lemma val="maraviglia">maraviglia</lemma> dell’arte, che forsi riuscì più facile ad un tanto soggetto l’esprimerla perfettamente co’ colori, che a scrittore meno che ordinario, mio pari, l’accennarla rozzamente con la penna - Affresco, Disputa del Sacramento
  • Scuola d’Atene, si mirano sopra la solita rara <lemma val="invenzione">invenzione</lemma>, quivi la mirabile disposizione e l’attitudini mai sempre singolari. Nel mezo si vedono i Santi Pietro e Paolo in abito apostolico con atti gravi, e graziosamente compiti in forma di predicare la nuova <pagina numero="160">[p. 160]</pagina> e più vera scienza de’ beni eterni, che hanno in ogni parte espresso il proprio e debito ricercamento; all’intorno stanno diversamente accomodati <persona norm="Platone, filosofo scrittore">Platone</persona>, <persona norm="Socrate, filosofo">Socrate</persona>, <persona norm="Aristotele, filosofo scienziato">Aristotile</persona>, ed altri simili straordinari soggetti co’ libri più famosi da loro composti; quivi dimostrano mirabilmente speculare ciascuno in ordine allo stato e sua propria professione, et in oltre a’ più famosi filosofi dell’antichità si scuoprono parimente gli astrologi e geometri, i quali espressi nella positura più confacevole, si vede fra questi chi tiene la sfera in mano, e vari con sesti, squadre, tavole ed altri propri <lemma val="strumenti">stromenti</lemma> rappresentati in modo più conveniente per dimostrare al vivo la professata<lemma val="virtù"> virtù</lemma> - Affresco, Scuola di Atene
  • il Papa e l’Imperatore danno le Leggi Canoniche e Civili, istoria se non copiosa al pari dell’altre due, almeno di rara e straordinaria <lemma val="perfezione">perfezione</lemma> - Affresco, Virtù e la Legge
  • l’istoria per ogni parte grande del famoso Incendio con figure anco maggiori del vero, e forsi in riguardo de’ figurati di maggior movenza coll’espressione de’ più veri affetti in ordine alla convenienza di pittura sommamente riguardevole - Affresco, Incendio di Borgo
  • Santissimo Sagramento - Affresco, Disputa del Sacramento
  • Scuola di Atene - Affresco, Scuola di Atene
  • il Cristo alla Colonna - Quadro, Flagellazione di Cristo
  • tavola dell’altare maggiore - Quadro, Trasfigurazione
  • il proprio dipinto con miglior facilità, e co’ la più bella e spiritosa invenzione, come nelle figure maggiore <lemma val="spirito">spirito</lemma>, <lemma val="grazia">grazia</lemma> e natural <lemma val="vaghezza">vaghezza</lemma> - Quadro, Trasfigurazione
  • tavola - Quadro, Flagellazione di Cristo
  • sibille, profeti e putti, che furono già espressi dal medesimo <persona norm="Sanzio, Raffaello, pittore architetto">Rafaello</persona> sopra al di fuori della prima <oggetto norm="Cappella, Cappella Chigi">capella - Affresco, Sibille e angeli
  • dipinti che stanno nelle <luogo norm="Roma, villa Farnesina>Loggie dette de’ Ghisi</luogo>, al presente <persona norm="Farnese, famiglia">de’ Farnesi</persona>. E se bene nella <luogo norm="Roma, Loggia di Psiche>Loggia Maggiore</luogo> non venghino stimate per lo più l’opere che colorite da <persona norm="Pippi de’ Jannuzzi, Giulio, detto Giulio Romano, pittore architetto">Giulio Romano</persona>, e forsi anco da altro scolare sopra i puntuali dissegni di tanto maestro, appaiono nondimeno alcune femmine dipinte ignude con <lemma val="esquisito studio">esquisito studio</lemma> e <lemma val="rara naturalezza">rara naturalezza</lemma>, le quali formate, come si viene a raccogliere dalla coniettura particolare di straordinario <lemma val="naturale">naturale</lemma>, palesano un’ <lemma val="eccedente ed insolita bellezza">eccedente ed insolita bellezza</lemma> propria della singolare eccellenza di <persona norm="Sanzio, Raffaello, pittore architetto">Rafaello</persona>, essendo motivi di tal sorte l’occasioni più efficaci, che per lo più hanno eccitato i migliori professori ad operare nella pittura le vere <lemma val="meraviglie">maraviglie</lemma> - Affreschi, Trionfo di Galatea, Loggia di Psiche
  • Galatea, invenzione di tutta puntualità, imperoché non mi posso dar a credere che sia possibile il vedere figura di femmina ignuda con atto più <lemma val="grazioso">grazioso</lemma> e <lemma val="leggiadro">leggiadro</lemma>, e putti maggiormente <lemma val="proporzionati">proporzionati</lemma> e <lemma val="spiritosi">spiritosi</lemma>, nemmeno così bel ricercamento con bene intesa e rilevata <lemma val="naturalezza">naturalezza</lemma> di quello dimostrino gli stessi tritoni - Affresco, Il Trionfo di Galatea
  • tavola di S. Pietro in Montorio dipinta ad oglio, procuri in oltre di veder questo fresco, che in opere tali l’assicuro, che non solo ritroverà la maggiore eccellenza d’ogni altro antecessore, ma al pari ed anco maggiore in ordine a’ più adequati e sodi fondamenti della professione - Quadro, Flagellazione di Cristo
  • meza figura di femmina <lemma val="al naturale">al naturale</lemma> nella <luogo norm="Roma, Palazzo Barberini">Galeria dell’Eminentissimo <persona norm="Barberini, Antonio, cardinale">Antonio Barberino</persona></luogo> dipinta in ordine al <lemma val="gusto">gusto</lemma> di quelle che sono <luogo norm="Roma, Villa Farnesina, Logge Chigi">a’ Ghisi</luogo>, creduta il ritratto e particolar modello della propria innamorata; pittura la quale contiene sopra l’altre adeguatissime sufficienze dell’arte una pastosità straordinaria con grande e ben rilevata <lemma val="naturalezza">naturalezza</lemma> - Quadro, la Fornarina
  • tre quadri che ciascheduno di loro raffigura la Beata Vergine col Cristo Bambino, figure poco meno del naturale, tutte tre di <persona norm="Sanzio, Raffaello, pittore architetto">Rafaello</persona>, ma però totalmente diversificate nell’invenzione, attitudini e gesti, particolari, col tutto ed ogni minima parte in estremo compito con <lemma val="grazia">grazia</lemma> e <lemma val="decoro">decoro</lemma> veramente singolare, in maniera che il <lemma val="virtuoso">virtuoso</lemma> potrà dalla vista adeguatissima di questi rari oggetti restare appieno sodisfatto e consolato - Quadri, Madonna col Bambino
  • radunanza ch’è nel <luogo norm="Roma, Palazzo Borghese">Palazzo de’ Borghesi</luogo> tra l’altre non poche famose ed eccellenti operazioni di pittura la famosa <oggetto norm="Tavola, Deposizione di Cristo">tavola, che dimostra l’istoria <pagina numero="167">[p. 167]</pagina> di Cristo morto, quando vien procurato di sepellirlo, dove interviene con la figura del morto Cristo quella della Santissima Madre, di S. Giovanni ed altri tutti poco meno del naturale con atti dolorosi, e propri alla più <lemma val="bella e convenevole naturalezza">bella e convenevole naturalezza</lemma>, e ’l tutto della sacrata istoria con ogni minima parte si dimostra così in eccellenza e di total <lemma val="perfezione">perfezione</lemma>, che non meno l’ignudo di quelle parti, che sono delicatamente ricoperte, che le denudate, palesano un’estrema <lemma val="perfezione">proporzione</lemma>, con attitudini rare, con ogni espressione più conveniente, con tanto d’unione, <lemma val="spirito, grazia e delicata naturalezza">spirito, grazia e delicata natuaralezza</lemma>, che al di certo si può considerare per una delle più belle operazioni di <persona norm="Sanzio, Raffaello, pittore architetto">Rafaello</persona> e di pittura - collezione Borghese
  • Beata Vergine col Santo Bambino - Quadri, Madonna col Bambino
  • ritratti di teste - Quadri, Ritratti
  • quattro figurati della Beata Vergine col Cristo Bambino, quadri tutti che si ritrovavano sopra quattro porte d’una medesima stanza di somigliante grandezza con figure poco meno di naturale - Quadri, Madonna col Bambino
  • <luogo norm="Roma, Villa Ludovisi">Palazzo della Vigna de’ Lodovisi</luogo> <oggetto norm="Quadri, Madonna col Bambino">quattro e forsi sei quadri del medesimo <persona norm="Sanzio, Raffaello, pittore architetto">Rafaello</persona>, che dimostrano la Beata Vergine col Salvatore Bambino, però quadri di poca grandezza con altre teste di particolari ritratti, i quali tutti palesano in ogni tempo l’estrema sufficienza di così degno maestro - collezione Ludovisi
  • <luogo norm="Roma, Villa Adobrandini">Nel Palazzo pure degli Aldobrandini nel Monte detto Magna Napoli</luogo> si osservano alcuni quadri di somigliante materia, sebene in minor quantità, et anco più piccioli - collezione Aldobrandini
  • Palazzo della Vigna di <persona norm="Damasceni Peretti, Alessandro, cardinale">Montalto</persona> - collezione Peretti Montalto
  • <luogo norm="Roma, Villa Pamphili">Vigna Pamfilia fuori dalla Porta S. Pancrazio</luogo> - collezione Pamphilj
  • nella straordinaria del <persona norm="de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze">Serenissimo Gran Duca di Fiorenza</persona> si vede un <oggetto norm="Quadro, Ritratto di Leone X con i cardinali Giulio de’ Medici e Luigi de’ Rossi">quadro assai grande, che raffigura <lemma val="al naturale">al naturale</lemma> il ritratto di Papa Leone, del Cardinale de’ Medici e de’ Rossi, della solita ma sempre maggiore eccellenza di <persona norm="Sanzio, Raffaello, pittore architetto">Rafaello</persona> - collezione Medici
  • quadro forsi men d’un braccio, che dimostra espresso un capriccioso ritrovato della Beata Vergine col Cristo Bambino fra le braccia, opera talmente ben disposta, e con tanto di bell’artificio ridotta, che dimostra in così angusto spazio quasi meza figura <lemma val="al naturale">al naturale</lemma>, et in questo eccellentissimo dipinto riconoscerà il virtuoso, quello possa operare un ingegno divino in tal professione, perché in effetto quivi l’invenzione è rara, e la disposizione dell’attitudini del tutto pellegrina, che contiene <lemma val="proporzione">proporzione</lemma> adequatissima, ed i panni del proprio abito si vedono così bene appropriati alla qualità della determinata figura, che insieme con le teste, mani e ’l tutto del bellissimo corpicciuolo ignudo palesano una tal più eccellente <lemma val="naturalezza">naturalezza</lemma>, tutta <lemma val="spirito">spirito</lemma>, <lemma val="grazia">grazia</lemma> e <lemma val="decoro">decoro</lemma> e si può dire uno de’ più belli e ben conservati quadri, che abbia dipinto <persona norm="Sanzio, Raffaello, pittore architetto">Rafaello</persona>; et in riguardo di così eccedente paragone restano in tal luogo molt’altri mancanti, con <pagina numero="169">[p. 169]</pagina> tutto che siano di straordinaria <lemma val="bellezza">bellezza</lemma>, e quello che aggiunge alla rara <lemma val="perfezione">perfezione</lemma> il maggior pregio, è il ritrovarsi di sì bella conservazione, che se venisse immediatamente dalle mani dell’artefice - Quadro, Madonna della seggiola
  • Appresso il <persona norm="Farnese, Ranuccio II, duca">Serenissimo Duca di Parma</persona> viene ad osservarsi ancora <oggetto norm="Quadro, ">quadro, che dimostra quasi meza figura di giovane, circa al naturale, molto compito e conservato, il quale palesa in effetto il tutto delle migliori qualità che si possano desiderare ne’ dipinti di piu eccellente <lemma val="perfezione">perfezione</lemma> - collezione Farnese
  • Santa Dorotea, stimata dalla maggior parte di <persona norm="Sanzio, Raffaello, pittore architetto">Rafaello</persona>, veramente di suprema <lemma val="bellezza">bellezza</lemma>, ed in ordine alla più delicata verità pare forsi all’altre del <persona norm="Sanzio, Raffaello, pittore architetto">maestro superiore</persona>, e perciò furono alcuni indotti a credere che sia stata dipinta da <persona norm="Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore">Paolo da Verona</persona> per gusto d’imitare opera particolare di <persona norm="Sanzio, Raffaello, pittore architetto">Rafaello</persona>, ma sia come si voglia, vero è che l’opera si conosce di così rara <lemma val="bellezza">bellezza</lemma>, che si può stimare al pari dell’altre e forsi di vantaggio - Quadro, Dorotea
  • ritratti - Dipinti, Ritratti
  • più perfetto</lemma> - Quadro, Ritratto
  • l’istorie della Beata Vergine - Affresco, Storie della Beata Vergine
  • due istorie - Affresco, Storie di Alessandro Magno
  • due istorie collaterali alla porta - Affresco, Storie della vita dei Santi Pietro e Paolo
  • alcune istorie di Sant’Eustachio - Affresco, Storie di Sant’Eustachio
  • tavola nella <luogo norm="Roma, Basilica di Santa Prassede, Cappella Olgiati">capella</luogo> all’incontro a <luogo norm="Roma, Basilica di Santa Prassede, Cappella della Flagellazione">quella della Santissima Colonna</luogo>, una delle migliori ch’abbia dipinto, ritrovandosi il volto molto ben fatto dal <persona norm="Cesari, Giuseppe, detto Cavalier d’Arpino, pittore">Cavaliere Gioseffo Cesari</persona>, in questa <luogo norm="Roma, Basilica di Santa Prassede, Cappella Olgiati">capella</luogo> ciascuno di loro ha dimostrato l’estremo saggio del proprio valore - Quadro, Incontro di Gesù con la Veronica
  • tavola dell’altare <pagina numero="189">[p. 189]</pagina> maggiore - Quadro, Incoronazione di Maria e santi
  • Calunnia che operò ad imitazione dell’antico <persona norm="Apelle, pittore">Apelle</persona>, forsi il meglio e più compito dipinto che abbia fatto - Quadro, La Calunnia di Apelle
  • cuppola di Santa Maria del Fiore, opera più tosto per la <lemma val="grandezza">grandezza</lemma>, che in ordine alla qualità riguardevole - Cupola, Cupola di Santa Maria del Fiore
  • Cristo quando libera i Santi Padri dal Limbo - Quadro, Cristo libera i Santi Padri dal Limbo
  • istorie di <lemma val="chiaroscuro">chiaro scuro</lemma> nel publico <luogo norm="Forlì, Palazzo del Podestà">Palazzo della Piazza</luogo> - Affresco, Nove Storie eucaristiche e sette Profeti
  • quadro con S. Girolamo ignudo al <lemma val="naturale">naturale</lemma> espresso con intelligenza, e fondamento dell’arte - Quadro, San Girolamo
  • tela d’argento una figura di mezo naturale, che dimostra la Beata Vergine in piedi col Santo Bambino - Quadro, olio su argento, La Beata Vergine col Bambino
  • terza tavola a mano sinistra nell’entrare per la porta maggiore - Quadro
  • gl’Arcivescovi dipinti <lemma val="al naturale">al naturale</lemma>, figure che dimostrano il valore e sufficienza mirabile del medesimo <persona norm="Agresti, Livio, pittore">Agresti</persona>, ed essendo dagli accidenti del tempo in parte guasti, venne permesso da persone di poco giudicio e meno di conoscenza, che soggetto di niuna considerazione con il pretesto di <lemma val="ristorare">ristorare</lemma> e <lemma val="risarcire">risarcire</lemma>, distruggesse e vituperasse il tutto - Quadro, SS. Vescovi Colombini
  • Martirio della Santa - Quadro, Martirio di Santa Caterina
  • l’Assonzione della Beata Vergine co’ Santi Apostoli - Quadro, Assunzione
  • l’Organo - Organo
  • Santissima Trinità - Quadro, Trinità
  • Cristo libera il languente dalla piscina - Quadro, La probatica piscina
  • quando illumina il cieco - Quadro, Guarigione del cieco
  • Cristo morto con alcune figure - Quadro, Deposizione
  • Resurrezione - Quadro, Resurrezione
  • Natività di Cristo - Quadro, Natività
  • una delle famose istorie - Affresco, Pietro d'Aragona offre il suo regno a Innocenzo III
  • <lemma val="intagli">intagli</lemma> delle <lemma val="stampe">stampe</lemma> - Stampe di Giovan Battista de’ Cavalieri
  • l’istorie dell’invenzioni delle croci - Quadro, Invenzione delle Croci
  • Resurrezione di Cristo - Quadro, Resurrezione di Cristo
  • gran tavola con S. Girolamo e vari bellissimi romiti, con raro paese - Quadro, olio su tela, San Girolamo che predica ai monaci nel deserto
  • l’opere di musaica - Mosaico
  • grande istoria, che fa vedere la venuta dello Spirito Santo sopra gli Apostoli - Quadro, olio su tela, Pentecoste
  • tavola di Cristo quando apparve alla Maddalena in forma d’ortolano - Quadro, Cristo appare alla Maddalena in veste di ortolano
  • tavola, che dimostra l’istoria quando Cristo da le chiavi a San Pietro - Quadro, olio su tela, Consegna delle Chiavi
  • l’istoria della resurrezione di Lazzaro - Quadro, olio su tela, Resurrezione di Lazzaro
  • pitture dell’arco, e pilastri della capella vicina alla porticella del fianco - Affresco
  • tutto il dipinto - Quadro, San Matteo e l’Angelo
  • tavola di S. Paolo - Quadro, San Paolo
  • il Cristo con gli Apostoli - Quadro, Ascensione di Cristo
  • Santa Apollonia - Quadro, olio su tela, Santa Apollonia
  • Sant’Agostino - Quadro, Sant' Agostino
  • Santa Monaca - Quadro, Santa Monica
  • Circoncisione di Cristo - Quadro, Circoncisione di Gesù
  • tavola dell’Assunzione di Cristo con i Santi Apostoli - Quadro, pala d’altare, Ascensione di Cristo
  • tavola di S. Francesco, che riceve le stimmate - Quadro, olio su tela, San Francesco riceve le stimmate
  • tre quadri d’istorie con figure picciole - Quadro
  • quadro che dimostra S. Basilio che celebra la messa, lasciato imperfetto per la morte <persona norm="Muziano, Girolamo, pittore">d’esso maestro</persona> - Quadro, Messa di San Basilio
  • Cristo risuscitato - Quadro, Risurrezione
  • istorie della Beata Vergine con alcuni profeti nel volto - Affresco, Storie della Beata Vergine
  • istorie di Cristo - Quadri, olio su tela, Storie di Cristo
  • istorie - Affreschi, Storie della vita di Santa Susanna
  • istoria grande delle Nozze di Canna Gallilea - Affresco, Nozze di Cana
  • S. Giorgio a fresco sopra la porta della parte di dentro - Affresco, San Giorgio
  • istorie di Adamo - Affresco, Scene della Creazione
  • quattro tondi della quattro stagioni - Affresco, Stagioni
  • ne’ peducci le due figure nel vano di mezo dove è <oggetto norm="Affresco, Nascita della Vergine">la natività - Affreschi
  • pezzo di battaglia sopra il muro dentro al <luogo norm="Firenze, Palazzo Vecchio">Palazzo Vecchio</luogo> del <persona norm="De' Medici, Cosimo III, Granduca di Toscana">Serenissimo Gran Duca</persona>, che in fatti non ho veduto opera simile di <persona norm="De' Rossi, Francesco, detto Salviati, pittore">questo autore</persona> - Affresco, Storie di Furio Camillo
  • istorie della Beata Vergine - Affresco, Storie della Beata Vergine
  • tavola, che rappresenta la Natività di Cristo - Quadro, Natività
  • gli Apostoli con varie figure e putti - Affresco, Apostoli e Santi
  • traslazione del corpo di S. Gregorio Naziangeno - Affresco, Traslazione del corpo di San Gregorio Naziangeno
  • cavalcata del Papa con figure picciole che girano all’intorno in forma di fregio - Affresco, Trionfo del Papa
  • istoriette <lemma val="a fresco">a fresco</lemma> della solita <pagina numero="195">[p. 195]</pagina> <lemma val="spiritosa">spiritosa</lemma> sufficienza - Affresco, Episodi della vita di Costantino
  • quadro del Santo - Quadro, San Girolamo
  • l’istorie del santo, figure di straordinaria grandezza - Affresco, Storie di San Lorenzo
  • Presentazione della Beata Vergine al Tempio - Quadro, Presentazione di Maria al Tempio, olio su tavola
  • Visitazione di Santa Elisabetta - Quadro, Visitazione, olio su tavola
  • Cristo che dopo la cena communica i Santi Apostoli con figure assai meno <lemma val="di naturale">di naturale</lemma> - Quadro, Istituzione dell’eucarestia
  • l’istoria famosa dell’Anchise portato dal figlio Enea per iscampo dell’incendio di Troia, che già fu <pagina numero="197">[p. 197]</pagina> non poco nobilitata dall’ <lemma val="intaglio">intaglio</lemma> straordinario di <persona norm="Carracci, Agostino, pittore incisore">Agostino Caracci</persona> - Quadro, Fuga di Enea da Troia, olio su tela
  • tavola della deposizione di Cristo dalla Croce - Quadro, Deposizione dalla Croce, olio su tela
  • tavola dell’Annonziata - Quadro, Annunciazione, olio su tela
  • tavola che dimostra quando il morto Cristo vien portato a sepellire - Quadro, Sepoltura di Cristo
  • tavola coll’istoria del santo quando col fratello Pietro vien chiamato dal Redentore all’Apostolato - Quadro, La Vocazione dei santi Pietro e Andrea
  • Santa Michelina, opera stimata communemente la più eccellente di <persona norm="Barocci, Federico, pittore">Federico</persona> - Quadro, Beata Michelina da Pesaro
  • tavola maggiore col Martirio del Santo - Quadro, Martirio di San Vitale
  • tavola con Cristo morto e diverse figure, la quale per non essere del tutto compita fu facilmente l’ultima operazione, e tutto per l’ordinario, oltre la buona sufficienza del <lemma val="disegno">dissegno</lemma>, si conoscono nella particolar <lemma val="grazia">grazia</lemma> e dolce delicatezza eccedere ogni altro, che da primi capi sino a quei giorni avevano dipinto - Quadro, Cristo Morto e altre figure
  • tavola che dimostra S. Matteo con un Angelo - Quadro, San Matteo e l’angelo, olio su tela
  • l’istoria pure del santo quando fu chiamato da Cristo all’Apostolato, veramente una delle più <lemma val="pastose">pastose</lemma>, rilevate e <lemma val="naturali">naturali</lemma> operazioni, che venga a dimostrare l’artificio della pittura per <lemma val="imitazione">immitazione</lemma> di mera verità, essendo in tal luogo, <pagina numero="198">[p. 198]</pagina> quasi del tutto mancante il <lemma val="lume">lume</lemma>, in modo che opera tale per disgrazia de’ virtuosi e dello stesso autore non si può vedere che imperfettamente - Quadro, Vocazione di San Matteo, olio su tela
  • Cristo morto a sepellire - Quadro, Deposizione nel sepolcro, olio su tela
  • tavola dove intese di rappresentare dalla parte destra la Beata Vergine in piedi col Santo Bambino in collo, e alla sinistra inginocchiati un pellegrino insieme con una vecchia in atto di divozione, e chi viene ad osservarli non può, anco, se non confessare il lor animo ben disposto, ed assai confirmato egualmente nella fede, come nella pura simplicità di cuore per orare ad immagine che, invece di contenere il dovuto <lemma val="decoro">decoro</lemma>, con grazia e devozione, si riconosce per ogni parte priva, avendo in fatti i soli primi capi e maggiori maestri dimostrato in un epilogato a <lemma val="meraviglia">maraviglia</lemma> il tutto - Quadro, Madonna dei Pellegrini, olio su tela
  • istoria della Crocefissione di S. Pietro - Quadro, Crocifissione di San Pietro, olio su tela
  • Conversione di S. Paolo - Quadro, Conversione di San Paolo, olio su tela
  • tavola - Quadro, Assunzione della Vergine, olio su tavola
  • uno assai grande, che dimostra Cristo <pagina numero="199">[p. 199]</pagina> a tavola con i due pellegrini - Quadro, Cena in Emmaus, olio su tela
  • ignudo di S. G. Battista - Quadro, San Giovanni Battista, olio su tela
  • quadro, che fa conoscere S. Tommaso quando mette il dito nel costato di Cristo - Quadro, Incredulità di San Tommaso, olio su tela
  • appresso <luogo norm="Roma, Palazzo Barberini"><persona norm="Barberini, Antonio Marcello, cardinale vescovo">l’Eminentissimo Antonio Barberini</persona> si vede un <oggetto norm="Quadro, I Bari, olio su tela">quadro di meze figure <lemma val="al naturale">al naturale</lemma>, che dimostrano giocare mirabilmente alle carte - collezione Barberini
  • nella <luogo norm="Roma, Villa Pamphilj">vigna Pamfilia fuori della porta S. Pancrazio</luogo> il <oggetto norm="Quadro, La Buona Ventura, olio su tela">quadro della zingara, che dà ad un giovane la buona ventura - collezione Pamphilj
  • quadro una Maddalena - Quadro, Maddalena penitente, olio su tela
  • nella Galeria dell’<persona norm="Pio di Savoia, Carlo, cardinale">Eminentissimo Pio - collezione Pio di Savoia
  • S. G. Battista ignudo, che non potria dimostrare più vera carne quando fosse vivo - Quadro, San Giovanni Battista, olio su tela
  • sicome <oggetto norm="Quadro, Amor Vincit Omnia, olio su tela">l’amoretto, che si ritrova appresso al <persona norm="Giustiniani, Vincenzo, collezionista d’arte banchiere marchese">prencipe Giustiniani</persona>, che fra i dipinti privati di <persona norm="Merisi, Michelangelo, detto Caravaggio, pittore">Michelangelo da Caravaggio</persona> sarà forsi il più degno - collezione Giustiniani
  • nelle stanze del <persona norm="de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze">Serenissimo Gran Duca di Toscana</persona> un <oggetto norm="Quadro, Il Cavadenti, olio su tela">quadro di meze figure della solita naturalezza, che fa vedere quando un ceretano cava ad un contadino un dente - collezione Medici
  • quadro fosse di buona conservazione, come si ritrova in buona parte oscuro e rovinato, saria una delle più degne <lemma val="opere">operazioni</lemma> che avesse dipinto - Quadro, Il Cavadenti, olio su tela
  • nella straordinaria <luogo norm="Modena, Galleria Estense">Galeria del <persona norm="D’Este, Francesco I, Duca di Modena">Serenissimo Duca di Modana</persona></luogo> un <oggetto norm="Quadro, S. Agostino">quadro d’un S. Agostino di meze figure al naturale, il quale sta rivolto con la penna in mano in atto spiritosissimo - collezione Estense
  • S. Sebastiano ignudo, la quale dimostra oltre la solita forza e rilievo della <lemma val="maniera">maniera</lemma>, una tal grazia, delicatezza e maggior decoro, che forsi non ha palesato in altro suo dipinto - Quadro, S. Sebastiano
  • l’istoria di Cristo quando libera lo stroppiato alla porta del tempio - Quadro, San Pietro che guarisce lo storpiato
  • tavola uno fra i migliori dipinti <pagina numero="200">[p. 200]</pagina> che si ritrovino in una tanta chiesa - Quadro, San Pietro che guarisce lo storpiato
  • tavola di S. Girolamo - Quadro, San Girolamo traduce la Bibbia
  • l’istoria di Psiche dimostrata in eccellenza alla propria vista del <lemma val="di sotto in su">di sotto in su</lemma> - Quadro, Storie di Psiche
  • Ecce Homo - Quadro, Ecce Homo
  • quadro, che fece fare già il famosissimo medico <persona norm="Mercuriali, Girolamo, medico filosofo accademico">Girolamo Mercuriali</persona>, uno de’ principali splendori della medesima <luogo città="Forlì">città</luogo> e di tutta la medicina, il quale è dalla parte destra di detta capella, e dimostra quando detto santo in processione guida miracolosamente il drago che infestava per ogni parte il paese per precipitarlo in un pozzo vicino, come fece - Quadro, San Mercuriale ammansisce il drago e libera la città di Forlì
  • tavola nel maggiore altare, che raffigura detta santa, ma di maggiore bellezza dell’altre - Quadro, Santa Caterina
  • l’istorie di Santa Caterina Senese - Quadro, Storie di Santa Caterina
  • storia quando il santo fa precipitare Simon Mago coll’orazione - Quadro, San Pietro fa precipitare Simon Mago con l’orazione
  • l’istoria del Martirio di S. Giuliano con figure intere al vivo, che al sicuro non ha dipinto opera maggiore - Quadro, Martirio di San Giuliano
  • Iuditta - Quadro, Giuditta con la testa di Oloferne
  • tavola della terza capella a mano destra dedicata a S. Girolamo - Quadro, S. Girolamo
  • famosa Madonna <pagina numero="202">[p. 202]</pagina> detta del Sacco - Affresco, Madonna del Sacco
  • nel <luogo norm="Roma, Palazzo Giustiniani">Palazzo del Principe Giustiniani</luogo> alcuni quadri - collezione Giustiniani
  • <persona norm="Campori, Pietro, cardinale vescovo">Monsignor Campori</persona>, opere veramente di rara <lemma val="naturalezza">naturalezza</lemma> - collezione Campori
  • nella <luogo norm="Modena, Galleria Estense">Galeria</luogo> del <persona norm="D’Este, Francesco I, Duca di Modena">Serenissimo Duca di Modana</persona></persona> un <oggetto norm="Quadro, Martirio di San Bartolomeo">gran quadro, che rappresenta il martirio di S. Bartolomeo con diverse figure intere <lemma val="al naturale">al naturale</lemma> - collezione Estense
  • un altro un gioco di carte - Quadro, I giocatori di carte
  • l’istoria del serpente - Affresco, Mosè e il serpente di bronzo
  • giudicio universale, opera copiosa, che dimostra molta prattica e risoluzione nel dipingere - Affresco, Giudizio Universale
  • quadri alle bande coll’istorie del santo - Affresco, Vita di San Francesco
  • istorie del santo - Affresco, Storie di s. Carlo Borromeo
  • un’altra tavola - Quadro, Adorazione dei magi
  • il Santo quando castiga la moglie d’Anania con la subita morte - Quadro, La morte di Anania e Saffira, olio su ardesia
  • istorie nella <luogo norm="Roma, Basilica di Santo Stefano Rotondo al Celio">Chiesa di S. Stefano Rotondo</luogo> co’ paesi di <persona norm="Da Siena, Matteo, pittore">Matteo da Siena</persona> - Affresco, Martirio di vari santi
  • tribuna Cristo con copia d’angeli - Affresco, Cristo benedicente e angeli
  • due istorie grandi di S. Lorenzo - Affresco, Storie di San Lorenzo
  • istorie della vita a fresco - Affresco, Episodi della Vita di Cristo
  • tavola in mezo - Quadro, S. Alberto, olio su tela
  • l’istorie del Santo alle parti - Affresco, Storie della vita del Santo, angeli e profeti
  • l’istoria della Crocefissione del Santo, una delle migliori <lemma val="opere">operazioni</lemma> che si ritrovi in <luogo norm="Città del Vaticano, Basilica di San Pietro in Vaticano">detta chiesa</luogo> - Quadro, Crocefissione del Santo, olio su tela
  • tavola della particolar <luogo norm="Forlì, Chiesa di San Mercuriale, Cappella del Santo Protettore">capella del Santo Protettore</luogo> - Quadro, Madonna e santi
  • tavola della <luogo norm="Forlì, Chiesa di S. Maria dei servi, Cappella della Beata Vergine">capella dedicata alla Beata Vergine</luogo> - Quadro, Madonna della Ghara
  • Sansone che porta in spalla - Affresco, Sansone
  • le porte della città di Gaza, e le dipinte Virtù con putti vari, e gli apostoli - Affresco, Decorazioni
  • battaglie, che sono dentro al <luogo norm="Roma, Palazzo del Campidoglio">Palazzo del Campidoglio</luogo>, nelle quali si può dire, che questo <persona norm="Cesari, Giuseppe, detto Cavalier d'Arpino, pittore">maestro</persona> dimostrasse uno sforzo del proprio <lemma val="sapere">sapere</lemma>, e degne in vero mai sempre d’osservazione e di memoria - Affresco, Episodi della Storia di Roma
  • un raro pensiero con figure picciole di <lemma val="chiaroscuro">chiaro oscuro</lemma>, espresso in vero con grande studio e spirito, rappresentante la caduta di Lucifero co’ suoi seguaci - Quadro, Caduta degli Angeli ribelli
  • famoso Giudicio - Affresco, Giudizio Universale
  • l’una che dimostra alla destra dell’altare maggiore S. Ignazio - Quadro, Miracoli di S. Ignazio di Loyola
  • l’altra all’incontro S. Francesco Xaverio - Quadro, Miracoli di San Francesco Saverio
  • Santa che abbraccia la croce con vari putti - Quadro, Trionfo di sant'Elena
  • l’istoria della Coronazione di spine - Quadro, Incoronazione di spine
  • Crocefissione d’esso Cristo, con la Beata Vergine, e le Marie e diversi manigoldi - Quadro, Innalzamento della croce
  • quadro, che dimostra un S. Girolamo anco maggior del vero, figura intera, con un Leone di puntuale e rara naturalezza, e opera tale viene stimata delle migliori ch’abbia dipinto - Quadro, San Girolamo
  • ritratto della Serenissima Infanta di Savoia Madre del Serenissimo vivente, figura intera di gran naturalezza - Quadro, Ritratto di Isabella di Savoia
  • S. Clemente posto nella Rocca e gettato nel mare coll’ancora al collo - Affresco, Martirio di San Clemente
  • due paesi, che dimostrano fortune di mare - Affresco, Paesaggi
  • belli paesi nella loggia verso la strada - Affresco, Paesaggi
  • rappresentazione di Sodoma che abbrugiava, di grandezza anco meno di un quarto di carta, ma al sicuro non credo che il fuoco al vivo sia stato meglio rappresentato da verun maestro coll’<lemma val="artificio dei colori">artificio de’ colori</lemma> - Quadro, Sodoma
  • martirio di S. Erasmo con figure diverse <lemma val="al naturale">al naturale</lemma> - Quadro, Martirio di Sant'Erasmo, olio su tela
  • <persona norm="dal Pozzo, Cassiano, collezionista antiquario">Cavalier dal Pozzo</persona>, dove riconoscerà <pagina numero="207">[p. 207]</pagina> <oggetto norm="Quadro, Sette Sacramenti, serie">l’istorie de’ Sette Sagramenti della Chiesa con figure circa d’un braccio esprimenti a <lemma val="meraviglia">maraviglia</lemma> con ogni spirito e decoro il tutto dell’istoria - collezione dal Pozzo
  • tavola della Presentazione al Tempio, istoria con figure di straordinaria grandezza - Quadro, Presentazione di Gesù al Tempio
  • istoria che si ritrova nelle prime stanze dell’appartamento nobile di detto <luogo norm="Roma, Palazzo Barberini">Palazzo de’ Bernini</luogo> fatta adequatamente nella volta alla vista del <lemma val="di sotto in su">di sotto in su</lemma> - Affresco, La Divina Sapienza
  • tavola di sua mano nella capella alla destra dell’altare maggiore - Quadro, Morte di S. Anna
  • S. Caterina da Siena, nella quale si osserva la Beata Vergine con la Santa, ed altri Santi diversi, e due putti, che mostrano cantare nella parte del piano di rara bellezza, e nella parte di sopra s’osserva la volta dipinta - Pala d’altare, Altare di Santa Caterina da Siena e Tommaso d’Aquino
  • l’Altare del Santo - Pala d’altare, Pala di San Giobbe
  • la più rara di <persona norm="Bellini, Giovanni, pittore">Giovanni</persona>, quella che io viddi nella <luogo città="Venezia, Chiesa di San Zaccaria">Chiesa delle Monache di S. Zaccaria</luogo>, dove sta il deposito del Santo - Pala d’altare, Pala di San Zaccaria
  • tavola - tavola
  • diverse<lemma val="istorie">istorie</lemma> della Santa che dimostrano lo straordinario fondamento di così puntuale artefice. - Affreschi, Storie di Sant’Orsola
  • alcuni dipinti ne’ peducci della cuppola, come nelle parti all’intorno, e per quello si può conoscere dimostrano una rara sufficienza con <lemma val="maniera">maniera</lemma> mai sempre stupenda - Affreschi, Percorso dell’umanità verso Dio fin dai tempi del paganesimo
  • nella <luogo città="Modena, Galleria Estense">Galeria di Modana</luogo> <oggetto norm="Ritratti">alcune teste - collezione Estense
  • essendo assai meglio mantenuto <oggetto norm="Quadro, Ritratto">un ritratto di meza figura, ch’è appresso il <persona norm="Farnese, Odoardo I, duca">Serenissimo di Parma</persona> - collezione Farnese
  • nello studio de’ <persona norm="Muselli, collezionisti">Muselli</persona> vi è un <oggetto norm="Quadro"> quadro di meza figura anco maggiore del vero di rara bellezza - collezione Muselli
  • quella de’<persona norm="Ludovisi, famiglia principesca">Lodovisi</persona>, che mostrano <oggetto norm="Affreschi, L’aurora, La Fama">diversi capricci, come di cantare alcuni, e altri di sonare, con ritratti stravaganti, soggetti per quello si può comprendere molto confacevoli al particolar <lemma val="genio">genio</lemma> dell’autore, dimostrando con lo <lemma val="spirito">spirito</lemma> tanto di sapere, e bella verità, <pagina numero="213">[p. 213]</pagina> che pare non si possano che in estremo lodare - collezione Ludovisi
  • <luogo città="Roma, Villa Borghese">Palazzo de’ Borghesi</luogo>, dove si vede fra gli altri un quadro <lemma val="istoriato">istoriato</luogo>, e un altro al solito di meze figure, e tutte mai sempre sufficienti e laudabili - collezione Borghese
  • nella <luogo città="Roma, Galleria Doria Pamphilj">Galeria degli Aldobrandini</luogo> al <luogo città="Roma, Monte Magnanapoli">Monte detto Magna Napoli</luogo> alcune teste, e in altri diversi luoghi somiglianti teste e meze figure, che dimostrano continuamente l’eccellenza d’uno de’ maggiori maestri che nella pittura abbia operato a’ tempi moderni - collezione Aldobrandini
  • la tavola col S. Marco in mezo, e altri Santi dalle parti uniforme al maestro Bellini - Quadro, San Marco in trono
  • all’opere che dipinse nell’esterno muro del sopracitato <luogo città="Venezia, Fondaco dei Tedeschi">Fondaco de’ Tedeschi</luogo> - Quadri, Caino ed Abele, Il sacrificio di Abramo ed Isacco, Davide e Golia>ne’ quadri del suffittato d’eccellenza suprema</oggetto>. E se intorno <oggetto norm="Affreschi, Giuditta o Giustizia
  • l’Altare in capo al Coro, che rappresenta la Beata Vergine, che ascende al Cielo accompagnata con angeli all’intorno in forma di bellissimi putti ignudi co’ Santi Apostoli, tutte figure anco maggiori del vero - Quadro, Assunta
  • e nell’altra, ch’è circa il mezo della Chiesa nell’entrare a mano sinistra, vi è la Beata Vergine col Santo Bambino, e S. Pietro, figure poco meno del vero, e alla sinistra dalla parte di sotto vi sono alcuni ritratti di meze figure, così somiglianti al vero, e dimostrano tanto di <lemma val="spirito">spirito</lemma> e <lemma val="vivezza">vivezza</lemma>, che in riguardo della loro stupenda bellezza vien detta la tavola de’ ritratti, contuttoché si ritrovino anco le figure dell’una e l’altra tavola di suprema eccellenza - Quadro, Madonna di Ca’ Pesaro
  • tavola del martirio di S. Lorenzo, che sembrava essere <lemma val=illuminata">illuminata</lemma> da più veri e stupendi riflessi del fuoco, opera al pari d’ogni altra rara e <lemma val="maravigliosa">maravigliosa</lemma> - Quadro, Martirio di San Lorenzo
  • carte intagliata - Stampa di Cornelis Cort
  • la tavola dell’Altare maggiore con quattro figure di Santi, che palesano la più bella, rilevante e vera pittura che forsi abbia dipinto il raro Tiziano, e che in altro luogo dimostri l’arte a gloria della professione - Quadro, La Madonna col bambino e Santi
  • chiesa di S. Salvatore ove risiedono i Padri Regolari di S. Agostino</luogo>, l’una <oggetto norm="Quadro, Trasfigurazione">nell’Altare maggiore con la Trasfigurazione di Cristo nel Monte Tabor - Quadro, Annunciazione>tavole</oggetto> nella <luogo città="Venezia, Chiesa di San Salvador
  • nell’entrare dalla porta maggiore verso il mezo della chiesa a mano destra, ch’è la Beata Vergine Annonziata dall’Angelo - Quadro, Annunciazione
  • tre tavole non meno differenti in riguardo della <lemma val="maniera">maniera</lemma> che del soggetto, tutte però palesano egregiamente l’intento del maestro conforme a quello che pretende far conoscere in ordine a’ più veri effetti della natura; e nel soffittato stanno i tre gran quadri, che dimostrano al proprio della vista al disotto in su, tre istorie del Testamento Vecchio, con le figure maggiori del vero; il soggetto di questi in uno è il Sacrificio di Abramo, e nell’altro <pagina numero="216">[p. 216]</pagina> quando Davide uccise Gola Gigante, e nel terzo Caino quando ammazza Abel, istorie della più compita, vera e bella <lemma val="maniera">maniera</lemma> che si ritrovi fra i dipinti di tanto maestro; quivi la <lemma val="proporzione">proporzione</lemma> e intelligenza di <lemma val="prspettiva">prospettiva</lemma> campeggia al supremo segno, appaiono l’invenzioni puntuali, le disposizioni molto ordinate e le figure per ogni parte compite, le quali s’inalzano sopra all’occhio al proprio della veduta con tanto di <lemma val="rilievo">rilievo</lemma>, <lemma val="spirito">spirito</lemma> e più bella e convenevole azione rassembrando formate di carne viva, che arrecano un gustoso spavento al riguardante, come se al vero vedesse in tal luogo così orrende dimostrazioni, e questi sono senza difficoltà i più belli dipinti, che a’ nostri tempi si conservino in ordine alla più adeguata imitazione della bella natura, e quelli che verranno ad osservare ignudi di tal sorte per mostrare la più esquisita verità, avranno anco occasione di conoscere che <persona norm="Vecellio, Tiziano, pittore">Tiziano</persona>, avendo espresso a <lemma val="maraviglia">maraviglia</lemma> il più difficile in occasione, non aveva bisogno d’addottrinarsi sopra gl’ignudi e in altre operazioni del <persona norm="Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto">Bonarota</persona>, e d’altri simili, come fantasticarono i sopra citati autori173 stimando un tanto soggetto mancante, per non ritrovarsi facilmente delle proprie parti e a lor gusto confacevole, e in ordine a maestri stimati da loro per norma infallibile della perfetta operazione, benché siano poi questi tali per lo più lontani dalla bella idea e più vera <lemma val="naturalezza">naturalezza</lemma>, e per opera corrispondente a mentoati quadri - Quadri, Sacrificio di Abramo, Davide e Golia e Caino e Abele
  • tavola del martirio di S. Pietro Martire, pittura al sicuro della più eccellente bellezza, che in alcun tempo possa dimostrare coi suoi più vivi effetti la natura per esprimere in eccellenza il vero - Quadro, martirio di san Pietro da Verona
  • Coronazione di Cristo - Quadro, Incoronazione di Spine
  • sopra trenta pezzi dell’eccellentissimo <persona norm="Vecellio, Tiziano, pittore">Tiziano</persona>, opere d’ogni grandezza, alcuni di <lemma val="istorie">istorie</lemma>, altri di meze figure, e diversi con teste, e particolari ritratti, rappresentati per l’ordinario di naturale misura, tutti caratterizzati dalla singolare sufficienza di <persona norm="Vecellio, Tiziano, pittore">Tiziano</persona>, massime i ritratti si dimostrano di così tremenda <lemma val="verità">verità</lemma> che spaventano il riguardante, e con la loro suprema eccellenza mostrano soprastare in tal luogo od ogni altro dipinto - Quadri
  • sono pure nella <luogo norm="Roma, Villa Ludovisi">Galeria de’ Lodovisi</luogo> anco <oggetto norm="Quadri">più d’una dozina di quadri, la maggior parte ritratti e meze figure, rappresentati al vero per ogni parte di dovuta corrispondenza - collezione Ludovisi
  • e di tal sorte sono parimente <oggetto norm="Quadri">diversi pezzi nell’ <luogo norm="Roma, Villa Aldobrandini">altra degli Aldobrandini</luogo> al <luogo città="Roma, Monte Magnanapoli">Monte detto Magna Napoli</luogo> - collezione Aldobrandini
  • e nel <luogo città="Roma, Palazzo Farnese">Palazzo de’ Farnesi</luogo> - collezione Farnese
  • diverse meze figure al solito della sua straordinaria e grande operazione - Quadri
  • la bellissima Danae, la quale si vede coricata delicatamente sopra il morbido letto, figura per ogni parte d’intero naturale, che sta nell’atto più bello e maggiormente disposto per sperimentare la desiderata pioggia d’oro, e nel piano appare la figura parimente intera ed ignuda d’Amore, che mostra di raccogliere la copia dell’oro - Quadro, Danae
  • Sono in oltre diversi pezzi nella <luogo città="Roma, Villa Montalto">Galeria de’ <persona norm="Damasceni Peretti, Alessandro, cardinale">Montalti</persona></luogo> - collezione Peretti Montalto
  • <persona norm="Pio di Savoia, Carlo, cardinale">dell’Eminentissimo Pio</persona> - collezione Pio di Savoia
  • <luogo città="Roma, Porta San Pancrazio">porta S. Pancrazio</luogo> alla <luogo città="Roma, Villa Pamphilij">Vigna Pamfilia</luogo> - collezione Pamphilj
  • radunanze - collezioni
  • <luogo città="Firenze, Galleria degli Uffizi">Galeria del <persona norm="de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze">Serenissimo Gran Duca</persona> di Toscana</luogo> altri due quadri assai grandi, i quali dimostrano femmine ignude intere al <lemma val="naturale">naturale</lemma>, e questi ancorché siano del medesimo <persona norm="Vecellio, Tiziano, pittore">Tiziano</persona> palesano però <lemma val="maniera">maniera</lemma> differente, l’una dimostra dipinto più gagliardo, e coricato con tanto di <lemma val="rilievo">rilievo</lemma>, morbidezza e bella <lemma val="verità">verità</lemma>, che resta tantosto presa la vista dell’osservante dalla rara <lemma val="naturalezza">naturalezza</lemma> di questo straordinario oggetto, e viene anco di questo sopra d’ogni altro a compiacersi: e l’altro, che fa vedere più chiara, facile e ben’intesa operazione, arreca forsi maggior <lemma val="maraviglia">maraviglia</lemma>, come quello che, mediante il gran possesso, ed <pagina numero="222">[p. 222]</pagina> intelligenza della professione, asconde egregiamente all’occhio quell’affettato <lemma val="artificio">artificio</lemma>, che bene spesso, riconosciuto dal <lemma val="virtuoso">virtuoso</lemma>, fa che non venga a ricevere quell’inganno e <lemma val="gusto">gusto</lemma>, che ne deriva da quelle che dimostrano una pura <lemma val="verità">verità</lemma>, come se dalla stessa madre natura fossero immediatamente prodotte e di tal <lemma val="maniera">maniera</lemma> dirò che sia stato un tal quadro, essendo al presente così mal trattato dall’ingiurie del tempo, che ormai si ritrova del tutto consumato - collezione Medici
  • S’osserva pure nella città di <luogo città="Parma">Parma</luogo> appresso il <persona norm="Farnese, Odoardo I, duca">Serenissimo Signor Duca</persona> un ritratto al naturale dell’ <persona norm="Carlo V, imperatore">Imperatore Carlo V</persona> a cavallo, il tutto adeguatamente espresso, quadro assai grande ben conservato, e per ogni parte mirabile, opera veramente della prima e più eccellente bellezza del medesimo <persona norm="Vecellio, Tiziano, pittore">Tiziano</persona>, come ancora un altro ritratto di meza figura degno ancor esso d’un tanto artefice - collezione Farnese
  • e in <luogo città="Milano">Milano</luogo> in casa del <persona norm="Serra, Giovan Francesco, marchese">Marchese Serra</persona> <oggetto norm="Quadro, Venere e Adone">un quadro famoso e degno, che contiene la favola di Venere con Adone, figure della più rara bellezza - collezione Serra
  • sicome in <luogo città="Verona">Verona nello studio del <persona norm="Muselli, Giacomo, collezionista">Muselli</persona> - collezione Muselli
  • ed anco appresso il <persona norm="Cortoni, famiglia collezionisti">Cortoni</persona> - collezione Cortoni
  • e <persona norm="Pona, Francesco, medico collezionista">Pona</persona> - collezione Pona
  • radunanze - collezioni genovesi
  • quadri - Quadri
  • E dopo la vista di questi ed altri somiglianti d’un tanto famoso maestro, non tralascierà il buon <lemma val="gusto">gusto</lemma> del virtuoso di vedere nella singolar radunanza di <luogo città="Modena">Modana</luogo> anco in poco spazio i più qualificati dipinti, che in alcun tempo abbia palesato il gran <persona norm="Vecellio, Tiziano, pittore">Tiziano</persona>. Quivi avrà occasione di riconoscere, oltre vari e bellissimi ritratti, uno in particolare, degno in vero anco sopra d’ogn’altro d’osservazione, ed è questo il vero ritratto che fa conoscere fino al presente la più naturale effigie della propria sua innamorata, quando egli eccitato dallo spirito amoroso rappresentolla in tal <lemma val="guisa">guisa</lemma>, e chi tenesse principio di difficoltà in crederla d’essa, dopo aver osservato l’estrema maestria che si scuopre in tanto dipinto, venendoli permesso, potrà ancora nello stesso luogo leggere la lettera che scrisse il maestro <persona norm="Vecellio, Tiziano, pittore">Tiziano</persona> al <persona norm="d’Este, Alfonso III, duca">Serenissimo Duca Alfonso</persona> all’ora che d’essa fece il dono, che vive appresso il Serenissimo Padrone, nella quale avvisa questo gran Prencipe <pagina numero="223">[p. 223]</pagina>, ch’avea operato con ogni spirito e <lemma val="industria">industria</lemma> a fine di poter corrispondere in qualche parte al suo gran merito, mediante l’espressione dell’oggetto più amato, e pensava che in essa fosse per gradire l’immenso desiderio di sodisfarlo, non avendo cosa più cara. Chi dubiterà, adunque, che questo non sia uno de’ migliori operati del suo raro pennello? Questo effigiato viene a dimostrare giovane, di grandezza al vero corrispondente, espressa nell’atto di sodamente camminare con grazia e convenevole decoro, scuopre più di meza faccia, e sta riguardando leggiadramente col ventaglio in mano, espressa si può credere nel tempo estivo all’ora che veniva vagheggiata da così <lemma val="virtuoso">virtuoso</lemma> amante. E questo è l’esempio in prattica, che chiaramente dimostra quanto siano valevoli per la buona operazione i grandi incentivi d’amore e gli impulsi di compiacere al gusto de’ più degni Prencipi, i cui commandi ne’ soggetti ordinari operano eccelsi, e negli straordinari miracoli; il primo fra l’altre operazioni lo diede a vedere questo gran maestro di <persona norm="Vecellio, Tiziano, pittore">Tiziano</persona> nel quadro di tal ritratto, ed anco di vantaggio nell’ <oggetto norm="Quadro, Cristo della moneta">altro detto del Cristo della moneta - collezione Estense
  • quello in particolare di Papa Paolo III rappresentato nell’età mancante, che più naturale e proprio non è possibile imaginare - Quadro, Ritratto di Paolo III
  • si viene poi ad osservare in altro quadro la Beata Vergine che tiene in collo il Santo Bambino ignudo, e S. Paolo nella parte d’avanti, figure dimidiate, ma di tutta <lemma val="naturalezza">naturalezza</lemma>; ed opera tale non meno in riguardo a’ grandi dissegnati che alla particolar <lemma val="maniera">maniera</lemma>, è molto dall’altro diversa, essendo questo secondo quadro opera di maggior rilievo e forza e di più gagliarda <lemma val="verità">verità</lemma>, benché inferiore nello studio, facilità, e grazioso decoro; si dovrà però credere, come dimostrano a sufficienza gli effetti dell’opere, che un tal maestro già reso per ogni parte valevole, che anco sapesse spiegare in varie maniere i propri dipinti, conforme la diversità dell’occasioni e degli oggetti, e differenti fantasmi che ad esso si rappresentarono, e ch’erano al di lui gusto più confacevoli e stimati migliori; l’intervento però del S. Paolo pare che in tal caso venga a difficultare l’ <lemma val="istoria">istoria</lemma>, quando non vogliamo credere, sicome dimostra determinata effigie, che già facesse il maestro l’opera nobile particolare e che in un tal luogo ambisse il proprio ritratto col rappresentato di S. Paolo, che forsi era, se non conforme al suo nome almeno il suo protettore ed avvocato; si vede in questo il tutto dell’opera ridotto a compimento con <lemma val="maniera">maniera</lemma> talmente gagliarda, e vera mediante una suprema intelligenza di colori, che fa conoscere il corpo del Cristo Bambino con tal <lemma val="proporzione">proporzione</lemma>, e così raro nella pastosità di più vera carne, che se bene insieme con le teste, mani e panni non palesi in paragone de’ più compiti, che imperfetta finitezza, osservato però nella debita distanza, si dimostra non poco riunito, e sufficientemente ricercato in ordine alla vera e più bella <lemma val="naturalezza">naturalezza</lemma>; in modo che gli altri, ancorché dipinti da più degni maestri, perdono di vicino, ed appaiono come immobili ed <lemma val="artificiati">artificiati</lemma> - Quadro, Madonna col bambino tra i santi Battista, Paolo, Maddalena e Girolamo
  • <luogo città="Roma, Galleria Farnese">Galeria de’ Farnesi</luogo> - collezione Farnese
  • Galeria dell’<persona norm="Pio di Savoia, Carlo, cardinale">Eminentissimo Pio</persona> un <oggetto norm="quadro, ratto d’Europa">quadro assai grande con le figure al naturale, che dimostra con bellissima espressione la favola d’Europa, opera degnamente creduta di <persona norm="Caliari, Paolo, detto Paolo Veronese, pittore">Paolo da Verona</persona> - collezione Farnese
  • un quadro di S. Giovanni Battista predicante nel deserto, figura di giovane al naturale, che si conserva da essi Padri, che sogliono sapere creduto per infallibile originale di <persona norm="Sanzio, Raffaello, pittore architetto">Rafaello</persona> - Quadro, San Giovanni Battista di Giulio Romano
  • la medesima figura in quadro di total somiglianza ritrovai poco dopo nel <luogo città="Roma, Palazzo Borghese">Palazzo de’ Borghesi</luogo> - collezione Borghese
  • Europa - quadro, ratto d’Europa
  • Il terzo di questi quadri non sarà che circa alla grandezza di mezo braccio, con le figura anco meno d’un palmo, il quale dimostra Cristo Bambino nel Presepio colla Santa Madre e San Gioseffo, ma così compito, spiritoso e vero, che fa conoscere anco in tal forma d’opere piccioli, grandi effetti di <lemma val="maraviglia">maraviglia</lemma> - Quadro, Natività di Cristo
  • il famosissimo dipinto detto communemente per eccellenza il quadro della moneta - Quadro, Cristo della moneta
  • tavola<luogo norm="Venezia, chiesa di S. Giovanni Grisostomo">nella chiesa di S. Giovanni Grisostomo</luogo> con detto santo ed altri santi differenti per una parte, e dall’altra sono tre sante, leggiadrissime figure - quadro, Pala di S. Giovanni Crisostomo
  • portelle dell’organo con diversi santi, e massime un S. Sebastiano ignudo - ante dell’organo, Santi Bartolomeo, Sebastiano, Ludovico da Tolosa e Sinibaldo
  • dipinti che si ritrovano nella <luogo norm="Roma, Chiesa di Santa Maria del Popolo, Cappella Chigi">chiesa di Santa Maria del Popolo nella capella de’ Ghisi</luogo> con figure al <lemma val="naturale">naturale</lemma>, che dimostrano fondamento e prattica al maggior <lemma val="segno">segno</lemma> - quadro, Nascita della Vergine
  • pitture che operò nella minor loggia a medesimi <persona norm="Chigi, Famiglia">Ghisi</persona>, che al presente vien posseduta da’ <persona norm="Farnese, famiglia">Farnesi</persona> nella via detta la <luogo norm="Roma, Villa Farnesina">Longara</luogo>, ove si vede dalle parti di sopra della famosissima <luogo norm="Roma, Loggia di Psiche">Galeria di <persona norm="Sanzio, Raffaello, pittore architetto">Rafaello</persona></luogo> le figure dell’Icaro, e Polifemo - affreschi, Polifemo, Icaro
  • prima capella a mano destra - Cappella Borgherini, cappella della flagellazione
  • pittura ad oglio sopra il muro, la quale dimostra la figura del Redentore legato ignudo alla colonna di <lemma val="naturale">natural</lemma> grandezza, opera per ogni parte <lemma val="famoso">famosa</lemma>, e sopra ogni altra dell’artefice in estremo <lemma val="bello">bella<lemma>, e <lemma val="compito">compita</lemma> per esser quell’unico dipinto, il quale in se contiene il tutto della più esatta e <lemma val="sufficiente">sufficiente</lemma><lemma val="virtù">virtù</lemma> di <persona norm="Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto">Michelangelo</persona>, e <persona norm="Luciani, Sebastiano, detto Sebastiano Del Piombo, pittore">Sebastiano</persona> insieme - olio su intonaco, flagellazione di Gesù
  • Il che si manifesta nella <luogo norm="Roma, Galleria Borghese">Galeria de’ Borghesi</luogo> nello stesso sopracitato <luogo norm="Roma, Palazzo Borghese">palazzo</luogo>, essendovi alcuni pezzi d’ignudo, e vari ritratti d’estrema <lemma val="bellezza">bellezza</lemma> - collezione Borghese
  • e <oggetto norm="Quadri">diversi e somiglianti quadri - collezione Ludovisi
  • ed in <luogo norm="Roma, Villa Montalto">quella di <persona norm="Damasceni Peretti, Alessandro, cardinale">Montalto</persona></luogo> - collezione Peretti Montalto
  • radunanze - collezioni
  • e fuori appresso i serenissimi <luogo norm="Firenze, gallerie medicee">Medici</luogo> alcuni <oggetto norm="quadri">quadri - collezione Medici
  • e nella <luogo norm="Modena, galleria estense">Galeria del <persona norm="d’Este, Francesco I, duca di Modena">Serenissimo di Modana</persona></luogo> alcune <oggetto norm="quadri, teste">teste - collezione Estense
  • e in <luogo città="Parma">Parma</luogo> appresso quel Serenissimo vi è un <oggetto norm="quadro, ritratto a mezzo busto">ritratto di meza figura - collezione Farnese
  • son’ancora particolari <oggetto norm="quadri, ritratti">teste - collezione Muselli
  • quadri - quadri
  • <luogo norm="Verona, collezione Curtoni">Cortoni</luogo> nella città di <luogo città="Verona">Verona</luogo> - collezione Curtoni
  • coll’istorie a fresco del Testamento Vecchio - affreschi, storie del Vecchio Testamento
  • pitture con bellissimi scorci - affreschi
  • fregio di mostri marini ad oglio - fregio, mostri marini
  • quadro - quadro, San Martino e San Cristofo
  • tavola - pala d’altare, Santi Caterina, Rocco e Sebastiano
  • diversi santi - tela, San Lorenzo Giustiniani e Santi
  • Atlante ignudo - Affresco, Atlante
  • due <lemma val="bellissime">bellissime</lemma> femmine vestite - affresco, figure femminili
  • gran tavola - quadro
  • figure maggiori del vero, che rappresentavano diverse favole - affreschi
  • dipinti - affreschi
  • due capelle - cappella di Santa Caterina, cappella dei Re Magi
  • coll’istorie di S. Caterina - affreschi, storie di Santa Caterina
  • nell’altra di Cristo - affreschi, storie di Cristo
  • l’altare di S. Agostino - altare di S. Agostino
  • fregio di bellissimi putti - fregio, putti
  • istorie - opere, storie
  • quadri istoriatidi grandezza per ogni parte riguardevole, ed uno in particolare, che dimostra insieme con esso maestro tutti di sua famiglia - quadri
  • quadri - quadri
  • tavoletta - quadro, Disputa dell’immacolata concezione
  • Dio Padre sostenuto da putti - affresco, dio padre sostenuto da putti
  • la tavola, che si riconosce de’ <persona norm="Carracci, Agostino, pittore incisore">Carracci</persona>, appare anch’ella molto <lemma val="compita">compita</lemma> <pagina numero="239">[p. 239]</pagina> e riguardevole, potendosi similmente stimare una delle più grandi ed eccellenti operazioni di questo degno maestro, quella che si ritrova al di dentro nella facciata del <luogo norm="Cremona, Duomo, Cattedrale di S. Maria Assunta">Duomo di Cremona</luogo>, che dimostra <oggetto norm="affresco su controffacciata, crocifissione">Cristo fra ladroni crocefisso coll’intervento di molte persone</persona>, e ’l tutto ridotto a segno di gran sufficienza. Nella <oggetto norm="collezione Estense">Galeria del <persona norm="d’Este, Francesco I, duca di Modena">Serenissimo di <luogo città="Modena">Modana</persona></luogo> sono alcune <oggetto norm="quadri, teste">teste - quadro, disputa sull’immacolata concezione
  • in quella del Serenissimo di <luogo città="Parma">Parma</luogo> vi è un <oggetto norm="quadro, salvatore a mezzo busto">Salvatore di meza figura - collezione Farnese
  • appresso il <persona norm="Muselli, collezionisti">Muselli</persona> - collezione Muselli
  • <persona norm="Curtoni, collezionisti">Cortoni</persona> - collezione Curtoni
  • condotto a Venezia il corpo di San Marco183 - quadro, trasporto del corpo di San Marco
  • tavola - quadro, polittico di Santa Barbara
  • come in <luogo norm="Venezia, Chiesa di S. Antonio, chiesa di S. Antonio di Castello">Sant’Antonio vicino a Castello</luogo> - tavola, sposalizio della vergine
  • un’altra - quadro, adorazione dei magi in presenza di S. Elena
  • una - quadro
  • Salvatore - quadro, Salvatore
  • quadro - quadro
  • quadro sopracitato, detto della Moneta - quadro, Cristo della Moneta
  • Beata Vergine e altri santi - quadro, pala Martinengo
  • opere diverse - quadro, pala di S. Bernardino
  • la tavola di Sant’Antonino arcivescovo di Fiorenza - quadro, elemosina di S. Antonio
  • San Nicolò vescovo e altri santi - quadro, San Nicola in Gloria
  • una bella tavola - quadro, pala dell’Alabarda, sacra conversazione con i S.S. Stefano, Giovanni evangelista, , Simone e Lorenzo
  • - quadro, polittico di Recanati
  • due - affresco, San Vincenzo Ferrer in gloria
  • una - quadro, Trasfigurazione
  • dipinti</luogo> del coro, vi è la tavola che dimostra nell’entrare a mano destra, con <oggetto norm="quadro, San Cristoforo fra i S.S. Sebastiano e Rocco">San Cristoforo i Santi Rocco e Sebastiano - dipinti
  • quadri - quadri
  • la coronazione di Venezia - quadro, Apoteosi di Venezia circondata da divinità e incoronata dalla Vittoria
  • <oggetto norm="quadro, Pietro Mocenigo prepara l’assalto per prendere Smirne ai Turchi>due particolari istorie - quadro, Antonio Loredan dirige l’assalto per liberare Scutari dall’assedio di Maometto II
  • quello de’ Padri Serviti - quadro, cena a casa di Simone
  • l’altro - quadro, Nozze di Cana
  • quello de’ Padri di <luogo norm="Venezia, convento dei Ss. Giovanni e Paolo">S. Gio e Paolo</luogo> - quadro, convito a casa di Levi
  • de’ Padri della <luogo norm="Venezia, chiesa di S. Sebastiano">chiesa di S. Sebastiano</luogo> - quadro, Cena in casa di Simone
  • uno che rappresentava similmente Cristo quando era convitato dal Fariseo, dove intraveniva la Maddalena a lavare e ad ungere i piedi del benedetto Redentore - quadro, cena in casa di Simone il Fariseo
  • Nozze di Cana Galilea - quadro, Nozze di Cana
  • Nozze - quadro Nozze di Cana
  • quadro delle Nozze di Cana Galilea - quadro Nozze di Cana
  • quadri - quadri
  • l’istoria dei Magi - quadro, adorazione dei Magi
  • l’istoria del samaritano con due figure al vero espresse con ogni debita sufficienza in un bosco - quadro, il buon samaritano
  • Cenacolo - quadro, cena in casa di Simone il fariseo
  • <Nelle particolari radunanze de’ <luogo norm="Verona, collezione Muselli">Muselli</persona> - collezione Muselli
  • come del <luogo norm="Verona, collezione Curtoni">Cortoni</persona> - collezione Curtoni
  • e anco in quella del famoso medico <persona norm="Pona, Francesco, medico letterato">Pona</persona> - collezione Pona
  • quadri - Quadri
  • si vedono nel <luogo norm="Roma, Palazzo Borghese">Palazzo Borghese</luogo> quattro pezzi, il maggiore è <oggetto norm="quadro">quadro istoriato - collezione Borghese
  • e in <luogo norm="Roma, Villa Aldobrandini a Monte Magnanapoli">quella degli Aldobrandini al Monte Magnanapoli</luogo> alcuni <oggetto norm="quadri">quadri - collezione Aldobrandini
  • e appresso l’<persona norm="Pio di Savoia, Carlo cardinale">Eminetissimo Cardinale Pio</persona> si conserva il citato <oggetto norm="ratto d’Europa">quadro dell’Europa - collezione Pio di Savoia
  • Galerie - collezioni
  • quadri - quadri
  • appresso il <persona norm="Gessi, Quaranta, sentaore cavaliere">sopracitato Quaranta Gessi</persona> - collezione Gessi
  • martirio di S. Giustina - quadro, martirio di S. Giustina
  • un’opera - quadro
  • tavola di S. Antonio Abbate - quadro, tentazione di S. Antonio
  • una - quadro, Beata Vergine col bambino e S. Antonio Abate
  • martirio del Santo - quadro, Martirio di S. Vitale
  • una tavola con la Beata Vergine, i Santi Pietro e Paolo - quadro, La vergine con i Ss. Pietro e Paolo
  • un Giove, che discaccia i vizi - quadro, Giove che scaccia i vizi
  • istoria del Magno Alessandro - quadro, la famiglia di Dario ai piedi di Alessandro
  • Europa - quadro, ratto d’Europa
  • tavole - quadri
  • un’altra - quadro
  • quella - quadro
  • istorie - opera
  • tavole - quadri, quadro
  • freschi - affreschi
  • l’Epitafio - epitaffio
  • in particolare de’ <luogo norm="Roma, Villa Borghese">Borghesi</luogo> alcune <oggetto norm="opere">istorie - collezione Borghese
  • appresso i <luogo norm="Roma, Villa Ludovisi">Lodovisi</luogo> - collezione Ludovisi
  • in <luogo norm="Roma, Palazzo Pio">quella dell’Eminentissimo <persona norm="Pio di Savoia, Carlo, cardinale">Pio</persona></luogo> sei pezzi di moderata grandezza con varie storie - collezione Pio di Savoia
  • nel <luogo norm="Roma, Palazzo Orsini">Palazzo degli Orsini di Monte Giordano</luogo> due <oggetto norm="quadri">quadri - collezione Orsini
  • alcuni pezzi pure si vedono nella <luogo norm="Roma, Villa Montalto">Galeria di <persona norm="Damasceni Peretti, Alessandro, cardinale">Montalti</persona></luogo> - collezione Peretti Montalto
  • quadri grandi diversamente istoriati - quadri
  • due <oggetto norm="quadri">quadri - collezione Estense
  • l’istoria della cena di Cristo - quadro, ultima cena
  • coll’Adorazione de’ Magi - quadro, adorazione dei magi
  • la Beata Vergine, Cristo Bambino, due Santi dalle parti e un angelo - quadro, Madonna con bambino fra i Ss. Giovanni Battista e Stefano
  • tavole - quadri
  • quadroni - quadri
  • del paradiso - quadro, paradiso
  • quadrone con numero quasi innumerabile di persone le grandezze del Senato di <luogo città="Venezia">Venezia</luogo>, mentre diversi ambasciatori vengono a riverire la Serenissima Repubblica - quadro, Venezia seduta tra gli dei riceve i doni del mare
  • altri quattro dalle parti di detta sala, che rappresentano con <lemma val="moto">moto</lemma> e <lemma val="spirito">spirito</lemma> vivacissimo orribili e fiere battaglie in ordine a fatti e alle grandezze di così famosa Repubblica - opere, storie di Venezia
  • muri afresco - affreschi
  • <oggetto norm="quadro, giudizio universale">due smisurati quadroni - quadro, adorazione del vitello d’oro
  • dell’altare maggiore - altare maggiore
  • <oggetto norm="quadro, ritrovamento del corpo di San Marco">istorie - quadro, miracolo di san Marco
  • tavola - quadro
  • istorie - opere, storie
  • quelle - quadri, storie
  • quadro - quadro, San Rocco in gloria
  • quadro dipinto, il quale del continuo sta alla vista dei virtuosi, e benché fatto con estrema sollecitudine, dimostra invenzione di San Rocco portato dagli angeli in paradiso - quadro, San Rocco in Gloria
  • <oggetto norm="quadro, Crocifissione">Crocefissione di Cristo invenzione talmente copiosa, ed eccellente, che forsi di tal soggetto l’eguale non comparisce sopra le carte - Stampa di Agostino Carracci
  • in tempo notturno la natività di Cristo - quadro, adorazione dei pastori
  • la notte - quadro, adorazione dei pastori, la notte
  • soffittato - affresco
  • nella città di <luogo città="Vicenza">Vicenza</luogo> - quadro, San Rocco tra gli appestati
  • l’altare maggiore - altare maggiore
  • tavola maggiore - tela, Sant’Eleuterio benedice alcuni devoti
  • tavola - quadro, trasporto di cristo al sepolcro
  • <luogo norm="Roma, Villa Ludovisi">quella de’ Lodovisi</luogo><oggetto norm="quadri">due gran quadri - collezione Ludovisi
  • in tempo di notte la natività di Cristo - quadro, natività
  • pensieri <lemma val="capricciosi">capricciosi</lemma> con fuochi e masserizie di casa - quadro, scene di genere
  • pezzi con figure al solito picciole - opere
  • <luogo norm="Roma, Villa Pamphilj">quella de’ Pamphili</luogo> fuori dalla <luogo norm="Roma, porta di S. Pancrazio">porta di S. Pancrazio</luogo> vi sono circa <oggetto norm="quadri">otto pezzi - collezione Pamphilj
  • due pezzi di <lemma val="paesi">paesi</lemma> - quadri, paesaggi
  • nell’altra <luogo norm="Roma, palazzo Pio">dell’eminentissimo cardinal<persona norm="Pio di Savoia, Carlo, cardinale">Pio</persona></luogo> forsi <oggetto norm="opere">dieci pezzi - collezione Pio di Savoia
  • similmente nella maggior radunanza del <luogo norm="Roma, palazzo Borghese">palazzo Borghese</luogo> almeno <oggetto norm="opere">dodici, con figure in ordine al loro consueto - collezione Borghese
  • e a <luogo norm="Roma, Villa Aldobrandini a Monte Magnanapoli">Magnanapoli degli Aldobrandini</luogo> vi saranno almeno <oggetto norm="opere">otto pezzi - collezione Aldobrandini
  • sono similmente appresso i <persona norm="Damasceni Peretti, Alessandro, cardinale">Montalti</persona> - collezione Peretti Montalto
  • e <luogo norm="Roma, Palazzo Barberini">all’Eminentissimo <persona norm="Barberini, Antonio, cardinale">Antonio Barberini</persona></luogo>, e si può dire, che vi siano quasi per ogni radunanza di pittura <oggetto norm="quadri">quadri - collezione Barberini
  • dell’altare maggiore - altare maggiore
  • l’istoria dell’Assunzione della Beata Vergine con gli apostoli - quadro, Assunzione di Maria
  • tavola che rappresenta il Paradiso - quadro, trionfo della santissima trinità
  • <luogo norm="Firenze, Gallerie Medicee">Galeria del <persona norm="de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze">Serenissimo Gran Duca</persona></luogo> vi sono alcuni pezzi sì del <persona norm="Da Ponte, Jacopo, detto Jacopo Bassano, detto il Vecchio, pittore">Vecchio</persona>, come del <persona norm="Dal Ponte, Francesco Giambattista, detto Francesco dal Ponte il Giovane, detto Francesco Bassano il Giovane, pittore">Giovane</persona>, e tutti riguardevoli e degni nel loro essere al pari d’ogni altro <lemma val="famoso">famoso</lemma> dipinto - collezione Medici
  • Galerie di <luogo città="Verona">Verona</luogo> - collezioni
  • quadri - quadri
  • in quella del <persona norm="D’Este, Francesco I, duca di Modena">Serenissimo di Modana</persona> vi sono due <oggetto norm="quadri">quadri - collezione Estense
  • l’istoria del samaritano - quadro, il buon samaritano
  • un aggregato di vari animali, e mostra essere al quanto remota una gabbia di polli, i quali procurano con vari moti dar a conoscere la propria inclinazione, chi di mangiare, chi di faticare per uscire, chi sta quieto e chi con altri contende, e fuori della gabbia si vedono alcuni legati e altri liberi, e fra questi appaiono oggetti principali dell’occhio, un bizarro ritrovato che alletta non poco la vista del riguardante ed un cappone, che in occorrenza del cibo mostra di battagliare con una gallina, i quali oltre lo scoprirsi espressi coi colori di piena <lemma val="verità">verità</lemma>, che apportano gran <lemma val="rilievo">rilievo</lemma> e <lemma val="delicatezza">delicatezza</lemma>, appaiono ad un punto ambidue così ben scompigliati, ed <lemma val="inferociti">inferociti</lemma> con tali primi <lemma val="moti">moti</lemma> - quadro, mercato
  • quattro grandissime istorie che si vedono coll’altre citate nella <luogo norm="Venezia, sala del maggior consiglio, sala regia">Sala Regia del Gran Conseglio</luogo> nel <luogo norm="Venezia, palazzo ducale, palazzo di S. Marco">Palazzo di S. Marco</luogo> della città di <luogo città="Venezia">Venezia</luogo>, le quali rappresentano quattro diversi combattimenti - opere, scene di battaglia
  • dipinti - dipinti
  • a fresco - affreschi
  • istoriati a fresco di <lemma val="chiaro oscuro">chiaroscuro</lemma> - affreschi
  • l’istorie similmente di <lemma val="chiaroscuro">chiaro oscuro</lemma> nella chiesa di <luogo norm="Bologna, basilica di S. Petronio, cappella di S. Antonio">S. Petronio, le quali dimostrano i fatti di S. Antonio da Padoa - olio su muro, storie di Sant’Antonio da Padova
  • la Beata Vergine col Santo Bambino, e altri due santi - quadro, madonna con bambino, santi e Filippo Fasanini
  • fresco con un Dio Padre, angeli e santi - affresco, Padre eterno, angeli e santi
  • due santi, e in particolare un S. Girolamo - affresco, Arcangelo Michele e San Girolamo
  • l’istoria che dimostra quando il pescatore presenta l’anello di S. Marco alla Signoria di Venezia - quadro, consegna dell’anello al doge
  • tavola - quadro, S. Pietro, S. Andrea e S. Nicolò
  • un’altra - quadro, Ultima cena
  • una - quadro, tre santi
  • l’istoria di Noè co’ figliuoli - affresco, Noè con i figluoli
  • l’istorie della Natività, e Resurrezione di Cristo - quadro, sacri misteri
  • tavola - quadro
  • un’altra - quadro, Madonna con bambino in trono tra S. Giovanni Battista e S. Girolamo
  • opere - opere
  • capelle - cappelle
  • meza figura - quadro, ritratto di un uomo con la pelliccia
  • tavola del santo con due pellegrini - pala d’altare, Cristo con due discepoli sulla via di Emmaus
  • un’Assunta della Beata Vergine con angeli e santi - quadro, Assunta
  • l’istoria della Presentazione al Tempio - quadro, presentazione di Gesù al tempio
  • l’altar maggiore - altare maggiore
  • ad olio una gloria d’angeli con diversi putti in atto d’adorare il Santissimo Sacramento - dipinto a olio, gloria di angeli adoranti il santissimo sacramento
  • Beata Vergine a fresco - affresco, la beata vergine
  • all’altare maggiore - altare maggiore
  • Santa Teresa dipinta in orazione quando Cristo le apparve, con una gloria d’angeli - quadro, estatsi di Santa Teresa
  • tavola che rappresenta la venuta dello Spirito Santo sopra gli Apostoli - quadro, discesa dello spirito santo
  • Sono pure tre <oggetto norm="quadri">quadri - collezione Borghese
  • radunanze - collezioni
  • tavola - quadro
  • la mentoata - quadro, la discesa di Cristo al limbo
  • il Martirio di S. Marco - quadro, Martirio di S. Marco
  • quadri - quadri
  • quattro grandi ed eccellentissimi quadri, che sono nel luogo dove convengono quelli della <luogo norm="Venezia, scuola grande di S. Giovanni Evangelista">scuola di S. Giovanni Evangelista</luogo>, i quali dichiarano a maraviglia le visioni dell’Apocalisse - quadri, ciclo dell’Apocalisse
  • due gran quadri - quadri
  • il vescovo S. Liberale, che libera diversi infermi - quadro, San Liberale risana gli infermi
  • S. Giovanni battezza Cristo - Quadro, Battesimo di Cristo
  • una tavola con la Beata Vergine e il Santo Bambino e diversi putti, che spargono fiori - Quadro, Madonna e il Bambino tra i santi Marco e Maddalena
  • diverse istorie della Beata Vergine in una capella ornata di <lemma val="stucchi">stucchi</lemma> - Affreschi, Cappella Gabrielli
  • istorie a fresco - Affresco, Cavalcata di Carlo V
  • due gran quadri, ed altri due di minor grandezza - Quadri, Strage degli Innocenti, Il comando della strage, Gesù che cammina sulle acque, la Cena in casa di Gregorio Magno
  • tavola di S. Martino - Quadro, San Martino dona parte del mantello al povero
  • l’istoria del martirio di Santa Barbara - Quadro, Martirio di santa Barbara
  • tavola nella capella di Santa Margherita - Quadro, Santa Margherita
  • quella di San Martino - Quadro, San Martino dona parte del mantello al povero
  • l’istorie che dimostrano la Traslazione de’ corpi de’ santi Faustino e Giovita - Affresco, Traslazione dei corpi dei Santi Faustino e Giovita
  • tavola della maggior bellezza - Quadro, Trinità che incorona Maria Vergine, con san Pietro, san Paolo, l'allegoria della Giustizia e l'allegoria della Pace
  • la tavola dell’altar maggiore - Quadro, Natività di Gesù
  • l’altare maggiore - Quadro, Martirio di San Lorenzo
  • e due istorie nella facciata con la volta dipinta a fresco - Affresco
  • l’altare maggiore - Quadro, Pala di San Francesco
  • un’altra tavola - Quadro, Madonna e santi francescani
  • altri diversi dipinti - Affreschi, Storie della Pentecoste
  • Battaglia delle genti di Federico, e’ Romani - Quadro, Battaglia di Castel Sant’Angelo
  • cinque gran quadri che dimostrano i miracoli della Beata Vergine - Quadro
  • ritratto del procuratore Simone Contarini - Quadro
  • ritratto di meza figura al naturale, che nella più esatta imitazione del vero si dimostra mirabile - Quadro
  • Ritratto assai picciolo dello stesso maestro - Quadro
  • quello che in <luogo città="Verona">Verona</luogo> <oggetto norm="collezione Curtoni">nella Galeria del <persona norm="Curtoni, collezionisti">Cortoni</persona> esprime figura di mezo naturale opera stupenda e per ogni parte compita - Quadro
  • l’effige d’Aloisi da Molino - Quadro
  • nella chiesa dei Crociferi in opera grande S. Anna e Gioachino - Quadro, Incontro di Gioacchino e Anna alla porta del tempio
  • la tavola che sta nella <luuogo norm="Venezia, chiesa di Santa Maria della Salute">chiesa della Salute</luogo> esprimente in alto la Santissima Trinità, e da basso la città di <luogo città="Venezia">Venezia</luogo>, che priega i santi della loro protezione - Quadro, Venezia supplice e Sant’Antonio da Padova che intercedono presso la Trinità per la cessazione dell'assedio di Candia
  • tavola nella <luogo norm="Venezia, chiesa dell’Ospedaletto">chiesa dell’Ospitaletto di S. Giovanni, e Paolo</luogo>, colla Beata Vergine, Cristo Bambino e altri diversi santi - Quadro, Madonna col Bambino e Santi
  • la tavola, che ha fatto nella <luogo norm="Venezia, chiesa di Santa Caterina">chiesa di S. Caterina</luogo> colla Beata Vergine, e il Cristo Bambino in aria, e nella parte inferiore diversi santi - Quadro
  • alcune sue pitture, come in una stanza diverse istorie e <lemma val="capricci">capricci</lemma> bellissimi; e nella volta a fresco alla propria veduta del di sotto in su puntualissimamente espresse - Affreschi, Camera degli Sposi, Castello di San Giorgio, Mantova
  • evvi la tavola dell’altare maggiore - Quadro, Madonna della Vittoria
  • sopra la porta della <luogo norm="Milano, chiesa di San Sepolcro">chiesa di S. Sepolcro</luogo> un Cristo morto - Affresco, Compianto su Cristo morto
  • un’altra con S. Girolamo e S. Vincenzo nella quale insieme vi dipinse lo <persona norm="de Roberti, Ercole, pittore">scolaro</persona>, avendo fatto in particolare le picciole istorie sotto la medesima tavola - Quadro, Polittico Griffoni
  • istorie similmente nella parte di sotto al tabernacolo dell’altare maggiore nella <luogo norm="Bologna, chiesa di San Giovanni in Monte">chiesa di S. Giovanni in Monte</luogo>, che dimostrano la passione di Cristo, <lemma val="invenzioni">invenzioni</lemma> <lemma val="copiose">copiose</lemma>, <lemma val="capricciose">capricciose</lemma> e rare; e queste straordinarie istorie si vedono <oggetto norm="stampe">intagliate - Quadro, predella della pala d’altare, Pietà, Cattura di Cristo, Andata al Calvario
  • tre tavole - Quadro
  • una nella <luogo norm="Bologna, basilica di San Giacom Maggiore">chiesa di S. Giacomo degli Agostiniani - Quadro, Madonna in trono e santi
  • due in quella <luogo norm="Bologna, chiesa di Santa Maria Annunziata">dell’Annunziata de’ Padri Zoccolanti fuori della Porta di Strada S. Mammolo</luogo> - Quadro, Vergine annunziata, Padre Eterno
  • una tavola nella <luogo norm="Parma, abbazia di San Giovanni Evangelista">chiesa di S. Giovanni de’ Padri Benedettini</luogo> - Quadro, Compianto su Cristo morto
  • radunanze - collezioni
  • massime in <luogo città="Roma">Roma</lougo> nella citata Galeria degli Aldobrandini alcuni pezzi d’eccellenza considerabile - collezione Aldobrandini
  • l’uno che dimostra una pietà con la Beata Vergine, e S. Maria Maddalena - Quadro, Compianto su Cristo morto
  • l’altro il martirio di alcuni Santi dell’ordine degli stessi monaci - Quadro, Martirio di Quattro Santi
  • la tavola, che dimostra quando la Beata Vergine con Cristo fanciullo e S. Gioseffo ritornavano d’Egitto in Nazaret, d’ond’erano fuggiti per la persecuzione d’Erode, e vennero a fermare per strada in mezo ad una campagna, nella quale si ritrovava una palma con dattili, dove si vede per sodisfare il Santo putto procurare il buon vecchio S. Gioseffo di questi frutti - Quadro, Madonna della Scodella
  • una tavola con la Beata Vergine, il Santo bambino, angeletti, S. Girolamo e S. Maria <pagina numero="276">[p. 276]</pagina> Maddalena - Quadro, Madonna di San Girolamo
  • appresso il Serenissimo Duca tre quadri di poca grandezza in <oggetto norm="Quadro, Sposalizio mistico di Santa Caterina">uno de’ quali si vede lo sposalizio di S. Catterina con figure in estremo picciole - collezione Farnese
  • nell’altro pure la medesima istoria con figure più grandi, ma meno assai del naturale - Quadro, Matrimonio mistico di Santa Caterina con San Sebastiano
  • e ’l terzo è pure di figure picciole il quadro detto la Zingarina del <persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">Correggio</persona>, che rappresenta la Beata Vergine col Santo Bambino sedente in terra con abiti somiglianti alla zingara, ma capriccioso e bizzarro in eccesso - Quadro, Madonna con Bambino, detto La Zingarella
  • in detta <luogo città="Parma">città</luogo> in casa del <persona norm="Prati, conte">conte Prati</persona> <oggetto norm="Quadro, Ecce Homo">il famoso quadro dell’Ecce Homo - collezione Prati
  • prima e maggior cuppola - Cattedrale di Santa Maria Assunta, cupola
  • Giudicio - Affresco, Giudizio Universale
  • gran cuppole - Affresco cupola, Chiesa di di San Giovanni Evangelista, Affresco cupola, Cattedrale di Parma
  • dove si rimira la Beata Vergine con squadre d’angeli diversi e ad ogni sorte di vedute immaginabili, i quali insieme co’ Santi Apostoli, ed altre non poche figure danno chiaramente a conoscere un estratto di rara bellezza, massime in riguardo della <lemma val="grazia">grazia</lemma> sopranaturale, delicata unione, <lemma val="allegrezza">allegrezza</lemma> indicibile e riso di Paradiso, che il solo <persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">Antonio</persona> per ogni parte, e in ogni tempo allegro ha saputo sopra d’ogni altro esprimere a maraviglia con idea di Paradiso tali divinità - Affresco, Assunzione della Vergine, cupola del Duomo di Parma
  • La minor cuppola detta di S. Gioanni contiene l’istoria di Cristo quando ascende al cielo, e vi sono gli apostoli all’intorno, e alcuni Santi con ottimo concerto, ne’ quattro angoli de’ peducci figure maggiori del vivo, e in riguardo del sito nel quale sono, palesano con ogni <pagina numero="277">[p. 277]</pagina> facilità quelle più vere e convenevoli azioni, che gli uomini ben composti potriano, ancorché vivi, in un tal sito dimostrare, non restando al riguardante che desiderare un <lemma val="lume">lume</lemma> maggiore per riconoscere più adeguatamente la somma bellezza di questi eccellentissimi dipinti - Affresco, Visione di San Giovanni a Patmos, cupola di San Giovanni Evangelista, Parma
  • figura della Maddalena - Quadro, Maddalena penitente
  • Pietà del <persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">Correggio</persona>, la quale oltre alla più bella verità si ritrova in atto addolorato e proprio - Quadro, Compianto su Cristo morto
  • l’altra del <persona norm="Merisi, Michelangelo, detto Caravaggio, pittore">Caravaggio</persona> non dimostra la <lemma val="naturalezza">naturalezza</lemma>, che nella pura apparente superficie, perché non valendo in fatti per animarla, si ritruova priva dello <lemma val="spirito">spirito</lemma>, <lemma val="grazia">grazia</lemma> e debita <lemma val="espressione">espressione</lemma>, che si può dire per ogni parte morta - Quadro, Maddalena penitente
  • la tavola delle Monache di S. Antonio mentoata dal <persona norm="Vasari, Giorgio, pittore trattatista">Vasari</persona> col dire, dopo aver accennato le due cuppole, <libro titolo="Vite dei più eccellenti architetti pittori et scultori italiani da Cimabue insino a’ tempi nostri">«che dipinse ancora in quella città una tavola, nella quale è una Maddalena con Santa Caterina, e S. Girolamo, colorita di maniera così <lemma val="meravigliosa">maravigliosa</lemma>, e stupenda, che i pittori ammirano quella pe’l <lemma val="colorito">colorito</lemma> mirabile»194</libro>. Ma lasciando da parte un pensiero di divozione, che in picciola tavola dimostra figure per ogni parte al vivo, in maniera collocate, che riempiono il tutto con debita convenienza e unitamente conspirano alla divota dimostrazione con tanto di <lemma val="grazia">grazia</lemma> e <lemma val="spirito">spirito</lemma>, che appaiono superiori a’ stessi effetti della natura, e sono i primi e più degni oggetti, come dall’estrema <lemma val="virtù">virtù</lemma> divinizzati. Nientedimeno, per quanto si può conoscere, opera tale non vide il <persona norm="Vasari, Giorgio, pittore trattatista">Vasari</persona> che per relazione di <pagina numero="279">[p. 279]</pagina> persona, se non del tutto priva di conoscenza, almeno di gusto totalmente sconcertato, perché come amatore del buon dissegno e del ricercamento più apparente in ordine alla più rara e delicata <lemma val="naturalezza">naturalezza</lemma> nell’osservare la figura ignuda di S. Girolamo, e la vestita di S. Maria Maddalena, detta da lui Santa Caterina, principali oggetti di <oggetto norm="Quadro, Madonna di San Girolamo">questa stupendissima tavola - Quadro, Madonna di San Girolamo
  • E ’l simile a proporzione si ritrova nella figura della S. Maria Maddalena, che sta dall’altra parte alquanto sopra all’occhio, che appare perfettamente espressa alla propria vista, con tanto di <lemma val="proporzione">proporzione</lemma>, <lemma val="grazia">grazia</lemma> e più bella delicatezza nella testa, mani, e piedi, e nel resto de’ panni che ricercano dolcemente l’<lemma val="ignudo">ignudo</lemma> che figura di più rara bellezza in tutto, e parte non è possibile ritrovare - Quadro, Madonna di San Girolamo
  • L’altra tavola, detta di S. Sepolcro, ch’è nella chiesa de’ Padri Serviti - Quadro, Madonna della Scodella
  • Questa però dimostra con <lemma val="invenzione">invenzione</lemma> adequatissima un concerto d’istoria disposto molto al proposito; e l’arie delle teste nella <lemma val="grazia">grazia</lemma> vivace, <lemma val="spirito">spirito</lemma> e più propria espressione palesano il singolar carattere di questo <persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">gran maestro</persona>, benché si dimostrino più tosto inferiori nell’attitudini, e più esatto studio delle parti all’estrema bellezza de’ Santi Girolamo e Maria Maddalena, che si vedono <oggetto norm="Quadro, Madonna di San Girolamo">nell’altra tavola - Quadro, Madonna della Scodella
  • appresso il <persona norm="Prati, conte">Conte Prati</persona> <oggetto norm="Quadro, Ecce Homo">l’opera famosa e degna dell’Ecce Homo, che palesa per ogni parte effetti divini: figura che in ordine alla più propria e convenevole espressione porta congiunto le maggior difficoltà che possa in altro dipinto incontrare il degno professore - collezione Prati
  • questo simulacro fu espresso felicemente in marmo dal singolar <persona norm="Buonarroti, Michelangelo, scultore pittore architetto">Bonarota</persona> nel <luogo norm="Roma, chiesa di Santa Maria sopra Minerva">Tempio della Minerva</luogo> di <luogo città="Roma">Roma</luogo>, che si ritrova <lemma val="ignudo">ignudo</lemma> con bellissima attitudine in piedi con la Croce in mano - Statua, Cristo della Minerva
  • la tavola che sta nel Coro della <luogo norm="Forlì, cattedrale di Santa Croce">Chiesa Catedrale</luogo> della città di <luogo città="Forlì">Forlì</luogo>, che rappresenta Cristo quando communica i Santi Apostoli - Quadro, Comunione degli apostoli
  • essa tavola - Quadro, Comunione degli apostoli
  • la figura sopracitata, ch’è in <luogo norm="Roma, chiesa di San Pietro in Montorio">S. Pietro in Montorio</luogo> di <persona norm="Luciani, Sebastiano, detto Sebastiano del Piombo, pittore">Fra’ Sebastiano dal Piombo</persona> - Pittura murale, Flagellazione di Cristo
  • famosissimo Cristo detto della Moneta - Quadro, Cristo della Moneta
  • ed <lemma va="ignudo">ignudo</lemma> col tutto a <lemma val="proporzione">proporzione</lemma> corrispondente per dimostrare l’umanato Cristo in atto più immediato al patire; pare che in un tal stato, quale si dimostra questo <pagina numero="282">[p. 282]</pagina> del <persona norm="Prati, conte>Conte Prati</persona> di mano d’<persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">Antonio da Correggio</persona> si possa dire per ogni parte di formazione più propria, <lemma val="grazia">grazia</lemma> e <lemma val="delicatezza">delicatezza</lemma>, che sia sopra d’ogni altro divinizato - Quadro, Ecce Homo
  • appresso il <persona norm="Salviati, Jacopo, duca">Duca Salviati</persona> un altro <oggetto norm="Quadro, Ecce Homo">quadro del <persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">medesimo da Correggio</persona>, che dimostra parimente un Ecce Homo - collezione Salviati
  • dell’altro, che si ritrova <oggetto norm="collezione Prati">appresso il <persona norm="Prati, conte">Conte Prati</persona>, inferiore - Quadro, Ecce Homo
  • nella <luogo norm="Modena, Galleria Estense">Galeria</luogo> del <persona norm="d’Este, Francesco I, duca di Modena">Serenissimo Gran Duca</persona> si vede pur anco <oggetto norm="Quadro">un quadro con le figure picciole, che fanno conoscere espressa la Beata Vergine col Santo Bambino nelle braccia, e due santi dalle parti, che sono in effetto della solita esquisita operazione - collezione Estense
  • nella citata <luogo norm="Villa Aldobrandini">Galeria degli Aldobrandini al Monte detto Magnanapoli</luogo> fra gli altri degni dipinti un <oggetto norm="Quadro, Allegoria della virtù">quadro pur del <persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">Correggio</persona>, che palesa con picciole figure una tal istoria, la quale se bene non sia per lo più dall’osservatore compresa, dà però a conoscere l’eccellenza suprema di tanta operazione, e sopra d’ogni altra dimostra in <lemma val="putti">putti</lemma> diversi il solito talento di <lemma val="spiritosa">spiritosa</lemma> <lemma val="grazia">grazia</lemma>, con riso e delicatezza come divina, e se bene detto quadro non si manifesti di total compimento, si dichiara però impareggiabile, ed in estremo eccellente e qualificato - collezione Aldobrandini
  • RITRATTO, CHE FECE DEL SUO MEDICO - Quadro, Ritratto di medico
  • TRE TAVOLE DELLA PIÙ ECCELLENTE ED ECCEDENTE GRANDEZZA - Tavole, Madonna di San Sebastiano, Madonna di San Giorgio, La Notte
  • <lemma val="maravigliosa">maravigliosa</lemma> <luogo norm="Modena, Galleria Estense">radunanza</luogo> del <persona norm="D’Este, Francesco I, duca di Modena">Serenissimo Duca di Modana</persona>, e fra gli altri, che in un tal luogo si palesano espressi col carattere della più fina <lemma val="naturalezza">naturalezza</lemma> <persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">d’Antonio Allegri</persona>, pare che venga riconosciuto il <oggetto norm="Quadro, Ritratto di medico">ritratto, detto communemente il <persona norm="Lombardi, Giovanni Battista, medico">medico</persona> del <persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">Correggio</persona>, il quale lasciandosi addietro altri non pochi più famosi e rari effigiati, si rappresenta tantosto agli occhi del riguardante, ed in guisa di raggio di questo sole molto risplendente, giunge con moto velocissimo ed instantaneo per compito adequamento del senso, ed opera tale non è che un quadro di meza figura, la quale rappresenta il <persona norm="Lombardi, Giovanni Battista, medico">medico</persona>, che fu del medesimo <persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">Antonio da Correggio</persona> in atto di conveniente gravità, vestito di toga, abito particolare di quei tempi ed alla propria dignità convenevole, sta figurato in attitudine quasi di tutta faccia dimostrante l’<lemma val="allegrezza">allegrezza</lemma> del viso, e se bene di colori composto, si ritrova però talmente qualificato mediante l’artificio di non conosciuta, ma più fina intelligenza, che dimostra a guisa d’uomo vivo il già stato soggetto quasi puntualmente regenerato - collezione Estense
  • ritratto è talora per se stesso buono, il quale in tal maniera viene a raffigurare il <lemma val="naturale">naturale</lemma> oggetto determinato, che minutamente imitando ogni più propria parte dell’aspetto, in modo che <pagina numero="286">[p. 286]</pagina> a prima vista altri possono riconoscere la particolar sembianza del vero - Quadro, Ritratto di medico
  • ritratti - Quadri
  • tavola di S. Sebastiano del <persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">Correggio</persona>, la quale dimostra nella parte di sopra la Beata Vergine col Cristo pargoletto nelle nubi, attorniata da corona d’<lemma val="angioletti">angeletti</lemma>, alla destra S. Sebastiano, e S.Rocco alla sinistra, ed in mezo similmente collocato nel piano con un ginocchio in terra S. Geminiano, e dalla parte del detto S. Sebastiano una figura con l’immagine della <luogo citta="Modena">città di Modana</luogo>. Il soggetto, però, ed invenzione dell’opera, come componimento di divozione, potria facilmente a prima vista essere contrariato da’ <lemma val="critici">critici</lemma> non senza fondamento di ragione, potendosi sciegliere fra’ mancamenti spettanti all’<lemma val="invenzione">invenzione</lemma> anco quello dell’<lemma val="istoria">istoria</lemma> - Tavola, Madonna di San Sebastiano
  • tavola - Tavola, Madonna di San Sebastiano
  • Santa Cecilia - Tavola, Estasi di Santa Cecilia
  • Nella parte di sopra si scorge di forma poco meno che <lemma val="naturale">naturale</lemma> la Beata Vergine col Divino Pargoletto in braccio sopra le nubi attorniata da capricciose e <lemma val="graziosissime attitudini">graziosissime attitudini </lemma> di <lemma val="putti">putti</lemma>, che mostrano come degni vassalli assistere ordinatamente ossequiosi e pronti all’umanato, vero ed eterno Iddio, che in un tal luogo appare sopra le braccia della Beata Vergine molto in se stesso composto, e ripieno di tanto spirito e <lemma val="graziosa vivacità">graziosa vivacità</lemma>, che sembra per appunto il primo oggetto del <lemma val="Paradiso">Paradiso</lemma>; ed amendue le figure della Madre e del Figlio stanno ad un tempo rimirando i Santi collocati nel piano inferiore. Si vede la Santissima Madre con <lemma val="veneranda bellezza">veneranda bellezza</lemma> e <lemma val="graziosa umiltà">graziosa umiltà</persona>, in forma così eccellente espressa che si palesa il vero tipo di <lemma val="grazia singolare">grazia singolare</lemma>, spirante per ogni parte affetti d’amore e divozione; e gli <lemma val="angioletti">angeletti</lemma> all’intorno, ossequiosi e riverenti, composti dalla debita proporzione, e concertati dalla più delicata verità, con faccia al tutto dell’atto concorde, palesano in rara forma dipinti un tal giubilo interno della più vera giocondità di cuore per assistere e riconoscere con la Santissima Madre l’umanato figlio di Dio; e questa rappresentazione della Beata Vergine col Cristo Bambino si potrà dal <lemma val="virtuoso">virtuoso</lemma> osservare per la più bella ed esquisita, che il divino <persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">Antonio da Correggio</lemma> abbia mai dipinto, non avendo al certo la pittura a’ nostri giorni l’eguale in soggetto di tal sorte per dimostrare a’ gustosi della professione - Quadro, Madonna di San Sebastiano
  • Sta dalla parte destra del tutto ignudo legato ad un tronco S.Sebastiano, che dimostra pensiero ed attitudine di stravagante <lemma val="bellezza">bellezza</lemma>, composto con esattissimo studio di maniera oltramodo delicata, che si rappresenta per appunto nell’atto in ordine al patire maggiormente disposto, affinché in un tal modo figurato rivolto al tribunale della misericordia con primo ed impetuoso moto, benché riverente e modesto, con faccia iscorzante in alto, ripieno d’affettuoso spirito, possa più sicuramente ottenere pe’l mezo d’un tal contrasegno le bramate grazie del sommo Iddio in riguardo della <pagina numero="290" >[p. 290]</pagina> protezione de’ confratelli. E per contrapposto dello stante in piedi vi è alla sinistra il glorioso S. Rocco a sedere in sembianza di stanco e addolorato, in atto molto facile e <lemma val="naturale">naturale</lemma>, con la faccia pendente al basso, che si dimostra in estremo languido e di forze abbandonato, in riguardo dell’apparente malore, oggetto sufficiente per movere anco l’animo più spietato a’ sensi di compassione, ed attraere mediante la formazione di più vera e rara delicatezza la vista d’ogni professore e dilettevole della virtù. Nel mezo a questi, posta in atto vivacissimo, con un ginocchio in terra e l’altro levato, è la figura di S.Geminiano con pioviale ed altri decenti vestiti, che forma positura agli altri come del tutto differente, e dimostra in azione di primo moto additare col gesto della destra la Gloria suprema, e nello stesso punto incitare coll’altra i mortali alla gloriosa vista, accioché vengano a ricorrere ne’ loro bisogni all’umanato e vero Iddio della misericordia, ed alla sua Santissima Madre. Quivi appaiono le figure tra di loro molto ben compartite, ed espresse con ogni puntuale osservazione, non desiderandosi in tal occorrenza la <lemma val=" debita proporzione">debita proporzione</lemma>, la varietà dell’attitudini, diversità d’azioni ed ogni altra bella e ben osservata particolarità, colla più degna espressione de’ <lemma val="naturali">naturali</lemma> e propri affetti e singolar concordanza de’ colori, che rapporta immediatamente all’occhio un raro composto di ben ricercata, più <lemma val="bella">bella</lemma> e <lemma val="graziosa naturalezza">graziosa naturalezza</lemma>. E per compimento, e perfezione dell’opera si rimira co’ sensi ricolmi di <lemma val="maraviglia">maraviglia</lemma> il particolar dipinto di figura, che rassembra l’essere di donzelletta posta nel principio d’adolescenza, la quale per aver nelle mani l’epilogato ritratto della città di <luogo città="Modena">Modana</città> vien riconosciuta detta la <oggetto norm="Quadro, Madonna di San Giorgio">Modanina - Quadro, Madonna di San Giorgio
  • tavola maggiore - Tavola, Madonna di San Giorgio
  • tavola - Tavola, Madonna di San Giorgio
  • stupenda tavola - Tavola, Madonna di San Giorgio
  • Notte del Correggio - tavola, Adorazione dei pastori detta La Notte
  • S. Sebastiano - Tavola, Madonna di San Sebastiano
  • tavola della Notte - Tavola, Adorazione dei pastori detta La Notte
  • Notte - Tavola, Adorazione dei pastori o La Notte
  • Notte - Adorazione dei pastori o La Notte
  • prodigiosa notte - Tavola, Adorazione dei pastori detta La Notte
  • <luogo città="Modena, Galleria Estense">GALERIA DEL SERENISSIMO DUCA DI MODANA</luogo> - collezione Estense
  • Sono pure in tal radunanza altri quadri della rara sufficienza dello <persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">stupendo da Correggio</persona>, massime particolare operazione con figure poco meno di mezo <lemma val="naturale">naturale</lemma> che dimostra la Beata Vergine col Santo Bambino assai confacevole al gusto della sopracitata prima <oggetto norm="Tavola, Madonna di San Sebastiano">tavola detta di S. Sebastiano - collezione Estense
  • Sala del <persona norm="D’este, Francesco I, Duca di Modena">Serenissimo Duca di Modana</persona>, la quale per contenere un singolare epilogo delle più stupende operazioni, dimostra continoamente le vere <lemma val="maraviglie">maraviglie</lemma> della pittura. Quivi ritroverà fra gli altri i <oggetto norm="Dipinti, Madonna di San Sebastiano, Madonna di San Giorgio, La Notte">tre - collezione Estense
  • due grandi e più esquisite sopracitate <lemma val="istorie">istorie</lemma> - Quadri, Nozze di Cana, Adorazione dei Magi, Storia del Samaritano
  • tre tavole - Quadri, Dottori della Chiesa, due Madonne col Bambino e Santi
  • suffittato - Quadri, Plutone, Venere e Cupido, Flora
  • fregio sono paesi alternati ma rari - Affresco, fregio di paesaggi
  • tavola - Tavola, Madonna con Bambino e due Santi
  • opere - Opere, Fanciulla con ventaglio, Cristo della moneta
  • quadro - Quadro, Sacrificio di Abramo
  • Sacrificio d’Isac - Dipinto, sacrificio di Isacco
  • in occasione di visitare con esso <persona norm="Simonelli, Nicolò, guardarobiere collezionista">Simonelli</persona> una principal Galeria di <luogo città="Roma">Roma</luogo>, dopo avervi gustato delle più degne <lemma val="pitture">pitture</lemma>, avvenutici finalmente in <oggetto norm="Quadro, allegoria della virtù">uno - collezione Aldobrandini
  • l’istoria all’incontro della porta - Affresco, Liutprando che conferma a Gregorio II la donazione fatta da Ariperto
  • la tavola della Presentazione al Tempio - Pala, Presentazione di Gesù al tempio
  • tavoletta della Decollazione di S. Giovanni Battista, e dell’Ascensione della Beata Vergine - Quadro, Decollazione di San Giovanni Battista e Ascensione della Vergine
  • Beata Vergine ed il Santo Bambino altri due santi, l’uno in abito di vescovo, e l’altro di soldato con alcuni putti nel piano - Quadro, Beata vergine ed il Santo Bambino altri due santi
  • tavola col martirio di S. Lorenzo - Quadro, Martirio di S. Lorenzo
  • la più degna si vede in <luogo norm="Bologna, Basilica di San Domenico">S. Domenico</luogo> con figure al naturale una tavola nella seconda capella in entrando alla parte destra, che dimostra la Beata Vergine con S. Francesco, ed un putto assai grande, per ogni parte più <lemma val="compita">compita</lemma>, e maggiore d’ogni altra, e questo fu al certo pittore di bonisimo gusto ed assai sufficiente - Quadro, Cristo e la Madonna appaiono a Sant’Antonino e a San Francesco
  • Diverse sue operazioni sono apresso il <persona norm="D’Este, Francesco, duca">Serenissimo Duca di Modana</persona> - collezione Estense
  • capella della Concezione - Basilica San Francesco d’Assisi, cappella dell’ Immacolata Concezione
  • tavola con la Beata Vergine, angeli e Santi diversi - Quadro, Immacolata Concezione
  • tavola con la Beata Vergine, Cristo Bambino, S. Lucia, e S. Agata - Quadro, Beata Vergine, Cristo Bambino, S. Lucia e S. Agata
  • istorie - Opere, Davide e Isaia e i pennacchi della cupola del Duomo
  • istoria della Visitazione della Beata Vergine, come dell’Adorazione dei Magi - Opere, La Visitazione e l’Adorazione dei Magi
  • reliquie - reliquie
  • pulpito - pulpito
  • l’Adorazione dei Magi - Quadro, Adorazione dei Magi
  • Martirio di S. Caterina - Quadro, Martirio di Santa Caterina di Alessandria
  • tavola con la figura di Cristo, che porta la Croce, con S. Ignazio - Quadro, Visione di Sant’Ignazio
  • quadro di smisurata grandezza, che rappresenta il Battesimo di S. Agostino - Quadro, Battesimo di Sant’Agostino
  • tavola della Resurrezione di Cristo - Tavola, Resurrezione
  • tavola del Beato Gaetano - Tavola, Estasi del Beato San Gaetano da Thiene
  • Cristo morto - Quadro, Cristo morto sorretto da angeli
  • appresso il <persona norm="Farnese, Odoardo I, duca"> Serenissimo di Parma</persona> si conservano diversi belli dipinti - collezione Farnese
  • cuppola - cupola
  • quadri della Passione di Cristo - Quadri, Passione di Cristo
  • tavola dell’Annonziata - Quadro, Annunziata
  • Incoronazione della Beata Vergine - Quadro, Incoronazione di Maria
  • S. Matteo - Quadro, San Matteo e l’Angelo
  • Simon Mago - Affresco, Caduta di Simon Mago
  • Natività di Cristo - Quadro, Natività di Cristo
  • S. Martino quando dà per elemosina parte del suo mantello al povero - Quadro, San Martino dona il mantello a un povero
  • Beata Vergine - Quadro, Beata Vergine
  • l’Annonziata - Quadro, Annunziata
  • Natività della Beata Vergine - Quadro, Natività
  • appresso il <persona norm="Farnese, Odoardo I, duca"> Serenissimo di Parma</persona> sono alcune copie del <persona norm="Allegri, Antonio, detto il Correggio, pittore">Correggio</persona>, e vari quadri d’invenzione, e dipinti esquisitamente del medesimo <persona norm="Carracci, Annibale, pittore">Annibale</persona>; e d’ <persona norm="Carracci, Agostino, pittore">Agostino</persona> si vede, fra l’altre sue operazioni, una stanza quasi del tutto istoriata, e un quadro con figure picciole sopra ad un rame di rara perfezione, di cui è fama non fosse corrisposto in ordine al proprio merito, e perciò restasse così fattamente turbato nell’animo, che in breve fornisse col dolore la vita. L’ <lemma val="ingegno">ingegno</lemma> di grand’eccellenza si dimostra soggetto disposto egualmente all’operare e al patire, e come a quello che più conosce, non serve in simili il maggior acume della conoscenza, che in guisa di più acuto strale per maggiormente se stesso ferire; posciaché lo stesso spirito, da venti dello sdegno rivoltato all’interno, esercita la medesima forza, e virtù anco nella destruzione del proprio composto - collezione Farnese
  • Cristo morto, le Marie, S. Francesco e altri santi - Quadro, Compianto sul Cristo morto con i santi Chiara e Francesco d’Assisi
  • istoria del Sposalizio di. S. Caterina d’Agostino - Quadro, Nozze mistiche di Santa Caterina
  • nella mentoata <luogo norm="Modena, Gran sala di Palazzo Ducale">gran Sala della stupenda Galeria</luogo>, oltre diversi paesi all’intorno del superbo <oggetto norm="fregio">fregio - collezione Estense
  • claustro - chiostro
  • S. Benedetto - Quadro, San Benedetto
  • S. Giovanni Battista predicante - Quadro, San Giovanni Battista predicante
  • Communione di S. Girolamo - Quadro, Comunione di San Girolamo
  • tavola del S. Giacinto - Quadro, Visione di San Giacinto
  • tavola di S. Raimondo - Quadro, San Raimondo da Pennafort attraversa il mare sul suo mantello
  • pulpito - pulpito
  • freschi della cappella del martirio di S. Andrea - Quadro, Martirio di Sant’Andrea
  • tavola dell’Assunta della Beata Vergine al di fuori del coro, con i Santi Apostoli - Quadro, Assunzione della Vergine
  • Conversione di S. Paolo - Quadro, Conversione di San Paolo
  • Beata Vergine, Cristo Bambino, e altri due santi dalle parti - Quadro, Madonna in Trono col Bambino e santi
  • Beata Vergine dall’Angelo annunziata con figure picciole degli stessi maestri - Quadro, Annunciazione
  • istoria della Piscina - Quadro, La Piscina Probatica
  • tavola dell’altar maggiore col Martirio della santa - Quadro, Martirio di Sant’Orsola
  • tavola di S. Matteo - Quadro, San Matteo
  • picciola tavola con la figura di S. Carlo - Quadro, San Carlo
  • tavola di S. Girolamo - Quadro, San Girolamo
  • tavola di S. Rocco - Quadro, San Rocco
  • S. Rocco - Quadro, San Rocco
  • tavola, che dimostra S. Giovanni Battista che battezza Cristo - Quadro, Battesimo di Cristo
  • alcuni fregi coll’istorie a fresco dell’Eneide di Virgilio del medesimo <persona norm="Carracci, Ludovico, pittore">Lodovico</persona>, ed alcune di <persona norm="Albani, Francesco, pittore">Francesco Albani</persona>, e d’altri suoi scolari - affreschi
  • istoria della Resurrezione di Cristo - Quadro, Resurrezione di Cristo
  • Figliuolo Prodigo - Quadro, Il ritorno del figliol prodigo
  • istoria di S. Orsola - Quadro, Martirio di Sant’ Orsola
  • Nella Galeria similmente del <persona norm="d’Este, Francesco I, duca di Modena">Serenissimo Gran Duca</persona> compare fra gli altri di prima <lemma val="bellezza">bellezza</lemma> <oggetto norm="quadro, Venere e Cupido">un quadro, che dimostra donna ignuda al vivo, che quando non superi nella più eccellente bellezza l’opere dei primi capi e maggiori sopracitati maestri, si dimostra almeno, eccettuati i medesimi primi, superiore ad ogni altro - collezione Estense
  • Assunta al Cielo della Beata Vergine insieme con gli apostoli - Quadro, Assunzione della Vergine
  • Pietà con la Beata Vergine, S. Gioanni, S. Maria Maddalena, S. Francesco - Quadro, Pietà
  • di questo si vedono nella <luogo norm="Roma, Palazzo Ludovisi">Galeria de’ Lodovisi</luogo> alcune istorie di S. Dionigio in picciolo, ma l’une e l’altre sono di rara sufficienza - collezione Ludovisi
  • Nella medesima <luogo norm="Roma, Palazzo Ludovisi">Galeria de’ Lodovisi</luogo>, oltre l’opere citate d’<persona norm="Carracci, Antonio, pittore">Antonio</persona>, vi sono d’<persona norm="Carracci, Annibale, pittore">Annibale</persona> e degl’altri <persona norm="Carracci, famiglia, pittori">Carracci</persona> diversi pezzi con figure al naturale, come in picciolo <pagina numero="346">[p. 346]</pagina> della prima e più rara <lemma val="bellezza">bellezza</lemma> - collezione Ludovisi
  • Borghesi - collezione Borghese
  • Aldobrandini - collezione Aldobrandini
  • radunanze - collezioni
  • in particolare nel <luogo norm="Roma, Villa Pamphilj"> Palazzo della Vigna Pamfiglia</luogo> si viene ad osservare fra gl’altri in un <oggetto norm="Quadro, Danea">quadro assai grande una Danea ignuda - collezione Pamphilj
  • un quadro, che dimostra quando Cristo sta vicino al pozzo convertendo la samaritana, opera della più vera e compita verità, che lo stesso <persona norm="Carracci, Annibale, pittore">Annibale</persona> abbia dipinto, essendo stato fatto per saggio d’opere grandi, che si dovevano fare nella <luogo norm="Perugia, Abbazia di San Pietro">Chiesa di S. Pietro di Perugia de’ Padri Benedettini</luogo>, ed egli per contrasegno del suo valore dipinse in concorrenza questa stupenda operazione, che forsi al solito di simili congiunture prevalendo qualche parzialità fu accettato il peggio - quadro, Samaritana al pozzo
  • esso santo, che ascende in Cielo, con Cristo, la Beata Vergine e gloria d’Angeli - Quadro, Gloria di San Domenico
  • tavola degl’Innocenti - Quadro, Innocenti
  • Claustro - chiostro
  • de’ Sampieri - Collezione Sampieri
  • S. Pietro - Quadro, San Pietro
  • Cristo in Croce - Quadro, Cristo in Croce
  • <persona norm="Ranucci, conte">Conte Ranucci</persona> - collezione Ranucci
  • <persona norm="Pepoli, Odoardo, conte">Pepoli</persona> - collezione Pepoli
  • <persona norm="Bentivoglio, famiglia">Bentivogli</persona> - collezione Bentivoglio
  • radunanza - collezione
  • tavola di S. Rocco - Quadro, San Rocco
  • un Redentore nelle nubi circondato dagli angeli vestiti delicatissimamente all’ignudo con gran compitezza e grazia, rappresentati con diversi belli putti - Quadro, Cristo Redentore
  • tavola di S. Giovanni Battista predicante - Quadro, San Giovanni Battista
  • Nella città di <pagina numero="353">[p. 353]</pagina> <luogo città="Firenze">Fiorenza</luogo> sono in diverse parti quadri particolari, massime nelle radunanze de’ <persona norm="de Medici, Giovan Carlo, cardinale">Serenissimi Prencipi Giovanni Carlo</persona> e <persona norm="de Medici, Leopoldo, cardinale">Leopoldo</persona> opere molto compite e rare - collezione Medici
  • Assunta della Beata Vergine - Quadro, Assunzione della Vergine
  • glorioso apostolo S. Andrea quando viene condotto al patibolo - Quadro, Sant’Andrea condotto al Martirio
  • bellissima Aurora nel volto d’una Loggia de’ Giardini, nella cui opera appare sopra d’un carro tirato da quattro bianchi destrieri Apollo attorniato da dodici vaghe e leggiadre femmine che rappresentano l’ore, e a queste precede un putto con una facella accesa nelle mani, che vola per l’aria - Quadro, Aurora conduce il carro di Apollo
  • tavola dell’ Arcangelo S. Michele - Quadro, San Michele Arcangelo
  • tavola col martirio di San Pietro</oggetto; nella <luogo norm="Roma, Parrocchia Santa Maria in Vallicella">Chiesa nuova di S. Filippo</luogo> la tavola picciola nella capella d’esso santo, e nella <luogo norm="Roma, Chiesa della Santissima Trinità dei Pellegrini">Chiesa della Trinità di ponte</luogo> <pagina numero="354">[p. 354]</pagina> Sisto la tavola dell’altar maggiore, sicome nella capella Paolina alcuni santi dalla parte destra, ed in particolare un <oggetto norm="Quadri, San Michele e San Domenico">S. Michiele e S. Domenico - Quadro, Crocifissione di S. Pietro
  • Moisè - Quadro, Mosè
  • tavola dell’ Arcangelo S. Cecilia - Quadro, Santa Cecilia
  • S. Andrea - Quadro, Sant’Andrea Corsini in Estasi
  • tavola di S. Sebastiano - Quadro, Martirio di San Sebastiano
  • Assunta della Beata Vergine - Quadro, Assunzione
  • palazzi - collezioni
  • Galerie - collezioni
  • martirio della santa - Altare maggiore, inizialmente doveva essere dedicato a Sant’Agnese, in seguito si decise di dedicare alla Santa non più l’altare absidale ma la cappella nel lato nord
  • S. Cecilia - Quadro, Santa Cecilia
  • Claustri - chiostro
  • istorie di S. Francesco di Paola - Quadro, San Francesco di Paola
  • Cristo risuscitò il figliuolo della vedova - Quadro, Gesù Cristo resuscita il figlio della vedova di Naim
  • Cristo che fa gettare la rete in mare agli apostoli - Quadro, Cristo che getta la rete in mare agli apostoli
  • tavola - tavola
  • tavola - tavola
  • claustro - chiostro

  • Romagna - Emilia Romagna
  • Toscana - Toscana
  • Duomo - Parma, Duomo
  • S. Giovanni - Parma, Chiesa di San Giovanni Evangelista
  • Refetorio delle Grazie di Milano - Milano, Chiesa di Santa Maria delle Grazie
  • Chiesa delle Grazie di Milano - Milano, Chiesa di Santa Maria delle Grazie
  • Chiesa di S. Agostino di Roma - Roma, Basilica di Sant’Agostino in Campo Marzio
  • capella del Giudicio - Città del Vaticano, Cappella Sistina
  • Roma - Roma
  • medema capella - Roma, Cappella Sistina
  • Forlì - Forlì
  • Piazza - Forlì, Piazza Maggiore
  • Romagna - Emilia Romagna
  • Romagna - Emilia Romagna
  • Lombardia - Lombardia
  • refettorio delle Grazie di Milano - Milano, Chiesa di Santa Maria delle Grazie
  • maggior cuppola del Duomo - Parma, Duomo di Parma
  • Duomo di Parma - Parma, Duomo di Parma
  • Toscana - Toscana
  • Italia - Italia
  • Palazzo de’ Farnesi in Roma - Roma, Palazzo Farnese
  • Academie dell’Ignudo - Accademie del Nudo
  • chiesa de’ Padri Certosini - Bologna, Chiesa di S.Anna
  • chiesa de’ medesimi Padri Certosini - Bologna,Chiesa di S. Anna
  • chiesa - Bologna, Chiesa di S.Anna
  • Chiesa di S. Mercuriale - Forlì, Chiesa di S. Mercuriale
  • publica Piazza - Forlì, Piazza Aurelio Saffi
  • capella degli Orsi - Forlì, cappella degli Orsi
  • Chiesa chiamata communemente la Madonna della Grata - Forlì, Chiesa di Santa Maria della Grata
  • Chiesa della Steccata - Parma, Basilica di Santa Maria della Steccata
  • Chiesa di San Francesco - Perugia, Chiesa di San Francesco al Prato
  • Città di Castello - Città di Castello
  • de’ Bezzi nella Chiesa della Trinità nella città di Forlì - Forlì, Chiesa della SS. Trinità
  • di Giunone Lucina - Roma, Tempio di Giunone Lucina, colle Esquilino
  • Toscana - Toscana
  • Borghesi - Roma, Villa Borghese
  • Chiesa particolare - Urbino, Chiesa
  • VATICANO - Vaticano, Stanze Vaticane
  • Vaticano - Città del Vaticano, Stanze Vaticane
  • Logge - Città del Vaticano, Palazzo Apostolico, Logge di Raffaello
  • stanze - Città del Vaticano, Stanze Vaticane
  • tal luogo - Città del Vaticano, Stanze Vaticane
  • stanze - Città del Vaticano, Stanze Vaticane
  • Sala detta di Costantino - Sala di Costantino, Palazzo Apostolico
  • detta sala - Sala di Costantino, Palazzo Apostolico
  • stanza - La Stanza della Segnatura, Palazzo Apostolico
  • Fiorenza - Firenze, città
  • stanza - La Stanza dell’Incendio di Borgo, Palazzo Apostolico
  • stanza di mezo - La Stanza della Segnatura, Palazzo Apostolico
  • Chiesa di S. Pietro in Montorio - Roma, San Pietro in Montorio
  • Toscana - Toscana
  • nella Lombardia - Lombardia
  • stanze nel Vaticano - Vaticano, Stanze Vaticane
  • stanze - Vaticano, Stanze Vaticane
  • Vaticano - Vaticano, Stanze Vaticane
  • S. Pietro in Montorio - Roma, San Pietro in Montorio
  • Chiesa della Pace - Roma, Chiesa di Santa Maria della Pace
  • de’ Farnesi</persona>. E se bene nella <luogo norm="Roma, Loggia di Psiche>Loggia Maggiore - Roma, villa Farnesina>Loggie dette de’ Ghisi</luogo>, al presente <persona norm="Farnese, famiglia
  • Galeria dell’Eminentissimo <persona norm="Barberini, Antonio, cardinale">Antonio Barberino</persona> - Roma, Palazzo Barberini
  • a’ Ghisi - Roma, Villa Farnesina, Logge Chigi
  • Palazzo de’ Borghesi - Roma, Palazzo Borghese
  • Palazzo della Vigna de’ Lodovisi - Roma, Villa Ludovisi
  • Nel Palazzo pure degli Aldobrandini nel Monte detto Magna Napoli - Roma, Villa Adobrandini
  • Vigna Pamfilia fuori dalla Porta S. Pancrazio - Roma, Villa Pamphili
  • Verona - Verona, città
  • studio del Cortoni - Galleria, Curtoni
  • Galeria di Modana - Galleria, Galleria Estense
  • Palazzo del Senatore Gessi - Bologna, Palazzo Gessi
  • STATO VENETO - Veneto
  • Veneto - Veneto
  • Italia - Italia
  • Stato - Stato veneto
  • Romagna - Romagna
  • Duomo - Ravenna, Cattedrale metropolitana della Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo
  • casa del N. Pisani - Venezia, Palazzo Pisani Moretta
  • STATO VENETO - Veneto
  • S. Spirito fuori di Venezia - Venezia, Chiesa di Santo Spirito in Isola
  • chiesa di S. Nicolò de’ Padri Serviti - Venezia, Chiesa di San Nicolò della Lattuga
  • de’ <persona norm="Borghese, famiglia">Borghesi</persona> - Roma, Galleria Borghese
  • Galeria de’ Lodovisi - Roma, Villa Ludovisi
  • altra degli Aldobrandini - Roma, Villa Aldobrandini
  • STATO VENETO - Veneto
  • Stato Veneto - Veneto
  • nella chiesa di S. Giovanni Grisostomo - Venezia, chiesa di S. Giovanni Grisostomo
  • chiesa di S. Bartolomeo - Venezia, chiesa di S. Bartolomeo
  • chiesa di Santa Maria del Popolo nella capella de’ Ghisi - Roma, Chiesa di Santa Maria del Popolo, Cappella Chigi
  • Longara - Roma, Villa Farnesina
  • Galeria di <persona norm="Sanzio, Raffaello, pittore architetto">Rafaello</persona> - Roma, Loggia di Psiche
  • S. Pietro in Montorio, chiesa de’ Padri Zoccolanti - Roma, tempietto di S. Pietro in Montorio, tempietto del Bramante
  • Galeria de’ Borghesi - Roma, Galleria Borghese
  • palazzo - Roma, Palazzo Borghese
  • Galeria de’ <persona norm="Ludovisi, Famiglia">Lodovisi</persona> - Roma, Villa Ludovisi
  • quella di <persona norm="Damasceni Peretti, Alessandro, cardinale">Montalto</persona> - Roma, Villa Montalto
  • Medici - Firenze, gallerie medicee
  • Galeria del <persona norm="d’Este, Francesco I, duca di Modena">Serenissimo di Modana</persona> - Modena, galleria estense
  • Muselli - Verona, collezione Muselli
  • Cortoni - Verona, collezione Curtoni
  • Claustro degli Agostiniani nella chiesa detta di S. Stefano - Venezia, Chiesa di S. Stefano, Chiostro degli Agostiniani
  • sala de’ Pregati - Venezia, Palazzo Ducale, sala dei Pregadi
  • Chiesa - Venezia, chiesa di S. Rocco
  • chiesa di S. Giovanni di Rialto - Venezia, chiesa di S. Giovanni elemosinario, Chiesa di S. Giovanni di Rialto
  • Madonna dall’Orto, Chiesa de’ Padri Zoccolanti - Venezia, chiesa della Madonna dell’orto, chiesa di S. Cristoforo
  • maggior chiesa - Valvasone, Duomo di Valvasone, Chiesa del Santissimo corpo di Cristo
  • chiesa di S. Ercolano Protettore - perugia, Chiesa di S. Ercolano
  • picciola chiesa - Perugia, chiesa
  • maggiori palazzi - Mantova, Palazzo ducale
  • chiesa della Madonna di Campagna - Piacenza, basilica di S. Maria di Campagna
  • publico palazzo - Genova, Palazzo Doria
  • palazzo detto l’Imperiale - Pesaro, Villa Imperiale
  • palazzo de’ Borghesi - Roma, Palazzo Borghese
  • Galeria de’ Lodovisi - Roma, Villa Ludovisi
  • Duomo - Cortemaggiore, Duomo, Basilica di S. Maria delle Grazie e Lorenzo
  • chiesa - Cortemaggiore, chiesa dell’Annunziata
  • chiesa - Cortemaggiore, chiesa dell’Annunziata
  • Duomo di Cremona - Cremona, Duomo, Cattedrale di S. Maria Assunta
  • sala del gran conseglio - Venezia, sala del maggior consiglio, sala regia
  • chiesa similmente di Santa Maria Formosa - Venezia, Chiesa della purificazione, Chiesa di S. Maria Formosa
  • Sant’Antonio vicino a Castello - Venezia, Chiesa di S. Antonio, chiesa di S. Antonio di Castello
  • Sant’Elena vicina a Lio - Venezia, chiesa di S. Elena in isola
  • chiesa di San Moisè - Venezia, Chiesa di S. Moisè
  • Galeria di Modena - Modena, Galleria Estense
  • chiesa di San Bartolomeo - Bergamo, chiesa di SS. Bartolomeo e Stefano
  • San Bernardino - Bergamo, chiesa di S. Bernandino
  • chiesa di San Gioanni e Paolo - Venezia, basilica dei Ss. Giovanni e Paolo
  • Carmine - Venezia, Chiesa di S. Maria dei Carmini
  • Sant’Agostino - Ancona, Chiesa di S. Agostino, Chiesa di S. Maria del Popolo
  • chiesa di San Domenico - Recanati, chiesa di S. Domenico
  • Castel Nuovo - Castel Nuovo
  • chiesa di Loreto - Loreto, basilica della Santa Casa
  • Sala Reggia detta del Gran Consiglio di Venezia - Venezia, sala del maggior consiglio, sala regia
  • detta Sala - Venezia, Sala Regia, sala del maggior consiglio
  • Regia Sala - Venezia, sala del maggior consiglio, sala regia
  • S. Giorgio Maggiore - Venezia, convento di S. Giorgio Maggiore
  • S. Gio e Paolo - Venezia, convento dei Ss. Giovanni e Paolo
  • chiesa di S. Sebastiano - Venezia, chiesa di S. Sebastiano
  • refettorio de’ Padri di San Nazario - Verona, convento di S. Nazaro
  • Galeria del <persona norm="d’Este, Francesco I, duca di Modena">Serenissimo di Modana</persona> - Modena, galleria estense
  • Galeria - Modena, galleria estense
  • S. Nazario, Chiesa de’ Padri Benedettini - Verona, chiesa dei S. Nazaro e Celso
  • Villa detta il Cataio - castello del Catajo
  • Muselli</persona></oggetto>, <oggetto norm="collezione Curtoni">come del <luogo norm="Verona, collezione Curtoni">Cortoni</persona></oggetto>, <oggetto norm="collezione Pona">e anco in quella del famoso medico <persona norm="Pona, Francesco, medico letterato">Pona</persona></oggetto> sono <oggetto norm="Quadri">quadri</oggetto> diversi, se bene d’ordinaria misura, ma però della solita sua rara <lemma val="naturalezza">naturalezza</lemma>; e nelle Galerie di <luogo città="Roma">Roma - Verona, collezione Muselli
  • Palazzo Borghese - Roma, Palazzo Borghese
  • quella degli Aldobrandini al Monte Magnanapoli - Roma, Villa Aldobrandini a Monte Magnanapoli
  • Chiesa - Padova, Basilica di S. Giustina
  • Chiesa della Maddalena - Padova, chiesa di S. Maria Maddalena
  • Duomo di Mantoa - mantova, duomo, cattedrale di S. Pietro Apostolo
  • Chiesa della Confraternita di S. Antonio - Pesaro, chiesa di S. Antonio Abate
  • Chiesa di S. Vitale - Rimini, chiesa di S. Vitale
  • Chiesa similmente della Madonna di Campagna - Piacenza, Basilica di S. Maria in campagna
  • Sala de’ Pregati - Venezia, Palazzo ducale, sala dei pregadi
  • casa del nobile <persona norm="Pisani, Francesco, cardinale vescovo">Pisani</persona> - Venezia, casa Pisani
  • nell’altra del nobile <persona norm="Contarini, Jacopo, doge">Contarini</persona> - Venezia, Casa Contarini
  • Chiesa di S. Francesco dalla Vigna - Venezia, chiesa di S. Francesco della Vigna
  • Sagrestia di S. Giovanni, e Paolo - Venezia, basilica di S. Giovanni e Paolo, s. Zanipolo
  • S. Nicolo Chiesa de’ Padri Serviti - Venezia, chiesa di S. Nicolò
  • Chiesa di S. Sebastiano - Venezia, Chiesa di S. Sebastiano
  • Stato Veneto - Veneto
  • dell’Italia - Italia
  • Borghesi - Roma, Villa Borghese
  • Lodovisi - Roma, Villa Ludovisi
  • quella dell’Eminentissimo <persona norm="Pio di Savoia, Carlo, cardinale">Pio</persona> - Roma, Palazzo Pio
  • Palazzo degli Orsini di Monte Giordano - Roma, Palazzo Orsini
  • Galeria di <persona norm="Damasceni Peretti, Alessandro, cardinale">Montalti</persona> - Roma, Villa Montalto
  • Lombardia - Lombardia
  • Galeria dell’Eminentissimo <persona norm="Monti, Cesare, cardinale">Monti</persona> - Milano, Galleria Monti
  • Galeria di quel Serenissimo - Modena, Galleria estense
  • Chiesa del Duomo - Lucca, duomo, cattedrale di S. Martino
  • chiesa di San Tomasode’ Padri Domenicani - Lucca, chiesa di S. Tommaso in pelleria
  • Stato Veneto - Veneto
  • sala regia del Gran Conseglio - Venezia, sala del maggior consiglio, sala regia
  • Palazzo di San Marco - Venezia, Palazzo ducale, palazzo di S. Marco
  • dell’Italia - Italia
  • palazzo di San Marco - palazzo ducale, palazzo di S. Marco
  • chiesa della Madonna dell’Orto - Venezia, Chiesa della madonna dell’orto, chiesa di S. Cristoforo
  • scuola di San Marco - Venezia, scuola grande di S. Marco
  • chiesa di San Iob - Venezia, chiesa di S. Giobbe
  • in San Felice - Venezia, chiesa di S. Felice
  • San Francesco della Vigna - Venezia, chiesa di S. Francesco della Vigna
  • scuola di San Rocco - Venezia, Scuola Grande di S. Rocco
  • medesima scuola - Venezia, Scuola Grande di S. Rocco
  • scuola di San Rocco - Venezia, scuola grande si S. Rocco
  • chiesa di San Giorgio Maggiore - Venezia, basilica di S. Giorgio Maggiore
  • Bassano - Bassano del Grappa
  • Palazzo del Podestà - Bassano del Grappa, palazzo del Podestà, palazzo pretorio
  • chiesa di San Rocco - Vicenza, chiesa di S. Rocco
  • chiesa di San Eluterio - Vicenza, chiesa di S. Eleuterio
  • Santa Croce - Vicenza, chiesa di S. Croce in Giacomo Maggiore, detta dei Carmini
  • quella de’ Lodovisi - Roma, Villa Ludovisi
  • quella de’ Pamphili - Roma, Villa Pamphilj
  • porta di S. Pancrazio - Roma, porta di S. Pancrazio
  • dell’eminentissimo cardinal<persona norm="Pio di Savoia, Carlo, cardinale">Pio</persona> - Roma, palazzo Pio
  • palazzo Borghese - Roma, palazzo Borghese
  • Magnanapoli degli Aldobrandini - Roma, Villa Aldobrandini a Monte Magnanapoli
  • all’Eminentissimo <persona norm="Barberini, Antonio, cardinale">Antonio Barberini</persona> - Roma, Palazzo Barberini
  • chiesa di S. Giorgio Maggiore - Venezia, basilica di S. Giorgio Maggiore
  • San Luigi chiesa della nazione francese - Roma, chiesa di S. Luigi dei Francesi
  • Chiesa del Gesù nella terza capella - Roma, chiesa del SS. Nome di Gesù, cappella della Ss. trinità
  • Galeria del <persona norm="de Medici, Cosimo III, Granduca di Firenze">Serenissimo Gran Duca</persona> - Firenze, Gallerie Medicee
  • Stato Veneto - Veneto
  • Lombardia - Lombardia
  • Sala Regia del Gran Conseglio - Venezia, sala del maggior consiglio, sala regia
  • Palazzo di S. Marco - Venezia, palazzo ducale, palazzo di S. Marco
  • Stato Veneto - Veneto
  • Gran Palazzo - Bologna, Palazzo Torfanini
  • strada Galiera - Bologna, via Galliera
  • S. Petronio, le quali dimostrano i fatti di S. Antonio da Padoa</oggetto> nella capella di detto santo - Bologna, basilica di S. Petronio, cappella di S. Antonio
  • chiesa di S. Domenico di detta città si vede dalla parte della capella del santo - Bologna, chiesa di S. Domenico, cappella di S. Domenico
  • chiesa della Commenda de’ Cavalieri Gierosolimitani - Faenza, chiesa della commenda, chiesa di S. Maria Maddalena
  • Stato Veneto - Veneto
  • scuola sopracitata di S. Marco - Venezia, scuola grande si S. Marco
  • chiesa di S. Iob - Venezia, chiesa di S. Giobbe
  • Canal Regio - Venezia, Cannaregio
  • S. Giovanni in Bregola - Venezia, Chiesa di S. Giovanni in Bregola
  • S. Maria della Celeste - Venezia, Chiesa di S. Maria Celeste, chiesa di S. Maria assunta in cielo
  • loggia publica - Vicenza, basilica Palladiana
  • Duomo - Treviso, Cattedrale di S. Pietro Apostolo
  • Chiesa di S. Francesco - Treviso, Chiesa di S. Francesco
  • S. Girolamo - Treviso, chiesa di S. Girolamo
  • chiesa di tutti i Santi - Treviso, chiesa di tutti i Santi
  • S. Paolo - Treviso, Chiesa di S. Paolo
  • chiesa di S. Sebastiano - Venezia, chiesa di S. Sebastiano
  • chiesa del Carmine - Venezia, Chiesa di S. Maria dei Carmini
  • chiesa dei Padri Crociferi - Roma, chiesa di S. Maria in Trivio, S. Maria in Xenodochio, S. Maria in synodo
  • Fonte di Trevi - Roma, Fontana di Trevi
  • S. Vincenzo e Anastasio - Roma, chiesa dei S. Vicenzo e Anastasio a Trevi, chiesa di S. Anastasio de Trivio
  • S. Maria Maggiore - Roma, basilica di S. Maria Maggiore, basilica liberiana
  • Madonna della Scala in Trastevere - Roma, chiesa di S. Maria della scala
  • chiesa di S. Silvestro a Montecavallo de’ Padri Teatini - Roma, chiesa di S. Silvestro al Quirinale, chiesa di S. Stefano in Caballo, chiesa di S. Stefano Arcioni, chiesa di S. Stefano in Biberatica
  • Galeria de’ Borghesi - Roma, Galleria Borghese
  • dell’Italia - Italia
  • Romagna - Romagna
  • chiesa di Porto - Ravenna, basilica di S. Maria in Porto
  • Palazzo di S. Marco - Venezia, palazzo ducale, palazzo di S. Marco
  • Reggia Sala del Gran Conseglio - Venezia, sala del maggior consiglio, sala regia
  • Sala Regia del Gran Conseglio - Venezia, sala del Maggior consiglio, sala regia
  • scuola di S. Giovanni Evangelista - Venezia, scuola grande di S. Giovanni Evangelista
  • Palazzo di S. Marco - Venezia, palazzo ducale, palazzo di S. Marco
  • chiesa del Carmine - Venezia, chiesa dei Carmini, chiesa di S. Maria del Carmelo
  • S. Francesco della Vigna - Venezia, Chiesa di San Franceco della Vigna
  • S. Iob di Canal Regio - Venezia, Chiesa di San Giobbe
  • chiesa della Minerva - Roma, Chiesa di Santa Maria sopra Minerva
  • Stato Veneto - Stato Veneto
  • chiesa di S. Maria in Organo - Verona, chiesa di Santa Maria in Organo
  • Duomo di Mantoa - Mantova, cattedrale di San Pietro
  • Palazzo di S. Marco - Venezia, Palazzo Ducale
  • Tieni - Thiene, palazzo Porto Colleoni Thiene
  • Palazzo dei Soranzi - Castelfranco Veneto, Villa Soranza
  • casa dei Soranzi sopra il Canal Grande - Venezia, Palazzo Soranzo Piovene
  • Monte della Pietà - Vicenza, Palazzo del Monte di Pietà
  • Sala del Conseglio dei Dieci - Venezia, Palazzo Ducale, Sala del Consiglio dei Dieci
  • palazzi di casa Moceniga - Venezia, Palazzi Mocenigo
  • Canal Grande - Venezia, Canal Grande
  • chiesa vicina a Castello - Mantova, basilica di Santa Barbara
  • Duomo di Mantoa - Mantova, cattedrale di San Pietro
  • l’arco di Porta Abruciata - Brescia, Porta Bruciata
  • chiese in particolare di S. Nazaro e di S. Celso - Brescia, chiesa dei Santi Nazaro e Celso
  • nella chiesa di S. Pietro, detto in Oliveto - Brescia, chiesa di San Pietro in Oliveto
  • S. Faustina - Brescia, chiesa dei Santi Faustino e Giovita
  • medesima chiesa - Brescia, chiesa dei Santi Faustino e Giovita
  • S. Lorenzo - Brescia, chiesa di San Lorenzo
  • chiesa di S. Francesco - Brescia, chiesa di San Francesco d’Assisi
  • Sala del Gran Conseglio - Venezia, Palazzo Ducale, Sala del Maggior Consiglio
  • Madonna dall’Orto - Venezia, chiesa della Madonna dell’Orto
  • chiesa di Candiana - Candiana, chiesa di San Michele Arcangelo
  • cuppola de’ Padri Teatini nella città di Venezia - Venezia, chiesa di San Nicola da Tolentino
  • sala nuova nel Palazzo Ducale - Venezia, Palazzo Ducale, Sala Nuova
  • Stato - Stato Veneto
  • chiesa di S. Maria Maggiore - Venezia, chiesa di Santa Maria Maggiore
  • Procurazia - Venezia, Procuratie
  • Galeria del <persona norm="D’Este, Francesco I, Duca di Modena">Serenissimo Duca di Modana</persona> - Modena, Galleria Estense
  • stato - Stato Veneto
  • chiesa dell’Ospitaletto di S. Giovanni, e Paolo - Venezia, chiesa dell’Ospedaletto
  • chiesa di S. Caterina - Venezia, chiesa di Santa Caterina
  • Stato Veneto - Stato Veneto
  • LOMBARDIA - Lombardia
  • stato veneto - Stato Veneto
  • Lombardia - Lombardia
  • dell’Italia - Italia
  • Lombardia - Lombardia
  • Lombardia - Lombardia
  • Lombardia - Lombardia
  • Lombardia - Lombardia
  • Cremona - Cremona
  • Lombardia - Lombardia
  • Lombardia - Lombardia
  • Lombardia - Lombardia
  • chiesa della Vittoria - Mantova, chiesa di Santa Maria della Vittoria
  • chiesa di Santo Andrea - Mantova, Basilica di Sant’Andrea
  • Chiesa degli Eremitani - Padova, chiesa degli Eremitani
  • Milano - Milano
  • chiesa di S. Sepolcro - Milano, chiesa di San Sepolcro
  • chiesa di S. Satiro - Milano, chiesa di Santa Maria presso San Satiro
  • chiesa di S. Petronio - Bologna, basilica di San Petronio
  • capella della vecchia chiesa di S. Pietro - Bologna, cattedrale di San Pietro, cappella Garganelli
  • chiesa di S. Giovanni in Monte - Bologna, chiesa di San Giovanni in Monte
  • Palazzo di Sassuoli - Sassuolo, Palazzo Ducale
  • chiesa di S. Agostino - Cesena, chiesa di Sant’Agostino
  • chiesa della Misericordia <pagina numero="273">[p. 273]</pagina> de’ Padri Agostiniani fuori della Porta di Strada Castiglione - Bologna, chiesa di Santa Maria della Misericordia
  • chiesa di S. Giacomo degli Agostiniani</oggetto> - Bologna, basilica di San Giacom Maggiore
  • dell’Annunziata de’ Padri Zoccolanti fuori della Porta di Strada S. Mammolo - Bologna, chiesa di Santa Maria Annunziata
  • chiesa di S. Giovanni de’ Padri Benedettini - Parma, abbazia di San Giovanni Evangelista
  • Lombardia - Lombardia
  • Lombardia - Lombardia
  • Toscana - Toscana
  • Lombardia - Lombardia
  • Lombardia - Lombardia
  • Lombardia - Lombardia
  • Lombardia - Lombardia
  • Duomo - Parma, Cattedrale di Santa Maria Assunta
  • chiesa di S. Giovanni de’ Padri Benedettini - Parma, chiesa di San Giovanni Evangelista
  • d’essa chiesa - Parma, chiesa di San Giovanni Evangelista
  • chiesa de’ Padri Serviti, detta di San Sepolcro - Parma, chiesa di San Sepolcro
  • nella chiesa delle monache di S. Antonio - Parma, chiesa di Sant’Antonio Abate
  • medesima capella - Città del Vaticano, cappella Sistina
  • Vaticano - Vaticano
  • Galeria del Prencipe Pamfilio - Roma, Galleria Doria Pamphilj
  • Tempio della Minerva - Roma, chiesa di Santa Maria sopra Minerva
  • Chiesa Catedrale - Forlì, cattedrale di Santa Croce
  • S. Pietro in Montorio - Roma, chiesa di San Pietro in Montorio
  • Galeria - Modena, Galleria Estense
  • Galeria - Modena, Galleria Estense
  • Galeria degli Aldobrandini al Monte detto Magnanapoli - Villa Aldobrandini
  • GALERIA DEL <persona norm="D’Este, Francesco I, Duca di Modena">SERENISSIMO DUCA DI MODANA</persona> - Modena, Galleria Estense
  • radunanza - Modena, Galleria Estense
  • della Sala Regia - Città del Vaticano, la Sala Regia del Palazzo Apostolico
  • Sala Regia - Città del Vaticano, la Sala Regia del Palazzo Apostolico
  • Chiesa delle Monache di S. Margarita - Bologna, Chiesa e Monastero di Santa Margherita di monache Benedettine
  • S. Giacomo Maggiore de’ Padri Agostiniani - Bologna, Basilica di San Giacomo Maggiore
  • nella Chiesa dell’Ospitale della Morte - Bologna, Palazzo Galvani, Complesso di Santa Maria della Morte
  • Chiesa de’ Servi di Strada Maggiore - Bologna, Basilica di Santa Maria dei Servi
  • S. Francesco - Bologna, Basilica di San Francesco
  • S. Giovanni in Monte - Bologna, Chiesa di San Giovanni in Monte
  • S. Domenico - Bologna, Basilica di San Domenico
  • S. Francesco di Piacenza - Piacenza, Basilica San Francesco d’Assisi
  • Chiesa del Pubblico Palazzo di Piazza - Bologna, Basilica di San Petronio
  • Duomo - Bologna, Cattedrale metropolitana di San Pietro
  • capella maggiore - Bologna, Cattedrale metropolitana di San Pietro, cappella maggiore
  • S. Giacomo, chiesa degli Agostiniani - Bologna, Basilica di San Giacomo Maggiore
  • cuppola - Piacenza, Cupola del Duomo
  • Duomo di Piacenza - Piacenza, Cattedrale Santa Maria Assunta e Santa Giustina
  • chiesa delle monache di S. Silvestro - Roma, Chiesa di San Silvestro in Capite
  • S. Pietro in Vaticano - Città del Vaticano, Papale Arcibasilica Patriarcale Maggiore Arcipretale di San Pietro in Vaticano
  • Milano in S. Antonio de’ Padri Teatini - Milano, Chiesa di Sant’Antonio Abate
  • Palazzo Regio - Milano, Palazzo Reale
  • Ducale - Milano, Palazzo Reale
  • Convento di S. Angelo - Ocre, Convento di Sant’Angelo d’Ocre
  • Sacro Monte di Veralli - Varallo, Sacro Monte di Varallo
  • Chiesa della Beata Vergine - Milano, Basilica di Santa Maria dei Miracoli presso San Celso
  • S. Celso - Milano, Chiesa di San Celso
  • S. Fedele - Milano, Chiesa di San Fedele
  • S. Marco - Milano, Chiesa Parrocchiale di San Marco
  • La Madonna della Pace - Milano, Chiesa di Santa Maria della Pace
  • S. Antonio de’ Padri Teatini - Milano, Chiesa di Sant’Antonio Abate
  • fabbrica del Duomo - Milano, Duomo
  • Duomo - Milano, Duomo
  • Chiesa di S. Antonio de’ Padri Teatini in Milano - Milano, Chiesa di Sant’Antonio Abate
  • S. Vittor Grande - Milano, Basilica di San Vittore al Corpo
  • Chiesa della Passione - Milano, Basilica di Santa Maria della Passione
  • Sant’Eustorgio de’ Padri Domenicani - Milano, Basilica di Sant’Eustorgio
  • Certosa di Garignano - Milano, Chiesa di Santa Maria Assunta in Certosa
  • Chiesa della Madonna di Campagna di Piacenza - Piacenza, Basilica di Santa Maria di Campagna
  • Duomo di Milano - Milano, Duomo
  • S. Fedele - Milano, Chiesa di San Fedele
  • S. Rafaello - Milano, Chiesa di San Raffaele
  • Refettorio de’ Padri di S. Agostino - Piacenza, Chiesa sconsacrata di Sant’Agostino
  • S. Ambrogio - Milano, Basilica di Sant’Ambrogio
  • S. Marco de’ Padri Agostiniani - Milano, Chiesa di San Marco ex Convento degli Agostiniano
  • capella a mano destra - Milano, Chiesa di San Marco, Cappella Foppa, prima cappella della navata destra
  • Chiesa di S. Antonio de’ Padri Teatini - Milano, Chiesa di Sant’Antonio Abate
  • Duomo - Piacenza, Cattedrale Santa Maria Assunta e Santa Giustina
  • Chiesa de’ Padri Cappuccini - Parma, Chiesa dei Capuccini
  • Chiesa pure delle Monache di S. Paolo - Parma, Monastero di San Paolo
  • S. Prospero - Reggio Emilia, San Prospero
  • confraternita di S. Rocco - Venezia, Scuola Grande di San Rocco, confraternita laica
  • gran Sala della stupenda Galeria - Modena, Gran sala di Palazzo Ducale
  • Chiesa di San Michele in Bosco de’ Monaci Olivetani - Bologna, Chiesa di San Michele in Bosco
  • porta detta S. Mammolo - Bologna, Porta San Mamolo
  • porta detta di Sant’Isaia - Bologna, Porta di Sant’Isaia
  • Chiesa della Certosa - Bologna, Chiesa di San Girolamo della Certosa
  • porta di Strada Maggiore - Bologna, Porta Maggiore
  • Chiesa degli Scalci - Bologna, Chiesa dei Santi Giuseppe e Teresa dei Carmelitani scalzi
  • S. Domenico - Bologna, Basilica di San Domenico
  • prima capella a mano destra - Bologna, Basilica di San Domenico, cappella di San Domenico
  • terza capella alla sinistra - Bologna, Basilica di San Domenico, cappella del Rosario
  • S. Francesco - Bologna, Basilica di San Francesco
  • S. Giorgio de’ Padri Serviti - Bologna, Ex Chiesa di San Giorgio in Poggiale, oggi Biblioteca d’Arte e di Storia della Fondazione Cassa di Risparmio
  • Chiesa delle Monache del Corpo di Cristo - Bologna, Santuario di Santa Maria della Vita
  • porta maggiore - Bologna, Porta Maggiore
  • Monache di S. Orsola in Strada S. Vittale - Bologna, Convento di Sant’Orsola
  • Monache di S. Cristina - Bologna, Chiesa di Santa Cristina
  • Chiesa delle Monache Convertite - Bologna, Chiesa e Convento di suore Carmelitane dei Santi Giacomo e Filippo Apostoli dette comunemente le Convertite
  • Chiesa de’ Mendicanti - Bologna, Chiesa di San Gregorio dei Mendicanti
  • S. Bartolomeo - Bologna, Basilica dei Santi Bartolomeo e Gaetano
  • Piazza Ravegnana - Bologna, Piazza di Porta Ravegnana
  • San Martino de’ Padri Carmelitani - Bologna, Basilica di San Martino
  • S. Giacomo de’ Padri Agostiniani - Bologna, Chiesa di San Giacomo
  • S. Paolo de’ Padri Teatini - Bologna, Chiesa di San Paolo Maggiore
  • Duomo - Bologna, Cattedrale Metropolitana di San Pietro
  • Chiesa di S. Gregorio - Bologna, Chiesa dei Santi Gregorio e Siro
  • Monache di S. Giovanni Battista - Bologna, Chiesa e Convento di Monache Domenicane dette di San Giovanni Battista
  • chiesa di S. Gregorio - Bologna, Chiesa dei Santi Gregorio e Siro
  • S. Nicolò di Strada S. Felice - Bologna, Ex Chiesa di San Nicolò in San Felice ora chiusa definitivamente
  • S. Bartolomeo di Reno - Bologna, Oratorio di San Bartolomeo di Reno
  • S. Salvatore con l’Assunta Beata Vergine e gli Apostoli - Bologna, Chiesa del Santissimo Salvatore
  • Strada Castiglione - Bologna, Strada Castiglione
  • Casa de’ Favi - Bologna, Palazzo Fava
  • Sala de’ Magnani - Bologna, Palazzo Magnani
  • San Giacomo Maggiore - Bologna, Basilica di San Giacomo Maggiore
  • casa de’ Sampieri - Bologna, Casa Sampieri, Museo
  • Strada Maggiore - Bologna, Strada Maggiore
  • San Domenico - Bologna, Basilica di San Domenico
  • Casa de’ Zambeccari - Bologna, Casa Zambeccari
  • S. Francesca Romana - Ferrara, Chiesa di San Francesca Romana
  • S. Francesco - Bologna, Basilica di San Francesco
  • Chiesa de’ Padri Capuccini di Cento - Cento, Convento Cappuccini, Santuario Madonna della Rocca
  • S. Domenico d’Imola - Imola, Chiesa dei Santi Nicolò e Domenico
  • Chiesa de’ Cappuccini - Sassuolo, Parrocchia di Sant’Antonio
  • Palazzo Farnese - Roma, Palazzo Farnese
  • capella di S. Diego - Roma, Chiesa di Nostra Signora del Sacro Cuore, cappella di San Diego
  • S. Giacomo dei Spagnuoli - Roma, Ex Chiesa di San Giacomo degli Spagnoli ora Chiesa di Nostra Signora del Sacro Cuore
  • Santa Maria Maggiore - Roma, Papale Arcibasilica Maggiore Arcipretale Liberiana di Santa Maria Maggiore
  • S. Onofrio - Roma, Chiesa di Sant’Onofrio al Gianicolo
  • Galeria de’ Lodovisi - Roma, Palazzo Ludovisi
  • Galeria de’ Lodovisi - Roma, Palazzo Ludovisi
  • Palazzo della Vigna Pamfiglia - Roma, Villa Pamphilj
  • Chiesa di S. Pietro di Perugia de’ Padri Benedettini - Perugia, Abbazia di San Pietro
  • S. Domenico - Bologna, Basilica di San Domenico
  • de’ Servi di Strada Maggiore - Bologna, Basilica di Santa Maria dei Servi
  • S. Gregorio - Bologna, Chiesa dei Santi Gregorio e Siro
  • publico Palazzo della Piazza di Bologna - Bologna, Palazzo d’ Accursio detto anche Palazzo Comunale
  • Palazzo publico - Bologna, Palazzo d’Accursio detto anche Palazzo Comunale
  • S. Domenico - Bologna, Basilica di San Domenico
  • capella del santo - Bologna, Basilica di San Domenico, cappella di San Domenico
  • chiesa Parrochiale di S. Tommaso - Bologna, Chiesa di San Tommaso della Braina o di Strada Maggiore
  • portico de’ Servi di Strada Maggiore - Bologna, Portico dei Servi
  • S. Salvatore - Bologna, Chiesa del Santissimo Salvatore
  • Chiesa de’ Mendicanti - Bologna, Chiesa di San Gregorio dei Mendicanti
  • porta detta di S. Mammolo - Bologna, Porta di San Mamolo
  • S. Michiel in Bosco - Bologna, Chiesa di San Michele in Bosco
  • S. Michiel in Bosco - Bologna, Chiesa di San Michele in Bosco
  • di Strada Maggiore - Bologna, Palazzo di Strada Maggiore
  • casa parimente de’ Zambeccari - Bologna, Casa Zambeccari
  • S. Andrea della Scuole - Bologna, Ex Chiesa di Sant’Andrea degli Ansaldi detto anche delle Scuole
  • S. Prospero - Reggio Emilia, Basilica di San Prospero
  • Chiesa S. Gioseffo - Reggio Emilia, Parrocchia di San Giuseppe al Migliolungo
  • Duomo - Modena, Duomo
  • Romagna - Emilia Romagna
  • Forlì in S. Girolamo - Forlì, Chiesa di San Biagio in San Girolamo
  • Duomo di Ravenna - Ravenna, Duomo di Ravenna o Cattedrale metropolitana della Risurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo
  • Chiesa degli Eremitani - Padova, Chiesa degli Eremitani
  • Duomo della città di Pesaro - Pesaro, Duomo di Pesaro o Cattedrale di Santa Maria Assunta
  • Chiesa nuova di S. Filippo Neri - Perugia, Chiesa di San Filippo Neri
  • Chiesa di S. Gregorio de’ Padri Camaldolesi - Roma, Chiesa di San Gregorio al Celio
  • Palazzo de’ Mazzarini a Monte Cavallo - Roma, Palazzo Pallavicini Rospigliosi
  • Chiesa dei Padri Cappuccini - Roma, Chiesa di Santa Maria della Concezione dei Cappuccini o di Santa Maria Immacolata a Via Veneto
  • Porta di S. Paolo - Bologna, Porta di San Paolo
  • Chiesa nuova di S. Filippo - Roma, Parrocchia Santa Maria in Vallicella
  • Chiesa della Trinità di ponte - Roma, Chiesa della Santissima Trinità dei Pellegrini
  • Galeria de’ Pamfili - Roma, Galleria Doria Pamphilj
  • S. Giacomo degli Spanuoli - Roma, Santuario di Nostra Signora del Sacro Cuore
  • S. Maria del Popolo - Roma, Basilica Parrochiale Santa Maria del Popolo
  • capella di S. Gregorio - Roma, Chiesa di San Gregorio al Celio, cappella di San Gregorio
  • S. Pietro in Vaticano - Città del Vaticano, Basilica Papale Maggiore di San Pietro in Vaticano
  • S. Girolamo della Carità - Roma, Chiesa di San Girolamo della Carità
  • S. Maria in Trastevere - Roma, Basilica di Santa Maria in Trastevere
  • S. Carlo de’ Catenari - Roma, Chiesa Parrocchiale dei SS. Biagio e Carlo ai Catinari
  • S. Silvestro a Monte Cavallo - Roma, Chiesa di San Silvestro al Quirinale
  • Madonna della Vittoria - Roma, Chiesa di Santa Maria della Vittoria
  • delizia degli Aldobrandini - Frascati, Villa Aldobrandini
  • Sala de’ Venti - Frascati, Stanza dei Venti nel Teatro di Belvedere
  • Duomo - Napoli, Cattedrale di Santa Maria Assunta
  • monache di S. Agnese - Roma, Chiesa di Sant’Agnese in Agone
  • S. Giovanni in monte - Bologna, Chiesa di San Giovanni in Monte
  • duomo - Piacenza, Cattedrale Santa Maria Assunta e Santa Giustina
  • S. Andrea - Piacenza, Chiesa di Sant’Andrea
  • S. Nazario - Piacenza, Chiesa Santi Nazario e Celso
  • chiesa de’ Francescani - Piacenza, Basilica di Santa Maria di Campagna
  • San Lorenzo - Piacenza, Ex Chiesa di San Lorenzo, ora Teatro(quasi)
  • Madonna detta della Piazza - Piacenza, Santa Maria delle Grazie detta anche Madonna in Piazza, ora scomparsa
  • S. Pietro in Vaticano - Città del Vaticano, Arcibasilica Papale Patriarcale Maggiore Arcipretale di San Pietro in Vaticano
  • S. Andrea della Valle - Roma, Basilica di Sant’Andrea alla Valle
  • S. Carlo de’ Catenari - Roma, Chiesa Parrochiale dei SS. Biagio e Carlo ai Catinari
  • chiesa de’ Padri Cappuccini - Roma, Chiesa di Santa Maria Immacolata
  • capella del Tesoro - Napoli, Reale Cappella del Tesoro di San Gennaro
  • Duomo di Ravenna - Ravenna, Duomo di Ravenna o Cattedrale metropolitana della Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo
  • San Gregorio - Bologna, Chiesa dei Santi Gregorio e Sirio
  • de’ Padri della Trinità de’ Monti - Roma, Chiesa Trinità dei Monti
  • porta Dataria - Roma, Porta Dataria Quirinale
  • Duomo - Ravenna, Duomo di Ravenna o Cattedrale metropolitana della Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo
  • S. Vitale - Ravenna, Basilica di San Vitale
  • S. Pietro de’ Padri Benedettini - Perugia, Abbazia di San Pietro
  • S. Maria della Nociatela - Bologna, Chiesa di Santa Maria della Vita
  • S. Francesco - Bologna, Basilica di San Francesco
  • chiesa dell’Annonziata de’ Padri Zoccolanti - Bologna, Chiesa della Santissima Annunziata
  • Porta del Corso - Bologna, Porta del Corso
  • S. Stefano - Bologna, Chiesa di Santo Stefano
  • Madonna del Baracano - Bologna, Chiesa della Madonna del Baraccano
Ricerca testuale
Cerca nel testo:

Francesco Scannelli, Il Microcosmo della Pittura, per il Neri, Cesena 1657


AL LETTORE PER INTRODUZIONE AL MICROCOSMO DELLA PITTURA L’AUTORE


Egli è talmente svogliato il gusto di chi legge, che fiuta a guisa di vivanda prima di leggere (non che il titolo) l’autore del libro, con far caso anche del semplice nome d’esso autore, e sovente il rigetta senza pure assaggiarlo, vuo’ dire senza leggerne, non che altro, intero il frontispizio. Ora che intraverrà a me (o discretissimo) che sono almeno per professione medico fisico, e mi son posto a scrivere di pittura? Certo che questa mia fatica verrà stimata come una vivanda da malato, cioè a dire sciapita e senza verun gusto. Ma vaglia poi il vero, che non corre fra il medico e’l pittore quella cotanta differenza, che potria forsi qualcheduno a prima vista dirsi a credere, posciaché la stessa medicina, e la pittura hanno di molta confacevolezza fra di loro. Prende il medico il corpo umano come sanabile; il pittore come pingibile; anzi oltre il soggetto hanno amendue commune il fine: il medico per conservare l’umana spezie, e’l pittore per maggiormente moltiplicarla coll’imitazione. Il pittore per esprimere gli abiti interni dell’animo n’impara i colori dalla medicina, e’l medico per rappresentare l’anatomiche dimostrazioni prende le linee, e le simetrie della pittura. Ma che più? Concorrono anche insieme nella medesima professione, cioè a dire nella fisionomia, mentre il medico ne tragge l’interno dell’umane inclinazioni, e talora il pittore ha dimostrato un ritratto così al vivo espresso, che il medico n’ha potuto traggere la naturalezza naturalezza del figurato. Altre non poche convenienze potrei qui addurti c’ha la medicina, la quale arte muta si noma, con la pittura che pure muta poesia s’appella, se non credessi di recarti noia1. Solo concedimi, che intorno al particolare di me medesimo io qui teco così discorra. Chi sapesse [s.i.p] discernere quanto possa la simpatia degli uomini sopra le cose di natura, saprebbe ancora rinvenire la simpatia delle stesse cose infra di loro. Una pietra sola tiene lapidati gl’ingegni tutti in guisa, che prostesi al suolo non dovrebbero prendere ardire di sollevarsi per più contemplare le cose del cielo, come che sì poco comprendano quelle della terra. Questa nasce gravida di maraviglie, e col nome di calamita partorisce calamitadi alla messe degli umani pensieri in modo che restano egualmente atterriti, ed atterrati per non saper rinvenire la cagione ond’ella sì mirabilmente a sé tiri il grave del ferro, né comprendere come immota s’accompagni co’ moti della stella polare per regola de’ naviganti a reggere, e ben condurre i loro legni sui vasti e perigliosi campi del mare2. Alcuni de’ più famosi antichi mirando chiari gli effetti esterni, restarono come del tutto confusi per non intendere la forza delle recondite qualità. Ma vari moderni3 e più laudabili hanno risolutamente determinato ciò nascere da virtù occulta derivante dalla propria sostanza della calamita, ancorché mostrino altri diversi qualificati soggetti4 non acconsentire, stimando sentimenti di tal sorte superflue innovazioni. Ma sia come si voglia, certo è quello c’ha per prova la continuata evidenza, ed ora a me pare che potranno esser credute le cause occulte finché notificherà più eccedente giudizio quello che al presente non viene che imperfettamente dimostrato. Io però aderisco al parere de’ più saggi5 per riconoscere in tal caso l’oscurità assai più lucente della stessa non apparente chiarezza; mentre stimo per causa occulta qualità che operando di nascosto n’alletta, e con modo incognito di maniera simpatica a sé tira, e quasi ne violenta la materia del misto. Eccone del tutto l’esempio in chiaro nella propria mia persona, la quale, se bene mancante di cause sufficienti in ordine alla particolar professione, posso nondimento per vero asserire essere stato in ogni età straordinariamente nell’animo stimolato per l’osservazione della bella bella pittura; ed in fatti, o lettore, t’assicuro, ch’avrei come dato principio, altresì proseguito nella degna operazione, e mi sarei sin ad ora al pari dell’animo consegrato per vittima a virtù tanto famosa, e meritevole da me in estremo pregiata, quando fossi stato per la buona riuscita sufficiente; ma, fatto di già il paralello tra le molte scoperte difficultà di questa difficilissima professione, e i miei deboli talenti, ho riconosciuto come repugnante il sortimento eguale alla transcendenza del desiderio: e però se bene non poco lusingato, acconsendendo [s.i.p] nondimeno alla cognizione del ragionevole, ho lasciato l’attuale esercizio a persone più di me nell’operare disposte, come maggiormente spiritose, conoscendo a mio mal grado, che a tutti non viene concesso dal cielo i fini desiderati, e che d’ogni legno non si forma Mercurio, e così proseguendo in ordine a’ primi studi, non gran fatto alla pittura lontani, ho procurato in vari modi al meglio possibili sodisfare me stesso coll’applicazione di cose naturali, e benché ad altro applicato, portando però del continuo nell’animo come connaturali i gustosi talenti di questa virtù, non ho tralasciato in ogni tempo, e luogo di frequentare la pratica de’ buoni virtuosi, e de’ più eccellenti maestri di tal professione, e con esso loro allo spesso secondare, osservando col mezo della vista, come del discorso, la continuata avidità; e dopo avere scorso i luoghi più famosi e degni dell’Italia, e considerato le differenti e migliori operazioni, che si conservano al presente per trofeo, e maggior gloria di così pregiata virtù, pensarei mancare a me stesso, quando non procurassi a tutto potere di palesare sinceramente a’ gustosi della pittura i miei deboli, ma puri, ed affettuosi sentimenti, affine di rincontrare, se non l’intiera sodisfazione de’ particolari interessati, almeno della maggior parte de’ buoni e sinceri virtuosi, insieme colla desiderata verità.

So (ed è vero) che in vari luoghi publici si ritrovano pitture di rara bellezza, ed anco appresso a’ particolari opere molto eccellenti e pregiate, potendo pure della maggior parte testificare di vista, come appresso prencipi grandi d’Italia, e signori di vaglia; essendomi parimente noto quello che talora palesa la stessa sperienza, mentre benespesso le copie de’ quadri sortiscono indebitamente il nome d’originale, servendo ad esse l’oscurità, che portano seco annessi per lo più su l’asse dipinti di qualificato carattere per passare francamente al nome di buon maestro; e le copie dal tempo e diligenza accreditate, e per aver alle volte estinto il primario originale, o trasportato in parti lontane, ottengono il primo posto, ed anco ritrovandosi gli studi per lo più ripieni coll’opere di certi maestri, l’attività de’ quali per non aver occupato in alcun tempo luogo fuori della circonferenza delle proprie parti, in esse similmente il loro nome, come mal nato se ne muore.

Molti al certo vengono osservati gl’imitatori, e vari sono gli artefici degni in questa professione; ma tra quantità quasi innumerabile s’additano soli in essenza, e come singolari nella virtù, così impareggiabili [s.i.p] nel merito Rafaello da Urbino, Tiziano da Cadoro e Antonio da Correggio, e successivi ad un tal numero altri chiari e qualificati maestri, l’opere de’ quali in buona parte svanite, ed altre pur tuttavia se ne corrono del continuo alla total rovina, e perciò le più belle e ben conservate operazioni de’ migliori, che alla giornata si rappresentano all’occhio del riguardante, si riducono in fatti altrettanto diminuite di numero, quanto accresciute di pregio; ed opere di tal sorte appaiono poi sempre le rare, e più pregiate maraviglie della pittura, e fra le più qualificate dell’Italia quelle che al presente possiede il Serenissimo Duca di Modana, Prencipe singolarmente magnanimo e virtuoso, diligentissimo custode e primo protettore di questa nobilissima virtù, che per aggiungere continuamente al gran cumulo qualificata operazione, discernendo in occorrenza con straordinario gusto le vere bellezze, e le più recondite perfezioni, non tralascia mezo d’ogni maggior riconoscenza per ottenere l’eroico intento: onde non sia maraviglia, se in un tal luogo si vedono campeggiare l’opere de’ maggiori maestri della professione, ed anco le più esquisite; e tali dipinti non sono già soli quadri di teste, e di meze figure per l’ordinario sufficienti ad illustrare l’altrui radunanze: ma quivi si vengono a godere, con estremo contento de’ virtuosi, stupende composizioni di vastissime istorie, le quali contengono in copia figure per ogni parte come naturali. E chi sarà co’ gustosi sentimenti di bellissima pittura nell’intendere, che vi sia in un tal luogo tre grandi operazioni della maggior eccellenza d’Antonio da Correggio, ed altre più qualificate de’ primi e maggiori maestri di pittura, che non resti invogliato ed impaziente di sodisfare con tali, tanti oggetti il nobilissimo senso della virtù? Io per me confesso, dopo frequentata considerazione, scoprire mai sempre in opere tali la moltiplicità degli stupori, che soprafanno i sentimenti de’ riguardanti. E quando il delicato di gusto differente nel leggere questa mia fattica formasse opinione, che nel menzionare il singolar maestro da Correggio, ed altri primi, e più degni professori, forsi per la troppa diceria intorno all’opere di tal sorte n’apparisse di parziale l’indizio e quel vero, che solo pretendo palesare in ordine al giusto, e pura verità, fosse stimato per troppo ed iperbole, sappia che in tal caso, come fisico, non pretendo punto allontanarmi dalla meta del conveniente, e perciò il discreto virtuoso potrà, prima scoprire quello, c’hanno palesato vari scrittori di questi più famosi ed eccellenti [s.i.p] maestri della pittura, e poscia dopo aver ponderato i meriti dell’opere col debito rincontro ne dia la propria sentenza. Non avrà egli che dubitare di quanto li viene qui asserito, mentre siano le più degne difficultà di questa professione il far conoscere nelle figure di conveniente simetria l’espressione maggiormente propria degl’interni affetti in ordine a’ più scielti composti dell’umana natura, le dimostrazioni sopranaturali di lumi divini, gli splendori celesti, l’espressione dell’umanata divinità, l’istorie per ogni parte sufficienti, ignudi d’ogni sorte della più esquisita naturalezza, e paesi vari, vaghi e di piena verità, con animali di corrispondente perfezione. In altri luoghi, si può dire che la copia eccede d’alcuni principali maestri. Quivi però l’opere del divino da Correggio, e di Paolo da Verona trionfano al maggior segno nel numero, ed eccellenza, insieme colla qualità de’ primi capi, Rafaello e Tiziano, come anco d’altri non pochi degni successori. Ed in fatti non essendo che tali, non posso, né devo in questo caso in altra guisa manifestare il mio sentimento, stimando bensì affettato, e dal vero lontano chi a tanto merito contende i dovuti applausi, e posso affirmare con ogni sincerità aver ottenuto in occasioni diverse fortuna al genio uniforme per la vista d’opere dipinte da’ più eccellenti maestri, e non so aver incontrato pitture maggiormente qualificate, né ridotte con più gusto e perfezione di quelle che sono le più esquisite di Antonio da Correggio, ed a proporzione d’altri sopracitati maestri, e quando anco di tal sorte non avessi scoperto un commune sentimento de’ più saggi professori ed eruditi intelligenti, facilmente diffidando della mia debolezza, non avrei osato (ancorché difeso in buona parte da probabili ragioni) di far conoscere senza il consenso di buone autorità un così fatto sentimento.

So, per essere pianta sterile ed incolta, non potere in conseguenza riuscire se non privo de’ fiori di ben coltivate parole, mancamento in vero a’ nostri giorni tanto più considerabile, quanto maggiormente si riconosce all’ultimo segno di perfezione l’arte della bella dicitura; e perciò questi miei sconcertati accenti potranno facilmente offendere le temperate orecchie de’ più delicati ingegni. Al contrario non deve anche arrogarsi all’occasione impropria sufficienza, chi non ha fatto particolar studio in ordine alle regole della buona lingua, né tampoco far pompa del talento che non possiede. Stimarei però, quando non vada errato, scrivendo particolarmente a’ pittori, e a’ [s.i.p] discreti gustosi della professione, e non a’ correttori della stampa, e a’ particolari della pittura parziali, che quando si compiacessero di scorrere ordinatamente il tutto del Discorso (come gli prego) che fossero per assaggiare qualche frutto, contuttoché venga rappresentato dallo stile ordinario, che forsi in riguardo della novità, e più probabile opinione verrà a sodisfare in qualche parte l’intelletto del virtuoso.

Vari veramente hanno scritto de’ pittori, e anche di pittura, ma però a mio credere poco, e confusamente intorno a quei particolari, che professo accennare, dimostrandosi alcun di questi scrittori per lo più sospinti dalla brama eccedente di magnificare la virtù e i virtuosi delle proprie parti, i quali proveduti di sufficienza al proposito avranno forsi ottenuto di facile quello, che io per ogni parte lontano non posso, né devo sperare, perché, sì bene anco mi dassi a credere, come abituato in un tal connaturale affetto, cioè, che la mia patria fosse eguale, e maggiore di Cadoro, Correggio ed anco d’Urbino; non può però offuscarmi in maniera la traboccante affezione di questa il conoscimento, che non discerna, e non confessi ad un tempo gli stessi pittori di Forlì, ed anco di tutta la Romagna (benché alcuni siano riusciti nelle particolarità degni e considerabili) non essere stati in effetto di longa mano corrispondenti nell’universale della maggiore eccellenza di pittura, a’ primi capi, e più perfetti maestri, e perciò goda pure la singolar città d’Urbino con gli altri due fortunati luoghi il vanto sopra d’ogni altra più famosa città, per aver partorito al mondo come uniche madri i più singolari, ed egregi pittori, che ne’ tempi moderni, ed anco forsi negli antichi abbiano illustrato al maggior segno una tanta professione. E si concluda pure finalmente col dire, che mentre sia quella buona veduta, che per autorità del filosofo viene lo spettatore ad ottenere debitamente collocato dall’oggetto lontano6, la mia persona (con tuttoché per altro insufficiente) in riguardo nondimeno del ritrovarsi in debita distanza all’opere, e a’ paesi de’ più degni maestri, non dovrà co’ suoi disinteressati discorsi apportare sospetto veruno d’affettata parzialità, come quella, che il tutto non riconosce, se non con senso indifferente, e solo in ordine a quel tanto, che si manifesta alla vista dell’autorità, e dal ragionevole corroborata, affine di raccogliere per beneficio commune la pura e desiata verità; il che pare, che per avventura non si possa asserire di quegli scrittori, che già furono [s.i.p] improporzionati alla buona veduta, e come troppo vicini non hanno potuto, che imperfettamente distinguere l’opere ed i soggetti delle proprie patrie.

Accettarai dunque una tal fatica quantunque non sia, che improporzionata al tuo merito; se non per altro, almeno per la brama, che tengo sopra d’ogni altri di sodisfarti. Se vi scoprirai di molti errori incolpane più, che lo stampatore, me stesso, e quel fiero contagio, che in quest’anno co’ suoi rumori ha impedito il darci mano l’uno l’altro, e che con una cotal sbarra ha quasi anche questo mio mondo sbarragliato affatto.

Restami solo di soggiungere, che dovrai avvertire nell’opera, che quando si nominano gli antichi vengono intesi quelli della professione di pittura, che furono dagli Egizi primi inventori fino a quei Greci, che l’hanno restituita all’Italia, e da Cimabue fino a quelli dell’ultimo secolo essere detti moderni, e quelli, che furono dopo fino a’ pittori de’ nostri giorni, gli odierni.

E per fine restarai avvisato, che in tal occasione devi prendere le parole di celeste, immortale, divino, divinità, divinizzato e simili, attribuite a soggetti caduchi, come dette per appunto in proposito di pittura tutta finzione, e non mai per contrariare quell’infalibile verità, che io, come buon cattolico, professo, e confesso altrettando colla penna, quanto colla bocca e col cuore. Compatisci, e vivi felice.

DEL MICROCOSMO DELLA PITTURA DI FRANCESCO SCANNELLI LIBRO PRIMO


LA PITTURA A’ NOSTRI GIORNI SOPRA OGNI ALTRO TEMPO PREGIATA DAR MOTIVO A’ OGNI GUSTOSO DI TAL VIRTÙ A SCRIVERE PER PALESARNE A GLORIA DEL VERO I PIÙ ECCELLENTI MAESTRI DELLA MODERNA


CAPITOLO PRIMO


[p. 1] Fu sempre il proprio degli oggetti grandi e straordinari il rendersi cospicui e considerabili a soggetti anche talora d’infima capacità. E quello che non conosce gli estremi, e partecipandone non sente gli eccessi, ne sopravive come morto, quando non si ritruovi fra gl’infelici con sentimento depravato. Quindi è che il famoso Colosso di Rodi7 movea per se stesso immoto a’ passeggeri sensi di maraviglia, non potendosi celare gli eccessi a’ sentimenti, ancorché deboli ed imperfetti, e perciò gli efficacissimi raggi del sole vengono a communicarsi anco in qualche parte ne’ luoghi rinchiusi, e il gran rimbombo de’ suoni si rende parimente partecipe a’ sordastri e dormigliosi8. E se bene solo all’aquila, come ad animale più nobile e generoso, è concesso dalla natura [p. 2] l’affissarsi nel maggior lume, non vien denegato per questo ad altri, con tutto che vile, il raggirarsi intorno alla bellezza de’ lumi, conforme alla propria naturale inclinazione, e in quella già del tutto innamorato consumarsi9. Così è, chi non ha, né può dimostrare al mondo le forze ed i talenti degli uni, pare che non debba celare in occasione l’affettuoso e connatural genio degli altri.

Là dove io, sospinto da’ gridi della gloriosa pittura, non men che costretto dal proprio, benché debil talento, non posso non rivoltarmi, almeno con affetto ossequioso, alla considerazione di virtù al pari d’ogni altra celebre e sublimata, la quale scoprendosi giornalmente all’ultimo segno della più suprema gloria, rapisce anco gl’insensati, e parimente alletta soggetti ordinari alla sua osservazione, e fin ad ora so non esser mancati degni osservatori odierni, che pronti per natura, e spiritosi, non hanno tralasciato d’aricchirla in vari modi con dovuti encomi di lodi10.

Nientedimeno anco per rilievo di queste vivaci chiarezze fa di mestieri l’oscuro dell’altrui insufficienza, in quella guisa appunto, che la nobilissima virtù di comendata pittura campeggia a maraviglia col mezo di tale necessaria varietà, così talora mediante il nero delle mie imperfezioni verrà ad apparire perfettamente rilevata la risplendente chiarezza de’ più purgati spiriti, e l’evidenza di ciò verremo sempre maggiormente a conoscere, perché se bene in vari modi s’incontrino i debiti encomi vulgati per le carte, vedesi però alla giornata in guisa di fonte incessabile oltrapassare gli angusti limiti de’ fogli, avvengaché di già gravida la fama all’ultimo segno n’ha partorito per ogni parte effetti di maraviglia e di tal sorte che, nel considerarsi quello che dimostra a’ nostri giorni la stessa esperienza, pare non resti infine che il concludere una così pregiata virtù essere fra le cose rare più preziose, non mai a bastanza commendata, e di già divenuta non solo in quella maniera, che ne vantò a’ tempi andati la superba antichità per l’equivalenza dell’oro, ma resa impareggiabile, e sopra le più care, anco di vantaggio apprezzata11, si vede talora non senza maraviglia con tesori, e stati medemi contracambiata da Prencipe straordinario12, e anco sopra d’ogn’altro [p. 3] vivente dotato di prudente e generosa magnanimità, e però indarno bene spesso da’ mezani s’apprezza, e custodisce, perché resa nella sua gloria sommamente fastosa, sdegna per l’ordinario i privati ricetti, e coll’ali del merito se ne vola da se stessa a’ palagi de’ grandi, dove al presente l’opere più rare risplendono di continuo, come in proprio centro in guisa di risplendenti stelle, mediante l’eccellente vaghezza delle sue rare perfezioni, quivi del continuo sospendono egualmente col corpo anche la mente del risguardante, e vengono ad arrestarlo in modo che sequestrato, e già confuso, ed instupidito nel più cupo di violenta applicazione, è forzato a confessare opere simili di trascendenti prerogative quasi affatto divine, veramente degne d’eternità, richiedere infine luogo convenevole e proporzionato, e solo conservarsi da’ Grandi fra primi e maggiori tesori, e nella maniera che si ritrovano in esquisita eccellenza senza pari, e sempre stupende, dover esser parimente equilibrate con prezzo inarrivabile e supremo.

A questa gran professione, che oggidì è cinta di tanti lumi, non resta de’ tempi antichi altro che barlumi, che sono le memorie tramandate dagli scrittori13. Là dove, illuminati di riflesso, alcuni del secolo decorso non tralasciarono in trattando delle sue magnificenze di rappresentare ordinatamente i più degni e sublimi pregi, e considerandola con tal occasione fino da’ primi esordi la palesarono leggiadra imitatrice delle naturali perfezioni, e come tale asserirono che ella fino da’ primi antichi Egizi vantasse i proprio natali, ed in tal maniera in risguardo del primario oggetto e delle antichità, godesse degnamente fra le più nobili i meritati onori, e ciò stimano che allora venisse a dimostrare, quando che del continuo ricevea avantaggiati gradi di compitezza, in guisa tale che fu veduta al colmo della suprema perfezione ne’ tempi celebratissimi della stupenda pittura non meno d’Apelle che di Protogene, Zeusi, Aristide14 ed altri coetanei, che tutti fiorirono al tempo delle maggiori virtù, le quali risplendettero in un secolo felicissimo, che a perfezionarlo di fatto non mancò un Alessandro, prudente altrettanto, quanto magnanimo e grande, al comparire del quale come di fecondissimo sole s’animarono le virtù al più perfetto grado, e [p. 4] in modo che si può dire che egli n’apportasse all’universo il vero secolo dell’oro, non più per l’avanti osservato, e dopo da’ virtuosi in estremo compianto, e gustando in particolare tra l’altre virtù la stessa pregiatissima pittura, si vide nel medemo tempo perfezionata ed immortale15.

E così proseguendo, mostrano ne’ successivi secoli non restasse priva di simili ed anco più qualificati onori, massime nel tempo delle più famose magnificenze di Roma16, quando per dar saggio quei prudentissimi del gran concetto che avevano di professione straordinaria, volsero che fosse ricevuta nel primo grado dell’arti liberali, proibendo per pubblico editto l’incamminamento ed essercizio ordinario d’una tal virtù alle persone di mezzana condizione, dove pratticata solamente da soggetti per ogni parte meritevoli, fu ben presto nobilitata in maniera che venendo riconosciuti con istraordinari onori quelli che l’esercitavano, sentiamo perciò che da così degno esercizio ne traesse nome la famosissima famiglia de’ Fabi romani, per essere il primo di questi cognominato pittore, e nella professione eccellentissimo, e leggiamo essersi dimostrato cotanto ambizioso nella gloria di pittura, che dopo aver dipinte le pareti al Tempio della Salute n’inscrivesse in un tal luogo il nome, come quello il quale, con tutto che dotato d’ogni sorte di nobiltà e virtù militare, stimava però anco accrescere splendore ed ornamento alle romane grandezze il lasciar viva la memoria d’esser stato eccellente fra’ professori della pittura. Altre mille encomi si raccogliono della pittura in risguardo degli eminenti soggetti dell’antichità, come regi, imperatori ed altri, che l’essercitarono in quei tempi17, e tralasciandosi, come per ogni parte noti simili motivi, proseguiron col dire, che giunta al sommo delle maggiori sublimità, né restando conforme all’ordine solito di natura che la declinazione, per soggiacere non poco all’umane vicendevolezze, dimostrano che ricevesse dalla guerra e dagli altri disgraziati accidenti la distruzione, la quale sicome non tralasciano gli scrittori mentuare, non mancano anco del pari ridurre alla memoria l’origine e vero rinascimento all’Italia di questa nuova ed immortalFenice18, che mediante gl’ingegni della Toscana stimasi [p. 5] dalla maggior parte rigenerata.

COLL’ESEMPIO DEL MICROCOSMO DELL’UOMO DIMOSTRARSI L’ALTRO DELLA PITTURA, E FRA LE PARTI PRINCIPALI ESSER SOMIGLIANTE AL fegato RAFAELLO, AL core TIZIANO, E AL cerebro ANTONIO DA CORREGGIO


CAP. II


[p. 11] Per dar a conoscere le buone e differenti qualità che si possono considerare ne’ particolari dipinti, come in un gran corpo di pittura, e far scielta delle più degne e maggiormente adeguate, vagliami l’occasione analogica del perfettissimo Microcosmo dell’uomo, il quale se bene in ordine ad un tall’essempio non si scopra al minuto ogni determinata parte con la stessa puntuale situazione, riconoscerà però lo studioso assai chiaramente nel nostro Microcosmo della Pittura le prime e più nobili parti, che vengono a dar con la forma il nutrimento, la vita e l’intelligenza, come il senso, moto e conservazione, ed altri effetti di successiva corrispondenza, e tutte insieme concorrere all’adequato compimento d’un tanto composto19. Diremo adunque di mostrare concordemente i dotti naturali il fegato col core e cervello ottenere nel Microcosmo dell’uomo, come parti più degne ed eccellenti il principato, per derivare da questi principi, come da vera fonte, la virtù del nutrimento, calore ed intelligenza; e benché oltre le dette parti, altre diverse ancora si manifestino di considerazione, le quali mai sempre riescono alle prime inferiori, e devono ragionevolmente ad esse soggiacere, come derivanti ed inserventi, così del pari per certo penso che non sia persona mezanamente erudita di questa professione, che non conosca e confessi, in occasione del fabbricarsi l’immenso corpo d’una tanta virtù, al segno della maggior compitezza esser concorso l’esattissimo Rafaello in guisa di parte primaria, [p. 12] e come per appunto nel corpo umano lo stesso fegato, perché di già ritrovandosi l’essordio di bonissima disposizione, non mancò fra l’altre cose sciegliere di vantaggio con ogni possibile diligenza, per studio molto a se stesso confacevole, le perfette reliquie dell’antichità.

O come bene s’addatta al dignissimo Rafaello la somiglianza del fegato nel Microcosmo della Pittura! Il fegato, già ottenuta la formazione de’ primi lineamenti, riceve poscia dal sangue della madre il compimento e perfezione del suo essere; e Rafaello tragge dalla madre antichità, come da vene a pro della pittura per confacevole umore la sostanza del sapere. Il fegato succhia da’ prefati sangui la parte più sottile e proporzionata; e Rafaello cava a proporzione dalla durezza de’ sassi e bronzi nelle statue il sottile e delicato dell’artificio, tracangiato nella propria delicatezza di buona pittura. Il fegato, quindi formato e riformato che ha se stesso, serve di fonte per tramandare il sangue a tutte l’altre membra del corpo, e con esso gli spiriti necessari; e Rafaello col di suo straordinario giudicio e continuato studio, compisce in se stesso la vera forma del ben dipingere, e mediante l’opere sue in guisa di prima scaturiggine, e buona minera participa incessantemente agli altri pittori la sostanza più convenevole, con lo spirito annesso del perfetto modo d’operare; e però con gran ragione dovrassi determinare per degna parte primaria, nella maniera che vien riconosciuto in fatti per tale dalla commune de’ buoni intelligenti, et anco seguito et immitato in varie parti, massime nell’alma città di Roma, dove persiste di così rara sostanza il maggior tesoro, in modo tale che quivi si viene continuamente a conoscere aver il proprio seggio con la virtù parimente la frequenza de’ buoni virtuosi, che vivono applicati con particolar gusto a questa dignissima professione. E se bene venga come ad un tempo a principiarsi il fegato insieme coll’altre parti conforme a quello che n’attesta maestro sempre grande, il quale primiero si dimostrò studioso degli effetti dell’umana natura20, dopo però altri maggiormente versati nella prattica [p. 13] dell’anotomiche dimostrazioni hanno chiaramente dato a conoscere con la ragione e chiara evidenza che il fegato, per essere il primo a ricevere la più immediata sostanza delle viscere materne, pria nodrito, communica poscia al core, ed egli al cervello, et in un tal modo non cessa di participare ad amendue il nutrimento21, et insieme con l’altre viscere principali lo spirito e calore per la conservazione del nuovo composto. E sicome il core non resta dopo aver ricevuto l’umore dal fegato di perfezionarlo e d’accrescerlo coll’eccedente calore degli stessi spiriti vitali, così parimente si dà a conoscere lo spiritoso Tiziano , come proporzionato a viscere di tanta eccellenza, che per aver ricevuto in parte da questo fegato e da vari coetanei ed antecessori diversi buoni alimenti, per i cui mezi invigorita la natura del proprio composto, poté poscia dimostrare effetti gagliardi e straordinari di più vigoroso spirito, e rilevante attività, di maniera tale che in quella guisa che vien riconosciuto il fegato per la vera prima fonte del nutrimento, così il secondo, formato di più intense qualità, e d’effetti se non megliori d’origine, e sodo principio almeno di particolarità eccedenti et assai più uniformi alla vera naturalezza, e sicome persiste il core parte principale dell’uomo, e vera origine del calore e della vita, così vengono, del pari gli effetti d’una tal parte sempre maggiormente a dimostrarsi nel mentoato Tiziano , il quale con la forza del più natio colore, e vera imitazione, che in qualunque altro tempo venghi osservato de’ corpi naturali, ne fa derivare la vita di questa professione, fondata sopra la più gagliarda e vera maniera, che fa vivere continuamente l’unico modo di ben dipingere, non meno per vivificare sé stesso, che rendere gli stessi seguaci vitali e famosi, i quali in forma di ramuscelli riuniti coll’imitazione al primo tronco e real radice vitale, pare non possino che restar animati mediante una tanta maniera, e quelli, che pe’l contrario si ritrovano separati non participanti dello spirito e vita di così eccellente operazione, restano languidi e perduti; dove al presente per far palese al mondo un tal centro e core di pittura, non credo farà di mestieri il dilongarmi di [p. 14] vantaggio per rimostrare quel vero, che di già vien supposto a tutti palese, il quale in riguardo delle singolari, e come animate sue operazioni, che sono sopra l’altre moventi e vivificanti, fanno perciò vivere alla posterità in ordine alla loro suprema eccellenza la dignissima pittura, dal cui valore avendo participato eccellente forza, e più vivace spirito, durerà per consequenza nella memoria de’ mortali quanto la gran naturalezza dell’opere e la fama di queste restaranno al mondo per attestazione di virtù rara ed immortale.

Che poi insieme col fegato e core venga ancora il capo mediante il cervello a sortire condegno il principato, pare che in ciò non sia difficoltà di momento, ma venendosi all’odioso paraggio fra di loro per far scielta della principalissima, sentiamo il filosofo22 con opinione assai radicata dimostrare che debba ad ogni altra parte soprastare il core , come fonte del calore e della vita dove, seguito da buon numero di straordinari soggetti, hanno dimostrato non curando maggior evidenza d’approvarlo per attestato d’infallibile verità. Contuttociò ritrovasi finalmente meglio scrutinato da più reali osservatori23 dell’umana corporatura, che determinarono con la ragione e chiara evidenza esser in tal caso più nobile e principalissima quella parte, nella quale si manifestano gl’instrumenti maggiormente immediati per l’operazioni sopra dell’altre nobili ed eccellenti, che sono le ragionevoli, al cui ministerio concorre col sangue dello stesso core parimenti gli spiriti vitali in servizio di più degno composto, cioè degli spiriti animali24, instrumenti maggiormente immediati dell’intelligenza, i quali perfezionano il capo e poscia le parti degli stessi sentimenti25, alle quali successivamente si diffondono e vengono, come in istante, a communicare in ordine alla loro disposizione il senso e moto, e perciò così degna parte in certo modo divinizzata, come real stanza delle più degne e sopra naturali operazioni, sarà per conseguenza anco sopra l’altre tutte meritamente principalissima, et a questa nobilissima parte dell’instrumento dell’intelligenza non sarà che molto uniforme l’unico pittore [p. 15] Correggio, il quale con tutto che in effetto non fosse che un chiaro sole di pittura, non conobbero però a’ suoi giorni i raggi di così risplendente virtù, in quella guisa, appunto, che molti per altro dotti, insieme con lo stesso filosofo26, stimaranno non fosse dalla natura composto il cervello, che in ordine al solo refrigerio del core; giudicarono altresì imperfettamente gli scrittori, e coetanei dello stesso pittore da Correggio, mentre a quei giorni non fu dichiarato che considerabile in risguardo di qualità anco debili della particolar maniera del proprio dipingere, essendo in fatti quel singolar maestro ch’è stimato a’ nostri giorni da migliori intelligenti, e più degni professori mediante le di lui come sopranaturali operazioni degno al pari, e forsi sopra d’ogni altro di lode, ed immortalità, se bene per esser vissuto come particolar essempio di soggetto più disgraziato, i propri paesani e circonvicini, come privi della cognizione di pittura, non lo videro che coll’occhio di poca stima, et in tal modo non conoscendo che le parti puramente superficiali, vennero a stimare ignobile e vile quella parte, che con gli effetti di suprema e non intesa virtù dovea in breve tempo tramandare, come da scorza stimata vile, l’interna sostanza, che al pari del nettare o d’altro celeste liquore potè dopo, mediante la vista, inebriare i sensi de’ maggiori professori e mantenerli non poco nell’estasi della maraviglia, attesoché furono anco in breve riconosciuti a proporzione gli effetti come divini di così eminente soggetto, et in guisa del capo dell’umano Microcosmo il vero seggio delle più eccelse operazioni, dove si ritrova del pari contribuire Rafaello il naturale alimento di ben fondato sapere, mediante il quale scopronsi invenzioni d’istorie straordinariamente rappresentate e disposizioni spiritosamente rare, con attitudini insolite e stupende, ed immediatamente Tiziano lo spirito con forza e gagliarda naturalezza, accoppiato a fiero ed impetuoso moto, tali ed altre simili qualità, talvolta in parte eccedenti, et anco in qualche maniera mancanti si ritrovano dalla temperie di così egregia parte esattamente represse ed attemperate. E ponderata, come si conviene, opera tanto [p. 16] eccellente, viene a dimostrare una tal verità, che divinizando, medianti qualità impareggiabili, palesa con insolita gloria, non solo la puntuale espressione di bellissima naturalezza, ma la stessa bella idea di più degna pittura, dove si può dire per una tal formazione essersi distillati come per lambicco gli spiriti più rari, che sono i puri estratti, e vere quinte essenze di bella e buona pttura e gli effetti di così eccellente e soprafina operazione potremo riconoscere di vantaggio ogni volta che essaminaremo il particolar modo, col quale i più degni maestri palesarono, al sentimento di Giovanni Paolo Lumazzi, le maggiori eccellenze della pittura. Posciaché, egli racconta «che per acquistar gloria Tiziano e gabbar gli occhi de’ mortali, poneva più chiaro che non è la luce, e così nell’oscuro suo contrario, sì come Michelangelo nel rilievo de’ muscoli e ne’ corpi, che la natura aveva assottigliato, come di Cristo, e simili»27. Quindi appare che mediante un tal artificio abbia dato sopra d’ogni altro a conoscere saggio di buona prattica, e gran fondamento dell’arte. Nientedimeno considerandosi il tutto più adeguatamente, ritroveremo poi sempre più compito e perfetto l’artificiato composto, che espresso esattamente dentro a’ limiti della pura naturalezza non fa conoscere eccedenza di veruna sorte, quali sono le singolari operazioni d’Antonio Allegri da Correggio e questa verità, come scordato del proprio detto, mostrò parimente autenticare il medemo Lumazzi, quando disse in tal proposito, «che Rafaello per aver con avantaggiata prudenza ascoso molto più l’arte ne’ suoi dipinti di quello avesse fatto il Bonarota, aveva perciò dato sicuro contrasegno di più fino artificio»28 essendo in effetto sempre vero, che tanto è meglio il dipinto, quanto maggiormente si ritrova uniforme e simile al bello di natura. Ond’è, che le stesse più degne azioni dell’uomo, come molto sensatamente lasciò scritto il dottissimo Castiglione29, riescono sempre più riguardevoli, e belle, quanto maggiormente sono riconosciute lontane dall’affettazione dell’arte, ed in fatti riescono quelle fra l’altre, che vengono espresse con moderanza, facilità e gloria, e come egli dice con sprezzatura, la quale, con [p. 17] tuttoché in se contenga eminentemente il tutto dell’arte, asconde però l’attuale artificio in modo che mostra esser il tutto con innata facilità, quasi senza pensarvi, e da se stesse, e (per dir quello che sentiamo all’improviso esprimere da coloro che vengono ad incontrare soggetti talmente alla natura et all’occhio proporzionati) sono così belli, che sembrano mandati dal cielo. E di tal sorte di rappresentati pare che insieme con la vista virtuosa goda parimente ogni altro spettatore, e questo si può facilmente credere in riguardo della simpatica inclinazione di natura, la quale uniformando in quel punto simili oggetti al proprio gusto, gode perciò in estremo di restar ingannata, e riescono anco a’ professori ordinari così grati alla vista, che nel gustare opere tanto confacevoli, mediante un’intensa osservazione, come se in un tal punto fosse in essa tracangiata la medema virtù, s’immaginano pure di potere nello stesso tempo esprimere opere così facili ed eccellenti, e così ne segue per l’ordinario al professore il profitto dall’osservazione d’opere tanto eccellenti, come la perdita dalla vista di quelle che si ritrovano espresse da gusto sconcertato, e sono veramente dipinti affettati ed imperfetti. E l’opere in fatti de’ primi e maggiori maestri sono quelle, fra l’altre, che palesano a’ nostri tempi, sopra altre non poche compitezze, quella tal sprezzatura30 che fa conoscere essere realmente il bello e buono in eccellenza. E però dirassi col soprascritto Castiglione essere la vera arte quella che il tutto contiene in eminente grado, senza punto dimostrarsi; e sicome l’uomo dotato di buona corporatura e migliori costumi non deve in altro porre maggior studio, che nell’ascondere l’arte delle proprie azioni, così del pari l’adeguato imitatore dell’opere di natura, attesoché venendo poscia scoperta disgraziatamente e con affettazione, leva il credito e fa l’artefice poco stimato. Dove Antonio da Correggio (come i suoi dipinti ne vengono a dimostrare) è stato di tale e tanta eccellenza, che con modo d’insolita e più fina operazione ha saputo temperare per ogni parte i viziosi eccessi, e comporre soggetti di così esquisita naturalezza, animati dal più vivo spirito [p. 18] d’allegrezza, dolore ed a proporzione d’ogni altro più proprio affetto, con tanto di gloria e natural facilità, che agevolmente si può credere sia stato quello fra’ moderni più eccellenti di pittura, che ha colpito maggiormente il bersaglio della bella naturalezza.

Dimostrano parimente i fisici31, che sia il cervello membro nobilissimo e maraviglioso nell’umano Microcosmo per contenere dentro a se stesso i ventricoli e stupende cavità, et in questi la prodigiosa fabbrica di quella rete, che in risguardo degli effetti riconosciuti da’ più dotti partecipi di divinità viene communemente per mirabile e stupenda denominata; nella quale si fabbricano gli spiriti per l’intellezione, quando non vogliamo dire che di vantaggio si venghino a perfezionare gli stessi vitali, i quali poscia coll’artificio e lor rara temperie si rendono convenevoli per immediati mezi della ragione. In modo tale che sopra le sufficienti dimostrazioni il raro composto di questa parte, come sopranaturale, dimostrando la chiara evidenza del fatto, non lascia occasione di contrastare il primo e supremo merito a così nobile e qualificata parte. Concorrono anco del pari corrispondenti operazioni nel gran soggetto di Antonio da Correggio, come in vero capo del Microcosmo di Pittura; e da chi osserva egualmente le parti più recondite di maggior virtù e maraviglia, si riconoscono con simili parti anco gli spiriti del più sublime sapere. Eccoti in questo proporzionato capo di pittura per le già dette stupende cavità le corrispondenti due cuppole espresse maravigliosamente nella città di Parma; e se il virtuoso desidera vedere la rete mirabile, e la fabbrica del supremo intendimento, potrà osservare la maggior cuppola del Duomo, che in questa ad una sol veduta verrà tantosto ad iscroprire in eccellenza epilogato ciò che in altre parti è stato da’ migliori maestri disperso, ed era ben di dovere che la parte fabbricata in ordine al motovirtù, e perciò ella, oltre il ritrovato di straordinaria espressione egregiamente disposto, et il far conoscere l’attitudine di stravagante ed insolita bellezza [p. 19] con le parti al tutto corrispondenti, dovendosi rendere a proporzione agli altri suprema in così gran corpo di pittura, diede a vedere in un tal composto benissimo espresse le più disastrose difficultà le quali con tutto che riuscissero pe’l passato per lo più insuperabili e repugnanti, quivi animate con suprema intelligenza le cose, che per l’avanti et anco dopo non furono rappresentate da’ professori, si può dire che l’unico Antonio Allegri abbia espresso con divina idea quello che nemmeno fu concepito dall’umano pensiero.

E nell’altra cuppola, o cavità, detta di S. Giovanni pare che s’osservino conservarsi le spezie più adeguatamente formate dalla stabilita bellezza, come nel vero erario di proporzionata memoria.

E desiderando lo stesso studioso similmente come al vivo godere di stessi annessi sentimenti, che sono nella principalissima parte di questo mistico Microcosmo di Pittura senza punto allontanarsi dalla detta Lombardia, potrà sciegliere cinque principali tavole dello straordinario maestro a’ stessi sentimenti corrispondenti, e fra queste non manchi ricorrere immediatamente coll’occhio per moltiplicare a maraviglia la vista alla tavola del Serenissimo Duca di Modana, che esprime stupendamente l’istoria della Natività di Cristo, e nello scoprire tra l’altre singularità d’artificioso componimento un raggio più puro di raffinato sapere che rende la notte chiara e l’ombre luminose, e con didivine vine rappresentazioni e celesti apparenze, come animati i medemi splendori, avrà occasione di riconoscere in chiaro il primario e più nobile sentimento della vista.

Et in un tal luogo rimirando parimente la bellissima tavola, e varia detta di San Pietro Martire, e sopra non poche singolarità egregiamente espresse, nel riconoscere in questa tremenda operazione la carne al vivo palpitante, come animata da più veri spiriti muovere ad un punto l’immaginazione al desiderio del tatto, sarà verisimilmente creduta per lo real senso del tangibile, et in somigliante modo essaminate l’opere di questo supremo maestro, a proporzione [p. 20] scoprirà mai sempre da questa mirabil parte esser derivato il sommo della perfezione nella pittura, avendo in fatti accresciuto supreme qualità, però meritamente dovrà prevalere come parte più nobile e principale intelligenza di così degno artificio.

Veda pure l’intelligente, e poscia ne dia il giudicio, perché riconosciuta in fatti una tal realtà, non ardirà come altri divulgarla, con modi indecenti et impropri, mentre stimarono solo convenire l’osservazione e lode ad una tal gloria, e particolar formazione de’ capegli et a simili inferiori qualità, tralasciando nel silenzio i veri stupori che danno in ogni tempo a conoscere chiari effetti di poca gratitudine verso la virtù di un supremo pittore, et anco di non aver veduto bellezze in estremo manifeste, quando offuscati nella mente dal continuo affetto e particolar passione, non abbiano ingiustamente operato contro alla ragione et alla stessa verità; dove defraudando per ogni parte al merito, non hanno lasciato a’ posteri che memoria di confusione.

Ma taccia pure le lodi meritate dal gran Correggio autore d’eccedente affettazione, e nella pittura d’imperfetto e vacillante giudicio, accioché non perdano di credito gli effetti indubitati di così chiara virtù, perché comparendo fra dubiosi racconti32 il vero espresso, non potria che rendersi difficultoso ed incerto, e perciò prevaglia pure meritamente a tutte l’improprie descrizioni ed imperfetti racconti l’autorità e testimoni d’ogni eccezione maggiori, quali sono quelli del celebratissimo Tiziano, lume principale e fra tutti sommamente meritevole nella professione della pittura, che accoppiato al molto conoscimento di Giulio Romano potrà illuminare, ed eternare il tutto, attesoché eglino dopo longa e repetita osservazione già ritornati, come dal ratto, e molto intenta applicazione d’artifici quasi divini, si raccoglie da sicura tradizione, concludessero infine aver un tal Semideo con la propria sua straordinaria virtù oltrepassato le migliori operazioni, dimostrando l’opere di questo supremo artefice per le rare maraviglie della professione fino a quei giorni [p. 21] non vedute, e solo doversi ammirare per l’ultimo termine della più esquisita bellezza, ed essere come repugnante non poco il giungere al segno di tanta sublimità; onde i gustosi e gli stessi professori della pittura fondati nell’autorità di tanti e tali maestri non mancarono, ed anco continuamente non cessano d’incontrare con la vista oggetti di cotanta bellezza, venendo sempre ad iscoprire con senso assai più di quello che n’apporti la fama col grido, perché in effetto convengono in buona copia, ed in particolare quelli di migliore e più purgato intendimento, in palesare tali dipinti pe’l non plus ultra della professione; et in ordine a così degne autorità predicano incessantemente queste operazioni impareggiabili.

ALLE TRE PRIME AGGIUNGERE I MIGLIORI FISICI PER LA QUARTA PARTE LA FACULTÀ GENERATRICE, CORRISPONDENTE, ALLA QUALE SI DIMOSTRA ESSERE NEL MICROCOSMO DI PITTURA PAOLO DA VERONA, E NON RITROVARSI ALTRE PARTI, CHE IN ORDINE ALLA CONFUSIONE DEL COMPOSTO


CAP. III


[p. 22] Alle tre prime e più nobili parti dell’umano composto aggiunsero già i prattici ed eccellenti investigatori de’ più degni parti della natura con buone e fondate ragioni, anco la quarta, che stimarono essere fra l’altre quella ove risiede la virtù genitale33, la quale ancorché non si ritrovi nel tutto, al pari dell’altre tre, nobile e necessaria, in riguardo però degli effetti stupendi che da questa riconoscono derivare, dichiararono meritamente una tal virtù generatrice dopo l’altre tre sopra d’ogni altra la più immediata e susseguente. Il che similmente vien riconosciuto con egual sorte da’ buoni intelligenti di pittura, proporzionatamente nel qualificato e straordinario Paolo da Verona, fra copia di soggetti, che furono nella professione della pittura non poco laudabili ed eccellenti, la cui compitezza e multiplicata virtù fa conoscere chiaramente un tanto soggetto per vero propagatore della pregiatissima pittura. E sentimento di tal sorte pare che alla giornata sia come indubitato appresso alla maggior parte degli eruditi e saggi professori che hanno a sufficienza osservato coll’occhio di buono e sincero giudicio l’opere copiose ed eccellenti di questo gran maestro, il quale in effetto con la sua dotta, facile e multiplicata operazione si palesa molto eccedente ed abbondante dell’opere, come delle più eccellenti qualità di pittura, dandosi [p. 23] a conoscere per lo più ne’ propri dipinti così compito in ogni parte che mostrano in ogni tempo accoppiata a ricca e bella invenzione la facile e rara naturalezza, nel che si rende facilmente anco ad ogni altro nel proprio merito pareggiabile, osservandosi con talenti sommamente qualificati e supremi conservare ed aggrandire sopra d’ogni altro il dignissimo Microcosmo di Pittura, e però verrà degnamente acclamato fra numero quasi infinito di buoni professori il solo Paolo da Verona, come quarta parte fra le principali di tanto composto.

E sicome in oltre si ritrovano diversi filosofanti, che procurano molte volte dimostrare con superflua sottigliezza novità insolite, e fuori del ragionevole, per l’ordinario abbondando nel proprio senso e gusto, che si conosce imperfettamente purgato, i quali pur tuttavia non mancano oltre le già dette prime e maggiori parti, aggiungerne parimenti altre diverse senza il debito fondamento di ragione; in somigliante modo ancora fra gli stessi professori e gustosi di pittura, alcuni si dimostrano tal volta di genio e sentimento diverso alla commune de’ buoni e sinceri intelligenti, resi di soverchio parziali del proprio affetto, e pare che non cessino anco di seminare varie, differenti e nuove opinioni, et in una tal guisa accrescono, come a caso, la multiplicità de’ pareri, i quali affinché non confondano l’ordine convenevole del nostro Microcosmo di Pittura per esser di già a sufficienza formato, ed assai ragionevolmente stabilito, medianti i veri e sodi fondamenti delle prime più degne e necessarie parti, per maggiormente confirmarlo resterà in tal caso l’incontrare la diversità di quelle opinioni, che per lo più si ritrovano casualmente divulgate, accioché si possa finalmente conoscere, che dopo varie agitazioni e multiplicati contrasti, che vengono bene spesso ad eccitarsi da flutti di contrarie opinioni, deve poi meritamente trionfare in ogni tempo l’immutabile del vero.

E però dovendosi investigare con dovuta sincerità i primi veri capi, che furono in fatti agli altri tutti supremi, per levare ogni dubbio di confusione da corpo così degno, stimo [p. 24] in tal proposito molto conveniente il dimostrare con ragionevole eccedenza non ritrovarsi sopra i tre sopracitati primi capi, e quarto susseguente, altro equivalente soggetto nella professione di pittura, che in effetto si palesi col mezo dell’opere per ogni parte eccellente, e di merito eguale per essere veramente quelli supremi maestri, i quali col moto delle di loro eccedenti e copiose buone qualità alimentano a’ nostri tempi, e vivificano ed insieme danno intelligenza e mantenimento alla gloriosa professione, e tali sono gli effetti delle supreme operazioni non meno di Rafaello, Tiziano e di Antonio Allegri da Correggio, che del susseguente Paolo da Verona: e se in oltre verranno osservate da’ studiosi e dotti34 le qualità considerabili ed eccellenti, come tali però per lo più nel tutto, e tallora in parte si scopriranno a’ primi e maggiori maestri inferiori, e come s’è detto, benespesso da primi derivanti et ad essi inserventi, che furono in effetto prima e maggior scaturiggine del vero e sodo fondamento di buona pittura. Quindi è che non deve essere creduto superiore, nemmeno del detto eguale, chi non fu prima a conoscere, e di maggior intendimento, né riuscì in effetto di più esatta espressione, e perciò il quarto susseguente, e non altrimenti il primo, nemmeno ad essi del tutto eguale per non avere contenuto in epilogo il tutto dell’altrui adeguatezze, potendosi in oltre verisimilmente stimare, che abbia ricevuto dal maestro, e da buoni antecessori e coetanei la participazione ed efficace influenza della Tiziano e suoi antecessori; di maniera che discendendosi col discorso a più unita e forte riflessione per rintracciare più sicura probabilità, pare che non si possa se non concludere che egli in effetto non fusse a’ tre primi maggiore per non ritrovarsi il tutto delle maggiori qualità al pari de’ primi e supremi più universali ed eccedenti, attesoché se bene in facilità naturale con varia e copiosa invenzione si manifestasse come impareggiabile, con tutto ciò nel rilievo e maggior forza e naturalezza non fu che al primo Tiziano [p. 25] inferiore, come nella più fondata invenzione, disposizione e prospettiva con studio più compito a Rafaello, et in grazia, delicata unione con maggior compimento, e più bella idea nel tutto, e parte in paragone di Antonio da Correggio ritroverassi mancante. A questi però meritamente susseguente si dovrà per ogni rispetto stimare, e non maggiore, ne meno del tutto eguale.


COME SI DEBBA INTENDERE IL SENTIMENTO DELL’ARIOSTO, DEL TASSONI, DEL CAVALIER MARINI E DI GIOVANNI PAOLO LUMAZZI IN ORDINE ALLA DIMOSTRAZIONE DE’ PIÙ DEGNI PITTORI, E ESSERE POI SEMPRE I TRE PRIMI E QUARTO MENTUATO I PRIMI ELEMENTI NEL MICROCOSMO DI PITTURA


CAP. IV


[p. 26] Già posti i veri fondamenti, che con le debite perfezioni mostrano comporre e conservare il vastissimo corpo della rinomata pittura, intanto per istabilirlo di maggior permanenza stimo molto opportuno in tal coniettura l’incontrare di buona voglia ogni machina, che gli studiosi potessero in tal caso apportare con ragioni ed autorità per indurre sconcerto a quello che fin ad ora abbiamo ragionevolmente stabilito. Dove per conoscere la diversità de’ soggetti e ’l maggior numero, ritrovaremo con apparente consenso anco l’autorità de’ più dotti e famosi moderni, e come primo ad autorizzare in tal proposito la suprema e varia sufficienza potrà essere il celebratissimo Lodovico Ariosto, che in occorrenza di palesare l’antico e moderno valore de’ maggiori virtuosi di questa dignissima professione, dopo aver fatto la debita rimembranza degli antichi, dimostra i più degni moderni col dire:


E quei, che furo a’ nostri dì, e son ora, Leonardo, Andrea Mantenga, e Gian Bellino, Duo Dossi, e quel, ch’apar sculpe, e colora Michel, più che mortale, Angel divino, Bastiano, Rafael, Tizian, ch’onora. Non men Cador, che quei Venezia, e Urbino35.


Ed a questo molto uniforme ritrovasi parimente l’eruditissimo [p. 27] Tassoni ne’ suoi pensieri36, quando ancor esso in tal proposito contrapone una simile differente copia de’ migliori moderni e più famosi antichi; così ancora il Cavalier Marini nel suo particolar discorso che fa di pittura, ed altri simili autori celebri ed universali, i quali se bene dimostrano fra di loro qualche diversità ne’ soggetti, tutti però concorrono nella maggior quantità, e quello pare che debba sempre maggiormente confirmare lo studioso nel sentimento contrario, sarà l’autorità degli scrittori particulari della pittura, massime di Giovanni Paolo Lumazzi e Giorgio Vasari. Il primo per aver formato l’Idea del Tempio della Pittura composto e sostenuto da sette colonne, equivalenti a’ sette maggiori maestri, ed a’ sette pianeti del cielo37; e similmente l’altro, che nel descrivere le vite de’ pittori fa conoscere, che Rafaello fosse più tosto inferiore, e seguace del Bonarota, e del Vinci. Quindi è che forsi sopra simili autorità venne fondamentata l’opinione altretanto celebre, quanto vulgare, che allo spesso si sente anche da persone per altro di buon giudicio, asserendo che l’eccellentissimo e supremo Rafaello per ispiegare i suoi voli alle maggiori sublimità rubasse l’ale a questo nuovo Dedalo.

Nientedimeno misurandosi il tutto più distintamente col compasso della ragione, ritrovaremo andar a voto quei colpi, che appaiono minacciar lo sconcerto al di già composto sopra il fondamento di buona probabilità, non essendo al di certo se non ombra di difficultà l’immaginarsi che il celebratissimo Ariosto venga in tal caso ad ostare a più particulare determinazione; posciaché egli non fa che al suo proposito conoscere i soggetti al mondo maggiormente famosi; e però non dovrà punto repugnare l’esserne riconosciuti altri anco differenti da chi viene ad osservare più al minuto, oltra i maggiormente celebri citati dal medemo Ariosto, come il ritrovarsi fuori del detto numero soggetto ad ogni altro eguale, e forsi migliore, che vien stimato il gran maestro da Correggio, il quale verisimilmente non vivea in un tal tempo, che a se stesso privo al solito d’ogni fortuna, ed intento come per necessità all’esercizio della professione, conservando la fiamma di tanta [p. 28] virtù non poco offuscata dal denso fumo del suo povero stato, e però anco incognita a’ primi letterati. Illuminava bensì in quei giorni ogni luogo la virtù eccedente del famosissimo Tiziano, ed altri dallo stesso Ariosto commemorati, ed egli in particolare venne in quei tempi assai più desiderato di quello potesse coll’opere sattisfare fortunatamente dipingendo a’ maggiori regnanti, con tutto che nella professione operasse del continuo per lo spazio circa d’un secolo intiero, e però non fu che facile ad esso autore la conoscenza di così famoso ed eccellente soggetto, massime in quel tempo che venne richiamato, ed assai trattenuto, nella città di Ferrara, degna patria di Lodovico Ariosto appresso il Magnanimo Alfonso, raro germoglio della Splendidissima casa d’Este, dove ebbe tempo d’aggradire al genio di tanto prencipe, il cui animo, come di tutta questa Serenissima prosapia fu in ogni secolo solo rivolto agli eccessi di quelle virtù, che hanno per propria meta l’immortalità, sollevando mai sempre con doni et onori i più degni e maggiori virtuosi: quindi non sia stupore se parimente Francesco d’Este dignissimo odierno Duca di Modana, operando per natura, mostra anch’egli in abbondanza simili gli spiriti, come propri e conaturali di questa antichissima Casa; e così Lodovico Ariosto favorito meritamente in quella Corte ebbe agio di conoscere ed ammirare col pittore anco le bellissime pitture, et in tal modo celebrarle sopra d’ogni altro nel suo pregiatissimo poema, col dire.


Non men Cador, che quei Venezia, e Urbino38.


Si dirà similmente dimostrarsi erudito con proposito il sopracitato Tassoni nel paralello ch’egli fa fra gli antichi e moderni pittori, dichiarando veramente la scielta de’ più famosi e sufficienti, ma perché l’uno e l’altro parla solo in ordine a quello che occorre alla commune e più universale considerazione, non resta poi che in caso di scielta più distinta e particolare, i primi da me proposti non siano con ragione riconosciuti agli altri eguali ed anco migliori. Lo stesso Tassoni39 però non manca meritamente proporre al pari d’ogni altro Antonio da Correggio, e forsi [p. 29] in tal caso avria anco dimostrato maggior gusto e più adeguata conoscenza di questa dignissima professione, quando fra gli altri in comparazione de’ primi e maggiori dell’antichità avesse contraposto per eguale ad ogni più straordinario talento il dignissimo Paolo da Verona, ed altri a proporzione.

Dirassi parimente che, in ordine alle stesse ragioni, abbia sattisfatto al proprio intento il Cavalier Marini40 nel proporre la soprabondanza e maggior numero de’ buoni soggetti, nemmeno però ritrovasi veruna ripugnanza nella più particolar elezione. Ed ora riconosceremo le ragioni che fino da principio furono proposte per dimostrare d’onde succeda, che i veri primi maestri di pittura si ritrovino allo spesso mischiati e confusi fra gli altri di poco e niun merito; perché l’esser proposti in occorrenza da famosi scrittori solo i maestri in risguardo di quello che n’apportano i tempi, i luoghi ed i fortunevoli accidenti pare di poi che, come tali, siano per lo più accettati dal mondo per norma d’infallibile verità. Ma chi sarà proveduto di qualche prattica ed intelligenza di buona pittura, verrà a conoscere esser veramente sublimati Rafaello, Tiziano ed anco in parte Sebastiano, come primi e degni maestri, ancorché fra di loro siano differenti, e questi come tali in conformità della somma virtù e loro rare qualità, così dovrassi stimare Andrea Mantenga in risguardo della molta intelligenza e più esatto fondamento dell’arte; e Giovanni Bellini, con tutto che sufficiente e laudabile nella pittura, però molto più celebre per esser stato maestro del gran Tiziano.

Et in tal modo discorrendosi, ritrovaremo Gaudenzio dal Lumazzi et i Dossi dall’Ariosto venir essaltati, al pari di ogni altro, come laudabili suoi concitadini, e riconoscerassi esser proposti altresì dal mentuato Tassoni41 gli eccellentissimi Antonio da Correggio e ’l Parmegianino in paragone de’ migliori per ogni parte di merito e dovuta ragione, e se bene lo studioso ritroverà la scielta del sudetto Cavalier Marini per i migliori della moderna pittura molto al vero, et al di lui proposito confacevole; scoprirà poi [p. 30] in altre occasioni il nome di pittori diversi, che viene a menzionare indiferentemente42, ed assai più in risguardo dell’amicizia, ed altri affetti, e particolari interessi essaltati, che in ordine alla real distinzione della virtù e proprio merito. Licenza che già dimostrò il poeta lirico43 debitamente convenire a’ poeti ed a’ pittori, e simili autorità essere tanto più decenti agli scrittori di tal sorte, quanto disdicevoli a chi pretende con modi istorici e ragionevoli di ricercare a tutto potere la desiderata verità. Dove in occorrenza per distinguere gli uni dagli altri sarà come necessaria la più ristretta e distinta ponderazione; stimando per opportuno, prima di maggiormente inoltrarmi nel componimento di un tal Microcosmo, entrare con i passi della considerazione in quel tempio di pittura, che già circa cent’anni sono fabbricò Giovanni Paolo Lumazzi alla memoria de’ virtuosi, il quale veramente al primo aspetto in risguardo della nuova idea, capricciosa formazione, e straordinari colossi che al di dentro danno forma e sostentamento, pare non poco laudabile e degno dell’immortalità: ma venendosi ad iscoprire lo stato e qualità di quei soggetti che lo compongono, per sciegliere in ordine al determinato Microcosmo44 le parti proporzionate e sufficienti, ritroveremo, diretti dal ragionevole, e dalla stessa evidenza del fatto, essere realmente i maggiori e più degni soggetti quelli che vengono riconosciuti all’occasione di buon scrutinio in guisa di materia maggiormente disposta e sufficiente, e però sentiamo il medemo Lumazzi, che nell’espressioni delle Deità e del formare le più belle idee et altre maggiori difficultà della pittura non tralascia di proporre al pari d’ogni più eccellente maestro della professione lo stesso Antonio da Correggio col dire «che l’eccellenza e differenza della forma, statura, colore, collocazione, lume dagli altri corpi che si fingono intorno a lui, cosa tanto difficile, che lo stesso Leonardo da Vinci non potè conseguirla nel Cristo, che dipinse nel Refetorio delle Grazie di Milano, ma con tutto ciò non ha da rimanere alcuno di non procurarla a tutto suo studio, sicome tra gli altri hanno spiegato Antonio da Correggio e Gaudenzio»45. Et in altro luogo nel dimostrare gli effetti che fa la luce [p. 31] con i colori soggiunge parimente «che simili effetti, come difficultosi e rari fra gli altri hanno miracolosamente osservato nell’opere Rafaello, Leonardo, il Correggio e Tiziano»46. Similmente pure nel medemo libro trattando di formare opere di tutta perfezione, come del dipingere un Adamo et Eva, parla in tal guisa: «chi volesse fare quadri di perfezione, cioè un Adamo et Eva, corpi nobilissimi, bisognarebbe che l’Adamo si dasse a Michelangelo a dissegnare, et a Tiziano a colorire, e l’Eva si dissegnasse da Rafaello, e si colorisse dal Correggio»47. Asserendo ancora in altra occasione «che il Correggio ad imitazione d’Apelle esponeva i quadri per esser notato, con tutto che fosse eccellentissimo recando a dispetto l’onore che veniva a lui fatto, e perciò stimava l’opere sue a vil prezzo, e diede per satisfar lo speciale, a cui dovea, un quadro di Cristo nell’Orto per quattro scudi, che fu poscia venduto cinquecento».

Dove appare in chiaro da tante e tali premesse, che lo straordinario Antonio da Correggio debba per conseguenza meritamente concorrere fra maggiori e più degni maestri della moderna pittura, e come soggetto eccedente e supremo, non potrà esser creduto insuficiente, venendo pria confessato eccellentissimo. E però non sarà se non che ragionevole il credere, che in ogni tempo il compitissimo, e molto qualificato Antonio da Correggio debba ritrovarsi fra primi pittori nella composizione di così degno edificio, e come uno de’ più nobili pianeti per illustrare il cielo di tanta virtù, nella maniera che serà degnamente riconosciuto nel presente Microcosmo. E quando questo non concorra a sostenere et ad illustrare un Tempio di tal sorte, come suppliranno poscia Gaudenzio, Andrea Mantenga, Polidoro et altri simili, i quali se bene nella professione ben fondati, ed anco in alcune particolarità eccedenti, con gli effetti però dell’opere per lo più vengono a palesarsi in diverse parti mancanti, e per conseguenza inferiori alla suprema operazione del più qualificato e perfetto da Corregio.

Non si deve porre in dubbio quello che del continuo fa conoscere a’ sensi virtuosi l’opere di così stupendo maestro, le quali palesando in fatti più compita naturalezza, maggior [p. 32] idea, grazia e più conveniente decoro, si devono stimare come in estremo qualificate al pari de’ più eccellenti, e per tali, benché riconosciute in effetto della maggior parte de’ professori, vengono nondimeno solamente dichiarate da’ più sinceri intelligenti, laonde ne segue che sia azione giusta del pari e conveniente il far palese all’occorrenza alcuni di supremo valore, quanto lo stimare Andrea Mantenga, soggetto veramente degno in risguardo a’ fondamenti della professione, molto valevole per mantenere con la proporzione e rara intelligenza di prospettiva il nobilissimo Tempio della PitturaGaudenzio abbondante nell’invenzione, intelligente della buona simetria, diligente e studioso ne’ panni, et in ogni sorte d’operazione ben fondato, prattico ed universale. Nondimeno, in comparazione de’ primi e più eccellenti, come n’appare il saggio nella Chiesa delle Grazie di Milano, dove facilmente si vedono l’opere migliori, le quali se bene per se stesse siano laudabili e sufficienti, non riescono però appieno corrispondenti alla tavola della Coronazione di Spine fatta dal gran Tiziano, il che anco si vede in chiaro nelle più famose Galerie, ove stanno in paragone l’opere de’ maggiori maestri. In maniera che per formare a proporzione un corpo di pittura, che in effetto contenga le migliori e più perfette parti, si conoscerà mai sempre, dopo la debita ponderazione, non concorrere fra il numero de’ moderni a segno di maggior merito, che gli stessi mentuati più compiti et universali maestri, come quelli che in fatti furono solo a loro stessi simili, et anco in ogni tempo sopra d’ogni altro perfetti e degni, cioè Rafaello da Urbino, Tiziano da Cadoro, Antonio da Correggio e susseguentemente Paolo da Verona, come anco dopo questi altri, se bene inferiori, però non poco qualificati, e laudabili, ma solamente i mentuati, come in eminenza tali, saranno i veri primi e più perfetti elementi, sopra di tutti meritevoli per intravenire alla formazione e mantenimento di così degno Microcosmo.


SI DÀ A CONOSCERE COME VANO IL SENTIMENTO DEL VASARI, IN CREDERE CHE RAFAELLO SIA STATO SCOLARE DI MICHELANGELO E DI LEONARDO DA VINCI, E NON SIA GIUNTO ALL’ECCELLENZA DE’ MEDESIMI MAESTRI: PER ESSERE STATO IN FATTI PIÙ ECCELLENTE E PERFETTO


CAP. V


[p. 33] Intanto proseguendo in ordine a quello che ci resta a conoscere, per rintracciamento della maggior probabilità, vedremo, già ponderato il senso de’ più degni autori, non apportarsi in tal proposito ostacolo di momento. Quali poi siano le ragioni del Vasari, e del volgo insieme, che mostrano almeno in apparenza impedire le glorie di Rafaello48, considerandosi l’asserto di esso Vasari, verremo facilmente a conoscere essere assai più confacevoli al di lui genio, che alla probabilità del ragionevole, asserendo che Rafaello sia stato seguace particolare del Bonarota e dell’altro da Vinci, né mai giungesse alla loro sufficienza. Ma lasciamo chi si sia ne’ pareri più uniformi a’ propri gusti et alle naturali inclinazioni del senso; dandomi finalmente a credere che solo quello debba prevalere appresso i discreti amatori di questa virtù, che sarà in tal caso assicurato da più verisimili ragioni come dalla stessa evidenza del fatto. È molto ben noto ad ogni scrittore della moderna professione l’esser uscito Rafaello al mondo con le più immediate disposizioni all’eccellenza di pittura; imperoché egli, nato di padre pittore, s’intende che, a pena fuori dell’infanzia, venisse fomentato da’ paterni indrizzi altrettanto debili, quanto affettuosi, massime in risguardo del di lui supremo talento, e richiedendo, in oltre il calore di tanta attività, avvantaggiato nutrimento, [p. 34] si raccoglie fosse sostentato primieramente da Pietro detto da Perugia, e poscia alimentato dalla vista e prattica di Fra’ Bartolomeo da S. Marco, da’ Zenghi, e simili coetanei e maggiori pittori di quei giorni49, e s’osserva che operasse di tal maniera ne’ primi suoi dipinti, che giunto nell’adolescenza, già crescendo col tempo a maraviglia la ben radicata virtù, s’ha da’ scrittori, come da varie tradizioni, che il delicatissimo ed eccedente suo gusto sciegliesse per alimento più abbondante e qualificato il perfetto dell’antichità per non satisfarsi appieno della sufficienza de’ maggiori maestri, dalla quale è fama che formasse la soda perfezione, e con la più bella idea di ciascuna parte il sufficiente studio del tutto; e dopo posto nella gioventù, asseriscono che in conformità dell’occasioni venisse ad incontrare il già ben studiato sopra il vero di bella naturalezza, et in un tal modo diede anco in breve a conoscere aver estratto e formato molto al proposito mediante la proporzionata materia, e ’l caldo di studiose fatiche l’oro purissimo della più fine pittura. In qual tempo poi fosse particolar seguace de’ sopracitati maestri, non so ritrovarsi indizio di veruna certezza, né tampoco scoprirsi probabile autorità, che dimostri in alcun tempo che abbia levato di nascosto Rafaello il cartone al Buonarota per dipingere il profeta nella Chiesa di S. Agostino di Roma, come pare che sia per certo stimato senza fondamento di ragione dalla maggior parte de’ volgari: ma perché lo studioso non può a questi giorni avere che probabile la relazione del fatto, si dovrà almeno satisfare in qualche parte con un somigliante discorso, il quale si forma in tal modo.

Questo straordinario ed eccellentissimo soggetto, ancorché fosse alquanto di tempo inferiore de’ sopracitati maestri, non si ritrova però che egli sia stato particolar seguace, e ciò da’ scrittori non si raccoglie, e contrario lo dimostra la differente maniera dell’operare. Avendo in oltre il seguito del suo dipingere dato a vedere che quello valse per formare il raro profeta, benché debile di corpo e d’età, grande però di giudicio a maraviglia, e nella pittura di straordinaria disposizione, dimostrò poscia col tempo [p. 35] questo operato esser stato suo legitimo parto, e non altrimenti surrettizio et adulterino, perché con esso lui crescendo con gli anni la virtù, diede anco del continuo chiari segni dell’avantaggiata operazione fino all’ultimo dipinto che dalla cognizione de’ migliori intelligenti vien stimato ad ogni altro nella perfezione supremo, e tutti a proporzione, come rari parti d’ingegno insolito e mostruoso, il quale in effetto per se stesso sufficientissimo fabbricò maniera propria di suprema eccellenza con maggior decoro, grazia, leggiadria e total compimento di quello abbia mai dimostrato un moderno professore. E se bene venga riconosciuto il Bonarota aver alquanto anticipato Rafaello nel volto della capella del Giudicio, non resta però ragione, né sufficiente autorità ch’egli abbia potuto scoprire, ed immediatamente raccogliere, massime in ordine alla pittura, il buono dell’antichità, e l’altro che pur anch’egli concorse con talento anco nella stessa pittura maggiore, e forsi con più esatta applicazione, non debba finalmente a proporzione approfittarsi. E perciò ne sentiamo concordi gli scrittori50, e tradizioni della città di Roma, che amendue fossero applicati al dissegno dell’antichità, ma con tal differenza, che il Bonarota venne riconosciuto di gusto assai più uniforme alla statuaria che alla pittura, dove si raccoglie che dopo l’universale suo studio, che infine si palesasse più particolare osservatore dello stupendo torso di Belvedere e dell’Ercole de’ Farnesi, e di simili per ogni parte grandi e più eccellenti, e così da questi dottissimi, e gagliardi operati potè facilmente formare, mediante la propria naturale inclinazione, un modo vigoroso, grande e molto studiato nella solita operazione con forza, rilievo e tal ricercamento, il quale se bene sia riconosciuto come stupendo per ridurre le statue a perfezione, e l’abbiano reso supremo nell’opere di tal sorte, in pittura però non portato egualmente dal talento connaturale, forsi anco non curando e non valevole a sufficienza per occultare i contorni, risalti e gli eccedenti rilievi ne’ muscoli, nervi ed ossatura, né bastando tampoco per aggiungere la debita unione, et ad indurre la susseguente delicatezza, e conservare all’occorrenza [p. 36] il necessario decoro e grazia in ordine alla diversità de’ rappresentanti, venne a dimostrare opera dotta sì, ma in effetto lontana dal più compito e perfetto gusto de’ susseguenti maestri, e come racconta ne’ suoi precetti moderno autore, lo disse il dottissimo Leonardo da Vinci in occasione di vedere a quei giorni l’opera del Giudicio: «Mostrando dispiacersi non poco, che in opera così grande si fosse servito in troppi modi di poche figure, e perciò soggiunse, che gli parea vedere i muscoli nella figura del giovine, come in quella del vecchio, e ’l simile essere de’ contorni»51. Dimanieraché stimo si possa concludere di tal operazione, come d’ogni altra di questo maestro, quel tanto che pur seguita il medesimo autore52, mentre racconta che, dopo ch’ebbe compito il detto Bonarota il rinomato Giudicio, un giorno entrato nella medema capella con un Vescovo suo parziale amico, proruppe finalmente, dopo aver osservato con esso più al minuto il dipinto col dire: «quanti ne farà questa opera ingoffire?»

Quindi possiamo dedurre che la conoscesse buona ma non perfetta, come il Vasari ed altri hanno procurato dimostrarla. Ma Raffaello dato anch’egli allo studio d’ogni più rara antichità sentiamo da’ sopracitati autori53, che applicasse con più determinato gusto all’istorie de’ bassi rilievi, de’ quali si dimostrò esatissimo imitatore, et anco in occasione di bella naturalezza, e di tal sorte si palesarono le sue adeguatissime operazioni, che in occorrenza lo diede a conoscere manifestamente coll’inserire le stesse figure antiche in esse, con tanto di maestria e convenienza, e con tale uniformità fra di loro, che ad un tempo apportano alla vista del riguardante straordinaria difficultà, che pare in tal caso non sappia discernere se Rafaello sia l’artefice antico, o pure l’antichità lo stesso Rafaello. Se poi siano di maggior perfezione i bassi rilievi o pure le famosissime e singulari statue degli Ercoli, ed altre simili, dirò che questo non occorrendo al mio proposito, lascierò ad altri la sufficiente distinzione, dandomi a credere che simili esquisitezze non rieschino in fatti che l’estratto più puro della perfezione, e gli stessi colossi degli Ercoli servire in ogni tempo per lo vero modello del maggiore studio, e più fina [p. 37] bellezza; onde v’appare la vera regola di buona corporatura, e la formazione, e real temperamento del corpo ben quadrato, che dimostra in epilogo una rara idea dell’uomo maggiormente robusto, e questi ed altri simili dignissimi avanzi della passata antichità a proporzione di quello che mostrano esprimere, non sono al certo a’ nostri giorni al mondo che per norma sicura dell’estrema perfezione. Il ritrovarsi però al presente il Torso di Belvedere casualmente esposto in luogo umile, si può dire assai differente da quel sito dove fu collocato dall’artefice nel tempo della propria nascita, e perciò dimostrandosi con impropria vista osservato troppo da vicino, pare che anco mostri di vantaggio di quello farebbe, quando fosse alla vista propria e conveniente; e gli esempi di una tal differenza non mancano negli scrittori dell’antichità54 per dimostrare che simili colossi, ancorché siano per se stessi in ogni tempo sufficienti e rari solo però esposti al luogo per lo quale sono stati fatti mostrano il tutto del proprio essere.

Il che ci diede manifestamente a conoscere pochi anni adietro la statua della miracolosissima Madonna del Fuoco nella città di Forlì, che presentemente sta sopra la publica Colonna nella Piazza di detta città; la quale appena scassata, e poscia al meglio dirizzata sopra il suolo, che osservata da genti d’ogni sorte, le quali stavano ad attenderla per ogni parte devote, et in vederla anco maggiore di quello si erano immaginate, e mancante in alcune parti di piena diligenza, proruppero con la solita libertà del paese in dire che non piacea, nemmeno stimavano che mai fosse per riuscire ad un tal proposito, il che presentito dal prudente artefice, senza il soggiungere cosa in contrario procurò fosse immediatamente con panni ricoperta, e la mattina seguente la fece collocare al proprio luogo, dove del continuo persiste alla vista d’ogni passaggiere, e dopo scoperta verso il mezo giorno alla presenza di tutti, disse: «ora è il tempo di considerarla, e dare il proprio giudicio»; e in effetto riuscì nel tutto confacevole al gusto universale in riguardo della proporzione che ottiene con la Colonna, come della bella simetria e vera naturalezza che la stessa [p. 38] figura mostra in se stessa conservare, e questa è di Clemente Molli soggetto ornato di talenti diversi, et in ogni tempo meritevole, il quale nell’occorrenza di tale statua si conosce aver superato il proprio valore, essendo al certo la migliore che possano in pubblico vedere i passaggieri nelle parti della Romagna.

E però non darà maraviglia se talvolta anco le più esquisite collocate ne’ luoghi inconvenienti non dimostrano il tutto delle somme perfezioni; sicome venendo formata la di loro similitudine in diversa occorrenza, forma e proporzione, con colori indebitamente concertati, e talvolta negli estremi fuori del convenevole espressi, in modo che venghino a dimostrare lontananza dalla bella naturalezza, riescono oggetti eccedenti e viziosi; le quali operazioni dovranno mai sempre schifare quelli che bramano seguire la buona strada, che n’addita egregiamente col perfetto d’antichità la stessa madre natura: commune avertimento a’ professori di questa virtù, che fu parimente confirmato dal medemo Lumazzi allor che disse: «doversi guardare il pittore, che per dimostrarsi perito dell’anatomia non esprima in ogni corpo tutti i muscoli che l’anatomia truova, quando essercita l’arte sua ne’ corpi naturali, come fece Michelangelo Bonarota; ma imitando in ciò il prudentissimo Rafaello seguiti la natura, la quale in Ercole et in un uomo marziale dimostra relevati quasi tutti i muscoli, ma in un giovane, et in una bella femmina, certi muscoli copre e nasconde, altri sucessivamente scopre e dimostra di carne, e di pelle dolcemente coperti con certa armoniosa morbidezza»55. Onde sarà lecito dire che simili operazioni per esser fuori del natural concerto, benché fossero a quei giorni vedute da Rafaello, e da esso stimate in riguardo dell’invenzione, studio, forza ed intelligenza dell’arte, egli però ritrovandosi con gusto più temperato e compito, dimostrò anco in occorrenza degl’ignudi più perfetta cognizione conforme l’attestato del sudetto Lumazzi56; poiché se bene questi meno gagliardi e risaltati, ridotti però con più sufficiente ricercamento e molto al proposito delle proprie azioni composti con eguale et anco maggior fondamento, e con più [p. 39] delicata naturalezza, palesano in fatti, mediante la grazia e decoro, che all’occasione Rafaello eseguiva assai meglio il precetto del dottissimo Leonardo da Vinci nell’espressione de’ suoi dipinti, di quello avesse fatto ogni altro antecessore, il quale era: «che i professori dovessero fuggire l’estremo ricercamento de’ muscoli, accioché non rieschino difficili e disgraziati»57. Perché egli considerava il bello di natura non dar a conoscere, massime negl’ignudi, che un particolar concerto di grande unione e delicatezza, e solamente dimostrarsi fra la diversità delle parti alcune più gagliarde, con altre dolcemente accennate, e tutte dentro a’ limiti della buona unione, e debita moderanza. Adunque espresse in somigliante guisa saranno stimate biasmevoli ed imperfette? E ’l dipinto partecipante di crudo non poco fiero, e fuori della convenevole naturalezza per satisfare al gusto depravato, come di febricitante sarà il bello e il buono? Non è che fuori del ragionevole il pensare che debba in alcun tempo prevalere il gusto viziato ed imperfetto, al temperato, e di buona sanità. Ma oltre l’evidenti ragioni decida pure il tutto la stessa sperienza, che del continuo dimostra la copia de’ buoni studiosi di pittura applicata a’ più degni e perfetti operati di Rafaello, massime nella città di Roma, ove risiede il maggior aggregato dell’opere, e non altrimenti a quelle degli altri, contuttoché dal sudetto autore58 venghino rappresentate di più assoluta perfezione.

SI DIMOSTRA ESSERE STATI MICHELANGELO BONAROTA E LEONARDO DA VINCI PIÙ IMMEDIATI DI OGNI ALTRO PITTORE NEL MERITO E GLORIA A VERI PRIMI CAPI, CHE POI SUCCESSERO MAGGIORMENTE UNIVERSALI PRATTICI E PIÙ PERFETTI


CAP. VI


[p. 40] Già riconosciuto assai in chiaro non ostare alla suprema eccellenza di Rafaello il valore straordinario del Bonarota nella professione di più compita pittura, dimostraremo anco di passaggio che le qualità ammirabili e singolari di Leonardo da Vinci non apportano reale impedimento, con tutto che sia da’ più famosi scrittori59 collocato nella scielta de’ più eccellenti professori, e ’l sottilissimo Cardani fra gli altri lo dimostri sopra di tutti qualificato e perfetto60. Attesoché l’essere degnamente commemorato fra i maggiori soggetti della moderna pittura, come s’è detto, non apporta veruna repugnanza a quelli che vengono in oltre con più esatta ponderazione considerati per far scielta maggiormente al particolare in ordine alla più adequata perfezione de’ più degni pittori. E se il Cardani nel dimostrare le difficultà che sono nella formazione di compito pittore, scelga fra tutt’ i moderni Leonardo da Vinci per maestro maggiormente perfetto, ciò non riuscirà, infine, che sentimento molto ragionevole, ogni volta che lo studioso si compiacerà ponderare i fondamenti di questa opinione, imperoché calcolato il tempo nel quale vivea il medesimo Cardani, si ritrova non esser facilmente che riuscito coetaneo di Leonardo da Vinci, e forsi anco riconosciuto per vista e prattica in occasione d’essersi trattenuto non poco il famosissimo pittore in Milano per operare il tanto celebrato Cenacolo, e altre cose in detta città patria d’esso Cardani che era stimato in particolare [p. 41] a quei giorni sopra d’ogni altro, non essendosi per anco osservate l’opere de’ successori più prattici e adequati; e perciò non segue che si venga punto a levare all’opere de’ susseguenti maestri, le quali appaiono per testimono infallibile di prima e suprema eccellenza: ancorché si riconosca in fatti, che lo stesso Leonardo non fosse in quei tempi che la vera regola della più rara perfezione.

Al cui proposito sarà forse a grado l’inserire qui qual sia l’opera di così rinomato Cenacolo, sendo che si ritrova talmente viva la memoria appresso d’ogni professore e gustoso di quella virtù, che la straordinaria fama di tal nome pare che per se stessa sia sufficente per far conoscere il migliore fra gli operati del famosissimo maestro e un raro prodigio della buona pittura; di maniera tale che io, in estremo stimolato dal commune grido de’ virtuosi, bramoso in ogni tempo d’incontrare le maggiori eccellenze di tal professione, fino all’anno 1642 partii di Romagna per godere una tal opera, come nel centro di Lombardia i più rari dipinti d’Antonio da Correggio, e perciò mi portai fino a Milano, dove appena giunto, reso impaziente di scoprire gli effetti straordinari del commendatissimo Cenacolo, tantosto m’avanzai nel refettorio de’ Padri Predicatori per ritrovare una tanta avidità, e posso attestare in tal caso, che in riguardo d’incontro inaspettato mi restasse il gusto in estremo instupidito, scoprendo opera tale non conservare che poche vestigia nelle figure, e con modo così confuso, che a gran fatica potei distinguere la già stata istoria, e le teste, come mani e piedi, ed altre parti ignude con chiari, lividi e meze tinte, ritrovai quasi affatto anichilate, e al presente stimo non siano che del tutto estinte, e le figure per lo più dal muro divise, e in parte fatte oltramodo oscure davano a conoscere le buone reliquie d’opera già resa del tutto inutile, non restando al riguardante ormai che il credere alla buona fama del passato. E mi potrei anco rammaricare di non aver procurato una tal vista qualche tempo avanti, per ritrovarlo di bramata conservazione, quando nel leggere autore del secolo passato non avessi sentito in questo caso le seguenti parole: «Vidi [p. 42] nel refettorio delle Grazie di Milano ad oglio dipinto il Cenacolo di Leonardo da Vinci mezo guasto, benché bellissimo»61. E però non pensavo che indarno di ritrovare in buon stato l’opera, la quale un secolo prima non era che in parte rovinata. Dove dopo aver considerata la causa di così inaspettata vista, ritrovando opere non poche di pittura, le quali, se bene fatte molti anni prima, si mostrano però di miglior conservazione, in modo che in questo caso non conobbi potersi accusare verisimilmente che la particolar maniera con la quale sono fabbricate opere di tal sorte, essendo cosa minifesta che il solo dipinto a fresco massime sopra a’ muri, come in luogo più adeguato e proprio, riuscire anco di maggior durata, e più maestrevole e ad ogni vista apparente, e ciò lo fa conoscere continuamente la sperienza vera maestra, che l’imprimiture sopra muri, come oli, colle, tempre e simili per l’ordinario non s’incorporano a proporzione, ma bene spesso s’arrestano nella sola superficie e talora anco col troppo dell’efficacia violentano il composto, e poscia ne nasce la rottura in quel dipinto, che viene per lo più a separarsi dal muro, il quale fabbricato allo spesso in tempo differente, per lo più non riceve che nella parte puramente esteriore ed anco inegualmente la propria impressione, così alle volte trasmette poscia col tempo all’estremo la soverchia umidità che si ritrovava all’interno, dimostrandogli su ’l principio alcune vestigia in guisa di bianca rugiada, che vengono detti i fiori, i quali riescono in fatti sicuri preludi per la futura estinzione de’ più perfetti frutti, e se a caso un tal composto non si ritroverà confirmato nella soverchia siccità, attratta in breve dall’eccedente secco, l’umidità de’ colori, vengonsi in un tal modo ad essiccare le parti sottili; finché svaniti i chiari, come lumi, lividi e meze tinte, dopo non rimane che il tutto in preda all’oscurità, e dato ancora che l’inegualità delle materie componenti il misto vengano fra di loro con gli eccessi a contrariarsi, e caso superi per accidente il caldo l’opposte qualità, sono abbandonante le parti continue dall’umido glutinoso, onde si costringono in se stesse e si separano fra di loro, e in somigliante maniera resta parimente [p. 43] offesa in breve la superfice alle crepature, le quali cose pare che verisimilmente si possino stimare cause concorrenti nella ruina di così eccellente operazione, dimostrando in fatti la ragione e prattica non essere il più proprio ed eterno dipinto di quello che vien fatto sopra muri, detto communemente a fresco nella fabbrica ben stagionata, dove siano le mura composte ad un tempo con materia eguale e temperata da maestro sufficiente, il quale procuri in tempo opportuno dar la calce sottile ed uniforme, di già preveduto il luogo di sufficiente umidità.

Intanto, per qual cagione si possa probabilmente credere che un tal virtuoso, come ne dimostrano gli effetti, venisse a dipingere ad olio sopra muri e non a fresco con modo molto più degno e confacevole, si dovrà dire non altronde derivasse che per essere a quei giorni gran fatto in uso il dipingere a fresco, ed anco in risguardo dell’artefice, che non si ritrovava col gusto la prattica e conveniente risoluzione per un tal modo d’operare, il che dopo, come ne diedero a conoscere i chiari effetti dell’opere, vennero ad ottenere i più prattici e compiuti susseguenti maestri, con altri del prossimo ed immediato secolo nel dipingere maggiormente risoluti, raccogliendosi per autentica di ciò dagli scrittori di pittura62, che Leonardo da Vinci, in guisa dell’antico Protogene, fosse nell’operare di così intensa applicazione, che vogliano ad esso per lo più mancasse il tempo e non già mai lo studio, e brama di ridurre il tutto in ordine all’intenta perfezione.

Quindi è che per lo più sentiamo non restasse egli pago della propria operazione, mentre asseriscono unitamente, che si dimostrasse nel dipingere non poco irresoluto, lungo ed insaziabile, massime nella straordinaria del mentonato Cenacolo, non avendo che concepito idee di somma bellezza e per molti rispetti all’esprimere difficultose, non poteva per conseguenza che riuscir tarda, e come infinita una cotal effettuazione, e però risolse dipingere ad olio, che in ordine al ragionevole, ed a quello ne dimostra particolar scrittore della professione: «si possono opere simili maggiormente perfezionare, mediante l’unione delle tinte»63, ma però conclude, [p. 44] «essere il fresco più espediente, come quello che si fa con maggior prestezza, concetto e durevolezza». Dove il medesimo Leonardo, prudentissimo al solito nella pittura, come in riguardo di riconoscere i propri talenti, potrassi credere che scegliesse l’operare ad olio per aver tempo d’esprimere a forza di giudicioso studio, oltre l’altre sufficienze che stimava di necessità convenire anco i propri affetti per animare a tutto potere con più esatto compimento la bella pittura.

Con tutto ciò, se poi i susseguenti principali e maggiori maestri riuscissero anco di vantaggio e con maggiore prattica, l’opere in copia e in ogni maniera dipinte, hanno dopo lasciato la chiara evidenza del tutto; ed io nel ritorno di Milano, fermato in vari luoghi, massime nella città di Parma, e Modana, ebbi occasione di vedere con mio gran contento l’opere maravigliose d’Antonio da Correggio, e in particolare in Parma nella maggior cuppola del Duomo, lavorata a fresco le più belle e maggiori difficultà della professione, dove si riconosce manifestamente, che ha incontrato a bella posta in opera tale il singolar maestro il tutto delle buone e debite vedute, che possono accadere in occasioni di tal sorte.

Vidi opera vasta, e ’l particolare dipinto a fresco con ogni maggior unione di più bella delicatezza; vidi il tutto, e ciascheduna ancorché minima parte dimostrata esattissimamente nel proprio sito in ordine alla conveniente vista del di sotto in sù, dove non resta a desiderare dall’efficacia di buona intelligenza cosa di vantaggio a proporzione degli effetti più degni di natura. Osservai ad ogni aspetto bellissimi e ben intesi scorci, che si vengono a dimostrare con grazia, decoro e convenevole espressione, in ordine a’ più veri e propri effetti. Dimanieraché i Santi con l’Angeliche squadre sono quivi riconosciuti sopra l’umana condizione, e vengono ad accompagnare con debito ossequio la loro gran Regina e Madre di Dio umanato con tale e tanto di giubilo e riso celeste, che al sicuro rassembra una tale allegrezza di Paradiso, né cosa somigliante si ritrova espressa, ed essa conservasi come opera più difficultosa, [p. 45] altresì maggiormente bella, e sempre laudabile, ed in effetto supremamente qualificata e singulare; e ciò ritroverà confirmato lo studioso da particolare scrittore della professione, mentre dice «essere la maggior difficultà, che possa accadere al buon pittore quella del dipingere alla vista le Tribune»64, apportando pe’l più degno esempio la medesima Tribuna, che Antonio da Correggio dipinse nel Duomo di Parma, la quale sopra l’altre eccellenze fa conoscere in atto prattico quel modo di particolare operazione che non cessò il sopracitato Lumazzo predicare per lo più laudabile allora, che nel trattare della diversità del colorire, proruppe in tali detti: «essere in fatti il lavorare a fresco, quello che porta il pregio, con cui i maggiori pittori si sono acquistati tutt’i lor vanti e onori per esprimere», come pur lo stesso soggiunse, «tutte le cose con prestezza, ingegno e velocità di mano, e perciò bisogna che il buon pittore s’appigli a lavorare a fresco, perché in quello si rinchiude la forza della mente, e si determina brevemente la sua difficoltà, e per questo v’ha di bisogno d’intelletto grande e d’una intelligenza di tutta l’arte»65. Di maniera credo che si possa dire con ogni ragione non ritrovarsi opera cotanto maravigliosa, che per tipo d’una bellezza insolita, e come divinizzata, dimostrando in effetto aver i seguaci in occorrenza somigliante tanto di buono dipinto, quanto si conoscano avicinati a questo singolare esempio, e un tale così prodigioso dipinto doversi stimare a proporzione il Paradiso della pittura e l’artefice come un Dio dell’arte.

Ma perché pare che un tanto maestro non fosse nato che alle disgrazie, e per le mali sodisfazioni, che perciò conforme n’apporta la fama delle di lui parti fino dal primo nascimento dell’opera, incontrò da stuolo ignorante spropositate querele e viene anco tal volta al presente calunniato da persone vulgari ed innocenti, le quali non gustando la difficoltà non sanno, né vogliono astraere a proporzione della vista l’azioni delle figure, le quali per ritrovarsi sopra all’occhio, vengono conseguentemente più e meno a celarsi, e alcuni di questi stolidi immaginandosi di scoprire alla propria veduta le figure in modo che da essi incontrata la difficoltà e ignorata la causa, restano ad un punto confusi, [p. 46] e come sepolti nella proprio ignoranza, né volendo accusare l’insufficienza, biasimano a caso, e in un simil modo bestemiando nella professione offendono la suprema virtù; ma questo infine non si dovrà stimare che effetto di pura simplicità, non restando in fatti offese le scienze e virtù, come divine, ancorché vengano casualmente vilipese. Si ritrova però opera tale, per ogni parte degna, non restar anch’essa del tutto libera dalle disgrazie, per essere in una parte alquanto offesa, originato, conforme vien detto, il disordine dall’esser penetrata l’umidità per accidente esterno, venendo trascurata, o, per meglio dire, non osservato da’ superiori il mancamento di detta fabbrica, che ha causato offesa non ordinaria d’alcune figure, difetto non derivante dal particolar modo d’operare a fresco per ritrovarsi il restante di buona conservazione. Quando però il Vasari avesse esaminato con più esatta osservanza dipinto di tal sorte, come gli ultimi e quelli di maggior perfezione che lasciò parimente Rafaello a’ posteri per modello dell’ultima compitezza, avria facilmente scoperto sopra le buone qualità degli antecessori una composizione d’istoria talmente ben disposta, e con atti tanto propri, e così puntualmente ricercato il tutto, ed ogni minima parte della proporzionata figura, che un epilogo di tanta perfezione è ricercato indarno nell’opere de’ sopracitati, per ritrovarsi in fatti le loro operazioni nella copia e qualità inferiori.

Laonde conosceremo non esser detto che invano, e senza fondamento, che Rafaello e gli altri, che a proporzione sono riconosciuti eguali, non siano anco stati sopra gli antecessori, e ad altro susseguente nella pittura, di maggior eccellenza, mentre vediamo in fatti ch’eglino hanno perfezionato gli eccessi, e mancamenti altrui, e dato a divedere con mezo della straordinaria lor prudenza aver ridotto al grado della suprema compitezza quella più difficile e bella imitazione di natura, che per l’avanti non fu tentata, e solo palesata di longa mano inferiore, e però non potrà sodisfare il dire, perché piace talora al gusto viziato l’acerbo ed amaro, qualità per natura propria eccedenti e mancanti, debba perciò essere il dolce per se stesso [p. 47] buono e temperato, vizioso ed imperfetto.

Là dove levata l’ombra della difficoltà si concluda pure che gli autori66 vengano meritamente ad essaltare per singolare e divino nel cospetto dell’universo tutto il degnamente acclamato Michelangelo Bonarota, mostro veramente di natura e raro epilogo di virtù sublimi per aver riunito nell’unico suo composto in eccellente grado la scoltura, architettura e pittura, con altri non ordinari compimenti dell’animo, che rendono un soggetto sommamente degno, e però sarà meritamente per se stesso mai sempre grande ed immortale.

Niente di meno distendendosi al più particolare de’ maggiormente compiti nella professione di pittura, con tutto che egli sia manifestato per dotto ed eccellente, non si dimostra però di aver superato in fatti, nemmeno eguagliato in questa particolar virtù i più eccellenti e maggiori maestri, come indebitamente si danno a credere alcuni suoi parziali, ancorché nella forza del disegno, capricci e studioso ricercamento lo stesso Michelangelo e Leonardo da Vinci nello studio, grazia e bella idea di teste, ed espressiva de’ più propri affetti siano riconosciuti molto degni e qualificati, et anco ad ogn’altro pareggiabile; e però saranno meritamente successori dopo i più compiti ed universali alle maggior glorie della professione, per aver oltrepassato gli antecessori e gli altri più perfetti in alcune parti eguagliato, e veramente straordinari, e rari soggetti in ordine all’investigare le supreme qualità, e a gettare i più sodi fondamenti della pittura.


ESSERE STATO SIMILMENTE RICONOSCIUTO CIRCA AL TEMPO DE’ PRIMI MAESTRI PIÙ CELEBRI ED ECCELLENTI IL PARMEGIANINO, ANDREA DEL SARTO, GIORGIONE,GIOVANNI BATTISTA LICINIO DA PORDENONE, FRA’ SEBASTIANO VENEZIANO,POLIDORO E MICHELANGELO DA CARAVAGGIO, TADDEO ZUCCARI ET ALBERTO DURERO: TUTTI PERÒ IN COMPARAZIONE DE’ PRIMI SOPRACITATI DIVERSAMENTE MANCANTI ET INFERIORI


CAP. VII


[p. 48] Dopo così celebri antecessori, pare che debba seguire alla più immediata considerazione similmente un’altra copia di straordinari soggetti, che di tempo e merito vengono riconosciuti degni successori. Uno de’ quali, e forsi il più spiritoso e qualificato, sarà Francesco Manzuoli, detto communemente il Parmegianino, dotato veramente di supremi e rari talenti: posciaché egli nel capriccioso ritrovato, espresso con insolita grazia, sveltezza e ordinata e rara leggiadria, si palesò nella professione eccedente a tal segno che, dimostrando accoppiate così eccellenti prerogative a buon fondamento, ha fatto credere a molti, sicome per lo più vien palesato da buoni scrittori67, fra i maggiori e più egregi della pittura, che si ritrovi anche ad ogni altro superiore. L’altro pure di questa copia è il delicatissimo Andrea del Sarto,i quali soggetti, come n’apportano gli scrittori in occasione di palesare nella lor vita le proprie azioni, furono riconosciuti amendue, dopo la morte di Rafaello, molto nella virtù, e loro eccellenti qualità uniformi, in modo che ebbero a dire i buoni virtuosi essere in questi rinata la pittura, o trasmigrata dopo la morte di Rafaello, e alcuni al solito amatori in eccesso de’ propri concittadini [p. 49] non dubitarono, in veder opera del medesimo Rafaello68 con andamenti somiglievoli a quelli di Andrea di prorompere immediatamente col dire che un tal pensiero era già stato espresso dal medesimo Andrea Del Sarto per ogni parte susseguente, e essendo ciò accaduto alla presenza di Francesco Albani professore del pari sufficiente e erudito, il quale per non ritrovarsi sofferenza in pregiudicio del vero, non mancò in tal caso far conoscere con vive ragioni che, oltre la maggior eccellenza, era poi anche stato prima dipintoche Andrea medesimo fosse nello stato di conoscere la professione della pittura-. So aver ciascuno per natura annessi i propri sentimenti, e per ciò ritrovarsi bene spesso l’opinioni discrepanti. Ma dicasi pure, a gloria del vero, essere stato il degno Andrea Del Sarto nella pittura facilmente il maggior lume della Toscana, universale e prattico in ogni sorte d’operazione, nell’istoria molto sufficiente, come nella disposizione e attitudine, nel particolar dipinto delicato, grazioso in eccellenza; di maniera, come seguaci nel tempo si può dire esser stati questi due straordinari soggetti, altresì nella virtù più immediati allo stesso Rafaello, e se bene siano detti simili, e in guisa di nuovi Rafaelli, non segue però che la similitudine sia la stessa identità, con tutto che vengano riconosciuti per soggetti qualificati universalmente e di buona eccellenza nella pittura, non avendo però in effetto superato nel fondamento di più compita operazione lo stesso Rafaello, nemmeno nella forza e più vera naturalezza gli altri due maggiori e più eccellenti, e però non dovrà senza l’appoggio della ragione prevalere il gusto particolare al di già probabilmente determinato, e se per l’avanti non gran fatto, e anco dopo furono osservati maestri rari e molto cospicui ad illuminare con i raggi delle loro bellissime operazioni il compitissimo cielo della gloriosa pittura, parimente nello stesso tempo di Tiziano venne prima alla virtuosa conoscenza Giorgione da Castel Franco, grande altrettanto di nome quanto nella pittura eccellente, e per dir il vero, se Tiziano dopo aver ricevuto dagli altri maestri il lume della virtù, non avesse finalmente partecipato da questo straordinario fonte il grande della [p. 50] maniera per lo stabilimento di più vera operazione, forsi non saria per supremo riconosciuto. E però un artefice così qualificato, come maestroe competitore della maggior virtù, se bene non fu nel tutto eguale, essendo però di merito sempre grande e di sufficienza corrispondente, vivrà meritamente nella memoria de’ posteri dopo i principali capi al pari d’ogni altro.

Sicome Giovanni Antonino Licinio da Pordenone, amendue lumi più chiari che risplendano fra quelli della seconda scuola, venne stimato anch’egli maestro universale, similmente arricchito nel tutto di buone qualità, che sono desiderate in eccellente pittore. E per far conoscere al mondo il grande e tremendo operare di Giorgione, e la soda e facile naturalezza del Pordenone, per eguale e forsi anco maggiore ad ogni altro, basta il tralasciare il granTiziano; perché sicome in vita furono emulatori della maggior virtù, così per mancanza dell’altro più degno sariano facilmente creduti ad ogni altro superiori. Non resta però che l’opere di così eccellenti e rari soggetti del continuo non vivano famose all’eternità per sicura attestazione delle più degne pitture, che dopo i primi e maggiori maestri si vengono a ritrovare; e di tal sorte si considera Fra’ Sebastiano dal Piombo oltramodo celebre ed eccellente, il quale ancorché in effetto non riuscisse ancor esso nel tutto adeguato in comparazione de’ sopracitati maggiori e più perfetti maestri, sarà però degno della più immediata concorrenza, come maggiormente meritevole con i più universali e compiti maestri della pittura.

Quanto poi l’uno e l’altro da Caravaggio, cioè Polidoro e Michelangelo, per diversi rispetti vengano considerati conspicui e ricchi delle maggiori qualità e buone prerogative spettanti al grande di questa nobilissimaprofessione, gli effetti straordinari dell’opere testificano il tutto; posciaché Polidoro comparse con eccedente sufficienza, ed anco sopra d’ogni altro nella particolar operazione di chiaro oscuro, si dimostrò nell’istoria adeguatissimo, nel moto e nello spirito senza pari, degli effetti più vivi, e propri raro espressore, ed in somma per tali e tante [p. 51] supreme prerogative stimato singolare. Nientedimeno non essendosi dimostrato nella professione universale, ma solo nel dipingere di chiaro oscuro, per l’ordinario ne’ freschi de’ muri, con genio particolarissimo, derivante dal primo e più copioso fonte Rafaello, se bene di qualità transcendenti, resta però nel tutto inferiore, come inadeguato in ordine a quello che si conviene ad universale e più perfetto pittore, e perciò non primo, né maggiore, ma per aver con rari talenti nobilitato al pari d’ogni altro il riguardevole corpo della pittura, sarà meritatamente stimato dopo i soggetti più compiti ed universali qualificato e degno sopra d’ogni altro. E ’l simile a proporzione si potrà credere di Taddeo Zuccari per ogni parte nella pittura molto eccellente, in comparazione però del maestro Rafaello, mancante ed ineguale.

E per essere il vero ed ultimo scopo del buon pittore l’imitazione de’ corpi naturali , e non altro in fatti il laudabil dipinto che un’espressione del già ben concepito in ordine della piena somiglianza de’ migliori oggetti di natura, conseguentemente ne deriva che quello, il quale mostra animare i colori con artificio più eccellente, venendo a sortire l’effetto del bramato intento, pare che debba raccogliere il frutto della maggior gloria, dove comparendo Michelangelo da Caravaggio nel teatro del mondo, unico mostro di naturalezza, portato dal proprio istinto di natura all’immitazione del vero, e così ascendendo dalla copia de’ fiori e frutti e da’ corpi meno perfetti a più sublimi, e dopo gl’irrazionali, a gli umani ritratti, e finalmente operando intiere figure, e anco talvolta componimenti d’istorie con tal verità, forza e rilievo, che bene spesso la natura, se non di fatto eguagliata e vinta, apportando però confusione al riguardante con istupendo inganno, allettava e rapiva l’umana vista, però fu creduto da vari anco sopra d’ogni altro eccellentissimo.

Ma sia pur detto il tutto con la pace de’ gusti particolari, perché dalle premesse imperfette non si può dedurre se non falsa la conclusione, avengaché un soggetto tale non si dimostrò in effetto, che provisto di particolar genio, mediante [p. 52] il quale dava con l’opere a vedere una straordinaria e veramente singolare immitazione del vero, e nel communicar forza e rilievo al dipinto non inferiore e forsi ad ogni altro supremo, privo però della necessaria base del buon disegno, si palesò poscia d’invenzione mancante, e come del tutto ignudo di bella idea, grazia, decoro, architettura, prospettiva ed altri simili convenevoli fondamenti, i quali rendono unitamente sufficienti e degni i veri principali e maggiori maestri, ed egli quasi del tutto privo si dovrà anco credere in comparazione de’ sopracitati primi capi di pittura inferiore ed imperfetto.

Se poi con i passi dell’intelletto ritornaremo adietro, e vigilaremo con atti di sufficiente considerazione, scopriremo continuamente come la madre natura vicaria stupenda dell’Onnipotente di già fin su i primi albori ed essordi del mondo ricevette per sommo decreto, virtù sempre maravigliosa di produrre e moltiplicare nell’universale quella diversità d’oggetti e forme, le quali, mediante la molta efficacia, copia e vaghezza, dovevano perfezionare a maraviglia l’universo tutto.

E perciò osserviamo ch’ella, come pronta esecutrice di tanti commandi, diede immediatamente principio, sicome del continuo non cessa di trasmettere alla vista de’ mortali corpi, d’ogni sorte con successiva produzione in ordine alla specie di qualunque misto, e tutti nella propria essenza perfetti e maravigliosi, così nelle parti particolari, ed anco nella stessa pura superficie dimostrano il perfetto compimento, estrema vaghezza, alla cui immitazione invitati fino a’ primi tempi gli spiriti virtuosi e laudabili si diedero a vedere con ispecial genio applicati allo studio eterno di quei corpi che porge del continuo alla vista la stessa madre natura; e fra numero quasi innumerabile si palesò d’ingegno non poco perspicace e pronto lo studiosissimo Alberto Durero, il quale nel considerare opere tali, per essere di gusto sommamente compito, venne a conoscere anche nelle parti vedute all’esterno ritrovandosi varie e minutissime le particolarità belle e degne d’osservazione, ed egli aggiungendo allo straordinario ingegno estrema pazienza, [p. 53] penetrò con insolito intendimento le molte difficoltà della pittura al pari di ciaschedun professore, e come vero innamorato della virtù, e virtuoso insieme, ha lasciato per eterno testimonio del suo molto sapere la teorica delle regole, e buone proporzioni, con dignissimi ritrovamenti per incaminare i successori nella professione, avendo similmente propagato con intagli di stampe in estremo compite invenzioni capricciose e mirabili, con pitture a gran sufficienza ridotte, in tal maniera che fra’ primi come soggetto assai meritevole pare, per molti e degni rispetti, potesse concorrere per più sublime, e se l’albero di questo Alberto non poco copioso e riguardevole mercé di tali e tanti frutti, quanti sono per ogni parte di libri, dissegni, stampe, dipinti ecc. ne’ quali ha procurato a tutto potere rendersi famoso e considerabile per maggiormente durare nella memoria de’ posteri, non avesse in fatti procurato il duro nella particolar maniera dell’operare mediante estrema diligenza e soverchia limitazione, come seco portava nel cognome, avria forsi potuto concorrere, essendo in qualità diverse veramente degno e commendato, anco fra’ più meritevoli della pittura.


NEGLI ARTIFICI, ED IN PARTICOLARE NELLA PITTURA DOVERSI FUGGIRE GLI ESTREMI COME VIZIOSI, ET ESSER DA COMMENDARE I PRIMI MAESTRI, CHE HANNO DIMOSTRATO LA STRADA DE’ BUONI PRINCIPI


CAP. VIII


[p. 54] Intanto per maggiormente dichiarare il nostro intento in ordine al presente proposito, potremo ridursi alla memoria quel detto, altrettanto vero quanto volgare, communemente stimato per indubitato appresso gli artefici, ed assai confacevole nella professione della pittura: che l’operare senza veruna regola e idea non sia che un caminare a fortuna, e un ergere la fabbrica senza il debito fondamento. Sicome nel dipingere a forza d’incessabile diligenza, e sminuzzata simetria lo stesso successo ha fatto conoscere, infine, che ogni estremo è vizioso.

Quindi è che i pittori de’ secoli decorsi69, già ritrovando pargoleggiante ed imperfetta la rinata professione, per avantaggiarla con ogni potere la diedero a vedere sollevata sopra regole d’ordinate misure; le quali operazioni, con tutto che apparissero alquanto proporzionate, per l’ordinario però le figure non riuscivano che alla stessa vista prive d’azione, e in un medesimo piano in estremo dure. Il che ponderato da’ susseguenti più spiritosi e dotti professori70, ritrovarono non potersi superare il difficile degli scorzi nell’occorrenza della diversità de’ moti e vedute delle figure e varietà dell’azioni e de’ siti senza la necessaria osservanza di buona prospettiva71, la quale facendo crescere ed ascondere con ordine sufficiente le parti, fa parimente apparire ordinatamente con le figure, architettura e paese anco il tutto di concerto spettante al total compimento della storia; di maniera che, addottrinati questi prudenti [p. 55] artefici nell’intelligenza necessaria, e operando con diligente puntualità, diedero a vedere opere dotte e di buonissimo fondamento, ma però poco uniformi all’ordinata espressione di vera naturalezza, facendo continuamente conoscere la prattica del ben operare, che sopra la conoscenza de’ dovuti fondamenti si richieda al compito pittore lo studio de’ migliori operati, e di più bella naturalezza, verità che già confirmò Alberto Durero, dopo aver dato le regole di buona simetria, col dire: «essere per ritrovare non poca difficoltà quello che nel tutto sarà aderente alle regole, perché, sebene le dette misure n’appaiono nel dissegno maravigliose, non essere però, che per accomodamento della prattica, dove poscia l’ingegno del buon artefice viene il tutto a regolare in ordine al di lui proposito»72. Il che pare dimostri sempre più confirmare nello stesso libro col soggiungere: «esser quasi impossibile che possa l’artefice ad ogni figura e a ciascun membro usar con puntual misura particolar ricercamento, ma venirsi ad acquistare il buon virtuoso con lo studio e diligenza una tal certezza, con la quale può liberamente di poi l’artefice operare col fondamento della ragione, perché gli occhi addottrinati stanno in tal caso nel luogo di buona regola, e così viene poscia la mano a rendersi come a sua prima causa all’animo obediente»73. Al che viene ad alludere quel memorabile raccordo, che lasciò parimente alla posterità il prudentissimo Bonarotaquando disse: «che dovea il buono artefice conservare negli occhi le misure delle parti, per servirsene poscia in occorrenza del bisogno»74, e una tal verità pare che al solito saggio venisse a confirmare in Bologna sua patria Francesco Albani, quando fu richiesto da persona curiosa della pittura, con qual ordine e regola de’ colori avesse composto particolar parte di quadro, che egli pur tuttavia operava con laudabile riuscita, che per ritrovarmi allo studio e casualmente alla degna conversazione di questo maestro, ebbi occasione di sentire per risposta: «che non avea regola, alla quale nel dipingere si ritrovasse obligato, ma solo pria formare nella mente l’idea avanti l’espressione di quella realtà, che poscia procurava con la mano a tutto poter esprimere»75; e perciò ritrovandosi facilmente, a mio credere, convinto dalla continua prattica dell’operare [p. 56] il medesimo Durero mostra determinare verso il fine del sopracitato libro «che non si possa dimostrare per mezo di righe, ancorché espresse con sottigliezza di linee, la rotondità della fronte, naso, occhi, guance, bocca e simili elevazioni, come monticelli ed opposte vallette»76. Con tutto ciò, diede poi anco a conoscere, come nell’opere a vedere, «che non si debba lasciare parte del corpo, ancorché minima, che dall’artefice non venga espressa con ogni diligenza»77. Documento che solo credo laudabile in ordine a quelle parti che vengono a dimostrarsi alla proporzione di buona veduta, palesando in chiaro col maestro delle prospettive la stessa prattica, «che gli oggetti più vicini riescono di necessità alla vista maggiori»78. Dove considerata come assoluta una tal proposizione, benché verisimilmente confacevole al particolar genio dell’autore, pare però non possa che riuscire viziosa ed imperfetta, venendosi quotidianamente a conoscere non meno restar defraudati coloro che coll’eccesso di finitezza indifferente hanno procurato dimostrare contro il dovere ogni minima parte, che gli altri i quali, trascurati ed impazienti, se bene di buono intendimento, tralasciarono ne’ loro dipinti i convenevoli ricercamenti. Essendo in effetto il vero mezo termine, ed anco seguitato da’ migliori artefici l’osservanza de’ buoni naturali a proporzione della vista, il che si ritrova in conformità di quello che fanno conoscere le sicure regole di bene intesa prospettiva79, scoprendosi in simili oggetti debitamente situati alcune parti maggiormente crescere ed altre del tutto celarsi, e fra queste anco osservarsi di quelle che mezanamente si dimostrano, le quali tutte rappresentate con ordine conveniente e ricercate a sufficienza fanno vedere quella verità, che in altra maniera espressa non suole comparire che in estremo affettata e viziosa, sendo che, come n’insegna in tal caso ne’ suoi documenti Leonardo da Vinci: «le cose fornite si debbono far d’appresso, e le confuse, cioè di termini confusi, si fingono in parti rimote», apportando pure in altro luogo la ragione col dire: «che i colori delle cose si perdono intieramente in maggior e minor distanza, secondo che gli occhi, e la cosa veduta saranno in maggior e minor altezza»80; e in altro luogo dimostra: «che deve prima mancare [p. 57] nella pittura la parte di quel corpo, che sarà di minor quantità»81. Adunque come poscia soggiunge: «non dovrai formare i piccioli membri di quelle cose che sono molto rimote»82, ed altrove viene a concludere in tal proposito: «che le figure picciole non devono essere per ragione fornite, perché quelle cose, che paiono di minuta forma, riescono tali per esser lontane dall’occhio, perché conviene, che fra l’occhio, e la cosa sia molt’aria, e la molt’aria impedisce l’evidenza delle forme, ed esso obietto, e perciò si facciano le figure picciole solamente accennate, e non finite, che facendo altrimenti sarai contro gli effetti della natura tua maestra»83. Ed una tal probabilità la stimò tanto conveniente e come necessaria lo stesso Guido Reni84, che già per ritrovarmi nella mentuata città di Bologna con esso lui in questo discorso, sentii non poco maravigliarsi il versatissimo maestro di quelli che stimano potersi ridurre a compimento la buona pitturacon la sola puntualità di ben regolate linee, avendo egli dimostrato con vive ragioni, come il longo faticar nel dissegno ed operare nel dipingere, ed insieme la continua osservazione del bello di natura, gli avea fatto conoscere non aver corrispondenza di proposito la formazione di rette linee per debitamente esprimere l’umano composto, e che scopriva del continuo nel tutto, e parte la figura participante il convesso, e inclinare allo sferico, ed anco ciascheduna azione far conoscere il giro del corpo non poco contrario alla mal pensata rettitudine; venendo infine a determinare esser necessaria la conoscenza delle proporzioni, come delle buone regole di prospettiva, ma in oltre dovea essere lo studio più frequente e proprio quello del continuo dissegno sopra gli operati de’ migliori artefici, e del bello di natura per chi voleva giungere al termine di laudabile maestro.

Con tutto ciò si dovrà meritamente in ogni tempo anco a’ primi la dovuta lode, come a quelli che a tutto lor potere hanno procurato i buoni essordi, essendosi dimostrati in fatti laudabili inventori, e molto sodi nel fondare così degna professione, posciaché medianti questi studiosi [p. 58] e straordinari soggetti, venendo stabiliti i veri fondamenti spettanti alla proporzione delle parti e degradazione de’ siti, hanno facilitata la strada a’ più universali e compiti, per ascendere col mezo di così buona scorta al colmo della più eminente perfezione, non essendo che facile in conformità dell’assioma volgare l’aggiungere massime a’ buoni principiati.


COGNIZIONI UNIVERSALI, LE QUALI SONO COME NECESSARIE AL BUON MAESTRO, ET ALL’INTELLIGENTE DELLA PITTURA


CAP. IX


[p. 59] Diremo adunque richiedersi al buon pittore come necessaria la prescienza de’ buoni fondamenti spettanti alla simetria e alla sufficiente cognizione di prospettiva; perché, oltre le regole di buona proporzione, che si vengono teoricamente a raccogliere da’ precetti e scritti de’ più eruditi e dotti maestri85, ed a pratticare in occorrenza de’ migliori naturali, sarà poi anco convenevole allo studioso della pittura l’aver ferma conoscenza d’alcune regole generali delle più frequenti e necessarie azioni, ed altre differenze che si manifestano per l’ordinario nell’umano composto, dandosi del continuo a conoscere lo studio e prattica, che quantunque si dimostri per lo più convenire alla corporatura dell’uomo ed uniformarsi coll’altra della donna, ritrovandosi però di vario sesso si vengono parimente a dimostrare fra di loro non poco diversificate, posciaché raccogliamo dalla stessa osservazione che il corpo dell’uomo, collocato nella mediocrità di temperie, età e celeste clima non si palesa per l’ordinario in altezza che circa nove teste, e come suo proprio ottiene con alte, dilatate e ben composte spalle, anco larghezza di petto, e nelle parti discendenti, come fianchi e cintura contraria, se bene non estrema gracilità, e nelle più basse osservarsi natiche e cosce d’asciutta e moderata formazione, le quali parti, con le gambe e piedi, come braccia e mani, ancorché n’appaiano competentemente ripiene di carne, essendo però muscolosa, resistente e risaltata, dimostrano per ogni sito, con le ben scolpite giunture, nervi, vene ed altri ricercamenti, massime ne’ luoghi più remoti86; in modo [p. 60] che il tutto accoppiato con la faccia a proporzione fa conoscere la gran maestria di corpo, il quale con la ragione, e sua rara bellezza si dichiara in ogni tempo fra tutte le creature sublunari il più bello e nobile composto.

Là dove la corporatura di donna, con tutto che sia considerata di somigliante altezza e apparenza, nella formazione però del tutto, e parte viene non poco a diversificare dall’altro, perché se il maschio si ritrova con spalle e torace alto, ed insiememente dilatato, la femmina all’opposto si dimostra con parti simili, ma però strette, raccolte e pieganti al basso. E se il primo in riguardo dell’agilità è ne’ fianchi ristretto ed asciutto, l’altra di natiche dilatate e gravi si fa vedere, come corpo dedicato alla quiete, così ne’ fianchi e nelle parti ordinate alla generazione assai diffuso, come quello che viene dalla natura determinato per contenere in luogo ampio a sufficienza la corporatura del feto in ordine alla necessaria conservazione della specie.

E se nell’uomo si considerano le parti con la moderanza della carne tendere per l’ordinario alla robustezza, nella femmina ritroverà lo studioso, cosce, gambe e braccia con altre estremità accoppiate a faccia delicata e graziosa, e col tutto dimostrare lasciva bellezza, come le membra per lo più carnose, rotonde e fusulari, essendo il proprio di tali parti il dimostrare nelle gionture, articoli e altri estremi più tosto delicati accennamenti, che il contorno di risentite membra, e sicome si riscontra la specie non poco differente, si vengono a considerare altresì discrepanti l’età per esser osservazione assai nota, che ’l putto pe’l soverchio d’umidità ed imperfetto suo stato fa anco conoscere con la grossezza e brevità delle membra la pastosità delle medesime parti, sicome lo stesso corpo posto nel principio d’adolescenza apparire di più sveltezza per esser quello che maggiormente s’allontana dall’imperfetto principio87: dove rincontrato nell’ultimo d’essa adolescenza, terminante il principio di gioventù, si riconosce in somigliante età della maggiore sveltezza, e poco vestito di carne, ottenendo per conseguenza le dieci e anco undici teste, come [p. 61] termine della solita estrema longhezza, e se poscia, giunto a più matura gioventù, non ottenga per l’ordinario che la medesima longhezza, formato però di vantaggio nella latitudine delle parti, si conosce che, in perdendo la sveltezza, acquista successivamente, massime giunto nella consistenza, la più ferma corporatura, dove declinando da questa mediocrità osservasi d’indi pervenire alla prima vecchiezza, e poscia con ordine successivo alla seconda, ed in fine all’ultima decrepità, e così declinando a proporzione il corpo viene fino alle sette teste, e anco circa alle sei a dimostrarsi nel termine estremo, non scorgendosi maggior tozzezza, che insolita e participante di mostruosità.

Osservasi parimente la differenza negli esercizi, come sufficiente per far conoscere diversità nelle figure88, essendo cosa manifesta che le persone dedicate ad ozii e crapule ottengono per lo più corpo ripieno e grosso con la mancanza del buon risentimento; ed all’opposto i corpi faticati, come de’ soldati, ed uomini da campagna, essere forti e di quadrata corporatura, massime nell’età di gioventù e consistenza, quando si ritrovano privi di soverchia umidità, sendoché mediante il continuo esercizio riescono mediocremente carnosi ed abbreviati, e però vengono a dimostrare la statura ferma e moderata circa d’otto facce con i membri forti e muscoli risentiti, e nel tutto e parte benissimo ricercati, che sono riconosciuti per adeguati oggetti dello studioso di pittura, così quelli d’esercizio moderato, col temperamento eccedente nel caldo, come abbandonati d’umori attivi e sottili, pare che talora ne diano a vedere sveltezza straordinaria e molto considerabile, massime quando si ritrovano nel fine dell’adolescenza, e principio di gioventù.

Similmente si raccoglie non poca diversità da climi vari del cielo, venendo a formarsi pe’l consueto sotto i più caldi le corporature brevi, e negli opposti freddi di maggior mole89. Quindi veniamo ad osservare nel buono e bel sito d’Italia per ottenere mediocrità, ritrovarsi ancora una tal parte dell’universo lontana di viziosi estremi, e però nel tutto e parte partecipante di buona temperanza.

[p. 62] Ora con quali e quanti moti si debba, e possa considerare l’umana figura, non è facile il dar a conoscere, massime da chi solo pretende accennare il poco spettante all’universale e suppone la brevità, dove tralasciando il molto che si potria dire, mi ristringo a quello pare che sia nella pittura più necessario e maggiormente desiderabile, e conveniente ad ogni degno virtuoso90. E prima dovrassi considerare, che se bene si ritrova, come regola ordinaria, e vera, in ogni altra cosa, massime nella pittura, che venga laudata la mediocrità, e dannati per conseguenza gli eccessi, con tutto ciò essendo fra di loro contrari, sarà bene anche considerare quello che in fatti riesce meno vizioso e all’occhio più confacevole, per essere in effetto più odioso e inimico maggiore della natura, ed a’ sentimenti stessi la mancanza dell’eccesso e perciò senza difficoltà dovrà il degno professore seguire in occorrenza l’eccesso, della sveltezza, convenendosi alquanto dal mezo allontanare che il contrario mancamento, e in tal modo nel particolare di teste, mani e piedi, e a proporzione dimostrerà nel tutto della figura.

Come n’appare nell’opere del leggiadrissimo grazia, particolare spirito, e rara leggiadria, e al contrario quelli che si ritrovano valevoli e sufficienti, per altro, e hanno palesato nelle loro figure dipinte l’estremo del mancamento, come participanti della dispiacevole tozzezza e soverchia brevità, si vedono coll’operazione molto diminuita di grazia, spirito e desiderata bellezza.

E cosi dovrà parimente anco sapere che la figura posta in qualsivoglia azione, per essere corpo grave, non può di necessità non dimostrare oltre la parte in moto, anco l’immobile, come vero centro della gravità91, e perciò considerarsi piede, ginocchio, o altro proporzionato sostentacolo, e raggirandosi il corpo in vari e quasi infiniti modi con motivi naturali, conoscerà in ogni tempo non potersi questo composto gran fatto allontanare dal centro, come le [p. 63] sfere superiori dal proprio polo. E similmente quello che si muove dimostrare insiememente il centro della gravità nella gamba della possata92; quindi seguire che la spalla di quel lato per dove piomba il tutto del corpo resti più bassa dell’altra, e al contrario, se a caso verrà una di queste spalle dal peso gravata concorrendo ad un tempo con gli spiriti la stessa natura all’offesa del peso, viene tantosto ad apparire la parte incaricata più elevata dell’altra e la fontanella della gola riuscire a perpendicolo alla gamba della parte aggravata, e la testa resta parimente piombando al diretto del piede93, nella maniera che fanno gli edificisopra le loro basi94, ne segue poi anco, che per l’ordinario la faccia venga a riguardare verso il ritto nella punta dello stesso piede, e in occorrenza di moto gagliardo ritrovarsi mai sempre pronta la natura per soccorrere nel bisogno col dovuto equilibrio, dove accadendo di portarsi una parte del corpo per l’avanti, si vede immediatamente ritirarsi altrettanto all’indietro la parte opposta per ischifare il mancamento e la caduta. In modo tale che a guisa d’una bilancia osservasi restar ad un tempo equilibrato il tutto del corpo, e non solamente gambe, braccia ed altri parti estreme mostrarsi pronte per una tal contraposizione, ma oltre le parti estreme e quelle che sono interne, anco l’esterne muscolose e più rilevate, massime nella figura quadrata di buon esercizio osservasi negli atti di piegatura alle parti apparire similmente gli ordinati contraposti. Quindi potremo conoscere aver ottenuto l’uomo sino dalla sua prima formazione nel proprio composto per lo più gemine le parti, a fin che per accidental mancanza dell’una, l’altra possa resistere in ordine alla conservazione dell’individuo, sicome in occorrenza del moto per lo necessario equilibrio del tutto95; e però nel piegarsi il corpo dalla parte destra vien ad accrescersi tantosto dalla sinistra, e sporgere altrettanto al di fuori con obliqua direzione la parte muscolosa, quanto l’opposto si viene ad ascondere, e per regola dell’azioni scoprirarsi concorrere il capo, il quale collocato sopra ogni altra parte del corpo, come membro più degno e unico seggio della ragione, e di sua natura grave conspirare [p. 64] di necessità al proprio centro; onde si viene a vedere nella varietà de’ movimenti diverse belle e ben fondate posature, e nell’inchinarsi delle parti la contraposizione degli annessi membri, come se a caso un occhio ed orecchio vengano per una parte ad innalzarsi, si scuopre ad un tempo l’altre in opposizione abbassate, e in un tal modo bocca, naso ed altre parti si conoscono succedere in ordinato giro. E però gli studiosi di questa virtù nel considerare le più degne operazioni de’ maggiori maestri hanno presa occasione d’iscoprire i facili e graziosi giramenti, e della contraposizione de’ membri, che ordinariamente concorrono intorno la parte immobile, il bello del sfiancheggiare, come dal tutto della figura posta in azione con debita simetria, spirito e buona naturalezza hanno riconosciuto la spiritosa serpillazione; le quali azioni espresse al proposito secondo il convenevole di corpi ben simetriati e debitamente dipinti fanno comparire nelle opere le figure di quella maggiore e più degna sufficienza che possa incontrare nella pittura il gustoso della medesima virtù.

Ma perché queste ed altre non poche parti ed azioni sono considerate in un corpo, che in ordine al fallo de’ primi parenti96 fu indotto per convenienza a ricoprire quella bellezza, la quale, se bene formata con la similitudine della stessa perfezione, restava però senza decoro e onestà ignuda per infelice oggetto delle vicende dei tempi; e però ad un tal fine riconoscerà il curioso della professione venire per l’ordinario a ricoprire il panno l’umana figura, che in riguardo della sua bellezza e nobiltà era degna mai sempre d’osservanza e d’ammirazione. Dove potrà conoscere non essere al proposito quel panno, che incontrerà come fatto a caso senza addossare al vivo, e mostra essere per dispetto e a caso gettato sopra la figura, perché in un simil modo dimostrando in aria alcune mal ridotte pieghe, invece d’ornare il corpo a proporzione, ricuopre ben spesso il tutto senza vestire la parte, e leva talora non meno la conoscenza dell’azione, che il sito de’ membri particolari, facendo riuscire il vestito corpo tozzo, disgraziato ed immobile.

Nemmeno essere che biasmevole quello che al contrario [p. 65] per dimostrare il pittore nella sua formazione gran fondamento di sapere e straordinaria diligenza, fa conoscere legato il corpo con tritumi quasi innumerabili di pieghe improprie, ed appaiono in fatti figure di tal sorte con le membra strettamente infasciate, palesando con vizioso compimento il particolare d’ogni più sminuzzata annotomia; la quale, ancorché fatta di tutto proposito (come ordinariamente si ritrova a caso), pare che nemmeno in corpo robusto di straordinario esercizio si possa ritrovare uno sforzo così affettato.

Conoscerassi adunque vestire debitamente il panno, se in conformità delle persone rappresentate conservi il convenevole decoro, il quale vuole che s’abbia riguardo non meno alla particolar condizione de’ soggetti, che ai tempi e all’età, accioché riesca in ordine alla diversa condizione proporzionato, e così all’occasione confacevole alle deità, sicome a’ Prencipi, a’ mezani ed a vili soggetti, e similmente ad uomini, donne, vecchi, putti ed anco alla varietà degli esercizi, le quali cose diversamente considerate richiedano a proporzione in occorrenza panni longhi, succinti, grossi, sottili, poveri, ricchi, semplici, ornati, mobili, immobili, gravi e in altre diverse maniere confacevoli mai sempre a quel particolar soggetto che l’artefice intende dimostrare. E tale sarà poi laudabile, che vestendo il corpo conforme a quello deve, ricoprirà l’ignudo con pieghe diverse, convenevoli alla propria azione, facili e naturali, le quali nella sommità mancando vengano più tosto a dimostrare leggieri ammaccature, e nel discendere al basso nell’incontro di giunture o piegamento delle parti non appaiono nella propria azione in modo profondate, che non lascino al conoscimento il sodo del vivo, e che restino con vaga dolcezza adorne le membra, in maniera che sempre sia riconosciuto il sito e la simetria anco nelle stesse parti ricoperte. Il che ritrovato proporzionatamente si vedrà arrecare al tutto dell’opera decoro, e all’azione grazia, concordanza e straordinario aiuto per rappresentare al proprio del vero, quello che pretende esprimere al suo proposito il saggio professore; e chi brama di vantaggio [p. 66] procuri di vedere i citati precetti del dottissimo Leonardo da Vinci, mandati pochi anni sono alle stampe del Cavalier Del Pozzo, soggetto veramente famoso ed universale nelle virtù, e in particolare oltremodo gustoso ed intelligente nella professione della pittura, dal quale ebbi occasione di vedere il medesimo libro di Leonardo, dove tratta veramente con modo breve, ma sodo e compito, come raro maestro di teorica e prattica, de’ moti spettanti all’umane figure, de’lumi, colori, panni, e d’altre ben fondate curiosità veramente necessarie alla buona pittura, al che potrà far ricorso chi brama con simili particolarità sattisfare alla delicatezza del proprio gusto.


COME I PRIMI MAESTRI ANTICHI E MODERNI, SE BENE FRA DI LORO DIFFERENTI NELLE MANIERE E PARTICOLARI QUALITÀ, FURONO PERÒ NELLE MEGLIORI OPERAZIONI PER OGNI PARTE COMPITI


CAP. X


[p. 67] Sono, non vi ha dubbio (come si è accennato nell’ultimo capo) differenti i composti e quasi che infinite l’azioni ed effetti convenienti e propri, che s’osservano derivare dall’umana figura, e a proporzione in ogni altro animale; e se bene, come tali, siano state imitate in diversi tempi dagli studiosi della professione, l’hanno però dimostrato a maraviglia et al maggior segno i più famosi antichi, e dopo i primi e maggiori capi della moderna pittura, gli uni nondimeno, e gli altri, se bene professori supremi universali97, ed in ogni parte di compita sufficienza, nell’espressione però dell’opere come differenti e variati di genio, si palesarono parimente nelle particolarità diversamente eccedenti e qualificati; e perciò leggiamo nell’antiche istorie, che lo stesso Apelle, con tutto che stimato nella pittura per ogni parte famoso e compito, riuscisse però in alcune prerogative anco ad altri inferiore, come ad Anfione nella furia, a Protogene nella maestria, e ad Esclipiodoro nella prospettiva. Il che pare che similmente venga creduto a proporzione anco alla giornata dalla commune de’ più eruditi della professione de’ soggetti maggiormente celebri e compiti della stessa moderna pittura. Posciaché in occorrenza venendo alla più stretta reflesione, non mancano gli scrutinatori de’ nostri tempi far palese, per qualità singolari ed impareggiabili, il dissegno di Rafaello, come il colorito di Tiziano e l’idea, con la grazia, unione e delicato dipingere d’Antonio da Correggio, e questo non già perché solamente fossero di laudabile [p. 68] sufficienza in riguardo delle particolari parti, ma sì bene per aver ecceduto ogni altro più eccellente con le particolari loro qualificate e supreme prerogative, ancorché siano riusciti in effetto nel tutto spettante alla buona pitturanon poco sufficienti. Perché il dimostrarsi mediante l’operazione di talenti, e maniera diversa, non è che effetto de’ conaturali geni che per l’ordinario vengono ad originarsi da’ climi del cielo, che sono cause universali e remote, come dalle più prossime de’ particolari maestri, da’ propri temperamenti; e da simili accidenti esteriori, che vengono a concorrere per cause maggiormente vicine alla più immediata disposizione. Non resta, però, che non si venga a riconoscere in una tal verità, massime nell’opere dipinte con più esquisito gusto, che questi rari maestri hanno posseduto sopra d’ogni altro il meglio delle qualità sufficienti che si ricercano ne’ più perfetti pittori, sebene dimostra sentire altrimente Giovanni Paolo Lumazzi, mentre per compimento di bella pittura, non stimando adeguata la particolar sufficienza de’ primi e più eccellenti maestri, vole che solo mediante l’unione delle megliori qualità si possa formare la bellissima pittura; e soggionge le seguenti parole: «Chi volesse formare quadri di perfezione come un Adamo ed un’Eva, come corpi nobillissimi, bisognerebbe che l’Adamo si desse a dissegnare a Michelangelo Bonarota, e a Tiziano da colorare, togliendo la proporzione, e convenienza da Rafaello, e l’Eva si dissegnasse da Rafaello, e si colorisse dal Correggio, e questi due sarebbero i megliori quadri che si fossero mai fatti al mondo»98. Pensa ciò a mio credere solo in riguardo dell’invenzione laudabile, ma in effetto di poca riuscita, quando però dalla divina potenzia non venisse prodotto soggetto, il quale eminentemente contenesse da sè solo simili come divine qualità, che sono riconosciute nelli quattro citati maestri, che in un tal caso verisimilmente artefice così prodigioso potria dissegnare e colorire ogni sorte d’operazione, ed esprimere ogni più fina bellezza, e anco superare di vantaggio le maggiori difficoltà; ma considerandosi ciò in ordine all’atto prattico, sendo che per essere vissuti questi straordinari soggetti ad una stessa età, e facilmente ad un [p. 69] medesimo tempo, e però data come possibile l’occasione di un tal congresso per fabbricare di concerto l’opera adeguatissima, conoscerassi in un simil caso non poter sortire verisimilmente, che varie e repugnanti difficoltà per l’unione di queste incompatibili materie in ordine alla lega e forma di perfezione, non avendo in fatti fra di loro la debita simboleità. Il primo si potrà stimare, che mediante il caldo di studiosa applicazione destilasse la materia ed il fondamento de’ buoni contorni, ma il secondo per non essere disposto ad incorporarsi non potria che succedere se non imperfetto il composto, conoscendosi non essere il compito dissegno del Bonarota che una forza e idea di particolar sufficienza, che si ritrova molto più accomodata in ordine a’ sassi che a’ colori. E il più proprio talento di Tiziano essere un modo singolare, che dimostra con gran facilità uniformarsi adeguatamente alle belle operazioni di natura; e però dato anco il caso che il Bonarota dissegni la figura dell’Adamo col solito della sua più esatta sufficienza, questa riuscirà verisimilmente più ricercata d’altre figure d’angeli e di giovani, altre volte dal medesimo dipinti con estremo ed improprio ricercamento, nelle quali il tutto dell’azione col particolar di ciascheduna parte viene a dimostrare con la durezza il troppo artificio. Né mi dica il geloso dissegnatore che il buon contorno non possa dimostrare simili eccessi, e serva mai sempre per l’invenzione e buona simetria, come parte nella pittura maggiormente necessaria, e supplisca solamente il colorito alla delicata naturalezza: perché si potrà anco rispondere che essere necessario pe ’l compimento di buona pittura, che il colorito e dissegno unitamente conspiri alla formazione dell’opera, ed anco il particolar dissegno e puro contorno essere valevole per dimostrare con la proporzione la grazia e vera naturalezza, ed altre buone qualità conforme al proprio talento dell’artefice; e però conosceremo non potere conformarsi ad un tal dissegno la differente maniera di Tiziano. Ritiene il primo un’idea di corpo in estremo risentito, e di studio oltramodo ricercato, e diligentemente l’altro non concepisce l’opera che dentro a’ [p. 70] limiti della stessa natura. Eccoti co’ colori Tiziano a ridurre il contornato del Bonarota, il quale in conformità del proprio genio, tenendo nella mente impresso l’idolo della buona e desiata naturalezza, e così mentre procura col proprio stile uniformarsi al vero, incontrando eccessi ne’ contorni, parte de’ caricati lineamenti con i colori annulla, altri diminuisce e alcuni varia ne’ siti, e conoscendo il più e meno di linea acuta ed ottusa arrecare più facilità, grazia e espressione maggiormente propria, non può che ridurla a forza di colore al proprio gusto. In maniera che dato sopragiunga il medesimo Bonarota, vedendo l’opera ridotta con differentissimo gusto, non resterà che mal sodisfatto, sendo che in questo caso l’aiuto dell’uno non potria servire, che per la confusione dell’altro. Nemmeno vale il dire, che sia detto vulgato e vero non solo del medesimo Bonarota, ma parimente della commune de’ professori, che si debba prima ricercare il buon dissegno, perché dentro al contorno di proposito venga ogni cosa a campeggiare nel mezo, essendo divulgato un simil detto per dimostrare la necessità che tiene il pittore del sufficiente dissegno, né per questo seguire che un puro, ancorché fosse adeguatissimo disegnatore, possa essere stimato compito nella professione di pittura, e nel nostro caso, trattandosi del dipingere opera bellissima e naturale, non sarà valevole il dissegno del Bonarota, quantunque si ritrovi per sé stesso sufficientissimo in conformità mai sempre del molto studio, e sua particolare idea, perché in ordine alla buona immitazione del vero ritrovato lontano, si potrà credere che il gran maestro da Cadoro, come eccellentissimo nel colorito, ed assai sufficiente nel dissegno, in occorrenza non possa di meno di non procurare con gli ultimi ritocchi del suo proprio talento la più desiderata verità, ne’ quali ritocchi si contiene veramente dissegno e colorito, e si può credere ogni cosa di buono per essere in effetto i colpi del compimento, che lasciano l’opera nell’ultimo termine di perfezione, ed in tal modo pare che si possa dire non essere in ogni tempo che ammirabile lo studio ed intelligenza del Bonarota: ma questo suodissegno non [p. 71] poter meglio servire che a se stesso, e per l’opere sue, massime di rilievo, nelle quali si ritrova per ogni parte raro, e per altri artefici solo quanto all’invenzione, e ciò evidentemente si dimostrò per appunto nel caso in prattica a Cavaliere primario della città di Forlì, il quale venendo persuaso da’ gustosi della professione a far dipingere la bella veduta del suo palazzo ad Angelomichel Colonna, che si ritrovava casualmente di passaggio in detta città, e per ciò fatto vedere il sito al detto maestro, restarono che mandasse il dissegno di convenevole prospettiva, affinché potesse di poi venire a perfezionarla: dopo giunto a Bologna mandovvi bello e compito dissegno, con lettera nella quale avvisava, che essendo fatta la maggior fatica ad ogni mottivo saria venuto per operarlo. Onde ciò communicato a persone di poco e nulla d’intendimento, massime ad un pittore volgare, assai della casa domestico, il quale operò per suo interesse a segno che insieme con gli altri persuasero il detto signore che un pittore ordinario l’avria ancora in questa operazione servito di vantaggio, essendo provisto di puntualissimo dissegno, che era il più della fatica; al che acconsentendo il padrone, diede ordine che venisse ad operare quello il quale più aspirava al proprio interesse, che alla buona riuscita; fornì in breve di mal dipingere con poco onore, e riuscì il tutto di poca sodisfazione. Di maniera che poco dopo, ritrovandosi in Bologna uno di quelli che, affidato nel solo dissegno, pensava che il pittore ordinario operasse con un tal mezo straordinarie maraviglie, incontratosi in discorso co ’l sopradetto Colonna, che pur stava ad attendere la risoluzione, sentì a dire che l’opera era stata fatta con mala riuscita, e ciò non era seguito che mediante il fondamento della sua lettera, la quale avvisava essere fatto con esso dissegno la maggior fatica, al che rispose immediatamente il suddetto Colonna, che questa maggior fatica non intendeva essere fatta che per lui, come quello ch’avea adeguata conoscenza del proprio dissegno, e non altrimenti per altri, i quali per ritrovarsi di gusto e sufficienza differenti, non possono debitamente approfittarsi, e di ciò pare, che la ragione sia in pronto, perché [p. 72] quello di meno intelligenza non può conoscere, né tampoco accommodarsi per esseguire adeguatamente l’altrui dissegno, con tutto che tal volta egli sia alquanto sufficiente ne’ colori. Nemmeno potrà in tal proposito ostare l’esempio di Marcello Venusti mantovano, come di soggetto che mediante i dissegni del Bonarota dava a conoscere l’opere anco megliori, e veramente degne d’osservazione; sendo che questo per essere stato longo tempo studioso di quel maestro avea anco occasione d’uniformarsi ad un tal andamento, e per essere languido nel dissegno restava facilmente contento di caminare dentro a quei limiti, che per uscirne non teneva spirito e forza sufficiente, quando non voleva dimostrare più debile ed imperfetto il dipinto, e ’l maestro Bonarota permetteva che colorisse i suoi dissegni per conoscerlo altrettanto mancante nel pensiero e capriccio spettante al buon dissegno, quanto abbondevole di pazienza ed altri qualificati talenti, mediante i quali dava a conoscere nell’opera anco sopra il maestro grazia più eccellente e meglior colorito; e desiderando il curioso della professione vedere opere di tal sorte, ritroverà nel Palazzo de’ Farnesi in Roma il Giudicio del medesimo Michelangelo in picciolo, il quale veramente nelle parti spettanti alla grazia, decoro e delicatezza, appare più compito; e quadro che dimostra parimente un composto raro di questa unione con figure di grandezza simile a quelle del Giudicio, e forsi di maggior perfezione, vedesi in Forlì nelle stanze dell’appartamento nobile del Collegio sopra alla Pace della città nel Palazzo Publico della piazza, il quale fa conoscere eccellentemente la Ressurrezione di Cristo con alcuni soldati alla guardia, dipinto coll’esattissimo dissegno del Bonarota e colorito in modo che palesa il tutto ed ogni minima parte, con graziosa e puntuale osservazione; che in occorrenza potrassi vedere ritrovandosi in tal luogo ben custodito, come merita opera per ogni parte qualificata. Non sarà però l’esempio di questo, che fu assai inferiore nel dissegno, e particolar immitatore del suo maestro Bonarota, valevole per dimostrare il simile di quel Tiziano, che si trovò per ogni parte adeguatamente compito, e solo seguace [p. 73] e sopra a tutti eccellente nell’imitazione di più vera naturalezza.

Che poi nemmeno il pittore di minor fondamento non possa sodisfare appieno a dissegni altrui, con tutto che sia della medesima scuola, l’hanno dimostrato in prattica l’opere che lasciò Guido Reni dopo morte, dissegnate, sbozzate e mezo compite, ed in varie maniere imperfette, le quali ridotte a compimento da vari pennelli per lo più della medesima scuola, ed anco d’altri di laudabile sufficienza, e pure fra questi non è possibil ritrovarne chi nel tutto venga ad adeguare la solita compitezza del maestro, e ciò stimo facilmente derivare, perché per l’ordinario ciascun artefice si ritrova col gusto suo proprio anco la sufficienza determinata, fuori de’ quali limiti non può l’agente ordinariamente operare, ed essendo (come poco dinanzi significai) gli ultimi ricercamenti quelli che danno con la grazia particolare lo spirito più vivo del primo moto e la maggior perfezione, e solo quello ch’avrà co’ talenti di natura anco del pari lo studio ed intelligenza potrà in simili occasioni incontrare l’altrui pincipiato. Ed i soggetti diversi, che hanno dimostrato unitamente concorde il buon esito dell’operazioni nella pittura solo furono quelli che in fatti ottennero uniformi i naturali talenti, lo studio e la sufficienza, in modo che abituati in tal maniera si dimostrarono nell’operazione poco discrepanti, e così come allevati ed assuefatti unitamente nel concorso di maniera e gusto particolare si può credere non potesse in tal coniettura ed unione, che l’uno giovare in occorrenza all’altro, posciaché alle volte arrivando il secondo sopra l’opera incaminata dal primo, che già di mente e corpo si ritrovava stanco, che in tal caso non solo la proseguisse in ordine al compimento, ma anco alla perfezione; e maestri di tal sorte furono i Carracci, i Dossi, [p. 74] nelle Academie dell’Ignudo lo stesso modello, e anco nella medesima vista e positura, perché ciascheduno l’osserva con occhi, mente e gusto differente, parimenti non riuscire che molto vario il dissegnato. E per conoscere una tale difficoltà, il saggio Francesco Barbieri99 in occasione di visitare nella festività di S. Anna la picciola chiesa de’ Padri Certosinidentro la città di Bologna dedicata alla santa, fu ricercato in tal tempo da que’ Padri a dar compimento ad una tavola, che dimostrarono conservare sbozzata dalla buona memoria di Guido Reni; e per ritrovarmi in compagnia di questo maestro sentii anco per risposta che avendo in ogni tempo portato la debita riverenza all’artefice, perciò fino allora non avea accettato l’incominciate pitture, e nemmeno voleva la presente, apportando per sufficiente ragione il dire, che sia assai meglio conservare in tal forma la memoria di un così pregiato maestro ed esser vano il pensare, come essi stimavano, di poter in uno ottenere l’opera, e particolar virtù di soggetti differenti, e ciò con minor studio e fatica dell’ultimo, perché in fatti non potria riuscire che l’opposito, essendo cosa co ne impossibile, che altro pittore venga al compimento di quello sbozzo, e conservi intatta la particolar virtù che si ritrova nel principiato, per essere in effetto l’opera di quello, che concorre maggiormente, e con gli ultimi colpi a perfezionarla, e quando desiderassero il saggio dell’uno e dell’altro compiacendosi del di lui pennello l’avria fatta molto volentieri da sé solo senza veruna obligazione di tal sorte, ma solo in ordine al soggetto che avessero addimandato, e con questo modo avriano sortito l’opere d’amendue.

Fu laudato per buono, e molto prudente il pensiero; diedero il soggetto nel tutto al principiato diverso, e fu compita in breve la tavola, che riuscì di non ordinaria bellezza, la quale si vede al presente nella chiesa de’ medesimi Padri Certosini, che è fuori della città di Bologna, e dimostra dipinto con gran sufficienza S. Bruno loro fondatore, con la Beata Vergine che tiene il Cristo in braccio, angeli e paese; e nella chiesa di dentro conservano lo sbozzo di Guido Reni, e il tutto seguì con onore, e universale soddisfazione.


AVERE DIMOSTRATO CIASCUNO DE’ SOPRACITATI MAGGIORI MAESTRI NELLE LORO PIÙ COMPITE OPERAZIONI L’EPILOGO DELLA SUPREMA ECCELLENZA, CHE S’OSSERVI NELLA PITTURA, E COME SOGGETTI MORTALI NON AVERE OPERATO CON ASSOLUTA PERFEZIONE, NÉ ESSER LE LORO OPERAZIONI DELLA MEDESIMA SUFFICIENZA


 

CAP. XI


 

[p. 75] Essendosi già dimostrato nell’antecedente capo, essere difficilissimo, e come di repugnante riuscita l’accoppiare in opera sola vari soggetti di gusto e sufficienza differenti, serviranno parimente le stesse ragioni per far conoscere restar altresì ingannato Paolo Pino100, mentre vuole che pure mediante l’attività e sufficienza di Michelangelo riunita all’altra di Tiziano si possa ritrovare in fatti il tutto delle maggiori eccellenze di pittura, come se Rafaello e Antonio da Correggio non concorressero del pari, e forsi anco di vantaggio nelle qualità supreme e maggiori perfezioni di questa virtù; e perciò lasciandosi da parte coteste vane immaginazioni, come chimere dell’intelletto per ogni parte lontane dall’effetto desiderato della real essistenza, diremo che similichimerizate perfezioni di pittura si ritrovano in fatti nell’opere più isquisite de’ sopracitati primi capi e maggiori maestri, dove consiste al presente l’epilogo vero delle somme perfezioni di questa pregiata virtù, che del continuo si possono godere da’ gustosi della professione. Di maniera tale che il virtuoso, compiacendosi osservare dissegnati e dipinti di figure ignude con supremo studio e adeguatezza, gustando in particolare con lo studio la più bella simetria e straordinario ricercamento, avrà commodità di sodisfarsi nelle camere del Vaticano, e desiderando maggior avanzo nella natural perfezione, come di ritrovar ascoso il ben posseduto fondamento [p. 76] dell’arte, ritroverà tra l’altre della maggior Loggia detta de’ Ghisi nella città di Roma alcune femmine ignude, che dimostrano diverse vedute alquanto sopra l’occhio, col tutto che si ricerca alla più eccellente bellezza; e fra i dipinti della seconda Loggia ritroverà pure del medesimo Rafaello la molto delicata e graziosissima Galatea, la quale coll’intervento di belli e ben intesi ignudi di varie meze figure insieme con alcuni putti palesa sopra un’intelligenza estrema un eccesso di spirito, rilievo e delicata naturalezza , sicome nella tavola di S. Pietro in Montorio fra l’altre figure di maravigliosa bellezza, che si considerano diversamente vestite, e in guisa di persone viventi con lo spirito e vari movimenti animate, vedrà un mezo nudo di figura così egregiamente studiata in ordine alla più fina perfezione, che al dicerto palesa un estratto della singolar naturalezza ; e però sarà credibile, che un tanto artefice, avesse anco in occorrenza da sé solo dipinto corpo di figura ignuda per ogni parte compito e sufficiente. E Tiziano per esprimere convenientemente al vivo gli effetti della stessa natura forsi avrà bisogno dell’altrui pensiero? Questo potria essere, quando il fine del buon pittore fosse l’imitazione d’un’altra natura; che in tal caso richiederebbe facilmente l’altrui direzione per aggiungere e diversamente mostrare con modi duri e violenti i corpi espressi. Ma in effetto pare non si ritrovi, che la natura abbia dimostrato in altra guisa le proprie operazioni di quello che palesasse co’ colori il medesimo Tiziano, e se il Lumazzi ed altri bramavano in un coldissegno e colorito uomini vestiti di viva carne, e compiti con membra ed azioni come del tutto alla natura uniformi, dovevano osservare nella città di Venezia le mura esterne della fabbrica straordinaria detta il Fondaco de’ Tedeschi, che avriano ritrovate figure ignude rappresentanti con debita proporzione e buona naturalezza, e tralasciando le altre stupende eccellenze della gran tavola di S. Pietro Martire, che si vede ne’ Padri Domenicani di detta città, bisognava che considerassero al minuto il corpo denudato di quel ribaldo uccisore, che nello stesso tempo avriano ritrovato col dissegno [p. 77] e conveniente proporzione anco lo studio di ricercato ignudo, coll’espressione dell’atto proprio, riunito il tutto a tanta verità, che pare non potesse assolutamente la stessa natura dimostrare di vantaggio, e quello che fabbricò un tal composto così uniforme alla bella naturalezza, avria anco dipinto verosimilmente in occasione da se solo l’Adamo con ogni proporzione e più rara imitazione di natura, e un Giudicio Finale coll’aggiungere alla sufficientesimetria il solito carattere della più vera maniera, e si potrà facilmente credere che avesse arrecato uno spaventevole inganno, e commosso ad un tempo l’animo de’ riguardanti, avendo fra l’altre bellissime operazioni espresso in S. Spirito, chiesa poche miglia distante dalla medesima città di Venezia, istorie alla propria vista del di sotto in su con alcuni grandi ignudi d’estrema bellezza, come un corpo per ogni parte grande e straordinario diGolia gigante, e la storia del sacrificio d’Isaac, come un’altra diCain quando ammazzò Abello, ignudi di tanta bellezza, i quali fanno conoscere cotanto d’intelligenza, maniera talmente tremenda, rilevata, vera e così proporzionata alla propria vista dal di sotto in su, che al di certo quello che viene a vedere operazioni di tal sorte non resta a desiderare cose maggiori. Io però giunsi a godere d’una così grata vista mediante l’amorevole essortazione di Francesco Albani, soggetto veramente erudito e sufficiente al pari d’ogni altro, che co’ detti e fatti esercita a’ nostri giorni la professione, ed egli fra l’altre cose che mi fece avvisato, mentre da giovane mi ritrovava a Venezia, fu, che non dovessi partire da quelle parti prima di farmi trasportare a detta chiesa, dove per essere restato da così degna vista consolatissimo non posso in tal caso non essortare i più gustosi di questa virtù in occorrenza di ritrovarsi nella città di Venezia a mirar quivi in sei gran quadri espresse a tutte le vedute, e con maniera differente i più eccellenti dipinti del gran Tiziano, e della stessa moderna pittura. Ma perché dubbitare nel compire una rara bellezza del mirabile pennello d’Antonio da Correggio? Forsi egli in occorrenza non ha dimostrato un’idea di singolare ed insolita perfezione? Non credo che l’intelligente [p. 78] e gustoso della professione sia per concepire una tal difficoltà, quando si compiacerà avere il dovuto riguardo alla maggior parte de’ suoi dipinti, perché eglino non palesano che eccessi di bellezza; tralascio da parte, per trattare in ordine agli oggetti terreni, gli angeli, che sono nella maggior cuppola del Duomo di Parma, i quali nel dimostrare un’espressione insolita e rara bellezza del Paradiso non hanno comparazione coll’idea delle più scielte bellezze della terra. I putti, quali veri, che sono nella tavola detta di S. Pietro Martire appresso il Serenissimo Duca di Modana, e ’l corpicciuolo, come divino rappresentante la città di Modana nella tavola detta di S. Sebastiano, che si vede pure nel medesimo luogo; così i putti parimenti, che sono nella tavola di S. Antonio di Parma, altro non danno a conoscere, che parti prodigiosi dimaraviglia; e ’l simile a proporzione nell’opere medesime il corpo ignudo del S. Sebastiano, e l’altro del S. Giovanni Battista entrambo espressi nella adolescenza e principio di gioventù , così il corpo del S. Giorgio, e quello del Cristo morto ne’ quadri che sono nellaChiesa di S. Giovanni nella città sudetta di Parma, i quali ignudi dimostrano età più ferma tra l’ultimo dellagioventù , e principio di consistenza; e quello del S. Girolamo nella mentoata tavola di Parma non dimostra in chiaro corporatura di vecchio vigoroso, e una più fine idea dello studio, enaturalezza maggiormente bella, e conveniente?

Non porrò alla considerazione l’Ecce Homo del Conte Prati, che pure si ritrova in Parma, come quello, che per esprimere al maggior segno l’umanità coll’annesso divino di Cristo si ritrova più tosto cosa sopranaturale, che umana operazione. E questa osservando sufficientemente il virtuoso conoscerà essere una serie di corpi ignudi, che dalla prima fino all’ultima età dell’uomo rappresentano proporzionatamente al vivo i corpi delle più eccellenti, e perfette bellezze. Dove da questi potrà dedurre facilmente il gustoso della professione, cheartefice così egregio avria anco potuto dissegnare in occorrenza e dipingere ogni maggior bellezza e desiderata perfezione che nell’uomo, e anco nel corpo della donna si venga ad osservare, [p. 79] avendo in fatti nelle sue più rare operazioni dato saggio di sufficienza suprema.

E però dovrassi confessare che questi principali e maggiori soggetti abbiano dimostrato intendere ed esprimere del pari sopra d’ogni altro moderno la fabbrica maravigliosa, che dimostra nell’esterno l’umanacorporatura, come quelli che hanno espresso in ogni età compitissimi ignudi, ed accoppiato alla proporzione e sufficiente ricercamento la delicatissima e più veramaniera con decoro e grazia di tal sorte, che mediante simili operazioni danno chiaramente a conoscere non essere stata espressa la più bella, e perfetta imitazione di natura. E per ostare a così chiara probabilità non sarà sufficiente il dire, che tali artefici abbiano anco fatto conoscere qualche volta opere debili, e dalle mentoate differenti e mancanti; perché trattandosi de’ soggetti che hanno operato al maggior segno di bellezza, e come uomini mortali sottoposti agli accidenti mondani, e agli errori, non si pretende dimostrare l’opere loro d’assoluta perfezione, le quali solamente s’attendono dall’immediata virtù divina, ma come creature dependenti, essendo disposti ed essercitati conforme all’ordine di natura, non hanno potuto che per l’ordinario esprimere l’operazioni dell’età immatura ed imperfetta, debili e mancanti, e quelli che sono pervenuti all’ultima, e declinante età, hanno parimente palesato mancanti gli effetti de’ propri dipinti, e ancora in altri tempi vari, e differenti, perché in fatti la vita umana non è che un inegual composto per lo più partecipante d’instabilità.

E per ciò se dobbiamo raccogliere e conservare i frutti di buona maturità in riguardo dell’ordine di ben regolata natura, a che fine ricercargli insufficienti e mancanti avvanti e dopo il debito tempo? Perché far mostra di quelli che, oltraggiati dagli accidenti, appariscono per disgrazia viziati e mostruosi? E però in questo proposito si potrà dire quello che una volta sentii rispondere da Giovanni Francesco Barbieri, soggetto primario de’ nostri tempi a curioso della professione di pittura, che gli addimandava il suo senso intorno a mancamenti, che stimava riconoscere nell’opere [p. 80] de’ maggiori maestri. Cioè, «ch’egli non avea mai creduto, che opere di tal sorte fossero fatte immediatamente dal sommo facitore, e per conseguenza senza veruna menda, ma avea bensì ritrovate in esse così belli, ed eccellenti gradi di perfezione, che altrove non riconosceva una bellezza eguale, se bene fossero per altro laudabili e sufficienti, e per ciò rimirava ed ammirava simili dipinti come migliori d’ogni altro a fine d’approfittarsi, e non altrimenti per iscoprire i mancamenti, riconoscendo in opere di tal sorte sempre più abbondanti le perfezioni, e le qualità in ogni tempo ammirabili, ed in simil modo poteva anch’esso sodisfarsi senza ricercar di vantaggio nell’osservazione dell’umana sufficienza, essendo mai sempre degni d’imitazione e lode quegli artefici, i quali con minori errori d’ogni altro hanno saputo operare a gloria di Dio i più compiti dipinti, e poterono in occorrenza esprimere le maggiori difficoltà, essendo anco credibile, che avessero espresso le cose di minor momento nel loro buono stato, quando i disgraziati accidenti non fossero concorsi ad impedirli»101. Dovransi adunque ammirare in guisa di singolari prodigi l’opere migliori de’ primi e supremi, ed anco d’ogni altro qualificatomaestro, e compatire a proporzione i dipinti in qualche parte mancanti ed imperfetti, derivanti bene spesso dall’imperfetta età, come dalle disgraziate vicende che vengono per l’ordinario ad impedire per incognita causa gli umani pensieri, massime nel maestro da Correggio, che per fortuna del mondo e de’ pittori, nacque con talenti divinizati, ma per istraordinaria disgrazia altrettanto infelice. Né mi dica in tal proposito il Lumazzi102, che emulando Apelle esponeva ancor esso in publico l’opere sue, perché in effetto fu ad esso tanto uniforme nelle qualità virtuose, quanto contrario nella meritata fortuna, sì che potrassi veramente dire che sia stata fra di loro diversa la sorte, e però farà anco credibile che avessero differenti i fini; il primo come quello che operava coll’intento di publicare e perfezionare ad un tempo coll’opere il nome; l’altro stimasi forzato dalla necessità a fine prima di vivere con la fameglia, e poscia di propagare la virtù, e così violentato dal bisogno per sodisfare alle sue necessità, come poco dianzi accennai nel quarto capo, diede ad uno [p. 81] speciale, al quale dovea quattro scudi un quadro di Cristo nell’Orto103, che fu poscia anco in breve venduto scudi cinquecento; e mi viene ultimamente riferito da Luigi Scaramuzza pittore di buon gusto e sufficienza, che un quadro rappresentante Cristo nell’Orto meno d’un braccio nella città di Milano, (che facilmente si può credere essere lo stesso mentuato dal Lumazzi) fu comprato ultimamente dal Marchese di Caracena, Governatore d’essa città, dal Conte Pirro Viscontisettecento cinquanta doppie. Dove potremo conoscere che se veniva ad esporre Apelle i propri dipinti a fine di maggiormente perfezionargli, l’altro da Correggio, quantunque bramoso egualmente con un tal modo d’approfittarsi, in riguardo però del suo povero stato era prima astretto dal bisogno a publicare l’opere che verisimilmente nissuno ricercava nel privato di sua casa, e così necessitato dava a creditori per corrispondenza del poco, dopo aver prima forsi trovata in publico la minor promessa, e cosa però credibile, che egli non potesse altrimenti risolvere, come quello che, per necessità, assai più aggradiva un debile aiuto che un’abbondante conseglio; quindi è che il ritrovarsi per l’ordinario privo di tempo, e di necessarie commodità, e coll’operazione di suprema eccellenza fa che si debbano anco stimare come prodigiosi i di lui migliori dipinti, e non a mancamento quelle cose che tal volta s’incontrano di minor perfezione, sempre più perfette e stupende in ordine allo stato di così sfortunato maestro, e però si determini pure col dire in tal caso che Apelle in paragone di Antonio da Correggio dipingea per gusto e giuoco, convenendo al secondo essercitare ad ogni strada come forzato il proprio talento. È vero che Antonio Allegri fu per avventura fra moderni il primo, a cui venne fatto di esprimere in su le labbra a maraviglia il riso, e’ l riso uscente dal suo pennello fu tanto più mirabile, quanto che non poté frastornare la di lui lagrimosa povertà, fu un riso veramente da pittore tutto finto, e più tosto sardonico, che vero; mentre riferiscono gli scrittori della medicina di quei tempi104, che ridevano i sardi, ma con riso cagionato dal malore, il [p. 82] quale apportava doglie e morte, benché si dimostrasse con aspetto d’allegrezza105. Ma non fornisce la disgrazia di questo virtuoso infelice. Eccolo, come per fatal destino disgraziato; il medesimo Lumazzi non manca di proporlo più volte in esempio per eccellentissimo al pari d’ogni più degno e qualificato; e pure in occasione della particolare scielta de’ più meritevoli e perfetti si può dire a caso, e per manifesta offesa della verità viene tralasciato contro ogni ragione e dovere: ma però chi si sia conoscerà essere chiara ingiustizia il non venir chiamato fra gli eletti quello, che ha fatto al pari d’ogni altro l’opere buone, il quale insieme con gli altri due ha illuminato ed arrecato la somma perfezione alla pregiatissima virtù della pittura.


QUALI SIANO STATI OLTRE I PRIMI, E PIÙ PERFETTI MAESTRI, QUELLI CHE HANNO PREVALUTO NELLA PITTURA CON TALENTI PARTICOLARI E PIÙ ECCELLENTI QUALITÀ


 

CAP. XII


 

[p. 83] Vari però, oltre i più perfetti, e altri di successiva sufficienza nell’universale, vengono riconosciuti concorrere proporzionatamente degni con diversi talenti per compire il Microcosmo di gloriosa pittura, e fra copia de’ più riguardevoli pare che prima si palesi di merito maggiormente considerabile, medianti l’opere dotte e copiose diVenezia, il fondato e risoluto operare di Giacomo Robusti, detto il "Tintoretto" 106, come si raccoglie esattamente dal Cavaliere Rodolfi, che in vero potrassi dire aver ancora ecceduto ogni altro dalla grandezza de’ pensieri e presta effettuazione de’ rari ritrovati, in modo che quando egli avesse accoppiato a queste singolari qualità il desiderato e dovuto compimento, saria facilmente riconosciuto primo nella professione.

E Giulio Romano, se nel colorito, come ingrazia e perfezione adeguato per ogni parte, si fosse dato a conoscere sufficientemente compito, come nell’invenzione, buona disposizione e straordinaria attitudine, avria potuto senza difficoltà concorrere più per eguale, che per seguace, ed inferiore delmaestro Rafaello.

Polidoro parimente da Caravaggio prevalse in maniera nella particolare operazione di chiaro oscuro, massime nell’invenzione espressa con decoro, spirito, facilità e primo moto, che se tale fosse riuscito nell’universale, forsi non saria stato ad alcun moderno secondo.

Riuscirono ancora di non poca eccellenza in questo particolar modo d’operare, benché inferiori al primoPolidoro, [p. 84] a quei giorni il Fattor buono, Maturino, Domenico Beccafumi, Baldessarra da Siena, ed altri.

Successe immediatamente a’ sopracitati straordinari maestri Livio Agresti da Forlì,che fu nell’istoria e facilità del buon dissegno non poco eccellente e qualificato, come hanno dato a conoscere diversi essattissimi componimenti in particolare dipintia fresco, ma però se bene dotto artefice, a’ primi maestri ineguale, e mancante, osservandosi solo assolutamente impareggiabile nel dipingere nelle tele d’argento, delle quali fu l’inventore, e in un tal modo d’operare più eccellente d’ogni altro.

Quanto nel particolare d’opere notturne, oltre l’universal sufficienza, ne’ riflessi di fuoco, ed altri lumi, come nella rappresentazione d’ogni sorte d’animali, e di massarizie di casa sia stato singolare Giacomo e Francesco da Bassano, e altri successivamente di detta casa, ciò del continuo testificano le di loro copiose e come stupende operazioni, massime con simili soggetti, i quali per esser espressi dalla forza di genio connaturale, mostrano ogni altro dipinto oltrepassare.

E chi non sa quelli che fossero più adeguati ne’ dipinti d’architettura, e ben regolata prospettiva, legga Sebastiano Serlio Bolognese107, il quale in occasione d’insegnare quello che vada dipinto per le volte delle fabbriche, ritroverà dichiarare per maestri maggiormente sufficienti nel dipingere, al proposito del di sotto in su, Andrea Mantenga da Mantua, e Melozzo da Forlì, amendue se bene in maniera antica, però dottissimi, e in simili fondamenti impareggiabili; e se il virtuoso avrà curiosità in questo particolare d’opera più moderna, veda in Roma la Sala Clementina, e altre operazioni simili di Giovanni e Cherubino dal Borgo. E di simile stile, massime d’architettura, e prospettiva in Venezia, e Brescia, di Cristoforo e Stefano fratelli, di Tomaso Sandrini, e anco diDomenico Bruni, e Giacomo Pedrelli suoi seguaci.

E senza partirsi al presente dalla scuola, di Lombardia, continua scaturiggine d’ogni sorte di virtuosi, vedrà massime nella città di Bologna l’opere di Girolamo Curti, e [p. 85] oltre di queste riconoscerà anco ritrovarsi al presente come veri eredi della stessa, ed avvantaggiata virtù Angelomichel Colonna e Agostino Metelli, i quali ormai per ogni parte dell’Italia hanno lasciato non poco saggio del proprio talento, e sopra d’ogni altro eccellenti e prattici nel fresco de’ muri, onde non mancano cotidianamente in abbondanza gli effetti rari della loro particolare operazione.

Come poi sia riuscito sufficiente, e qualificato Antonio Tempesta nelle battaglie, caccie, massime nell’esprimere con ogni studio ed attitudini d’ogni sorte i più spiritosi cavalli, lo dimostrano massime l’opere di Roma, che vivono per contrasegno di gran talento, e singolar inclinazione. E nell’invenzioni copiose, capricciose e bizarre di figure picciole il Calotta, e anco al presente il suo seguace detto Stefano della Bella.

Abbiamo similmente osservato a’ nostri giorni il famoso Guido Reni nello studio per ogni parte della figura molto valevole e adeguato, e nella facilità e grazia come divina, panneggiamento e bel concerto dicolorito delicato veramente singolare.

Fu altresì riconosciuto agli anni passati in Fiorenza sua patria Cristoforo Alori, e poco dopo in Roma N. detto lo Spagnoletto amendue molto qualificati, e straordinari in riguardo di bellissimo colorito, ma perché si dimostrarono languidi nelle parti spettanti al buon dissegno, però solo riescono in poca operazione considerabili.

Alla giornata viene pure a conservarsi per gloria della pitturaGiovanni Francesco Barbieri, soggetto universale, e nella maniera di buona, e bella naturalezza come nella rara contrapposizione di ben concentrati colori espressi con forza e granrilievo veramente eccellentissimo, e perciò stimato per ogni parte famoso e straordinariomaestro.

Come similmente al presente Francesco Albani, il quale nel concerto d’istoria congrazia e decoro, massime nell’operazione di picciole figure s’è dimostrato a’ nostri tempi singolare.

Straordinario ancora si dimostra tutta via a’ nostri giorni [p. 86] inRoma Pietro Beretini da Cortona, massime nel particolare della copiosaistoria ne’ freschi de’ muri; e ne’ ritratti al naturale il giusto pittore oltramontano.

Furono in oltre anco diversi soggetti considerabili, e molto qualificati, alcuni nella varietà di paesi insoliti, con invenzioni di mostri, ed altri capricciosi ritrovati non poco spiritosi, compiti e naturali, che in vero hanno dato a conoscere particolarità insolite e maravigliose, comeil Brugolo e il Civetta in simili ritrovati in picciolo, e ne’ paesi d’ogni sortePaolo Brillo, ed altri diversi soggetti oltramontani, e fra questi si potria anco collocareGioseffo Arcimboldo, come pittore ingegnosissimo e fantastico, il quale come si raccoglie da moderno scrittore della professione108, per aver dipinto fra gli altri non pochi fantastici capricci un Vertunno formato di frutta e una figura di Flora con diversità di fiori molto capriccioso e commendato, non cessa esso scrittore di celebrarlo con lodi supreme. Ma talenti di tal sorte, se bene per se stessi laudabili, in paragone poi de’ più universali e perfetti maestri riescono in fatti, come di virtù, anco di merito inferiori. Lo dimostra di vantaggio uno de’ maggiori cultori della passata antichità, il quale in questo caso asserisce, «che in tali tempi quelli, che dipinsero paesi, animali, verdure, ed altre simili capricciose vaghezze, spettanti», com’esso dice, «all’ornamento di campagna, che non sortirono veruna gloria, ma solo quelli, che dipingevano le tavole»109. E così credo che anco a’ nostri giorni si possa dire quello che lasciò scritto moderno autore in proposito dell’essere buon pittore e poeta. «Atro ci vuole per essere stimato buon pittore, che contrafar bene un velluto, una fibbia da cintura. Il fatto sta ne’ bambocci come disse Giovanni da Udine ad alcuni che si stupivano delle grottesche mirabili, che sono di sua mano nella Loggia di Leone, e nella Vigna di Clemente»110. E però pensava invano di concorrere fra degni pittori quello che si ritrova con la sola immitazione di naturale, privo di conveniente dissegno, e buona idea, ancorché ne’ soli paesi, frutti, fiori, panni ed anco ne’ ritratti riesca sufficiente; e se tal volta soggetto ordinario a forza d’ostinata diligenza dimostrerà finalmente opera di buon [p. 87] gusto e sufficiente, non potrà con ragione pretendere il nome di buon pittore, sendo che conforme n’insegna il compitissimo da Vinci: «non è laudabile il pittore, che fa bene una sol cosa, ma conviene, che faccia il tutto»111.

Dove questi, ed altri simili per non essere riusciti nella pronta ed universale operazione, corrispondenti di longa mano a’ più compiti, prattici, e per ogni parte sufficientissimi maestri, saranno stimati per conseguenza ad essi improporzionati ed inferiori. Non avendo in fatti comparazione col fonte il rivolo, né il tutto con la parte.

PER QUALE STRADA S’INCAMINASSERO I TRE PRIMI E PIÙ ECCELLENTI MAESTRI ALLE MAGGIORI SUBLIMITÀ DELLA PROFESSIONE DI PITTURA, E COME SIANO I VERI CAPI DELLE TRE PIÙ FAMOSE SCUOLE DELL’ITALIA


 

CAP. XIII


 

[p. 88] Ora verrassi anco facilmente a conoscere, come poscia sopra d’ogni altro della moderna professione Rafaello, Tiziano e Antonio da Correggio, sopracitati primi e maggiori maestri spiegassero il volo in guisa di triplicata fenice dell’Italia alle più eccelse sublimità, ogni volta che osservaremo questi straordinari soggetti, come dotati di maggior disposizione, spirito ed arte, aver anco dimostrato in breve le più compite ed eccellenti operazioni di pittura, perché in effetto hanno inteso non essere infine l’operato di buon dipinto, che un artificioso composto del bello di natura, il quale non viene a manifestarsi di convenienza se non a vista determinata, e scoprendo la di loro trascendente cognizione, che per l’ordinario gli antecessori per abbondare nel superfluo d’estrema finitezza avevano già errata la sicura strada del bene operare, come quelli che, tralasciando il necessario studio delle parti, e scorrendo smarriti nel mare di tanta virtù, terminavano nell’estremo scoglio dell’abbominevole siccità; dove resi privi di moto, spirito e desideratanaturalezza, dimostravano per lo più l’opera viziosa ed imperfetta.

E però scelta la scorta di perfetta antichità da primi e maggiori capi, ed incontrata in occasione con le più rare bellezze di natura, vennero in tal maniera ad iscoprire le più belle osservazioni e maggiori difficultà dell’arte, e specolando con indagine straordinaria la real fabbrica de’ veri composti, vennero in fatti a conoscere più virtuali, che [p. 89] realmente espressi i contornati estremi, e solo manifestarsi diversi i siti, mediante la differenza e sufficiente concordanza de’ colori, i quali scoprivano le parti successivamente degradate, ed eglino a forza di dovuto rilievo separare coll’oscuro i luoghi più bassi e meno illuminati, e distinguere i più sublimi e quelli di mezo, mediante diversità di riflessi emeze tinte, che venivano a dimostrare diversità de’ luoghi, ed a tutti ritrovarsi sufficiente l’unione, la quale con artificiose miste di colori concordava i mezi e degradava gli estremi, dove in somigliante modo incitati ingegni così eccellenti, vennero posciaad imitare queste rare bellezze con dotte mistioni di tinte, e, ben modificate, a porgere in occorrenza dell’operare lumi ed ombre alla già ben contornata figura, ed a indurre per conseguenza le vere sfuggite e gl’ingannevoli scorzi, e a dimostrare nel piano il rilievo di soda rotondità, e perciò poterono formare adimitazione del vero un artificioso inganno, che alletta la vista di chi si sia, e sopra d’ogni altro poi sempre gode l’intelligente spettatore, ed avendo felicemente oltrepassato le durezze dell’imperfetta siccità, dovranno con ogni ragione trionfare de’ maggiori onori, e con essi susseguentemente i loro seguaci, come laudabili imitatori, i quali col mezo dell’opere si danno a conoscere per membri più immediati a’ stessi principali nella formazione del Microcosmo di questa virtù; imperoché aiutati da tali buone qualità, già nati, nodriti e conservati nella bella Italia, come da fecondissima madre, e perciò ottenendo connaturali le straordinarie disposizioni vennero anco ad operare nella strada sicura, e a concorrere condegni alla partecipazione della gloria, e ciò potrà facilmente conoscere lo studioso112, ogni volta, che venga ad osservare con dovuta riflessione non ricercare infine le più nobili operazioni dell’umano intelletto in ordine al commune sentimento de’ migliori intelligenti, che sopra le parti concernenti alla debita formazione la stessa moderanza, e buona temperie degli umori, la quale per derivare dalla qualificata e buona temperatura del composto pare che poscia si venga a scoprire che quelli, che nascono e si [p. 90] conservano nel più idoneo e temperato clima, vengano anco di facile ad ottenere nel proprio individuo simili sufficienti disposizioni, dove soggetti di tal sorte per essere maggiormente disposti applicandosi all’acquisto d’ogni virtù sortiscono sopra d’ogni altro il desiderato possesso, e però sarà anco ragionevole il dire, che gli abitatori fortunati dell’Italia, come quelli che hanno avuto in sorte di nascere nel raro sito di parte forsi la più famosa e degna dell’universo, conforme all’attestato de’ migliori scrittori113, siano per conseguenza soprastanti per l’ordinario nell’operazioni virtuose, e di maggior spirito ad ogni altra nazione, ed in particolar nella pittura essere riusciti di suprema eccellenza. Il che ponderandosi dall’erudito, conoscerà in chiaro che dopo i più compiti, e famosi eroi della Grecia non ha qualificato il cielo veruna nazione al pari di quella dell’Italia, ed in tal maniera che chiaramente si viene a conoscere avere stanza in questa singolar parte tre principali, e più famose scuole della pittura, e da così feconda terra germogliare in ogni tempo i più degni effetti di questa virtù, e del continuo persistere il seggio dell’operante virtuoso. La prima delle quali dirassi originata nella Toscana 114, e nel tempo del Bonarota, come del Vinci acquistando straordinario augmento, conosceremo col mezo di così eccellenti soggetti restasse non poco fondamentata, dove poscia succedendo a questi l’immediato Rafaello la rese al supremo segno di compimento in maniera che si potrà credere la prima e ben radicata essersi ritrovata in riguardo dell’origine, e sodo fondamento nella Toscana, e dopo in ordine alla più adeguata perfezione di Rafaello nell’alma città di Roma, e conservarsi successivamente in cotanta città, medianti i successori di così degna scuola,, soggetti per lo più di straordinario fondamento, e nella pittura celebri e sufficienti, e però stimo come superfluo l’accennare al presente la vaglia di tanti e tali soggetti, de’ quali fin ad ora non sono mancati diversi scrittori di quelle parti115 per far conoscere assai diffusamente in vari modi insieme con ogni maestro anco le particolari operazioni. E passando alla secondascuola, dello Stato Veneto veramente [p. 91] copiosa e molto laudabile, la quale mediante la sublime virtù del famosissimo Tiziano116 ottenne gli ultimi gradi di perfezione, eposcia successivamente dalla straordinaria operazione di Paolo Veronese, ed altri eccellenti soggetti per lo più derivanti dallo stesso primo ed eccellentissimo Tiziano, fu nobilitata, si moltiplicò a segno che al presente per ogni parte di merito ne vive al mondo famosa ed immortale. E per esser il tutto da penna molto erudita, e sufficiente dato alle publiche stampe, rimetterò ad una tal lettura il degno virtuoso, acciò che venga appieno ragguagliato de’ maestri, come dell’opere copiose, e qualificate della seconda scuola. E trapassando con debita ponderazione alla terza dell’Italia, che è la mirabile di Lombardia117, riconoscerà in questa la virtuosa curiosità oltre il Parmegianino, Carracci, ed altri non pochi straordinari maestri dar vita nel cospetto dell’universo tutto con sufficienza di qualità più eccellenti e raffinate il divino Antonio Allegri da Correggio, perché se bene pare non fosse nel tutto del corso di sua vita che un tipo dell’umane infelicità, questo però dovrassi credere permesso dall’infallibile providenza dell’Onnipotente. Imperoché egli non riconosciuto di longa mano per tale, privo di spirito ambizioso, con animo ben composto e sensi moderati non isdegnò accoppiare ad alto d’intelligenza l’impropria viltà del suo stato col vivere a se stesso senza pensiero d’avvantaggiare la fortuna in paesi remoti nelle principali città, e appressoprencipi grandi, avido per lo più di propagare gl’immortali talenti dell’Altissimo, non procurò procacciarsi occasioni, se non sufficienti al vivere ne’ paesi de’ propri contorni. Dove in tal caso mancante di mezi sufficienti, quando si debba acconsentire all’attestato di buone tradizioni, che si raccogliono in abbondanza da paesani e circonvicini, bene spesso egli sollecitato da necessario bisogno, ancorché fosse di volere, e commodità repugnante, come di occasione dello studio e dovuti instrumenti, le quali cose, se non del tutto, almeno si ritrovano in buona parte convenienti, e talvolta necessarie alla buona operazione; si potrà dire che si ritrovasse necessitato, mentre convenne molte [p. 92] volte operare senza mezi ed aiuti necessari, privo d’occasione, di tempo e studio conveniente, dove avvilito egualmente da malevoli, come vilipeso dagl’ignoranti, e per l’ordinario fu contracambiato con prezzo in estremo vile questo primo antecessore sufficiente da correggere in ogni tempo coll’eccellenti sue qualificate prerogative l’altrui imperfezioni; di maniera tale che intorno a questo straordinario caso del prodigioso maestro da Correggio, pare che si riconosca vivere un tal desiderio, nell’interno a molti curiosi della professione, di sapere se questo singolar soggetto avesse anch’egli ottenuto l’occasioni più degne, come gli altri due suoi pari, con tali mezi si fosse potuto verisimilmente sperare più maravigliosa e perfetta l’operazione, opure al contrario; dove nel seguente capo ponderandosi una tal proposizione in ordine alla curiosità virtuosa con le ragioni dell’una e l’altra parte, si verrà infine a raccogliere il più ragionevole e verisimile sentimento.

PARTICOLARE PONDERAZIONE SOPRA ANTONIO DA CORREGGIO PER RICONOSCERE VERISIMILMENTE SE EGLI FOSSE VISSUTO ED OPERATO COME ALTRI SUOI PARI CON LA CONVENIENTE FORTUNA, SIA CREDIBILE CHE AVESSE AVANZATI I TALENTI DELLA PROPRIA VIRTÙ


 

CAP. XIV


 

[p. 93] Resta pur tutta via, non v’ha dubbio, particolar incentivo nel degno gustoso di quella nobilissima professione a discoprire, col mezo di considerato discorso, se il prodigioso artefice Antonio da Correggio, quando ancor esso avesse incontrato al pari de’ primi e più fortunati occasione di prencipe grande, che l’avesse sollevato con ricognizioni ed onori al suo merito corrispondenti, ragionevolmente si fosse potuto sperare opere di maggior isquisitezza di quelle che al presente si ritrovano, le quali non sono che eccessi dell’arte.

E però in ordine alla parte negativa si ritrova con gli altri l’autorità del primomaestro di questa professione118, il quale con ragioni assai probabili non sa credere che occasioni d’altra sorte, con tutto che fortunate e degne, avessero in tal caso se non servito per deviare dalla solita sua suprema e connaturale sufficienza, mentre stimano che non avesse potuto ricevere veruna mutazione senza la sicura perdita; apportano per pruova della loro opinione, che egli incitato dalla natura ed essendo giunto mediante l’aiuto del proprio talento ad operazione eccellente e sublime, né poter per lo più che osservare differenti e inferiori dipinti, dove stimano che di facile l’avriano potuto levare dalla buona strada, e in somiglianteguisa per seguir l’incerto avrebbe di facile perduto anco il sicuro, asserendo che se bene venga considerato all’applicazione de’ maggiori maestri di primascuola,, pare però non possa [p. 94] che restar contrariato anco in buona parte con lamaniera il propriogenio, dovendosi rendere in tal caso principiante ed inferiore di quelli, a’ quali si considera al presente eguale, ed anco maggiore, e per corroborazione di ciò adducono male l’esempio del valorosissimo Annibale Carracci, ed altri buoni maestri, i quali, ancorché fossero di non ordinaria sufficienza, e forsi dotati di miglior maniera, hanno posciadato a conoscere dopo l’osservazione dell’opere di prima scuola, invece d’avanzarsi, aver in parte diminuito i loro straordinari talenti, facendo vedere in ultimo più tosto con apparenteartificio quello che prima ne’ dipinti era conosciuto sopra competente sapere, ridotto con genio e talento più naturale, e facile espressione. Ragioni le quali, sicome per altro non appaiono fuor di proposito, riescono parimente in qualche parte concludenti: ma però in occasione del primario da Correggio stimarei non fossero che inadeguate; posciaché un tal soggetto, il quale per se stesso si può dire, col vigore, del proprio talento ha potuto trascendere i limiti ancorché sublimi non ritrovarsi che impareggiabile, e per conseguenza d’esempio del Carracci, ed altri simili non riuscirà proporzionato, stante che questi, benché fossero dopo riconosciuti osservatori della prima scuola,, non resta però che per l’avanti non venissero a formarsi compiti aproporzione nella seconda e terza, e con tal adeguatezza bastevole per rendere il mentuato Carracci se non fra primi il maggiore, almeno in paragone di quelli che si considerano successivi forsi a nissuno di tal ordine secondo, e per se stesso assai sufficiente per formar scuola, molto degna e riguardevole, come in effetto con fratelli e parenti hanno fatto conoscere a’ nostri giorni essere stati i veri riformatori della pittura odierna, e la vera e rara scaturiggine de’ più eccellenti soggetti della nostra età. Con tutto ciò in comparazione del primo maestro Antonio da Correggio, ed altri simili che furono essenzialmente tali, sono considerati come parti dalle prime derivanti; mentre dalla secondascuola dello Stato Veneto, e dopo maggiormente dalla terza di Lombardia si può dire che ’l mentoato Carraccicon altri parenti [p. 95] abbiano ricevuto il compimento della propria straordinaria sufficienza.

Nientedimeno in riguardo della prima ben radicata pittura del medesimo Annibale, pare che non si possa dire mutazione e perdita di gran momento quella che viene ad osservarsi fra i primi dipinti di Lombardia e gli ultimi della città diRoma, non si dovrà però negare, che i primi non appaiano alla vista del riguardante assai più facili e di migliorgusto, ed alla verità e vista maggiormente uniformi. Onde ne segue, che quelli d’ordinario talento, i quali sono per ogni parte vacillanti, e si levano dalle più belle maniere per fondamentarsi in altre più ricercate, ed al propriogenio bene spesso diverse, danno a conoscere non raccogliere infine per frutti di longhe fatiche, che l’ignoranza e confusione; dove potrassi facilmente dedurre, che a quello che desidera incamminarsi nella professione della pittura a segno di buona riuscita, fa di mestieri, oltre la buona naturale disposizione, che prima già reso in qualche parte sicuro nella prattica del dissegno, e sufficiente simetria, dia principio dallo studio della primascuola, come dalla vera origine di ben fondata delineazione, e posciaassodato nel fondamento potrà facilmente ricevere dalla seconda, e terza scuola, la formazione di più vera, e bella naturalezza; essendo oltre le naturali disposizioni l’ordine stesso di tanta necessità al buono incaminamento d’ogni virtù, che senza di questo bene stesso si rende il fine di laudabile operazione se non del tutto impossibile, almeno non poco repugnante.

E però quello che di già si ritrova al segno, non avrà che faticare per giongere alla desiata meta; e se in tal caso venissero alle volte a rappresentarsi oggetti di non ordinaria considerazione, non sarà facile il credere che quello, il quale si ritrovava per natura saggio, venga presto ad abbandonare il proprio e sicuro già ad esso connaturale per seguire l’altrui di genio lontano, che non si può dare nella maggior parte migliore; nemmeno potrà la medesima natura, massime regolata dalla ragione, aborrire [p. 96] quel bello e buono, che nel ritrovarlo avrà per anni e lustri il soggetto incessantemente affaticato, non potendosi di leggieri sradicare quello che si ritrovava impresso a forza di naturale istinto.

Quindi è che, portato alla considerazione delle famose maraviglie di Roma con alcuni amici il dignissimo Paolo da Verona, si raccoglie che, dopo ebbe goduto la singolar vista delle fabbriche ed osservate le stupende scolture ed i dottissimi dipinti de’ maestri della prima scuola,, come di Rafaello e d’altri, non tralasciasse di lodare l’ingegno, e studio singolare di così eccellenti maestri e ebbe a dire, che «se bene ad esso piacevano tali dipinti, non per questo desiderava la loro imitazione»119. Forsi come quello, che si ritrovava altamente radicata operazione molto sufficiente, dall’altre diversa, ma però più facile e naturale.

E se tale, come corre la fama, si palesò il sentimento dimaestro, il quale se bene è riconosciuto di straordinaria eccellenza e dotato dalla natura di singolar facilità e buona naturalezza, venne però a participare in buona parte gl’incaminamenti delmaestro Tiziano, il quale per esser prima, e vera scaturigine di maggior maniera, ha potuto dimostrare un tal ruolo, ancorché grande e straordinario; e però molto di vantaggio potremo stimare d’Antonio da Correggio, che tenendo, come per natura, e propria essenza una così rara virtù non riconosciuta altronde derivare, che dagli effetti immediati della Divina provvidenza, per ritrovarsi possessore connaturale al maggior segno non sarà verisimile il pensare, che l’osservanza dell’antichità, di Rafaello, e d’altri migliori artefici di pittura avessero potuto indurre nuove idee, e di tanto compiacimento, che fossero state bastanti per estinguere con dubbia novità la certa sufficienza. Dove, riconosciuta quasi che repugnante la perdita de’ ben radicati talenti di così raro artefice, se poi in oltre si possa probabilmente pensare, con tutto che al presente sia riconosciuto al maggior grado di virtuosa sublimità, avesse anco potuto accrescere col mezo di straordinarie occasioni la propria bellissima [p. 97] operazione, stante quello che vengo ad accennare nell’ultimo capo di questo primo libro, non stimo che possa apportare all’intelligente veruna difficoltà il darsi a credere che avesse accelerato il corso a gran passi con tali mezi alla più eminente perfezione, perché in fatti le commodità, che per l’ordinario vengono ad arrecare la quiete maggiore, e le congetture di servire a personaggi grandi, ed amatori della virtù, come gl’impulsi d’amore e d’emulazione, e l’osservanza d’oggetti naturali ed artificiali d’eccessiva bellezza sono i veri motivi, come ne fa fede la stessa sperienza ne’ successi de’ più eccellenti e famosi, che hanno esercitato gloriosamente la virtù di commendata pittura, i quali con tali mezi giunsero col nome alla sospirata eternità. S’aggiunge in oltre l’efficacia delle ragioni; perché simili congetture, accadendo per l’ordinario alla particolar inclinazione dell’artefice, fanno che vengano conseguentemente ad operare con spiriti più intensi e puri, i quali in tal caso impressi di specie oltramodo belle e pellegrine, e queste riunite ad un ardente desiderio di bene operare, accagionanoposciache simili soggetti vengano per lo più ad esprimere le rare maraviglie della professione.

E però si potrà probabilmente determinare che, già considerato Antonio da Correggio nello stato di prima vaglia nella migliore e più pronta disposizione, essendogli concesso le maggiori occasioni per osservare ed esercitarsi, come di debite ricompense dove, con talimezi, eccitati gli spiriti, ed egualmente dall’emulazione sollecitato, come inanimato da graziose ricompense, e meritati doni, non sarà che molto credibile il pensare che avesse moltiplicato quella virtù, che non si riconosce al presente, se non eccedente e singolare; oltra ciò il grande da Correggio in guisa di sole avria potuto fissare i raggi del suo purgatissimo giudicio, non solamente nell’opere de’ migliori, ma anco in altre non del tutto perfette, le quali ottengano tal volta qualità considerabili, e come tali riconosciute da supremo intendimento, che per appunto viene [p. 98] in guisa di sole ad attraere la parte maggiormente pura alla propria sfera, senza restar inquinato dal restante bene spesso brutto ed imperfetto; e così proporzionatamente attraendo a sé quello chedal vero e finto avesse stimato conveniente in ordine al proprio bisogno, senza veruno detrimento avrebbe in tal maniera accresciuto con modo quasi insensibile aggregato di pure materie al suo intelletto, le quali dopo a tempo e luogo potevano far conoscere, se non a sensi l’ingrandimento del corpo, almeno all’intendimento de’ buoni studiosi gravida la più nobil forma dell’animo, a termine di partorire effetti che al presente non potendone anco la mente concepire, solo si possono considerare riposti nell’erario dellaDivinità.

COME DAL PRIMARIO MAESTRO ANTONIO DA CORREGGIO NE DERIVASSERO, MEDIANTE L’IMITAZIONE, GLI STUDIOSISSIMI CARRACCI, I QUALI, COME RIFORMATORI DELLA PITTURA DE’ LORO TEMPI, HANNO LASCIATO, OLTRE LA STRAORDINARIA BELLEZZA DELL’OPERA, LA PIÙ FAMOSA ED ECCELLENTE SCUOLA DE’ NOSTRI GIORNI


CAP. XV


[p. 99] Intanto se bene dal tutto della sua vita non si raccolga che venisse ad esperimentare lo stesso Antonio da Correggio, se non continuati effetti d’infelicità, trattandosi in ordine al proprio esercizio della pittura, ora, che si considera già la persona al mondo perduta, dirassi però essere restato il nome di così eccellente virtù a segno che vivrà degnamente al pari d’ogni altro professore di pittura famoso ed immortale, non potendo non essere confessato da’ soggetti di sano intendimento, che gli straordinari eccessi di virtuose operazioni non possono soggiacere alla forza di tirannica fortuna, che per accidente incarcerati e con modo improprio, perché infine a guisa d’elementi più nobili e puri, e maggiormente spiritosi rompono con la forza del proprio merito ogni riparo, e con lo sforzo della violenza procurano volare ad onta di casual impedimento alla sfera della gloria, dove come oggetti sublimi ed ammirabili, risiedono eminentemente trionfanti. E però non restano fin ad ora a desiderarsi vari ad osservare, ed in copia per imitare la sublime virtù d’Antonio da Correggio, i quali tirati per ogni parte dalla moltiplicata fama de’ suoi stupendi dipinti se ne vengono del continuo ad illuminarsi a questi chiari splendori, e si conosce per l’ordinario ricevere a proporzione gli effetti desiderati di questa soprafina maniera; e in un tal modo la virtù della pittura non poco pregiata, e dal suo maggior vigore mancante [p. 100] fu come rigenerata da’ maestri, i quali con saggio di gran prudenza, col mezo d’insolita operazione si dimostrarono correttori di varie e mal nate imperfezioni; e fra gli altri basterà il solo esempio de’ studiosissimi ed immortali Carracci; posciaché eglino sono degnamente stimati maestri molto eccellenti e rari riformatori, e degni capi dell’odierna pittura concorrenti per le copiose e straordinarie loro prerogative co’ la virtù de’ più chiari soggetti della professione, dove già ripieni di gran prontezza e spirito molto delicato ricercarono maestri oltre le proprie parti per la di loro insolita capacità, e però si videro bene spesso trasportati dall’impeto di gusto adeguatissimo allo studio delle più degne bellezze della professione, come delle maniere venete ed altre simili in conformità del proprio estremo conoscimento; e finalmente come buoni Lombardi s’applicarono con genio particolare all’opere esquisitissime d’Antonio da Correggio, del quale si palesarono in effetto veri imitatori, e riuscirono egualmente eredi de’ talenti virtuosi e sue rare qualità, e della sua connatural disgrazia.

Nondimeno restò dopo la di lor mancanza un seminario d’operazioni egregie, dal quale s’è veduto pullulare in breve scuola numerosa di laudabili virtuosi, che operando con gusto speciale di maniera facile, naturale e studiosamente vaga, a tal segno che, uniformandosi nel dipingere con un simil modo alla commune del genio, si conoscono tuttavia anco buona parte viventi, oltre a quelli che sono mancati col corpo al mondo, per vivere mediante l’opere straordinarie fortunati e gloriosi; ed eglino, come meritevoli soggetti della scuola di Lombardia, se bene noti per ogni parte dell’universo, sono però riconosciuti avere particolar residenza nella degna città di Bologna, come nella real metropoli de’ buoni virtuosi, ed antico ricetto d’ogni sorte di virtù, avendo in effetto questa feconda madre partorito, alimentato e conservato la maggior parte degli odierni e più famosi maestri. E per la manifesta dimostrazione di ciò basti la sola memoria di particolar soggetto, abbondante di buoni talenti, come di prospera fortuna, [p. 101] dico di quel Guido Reni, il quale non fu riconosciuto in vita che per l’unico centro degli applausi, e la prima gloria della pittura, che per l’ordinario avendo la residenza nella sua dignissima patria, in guisa di nuovo Orfeo tirò co’ la fama del suo nome virtuosi e gran personaggi dall’uno all’altro polo per ottenere coll’opere anco talvolta la vista di così eccellente e rinomato maestro. Ora di già mancato alla professione artefice di tal sorte, è restato al presente in detta città, vero seggio delle maggiori virtù, Giovanni Francesco Barbieri, maestro sufficiente e qualificato a mantenere col commune applauso il posto primario, il quale, sicome per altro tempo si dimostrò più d’ogni altro eguale nella virtuosa concorrenza, ora parimente nella famosa operazione viene osservato di continuato valore, e risplendere continuamente in ogni parte come trionfatore del maggior grido. E di consimile eccellenza fu di già l’eccellente Zampieri, il presente Albani, ed altri non pochi, che sono conosciuti famosi e degni; tutti poi sempre derivanti dalla fioritissima scuola degli studiosi ed eccellenti Carracci, e finalmente poi sempre dal primario Antonio da Correggio real fonte della Lombardia, e degno capo del Microcosmo della Pittura, il quale per se stesso fu in ogni tempo straordinario e molto considerabile, ed ora al pari d’ogni altro più perfetto maestro. Dove parimente i soggetti che diversamente vengono a derivare da tale e tanto principio, procurando continuamente medianti le belle operazioni darsi a conoscere per veri imitatori, e seguaci di così egregio maestro verranno facilmente col tempo ad essere commemorati, et a proporzione del proprio merito dimostrati alla posterità; ed io, per non aver che l’intento della sola rimembranza di quello che ritrovo accadere in ordine all’incominciato discorso, tralascerò intanto al maggior talento di più prattico e purgato scrittore l’essatta descrizione, e dovuta rimembranza di questi e d’ogni altro meritevole professore.

SI DIMOSTRA, CON TUTTO CHE I PRIMI TRE MAGGIORI MAESTRI ABBIANO POSSEDUTO COL BUON DISSEGNO E COLORITO LA PRATTICA UNIVERSALE DELL’OPERARE, AVERE PERÒ DIMOSTRATO ALLE VOLTE DEBILI DIPINTI, E DA PITTORI DI MINOR SUFFICIENZA ESSER USCITE OPERE D’ECCEDENTE BELLEZZA


CAP. XVI


[p. 102] Proseguendo in ordine all’incominciato discorso, dirò, che dalla maggior parte de’ buoni virtuosi venga riconosciuta come infallibile l’opinione che il vastissimo corpo della pittura in guisa di smisurata machina cammini sodamente per l’ordinario con duplicati piedi, che sono oltre il primo di sodo dissegno, anco l’altro di sufficiente colorito, l’ultimo de’ quali pare che, mediante la continuata osservazione di buona naturalezza, venga ad acquistare il particolar gusto di soggetto alla pittura disposto assai sufficientemente. Ma il primo, come più difficile e diffuso, si ritrovava altresì più degno, come quello che richiede la maggiore applicazione dell’intelletto, dove pare che, per conseguenza, non si possa ottenere se non con lungo studio e straordinaria fatica. E questo copioso fonte diramasi parimente in vari ruscelli, molto necessari in ordine alla di lei sufficiente cognizione, come n’appare in chiaro ne’ buoni componimenti delle storie; posciaché nissuno al di certo potrà al proposito comporre senza la debita sufficienza dell’invenzione. E chi saprà in oltre disporre, privo dell’intendimento della convenevole degradazione e buon fondamento di prospettiva? E questi, parimente mancante d’erudizione universale e dell’intelligenza nell’ordinate regole d’architettura, non potrà in occasione che dimostrarsi imperfetto, perché in fatti si conosce camminare con ambedue questi piedi una tal virtù, [p. 103] e l’uno come quello, che si diffonde alla convenienza di tante e così differenti osservazioni e però ne deriva che bene spesso in riguardo del mancamento di queste necessarie basi appaia conseguentemente il composto della pittura mancante.

Per rendersi adunque soggetto veramente considerabile, et anco ad altri superiore, sarà necessario che il buon maestro si dia a vedere nel moto della consueta operazione franco e snello sopra questi due piedi, e tale sarà creduto dal gustoso intelligente, quando, nell’osservare il particolar dipinto, riconoscerà in esso, dopo il debito esame, il tutto spettante alla puntualità del dissegno, come all’unione e delicatezza del vero colorito; posciaché diportandosi felicemente nel dipingere in occasione dell’opera non farà conoscere difficultà nel grande né tampoco nel piccolo, e così parimente nel fresco al par dell’olio, et a proporzione in ogni sorte d’operato, perché venendo a possedere sul sodo i veri fondamenti, esprimerà francamente in tutte le maniere con buona sufficienza i propri dipinti, e farà come facili apparire per l’ordinario le stesse difficoltà; le quali prerogative s’osservano a meraviglia raccolte ne’ primi già mentuati maggiori e più eccellenti soggetti, e negli altri diversamente mancanti; e perciò devano con ogni ragione prevalere l’opere di questi più perfetti ad ogni altro maestro.

Ma avendo fin ad ora discorso e veduto assai chiaramente coll’occhio del ragionevole i più egregi e sublimi maestri della moderna pittura, resta per coronide d’adequato conoscimento il distinguere non solo fra queste le più compite, e laudabili operazioni, ma anco il proprio e differente operato d’ogni altro professore, conoscendosi talora con la manifesta esperienza che l’uomo, ancorché saggio all’ultimo segno, per ritrovarsi alle volte co’ spiriti confusi e discomposti in riguardo degli umani accidenti, non opera per ciò continuamente allo stesso termine di sufficienza, ma bensì in ordine alla particolar disposizione del proprio stato, e così ne accade che l’opere [p. 104] ancora, come effetti derivanti da cause più e meno temperate ed unite, vengono poscia a dimostrarsi non poco differenti, mediante la transmessa operazione, e però sarà ufficio del prudente accorgimento l’usare in occorrenza adequata ponderazione per non essere in fatti sempre bastevole il sol nome di famosissimo autore a rendere l’opera d’infallibile perfezione, la quale anco tal volta adulterata, e finta, mediante la viziata diligenza, ed affettazione dell’arte può rappresentarsi all’aspetto del riguardante imperfettamente illuminata, et in un tal modo essendo creduto per originale, viene ad arrecare, oltre il danno allo studioso, non ordinaria offesa della propria riputazione, e di ciò non mancano continuati e manifesti gli esempi, essendo ancora fallace alle volte il credere che i pittori di minor grido debbano mai sempre far conoscere corrispondente ed eguale la propria operazione, venendo talora co’ chiari effetti la stessa esperienza a dimostrare altrimenti.

Il che si può vedere in Forlì nella Chiesa di S. Mercuriale, posta nella publica Piazza, nella capella degli Orsi, dove nel passare avrà occasione di vedere il curioso della virtù una tavola di Girolamo da Cotignola, nella quale scoprirà dalla parte di sopra la Beata Vergine sedente col Cristo bambino leggiadramente stante, figure poco meno di naturale, rappresentate a proporzione alquanto sopra l’ordinaria veduta con tanto di sufficienza, grazia e delicatezza, che per opera del maestro Rafaello non saria (come rassomigliante) disdicevole. E dilungandosi ancora, spinto da virtuosa curiosità fino alla Chiesa chiamata communemente la Madonna della Grata, posta sopra le mura della detta città, ritroverà nel volto della capella maggiore, oltre gli altri dipinti a fresco, il rappresentato d’un Dio Padre sopra le nubi, attorniato da copia di putti, che in vari belli modi mostrano servirlo, figure al naturale espresse adequatissimamente alla propria vista del di sotto in su, dipinte da Francesco Minzochi da Forlì con tanto di sapere, e con tal naturalezza, forza e spirito, che di tal vista non credo si dovrà pentire il gustoso della professione [p. 105] d’aver speso qualche passo per sodisfare alla virtuosa curiosità, e da questa operazione molto simile a quella di Giovanni Antonio Licinio da Pordenone suo maestro verrà in cognizione se in altri dipinti sia stato seguace ed inferiore, in questo straordinario però ritrovarsi eguale ed anco supremo.

E per riconoscere opere tali non essere in effetto, che per accidente, come per isforzo di natura, si viene immediatamente ad iscoprire mediante l’osservazione dell’altre figure, che sono non meno nella citata tavola ad olio che nell’altre del fresco, che s’osservano nella medesima cappella dalle parti ad esso Dio Padre, le quali appariscono assai inferiori, come dipinti proporzionati alla solita sufficienza di simili maestri, e sicome soggetti di tal sorte hanno tal volta dipinto opere particolari di eccedente perfezione, così i primi maestri e maggiormente compiti, alcuni per vari accidenti e altri nel principio delle loro operazioni hanno tal volta palesato dipinti ad essi impropri ed imperfetti, et in riguardo della solita straordinaria eccellenza indegni di così pregiati autori; e ciò per appunto accaderebbe a chi si sia, che volesse dedurre la solita straordinaria sufficienza di Francesco Manzuoli detto il Parmegianino dalle sole operazioni che il medesimo già dipinte nella Chiesa della Steccata di Parma fuori d’ogni sorte d’inclinazione, ed anco violentato, conforme al commun sentimento degli scrittori120; e similmente dalli dipinti del dottissimo Rafaello, che appaiono come del tutto uniformi al di lui maestro da Perugia, quali sono quelli della tavola de’ Baglioni nella Chiesa di San Francesco di detta città, che in tal occasione ritrovando un’Assunta della Beata Vergine co’ gli Apostoli, sicome in altre di Città di Castello, le quali s’osservano di prima e più debil maniera, non potria il curioso della pittura che indarno dedurre da simili operazioni l’estrema sufficienza di tanto maestro; e così del pari a proporzione rimarrebbe ingannato dalla sol vista de’ primi e [p. 106] più languidi operati del grande da Correggio, che si vengano a vedere fra gli altri nel cumolo stupendo e singolare del Serenissimo Duca di Modana, perché da questi tali dipinti non può in effetto chi desidera il bello e buono di pittura, che restare confuso e mal sodisfatto. Ma però compiacendosi considerare più distintamente il tutto, verrà poscia a comprendere non essere, infine, che tale l’ordinario corso di ben regolata natura; avvengaché anco l’origine per lo più delle cose maggiori si dimostra tenue ed imperfetta, e però non darà punto di maraviglia se parimente rapiti i frutti degli alberi più degni intempestivi, si ritrovano poi imperfetti ed acerbi.

DAL BUONO INTELLIGENTE ESSERE RICONOSCIUTE LE QUALITÀ NECESSARIE ALLA DEGNA PITTURA, ED INSIEME L’INGANNO DE’ VOLGARI. RICERCANDOSI LA CAGIONE, PERCHÉ I MIGLIORI ODIERNI VENGANO A MUTARE IN PIÙ CHIARA LA PROPRIA MANIERA, E SI DISCORRE PER RICONOSCERE LA MIGLIORE


CAP. XVII


[p. 107] Ora reso già a sufficienza stabilito il giudicio di sodo osservatore nel vero conoscimento del buono spettante a questa dignissima professione121, verrà anco susseguentemente a riconoscere in fatti non essere in ogni tempo la tanto desiderata bellezza che riflesso di supremo lume, e come raggio d’espressa divinità, la quale n’appare composta con buona simetria di parti, e concertata con la soavità de’ colori, lasciata in terra per reliquia e caparra della celeste ed immortale; e per conseguenza conoscerà derivare come qualità speciale risultante da questo proporzionato concerto, in guisa di forma e particolare idea, ed effetto di qualificata causa l’unione della mai sempre riverita grazia, la quale derivando dalla perfezione e degna corrispondenza di tutte le parti si manifesta una tale straordinaria venustà per sé stessa sufficiente a rapir gli animi ad amore, et a generare occultamente obligo e benevolenza122, e questa venendo sollevata sopra le basi diverse di bene stabilite misure e convenevoli adequatezze, si palesa anco diversamente effigiata, come nella rappresentazione di maestose e tremende deità, che all’occorrenze vengono dimostrate con le proprie convenienze più e meno gravi, severe, benigne e nelle vili ed umili a proporzione. Così ritrovando il particolare al tutto sodamente corrispondente nel proprio dell’azioni dovute al rappresentato, verrà tosto ad iscoprire il molto dagl’intelligenti stimato decoro123; [p. 108] le quali parti tutte sommamente riguardevoli e del pari necessarie saranno benissimo riconosciute dal buon virtuoso124 per degno compimento di laudabile dipinto, e rincontrate espresse in eccellenza nelle opere più perfette de’ primi e veri maggiori maestri, che del continuo vivono alla vista del buono intelligente per vera regola dell’arte. Laonde si può sufficientemente conoscere, quanto si ritrovino lontani alcuni professori de’ nostri tempi alla necessaria compitezza di buona pittura, ancorché da vari di poca cognizione venga pensato altrimenti, e sia ancora tal volta contrario il senso di quelle persone, che per ritrovarsi raccolta di pittori odierni ad essi per ogni parte cari, e perché non vogliono, o non sanno riconoscere sopra la vaga chiarezza de’ colori, non cessano di palesare simili dipinti per li più belli e migliori che si possono osservare e fra questi ritrovasi soggetto per altro di non ordinaria venerazione, e debita riverenza, il quale non manca in occasione di magnificare in estremo opere, che si ritrova in copia di maestro veramente fra i viventi odierni, come qualificato e sufficiente, anco laudabile, ed in conformità d’appassionato senso non cessa predicare, che un tale artefice ha fatto conoscere ne’ suoi dipinti, non meno in riguardo di più esatta istoria, che d’ogni altra particolar sufficienza, la maggior perfezione di quello, che abbia mai dimostrato nell’opere sue il dottissimo Rafaello, e stima che una tal pensata, come sicura verità, sia per essere riconosciuta in breve per infallibile dai migliori intelligenti di questa professione.

Ma lasciamo da parte simili soggetti, i quali si dimostrano assai più autorevoli co’ beni di fortuna, che mediante la sufficienza delle ragioni e l’evidenza del fatto, come quelli che, per non penetrare il recondito della pittura, non possono, nemmeno ancorché vogliano, cavare la sostanza di quelle perfezioni che in occasione riconoscono i veri intelligenti nelle compitissime operazioni del supremo Rafaello, e nelle altre parti debitamente principali del già formato Microcosmo della Pittura, in quale dovendo comparire nel cospetto del mondo, se non di fatto reale, almeno di forma al vero [p. 109] proporzionato, non dovranno concorrere quelle parti, che sono insufficienti e non poco lontane dall’apparenza del vero, e così ritroveremo non solo ostare sentimenti di tal sorte al ragionevole, ma anco alla commune de’ più purgati intelligenti della professione, i quali in tal caso sentono concordemente, che buona parte degli artefici odierni, ancorché si dimostrino alquanto manierosi, ed anco dotati di buone qualità, si ritrovino però nell’essenzial fondamento, e vera naturalezza di longa mano inferiori a primi moderni e più perfetti maestri, né tampoco del tutto eguali a primi loro seguaci e più sodi antecessori, e di ciò ne potrà all’occasione pigliar il saggio la studiosa diligenza del virtuoso dal paragone che si dimostra in diversi studi delle principali città dell’Italia, dove n’appare fra l’opere di molti la chiara differenza, e però direi con pace di così fatti umori non generarsi altronde opinioni cotanto erronee, che dalla violenza del di loro affetto, il che offuscando il conoscimento deprava anco ad un tempo l’immaginazione in modo tale che simili soggetti, come per se stessi ordinariamente poco intelligenti e malamente impressi, vengono poscia molto più col senso, che mediante la ragione a palesare gl’imperfetti e guasti lor gusti, nemmeno mi posso dar a credere che professori di tal sorte facilmente assai più proveduti di fortuna, che di sufficienza vengano pe’l troppo affetto di loro stessi ad ingannarsi in credere di soprastare a quel valore che al di certo come lontani possono bene ammirare, et in qualche parte imitare, ma non già emulare col pensiero d’uguagliarsi.

E quando pure questi tali bramassero, che simili soggetti ancor essi convenissero per la formazione del Microcosmo di Pittura, saria forsi ragionevole il determinare che gli eccellentissimi Carracci furono stimati laudabili riformatori, avendo procurato ai loro giorni, quando veniva esercitata la professione con maniere declinanti dalla bella e buona naturalezza, di participare mediante uno studio industrioso gli effetti dell’opere più eccellenti de’ migliori maestri, corrispondenti alle principali parti d’un tanto Microcosmo, et in un tal modo poterono comporre [p. 110] particolar maniera in eccellenza temperata125, bella e naturale, che fu poscia sicura norma de’ futuri professori, ond’eglino con altri principali della loro scuola si può dire che abbiano servito, come temperata cute e membrana universale per ricoprire, e terminare, il già ben formato Microcosmo della Pittura, e nella guisa che dalla stessa cute ne deriva la successiva cuticola126, parte più ignobile e meno necessaria dell’umano composto, similmente nel nostro gran corpo di pittura possono servire per cuticola altri buoni soggetti, ma però meno principali di detta scuola, i quali tutti unitamente concorrono in ordine all’esterno compimento di un tal composto, e così non restando in oltre che aggiungere in riguardo delle parti integranti, e necessarie se non quelle, le quali solo ora appariscono per accidente, che sono alle volte nelle parti estreme le escrescenze collose e dure, ed altre escrementizie dell’ultima cuticola, come diversi fuchi e somiglianti superflui abbigliamenti, le prime prodotte dall’eccedenti fatiche, e gli altri somministrati alla superficie da persone viziose p’apportare sciocca bellezza a quel nobil composto, che fu già perfettamente compito nel suo essere dalla Madre Natura. Or mentre dobbiamo considerare costoro nel Microcosmo della Pittura ritroveremo gli uni, che si resero per la soverchia diligenza duri e superflui corrispondenti alla parti collose, e gli altri del pari per l’estrema ed impropria chiarezza de’ colori, come fuchi, ed altri accidentali sbellettamenti superflui ed impropri, che solo vengono a deturpare indebitamente l’umana figura. E perché non sono in fatti, che gli stessi Carracci quelli, che vennero co’ soggetti principali della loro scuola a rendersi valevoli e sufficienti con la singolare lor virtù per aggiungere con la cute, e susseguente cuticola il debito complimento, e però dandosi a questi meritamente la gloria si verrà a tralasciare altre soverchie escrescenze come superflui mai sempre viziose ed abominevoli.

Onde potrà scoprire il giudicio versato nella pittura quanto s’abbagli alla giornata copia de’ volgari nel vedere alterati dipinti, i quali rappresentano indifferentemente [p. 111] fucate bellezze, che resi sodisfatti del primo cognito, né valendo per inoltrarsi col giudicio alla debita intelligenza dell’opera, stimano solo per ultimo termine di buona pittura una mera rappresentazione di più chiare tinte, che palesano ordinariamente lascive vaghezze, prive della necessaria proporzione e prospettiva, dipinte bene spesso a fine di palesare un’idea casualmente fabbricata, et un’effigie, se bene ad un tal vero in qualche parte rassomigliante, priva nondimeno del sufficiente fondamento, riesce poi, anco da quello che pretendono esprimere, non poco lontana. E per il campo loro apportano tantosto l’esempio del famoso Guido Reni, il quale, come questi asseriscono, fu ricolmato de’ più eccelsi pregi, e mediante la sua straordinaria vaghezza tirò a sé a guisa d’incanto gli occhi de’ maggiori regnanti, ed ogni altri più curioso di questa virtù, e nel rischiarare la particolare operazione rese anco ad un tempo il suo nome più chiaro, ed immortale, quindi deducono che non si debbano se non laudare coloro, che s’affaticano nella strada di così commendata operazione.

Ma io professando aderire molto più al sodo de’ buoni intelligenti, che all’apparenza de’ volgari, dirò in tal caso che il più e meno del bianco e nero non si considera nella pittura che per accidente, e solo in ordine al debito compimento esterno del corpo naturale, e però si potrà credere essere veramente laudabile quella tal maniera che apparirà sopra i buoni fondamenti dell’arte co’ la puntuale imitazione della natura, et in questo modo rappresentata, ottenendo il fine del proprio intento, lo stesso artefice non dovrà poscia turbarsi nell’animo, quantunque dimostri il gusto di chi manca di cognizione ricercare maggior vaghezza et altre qualità dal vero lontane. E quando le pitture della prima maniera dello stesso Guido Reni dimostrano in fatti maggior sufficienza e naturalezza, se bene a geni plebei di minore stima, non so perché queste non debbano, come tali, essere sopra delle altre anco dell’artefice lodate ed imitate.

Non istudiano che invano, i principianti della pittura di seguire quella maniera che solo riesce alla vista facile [p. 112] et a quel maestro, il quale, oltre lo straordinario talento, si può dire che l’abbia espressa a forza di studio incessabile e con la continuata pratica dell’operare, e benché non sia che tale la mia credenza, non è però mio il fondamento di questo pensiero, ma bensì raccolto nella scuola e discorso avuto col suddetto Guido, allora che s’agitava in quel luogo la causa della difficile riuscita de’ professori, soggiunsero alcuni signori, che si ritrovavano casualmente nella circonferenza, col dire non essere, in effetto, che straordinario dono di Dio il giungere al di lui termine nell’operare, e di ciò era evidente prova l’osservarsi molti all’incominciare il cammino, ma pochi, per non dir nissuno, giungere alla desiata meta; al che, reso come impaziente, il maestro sentì rispondere che molti desideravano al sicuro la sufficienza anco maggiore di Guido, ma però non aveva conosciuto fra copia non ordinaria de’ suoi scolari uno che, mediante il molto di fatica e lunghezza dello studio, avesse seguito le sue pedate, stimando con la buona inclinazione, anco sicura la riuscita migliore, apportava per chiaro argomento di ciò alcuni disegni de’ suoi scolari, che dimostrò essere fatti in età debile, e con poco studio, dove appariva quello che lo stesso maestro Guido non aveva di gran lunga espresso ne’ suoi, che dava a vedere essere stati fatti in età assai maggiore, e con più anni di applicazione, e pure (come esso diceva) quello che meglio operava, non riuscì per l’impazienza, ed egli con tutto che fosse di minor talento per aver proseguito con incessabile studio ed operazione era in qualche parte giunto al sospirato fine; e così verremo a conoscere che molti per l’ordinario desiderano la sufficienza nella pittura, ma pochi vogliono continuare nella strada della pazienza.

Non ho dubbio, che l’anima di questa virtù non venga assai meglio ad infondersi in quel composto, il quale tiene la sufficiente disposizione, come il suggello che più facilmente s’imprime nella cera ed in simile molle materia, che nel macigno, ed in altra più repugnante durezza.

Si crede, però, che anche tal volta colla lunghezza del tempo il ferro meno acuto mediante il continuo dell’azione [p. 113] viene finalmente a penetrare quel duro, che talora il più puntuto già rintuzzato lasciò imperfetta la principiata operazione. Non occorre ricercare il miracolo, dove adequano le ragioni di natura: dicasi pure che giungesse il detto Guido Reni al tempio dell’onore127, ma prima però stanziasse a sufficienza nell’antecedente della fatica, ordine stimato come necessario dagli antichi romani per giungere al porto della desiata immortalità128; assioma infallibile di quel vero che non può mentire, che non debbano ottenere la corona della gloria se non quelli che sodamente faticando continuamente vengono a meritarla: e la facilità, grazia, vaghezza ed altri simili talenti qualificati di questo degno maestro, come effetti derivanti dalla longhezza dello studio e pratticata operazione, mediante l’aiuto del di lui particolar genio, non potranno imitare certi soggetti, i quali nuovi nella professione riescono anche privi de’ convenevoli fondamenti e debita prattica; e se allettati verranno all’imitazione di simil bellezza, riusciranno, in fatti, a guisa di quelli che danno inconsideratamente il bianco alla fabbrica non istabilita.

E per ispiegare più al proprio determinata maniera assai meglio alla vista, che in ordine all’imitazione, non saprei dopo longo pensare, che finalmente rapportarmi a quello, che già disse a questo proposito un cavaliere per nascita e virtù degno al pari d’ogni altro, che nella pittura, oltre a molti suoi straordinari talenti, diede più volte col discorso ed operazione saggio di molta lode, vuo’ dire Don Ascanio dalla Cornia, che per ritrovarmi allo studio di Perugia sua patria ebbi fortuna di sentirlo discorrere in occasione di un quadro, che in quel tempo era stato mandato dal sudetto Guido Reni al conte Angelo degli Oddi, il quale era della seconda manieria, dove egli per riconoscerlo veramente in grazia, vaghezza e gran facilità non poco laudabile, se bene in molte parti lontano dalla naturale imitazione, concluse, dopo averlo in lungo considerato, essere l’opera per se stessa bella, ma favolosa, per appunto in guisa dell’opere degli odierni scrittori, i quali per l’ordinario co’ romanzi loro apportano alla considerazione [p. 114] un simile d’istoria, o favola che vogliamo dire così puntuale e ben adornata, che il modo della particolare espressione allettando in estremo, fa che goda parimente l’osservatore, benché per lo più dal vero lontano.

Ma queste, come libidini d’ingegni straordinari, non dovrà seguire chi è per se stesso debile, e non intende che fabbricare sopra il sodo della realtà, essendo a tutti noto che l’istoria prevale per ogni parte di merito a favolosi ritrovati, ed esser maggiormente degni gli effetti che dimostrano il fisico che il chimerico e fantastico, con tutto che si ritrovi con raro artificio composto.

D’onde poi nasca che lo studioso artefice, il quale non intende se non operare mai sempre in ordine all’avantaggiata perfezione, venga infine per lo più ad esprimere con la successiva eccedente chiarezza anco più debili i suoi dipinti fuori del proprio intento, dirà che, dopo aver più volte considerato, ritrovo finalmente che vari possono essere gli accidenti che vengono a causare una così fatta mutazione nell’operare, e la prima causa, ed anco più commune, la quale raccolti sino da primi anni che io mi ritrovai in Bologna in occasione di simil discorso, era l’avere osservato lo stesso Guido Reni l’opere de’ primi professori, ed in particolare quelle degli studiosissimi Carracci, ancorché fossero poco avanti dipinte, ritrovarsi non poco oscurate, e guaste, e però avea intanto pensato di supplire a simili accidenti coll’estremo del chiaro alla successiva mancanza, a fine che il tempo co’ la maggior durata riducesse l’opera alla convenevole mediocrità.

Ma lasciamo una tal ragione per insufficiente, perché deve chi opera dopo la debita preparazione sodisfare con ogni potere in ordine alla presente prima veduta, e poi tralasciare alla prima causa del tutto gl’incerti effetti del futuro. E discendendo a ragioni più universali, ed adeguate, osservandosi simili mutazioni non solamente nell’opere della seconda maniera del medesimo Guido Reni, di Pietro Paolo Rubens, ma anco alla giornata in quelle di Giovanni Francesco Barbieri, di Francesco Albani, e similmente negli ultimi operati di Pietro da Cortona, i quali tutti essendo a’ [p. 115] nostri giorni i più sufficienti e famosi maestri, hanno poscia nel tempo del maggior grido inclinato il proprio modo di operare alla maggior chiarezza; pare che sia anco più valevole ragione quella che già in tal proposito mi significò il medesimo pittore da Cento, venendomi a dimostrare ciò succedere per ritrovarsi di tal forma il gusto della maggior parte, e di quelli in particolare che vengono a richiedere l’opere loro, e l’aver egli sentito più volte dolersi coloro che possiedono i dipinti della propria sua prima maniera, per ascondere (come essi dicono) gli occhi, bocca ed altre membra nella soverchia oscurità, e per ciò non avere stimato compite alcune parti, coll’asserire bene spesso non conoscere la faccia, e tal volta anco l’azioni particolari delle figure, e così per sodisfare a tutto potere alla maggior parte, massime quelli che col danaro richiedevano l’opera, aveva con modo più chiaro manifestato il dipinto.

Ma io quantunque mi dia a credere che una tal causa sia in parte sufficiente, ardirei però dire non essere la più sicura, che la maggiormente commune dell’età; perché sicome una volta essendo mostrato un dissegno a Francesco Albani, maestro soprastante all’Accademia di Bologna, da soggetto che per mancanza di sufficiente vista pareva col troppo chiaro aver sodisfatto ad ogni altra parte, li disse al primo incontro, con la sua solita prudente arguzia, per dar ad intendere la bianchezza superflua che era nevato fuor di stagione; così potrassi ancora verisimilmente credere che l’inverno dell’età sia la principale e più potente causa di simil neve, per esser il proprio anco della prima vecchiezza il debilitare parimente in parte col corpo gli stessi spiriti sendo che per l’ordinario i medesimi buoni maestri, che si ritrovano nella loro verde età, sono assuefatti allo studio delle più rare bellezze d’oggetti artificiati, e al ricercamento de’ migliori naturali, come quelli che si ritrovano col robusto del corpo, ancora gli spiriti più puri e velocissimi, e le specie maggiormente pronte nella mente, mediante le quali vengono poscia al buon ricercamento de’ corpi naturali ed a palesare con più adeguata puntualità [p. 116] in ordine alle proprie operazioni non solo l’estremo del chiaro ed oscuro, ma anco framezzate ad un tempo diversità di meze tinte in varie forme, le quali distinguono con differenti riflessi le parti fra di loro, e rappresentano all’occhio un’esattissima imitazione del vero.

Dove venendo poscia successivamente a debilitarsi l’umano composto, non riesce che insufficiente per le straordinarie fatiche dello studio, e le specie del passato insieme col tempo si sfumano nella memoria, in modo che restano per l’ordinario con la vista mancanti; e sicome riescono più tardi e debili i sentimenti e gli spiriti, così del pari già diminuite le cause, non possono per conseguenza gli effetti della successiva operazione non dimostrarsi languidi e viziati. Oltre ciò si potrà anco dire che soggetti di tal sorte hanno già acquistato mediante il passato loro studio lodabile la proporzione, e coll’età grave la più sicura prattica, nella quale vengono poi sempre maggiormente a prevalere, altrettanto quanto a mancare nella diligenza de’ necessari ricercamenti. Quindi è che in un tal tempo non si obbligano per lo più nel loro solito studio, che all’osservazione de’ primi chiari e maggiori oscuri, i quali dopo procurano concordare col mezo di sentimenti debilitati, e con la prattica di bene riunito colore, e perciò vengono a dimostrare a forza di soverchia chiarezza il vero di lontano e adulterato, celando bene spesso la maestria del colorire quello che i buoni studiosi potriano facilmente desiderare di vantaggio.

Vagliano però anco tal volta queste seconde operazioni di simili maestri per dimostrare sopra le solite buone proporzioni l’eccesso di più qualificate prerogative, nelle quali pare che vengano osservati assai riguardevoli, sicome Guido Reni, oltre la conservata simetria, si stima ancora venisse a palesare in opere di tal sorte la maggior prattica e facilità d’operare insieme con la più vaga e bella idea; e Giovanni Francesco Barbieri uniformandosi ad un somigliante gusto, vogliono i buoni intelligenti che nella mutazione abbia facilmente perfezionato la simetria con più decoro e grazia, come il maggiore studio e naturalezza dei panni.

[p. 117] E se per avventura nelle pitture di questi e d’altri, ancorché di gran fama ed eccellenza, incontrassi di quelle che in effetto facciano assai più pompa con la chiara vaghezza de’ colori, che col mezo di conveniente studio e debita naturalezza, a guisa di scogli nocivi dovrà in ogni tempo fuggire non solo chi opera, ma quello ancora, che viene ad applicare coll’osservazione della pittura solamente per sodisfare al genio connaturale.

Né pensi già il versato della professione, che io sia per dannare la bella e vaga chiarezza della pittura, sapendo benissimo che i più perfetti hanno diversamente operato conforme all’occorrenze, che si sono rappresentate, come s’osservano talora vari i gusti e gli oggetti di natura, e fra gli altri l’eccellentissimo Tiziano, e dopo il seguace Paolo da Verona hanno dato a conoscere talora nelle figure, e altri rappresentati in chiaro con tanto d’artificio, prattica ed intelligenza di lumi diversi, meze tinte delicatissime e vari riflessi in ordine alla più bella e vera naturalezza, ed anco qualche volta senza l’apparenza dell’opposto oscuro, massime il medesimo Tiziano, sopra d’ogni altro in opere di maraviglia, dovrà però avertire lo studioso, che tali uniformità di natura non si ritrovano in fatti, che fabbricate coll’artificio di detta mischianza de’ colori, e non altrimenti di pura bianchezza, come procurano dimostrare diversi artefici alla giornata di gusto depravato, operando assai più in ordine al compiacimento del volgo, che per sodisfare al debito di buon pittore. Ma questi tali, che molto più col nome, che mediante la debita operazione si dimostrano professori, come quelli, che non possedono così degno artificio, quando non vogliano prestar credito alla debolezza del mio dire, potranno leggere il sottilissimo Girolamo Cardani129, dove tratta dell’ordine, che il pittore deve tenere per ben disporre i colori, e sentiranno «convenire all’opera la necessaria varietà de’ contrari per ornamento, e decoro della professione, e finalmente, che si debba guardare il pittore, come dal veleno dall’uso dell’estremo bianco», apportando ad un tempo la ragione col dire, «perché leva col troppo di chiarezza la bella gravità dell’opera, e insieme non meno oscura i colori, che offenda [p. 118] il contrario dell’ombre», e quando anche ciò non sia bastante, leggano in oltre il dottissimo Leon Battista Alberti130, il quale nel riconoscere al suo tempo forse simile abuso, in trattando della pittura, ebbe a dire in tal proposito, «che sono degni di molto biasimo quei pittori, che si servono del bianco intemperatamente, e del nero senza veruna diligenza, che però desiderava, che fosse il color bianco assai più caro al pittore delle preziosissime gemme»; sentimento che pure si raccoglie fosse continuamente predicato a loro giorni dagli stessi Carracci, e come tale l’autenticarono mediante i rari effetti delle loro operazioni, imperoché eglino, già addottrinati nella seconda e terza scuola, e col grande del proprio conoscimento avendo diligentemente scrutinato gli effetti della natura, conobbero non essere che per ogni parte viziosa l’estrema bianchezza, e perciò da questi straordinari maestri fu saggiamente con detti e fatti abbominata, come quelli, che conoscevano in effetto, non essere i chiari nelle parti maggiormente illuminate, che gli stessi colori più e meno dalla luce chiarificati, e in ordine al primo, secondo e terzo lume, che suole diversamente ferire il corpo naturale a proporzione mai sempre della dispostezza del medesimo composto che viene a riceverlo. Il che si può maggiormente riconoscere nelle figure degl’ignudi, i quali per essere composti di carne non possono dimostrare altra bianchezza, che lo stesso misto della carne diversamente chiarificato conforme la diversità de’ colori, e del più e meno della luce, che giunge a rischiarirgli; così ne’ panni ed altri corpi colorati ritrovasi la varia chiarezza, come di giallo, rosso, verde od altro composto; e ciò similmente s’osserva ne’ riflessi, i quali per l’ordinario rendono diversa sorte di colori, in quella guisa che in vari modi illuminati vengono a ricevere il lume, e il tutto per l’ordinario colla mistione particolare di temperati colori. Restando solo la rappresentazione delle cose puramente bianche, come di neve, latte, gigli e panni candidi, che in tal congiuntura non ricercandosi che la maggior bianchezza, pare anco che ne’ lumi, massime principali debba per necessità servire il puro bianco, cosa che di rado suole accadere a’ buoni [p. 119] professori, perché come saggi vengono con prudenza a sfuggire simili occasioni, già consapevoli del gran nocumento che suole apportare al concerto dell’opera colore in tal maniera disgregante. Quindi è che i mentoati Carracci instassero assai più nello studio delle figure, che nell’apparenza del colore, e per ciò hanno facilmente dimostrato opera dotta di gran naturalezza, e mai sempre degna di lode e d’imitazione, quantunque si dimostrino ne’ loro dipinti di poca durata per disgrazia universale de’ virtuosi, massime de’ seguaci della professione, dove potrà cavare lo studioso della virtù, che se bene vengano talora sublimati da sciocchezza volgare cotali operanti con impropria fortuna, come sopra machine d’apparenza, non ottengono però nella lor gloria che labile il fondamento, e in guisa di corpi aerei, tosto che sono agitati dal discorso di prudenti osservatori, restano in preda alla distruzione.

E quando in oltre perseverasse l’impuro giudicio coll’asserire che, essendo questi tali al presente laudabili e fortunati, debbano anco al pari d’ogni altro esser debitamente stimati: direi infine che a simili spettatori dall’ignoranza, confusi ed abbagliati dalla chiarezza superflua de’ puri colori dovessero essere tralasciati dall’erudito senza veruna osservazione, perché ritrovandosi ciechi insieme co la fortuna de’ loro parziali artefici, come tali ed affatto privi d’intelligenza, non possono né tampoco devono distinguere l’artificio de’ colori. Imperoché soggetti di tal sorte, che mostrano per l’ordinario di non sodisfarsi del commune giudicio, lasciaremo che vengano a ricercare il più sicuro del tempo, che infine scopre gli occulti diffetti del tutto per essere padre della verità, e giudice senza passione, che suol dare della vita e morte dell’opere giusta sentenza131.

CO’ GLI ESEMPI ANTICHI E MODERNI SI DIMOSTRA ESSERE RIUSCITI VERAMENTE ECCELLENTI E FAMOSI QUEI MAESTRI CHE, INNAMORATI DELLA PROFESSIONE, NON HANNO TRALASCIATO INDUSTRIA, NÉ FATICA, NÉ ALTRO MEZO PER ACQUISTARE LA DESIDERATA VIRTÙ


CAP. XVIII

[p. 120]Vien creduto a’ nostri giorni, secondo l’opinione di molti, essere ridotto il mondo a termine che, dimostrandosi del continuo sempre più depravato, non resti al presente che a desiderare la felicità de’ tempi passati, e ciò ci è rappresentato coll’apparenza del vero a segno che il volgo senza maggiormente inoltrarsi co’ la considerazione stima in tal proposito per indubitato quello che già cantò il poeta quando disse

Or conosco ben io, che il mondo instabile Tanto peggiora più, quanto più invetera132.

Ma in fatti, ponderandosi il tutto più sensatamente, si viene a determinare col prudentissimo Castiglione non accadere già una cotanta differenza tra l’uno e l’altro secolo133; avengaché per esser stato in ogni tempo un epilogo di bene e di male, con ogni sorte d’enti, e questi fra di loro contrari, ne segue facilmente che quelli i quali dimostrano in secolo particolare copia e qualità di tristi, ignoranti ed imperfetti, non hanno osservato del pari in un tal tempo i buoni e virtuosi soggetti suoi contrari, e se talora sono fra di loro confusi, e gli uni invece degli altri riescono coll’arte di simulata rappresentazione, si dovrà però avertire, che un tal moto come violento, e fuori dell’ordine di bene regolata natura, non può ottenere che breve durata, e solo appresso volgari, sapendo benissimo quelli di buon conoscimento, che le fallacie e simili simulate operazioni non possono riuscire all’indefesso corso dell’eternità, [ p. 121] ma solo resistere l’opere di quelli artefici, che da dovero innamorati negli esercizi E per prova di ciò, mi sia data licenza di palesare maggiormente questo virtuoso ardore con un lume della mia patria, ancorché molto oscurato dalle tenebre dell’antichità; e questo siasi il sopracitato Melozzo da Forlì. Egli, quantunque per retaggio de’ suoi maggiori assai commodo de’ beni di fortuna, bramoso nondimeno di fare buono acquisto nella pregiatissima virtù della pittura, allettato dalla fama de’ maggiori maestri de’ suoi tempi, si studiò diportarsi in paesi remoti, dove per sortire occasione di studiare e pratticare con esso loro al meglio possibile, venne a posporre ogni altro rispetto all’ardente brama di questa virtù, ed in occasione non ritrovando miglior opportunità per sodisfare al proprio gusto, non aborrì l’aggiustarsi nel posto di fameglio in casa de’ primi professori con la carica fra gli altri bassi servizi di macinar colori. Quivi stancando egualmente le braccia su la macina, come gli occhi sopra l’opere diverse de’ maestri, con sommo contento se n’approfittò, in guisa che egli sorse dal pistello al pennello, e medianti fatiche fatte dalla pazienza di genio innamorato della virtù, s’avanzò ad operare in modo che, tra l’altre occasioni che se li rappresentarono, ne diede sufficiente contrasegno nella città diRoma nell’occorrenza del dipingereil volto dell’altare maggiore de’ Santi Apostoli134, dove si viene a vedere le buone proporzioni e il ben posseduto fondamento di prospettiva et architettura, essendo stimata continuamente da buoni intelligenti per opera di bonissimo pennello: ancorché il Vasari, per la somiglianza de’ nomi ne’ suoi primi libri, che stampò delle vite de’ pittori, voglia che il Melozzo sia inteso e riconosciuto il Benozzo, allettato altrettanto dall’amore delle proprie parti, quanto questo singolare amatore della virtù fu inimico del suo nome, e p